Tovagliette gioco per l’estate

Qualche settimana fa ho condiviso con voi le mie tovagliette gioco super colorate per intrattenere i bambini in maniera divertente. Ho ricevuto subito delle richieste per tovagliette che contenessero giochi  per bimbi un pochettino piu’ grandi.

Ne ho realizzate allora alcune con sudoku, giochi di attenzione, cruciverba, disegni da colorare e molto altro.

Per realizzare questo gioco non serve davvero nulla: basta stampare le schede che trovate sotto e armarvi di matite e pastelli!

TOVAGLIETTE GIOCO PER L’ESTATE

Ho preparato anche le soluzioni, cosi’ da poterle proporre direttamente ai bambini una volta completate le schede. Eccole:

soluzioni tovagliette estate

Per chi volesse divertirsi ecco inoltre tutte le tovagliette che ho creato:

SCOPRI ANCHE…

Post di Paola Misesti

Continue Reading

NIENTE PANICO: il gioco da tavolo per parlare di pidocchi

niente panico gioco

Vi avevo già parlato della maestra dei pidocchi di PF. Dal racconto che mi aveva fatto, avevo capito che aveva parlato dei pidocchi ed informato i bambini in modo giocoso. Le informazioni, che PF aveva ricevuto in quell’occasione, gli erano rimaste nella memoria a lungo.

Ho cosi’ pensato di creare un gioco per rispolverare ogni tanto quanto aveva imparato e di affrontare con un pizzico di allegria i nostri trattamenti con Hedrin

Il gioco che ho realizzato e davvero semplice e si rifà ad un vecchio gioco dell’oca con cui io e PF  ci siamo divertiti parecchio. In questo caso sono i pidocchi a farla da padroni!

Il gioco è formato da:

  • un tabellone
  • un dado
  • delle pedine

Il tabellone è composto da un percorso di 35 caselle, alcune bianche, alcune con l’immagine di simpatici pidocchi, alcune con delle bollicine e l’arrivo è rappresentato da una casa.

Le pedine sono immagini di bambini.

Il dado è un po’ particolare: vi sono 4 numeri, l’immagine del simpatico pidocchio e il disegno di un bimbo piangente con il pidocchio sui capelli.

LE REGOLE:

Le regole sono molto semplici e questo rende il gioco adatto anche ai più piccoli.

pidocchi niente panico il gioco

Lo scopo del gioco è arrivare al traguardo (alla casa) prima degli avversari. Ci si muove lungo il percorso in questo modo:

I giocatori tirano a turno i dado…

Se escono i numeri ci si muove di tante caselle quanto il numero uscito

Se esce il pidocchio il concorrente dovrà andare sulla casella in cui si trova il primo pidocchio successivo a dove si trova. Se la casella è occupata non ci sono problemi e può comunque occuparla. Se non ci sono “pidocchi” davanti a lui, deve rimanere fermo dove si trova.

Quando si finisce sulle caselle PIDOCCHIO, ci si deve grattare la testa e si sta fermi un turno!

Se esce l’immagine del bimbo che piange  il giocatore dovrà andare sulla prima casella disponibile con l’immagine delle bollicine e ritirare il dado. Se non ci sono caselle “bollicine” davanti a lui, deve rimanere fermo.

Quando si finisce sulle caselle BOLLICINE si puo’ ritirare il dado.

QUI TROVATE IL KIT DA STAMPARE  che comprende il tabellone, il dado e le pedine!

 

Questo un gioco non è solo divertente, ma anche stimolante e educativo: si impara a riconoscere i numeri, a contare sul tabellone, ad aspettare il proprio turno e a parlare di pidocchi e di prevenzione in modo divertente e rilassato.

Grazie a questo semplice giochino io e PF abbiamo rispolverato un po’ di nozioni sui pidocchi: del fatto che chiunque puo’ prendere i pidocchi (per questo le pedine sono rappresentate da immagini di bambini tutti diversi tra loro); che i pidocchi non saltano, ma si passano da persona a persona attraverso il contatto diretto o attraverso oggetti; che quando ci si accorge di avere i pidocchi bisogna fermarsi (un turno) e con pazienza provvedere a toglierli; che la prevenzione e il trattamento sono necessari, ma non sono cose drammatiche, tanto che permettono di rientrare a scuola e alle normali attività subito (per questo si ritira il dado)!

Abiamo avuto anche modo di parlare delle abitudini di PF in fatto di capelli e di pulizia: il fatto che ami i capelli corti, ma non ami affatto farseli tagliare; il fatto che si diverta a farsi la doccia e il bagno, ma convincerlo a farli non è sempre facile soprattutto se sta giocando; il fatto che non ami farsi pettinare i capelli o farseli toccare; il fatto che gli piaccia mettersi il gel o riempirsi la testa di spuma, ma che farsi spruzzare i prodotti anti-pidocchio non gli piaccia molto.

Insomma un giochino che insegna tante cose utili e offra lo spunto per parlare di tante cose legate ai pidocchi, ai capelli e all’igiene in generale.

 

Inoltre questo è un gioco di fortuna, che non richiede abilità particolari ai concorrenti. Questo tipo di giochi sono molto adatti quando i giocatori hanno abilità e capacità diverse (come un adulto o un bambino o bambini di età diverse). I concorrenti sono sullo stesso livello e si percepiscono uguali. Non c’è il rischio che il più piccolo si senta inadeguato o favorito dal più grande. In questo modo può godere appieno della propria vittoria e tollerare meglio la propria sconfitta

 

Questo post è offerto da Hedrin e partecipa alla campagna Hedrin #pidocchinientepanico che coinvolge e ha coinvolto diversi blog. Grazie a questa campagna si è parlato di  prevenzione, di luoghi comuni, di miti da sfatare, di preoccupazioni e tabu’,  ma anche di idee divertenti e utili per affrontare con serenità il problema pidocchi.

Consultate l’hashtag #pidocchinientepanico per seguire tutti gli interventi.

hedrin

Post di Paola Misesti

Continue Reading

Esperimenti scientifici per i bambini: la marionetta di superman

superman e le forze

Qualche pomeriggio fa vagavo nella rete  in cerca di un nuovo esperimento scientifico da proporre a PF, quando mi sono imbattuta in questo gioco e ho capito subito che poteva fare al caso mio: le marionette fai da te!

Il gioco non era pensato per essere un esperimento scientifico, ma proposto nel modo giusto poteva facilmente diventarlo. Nel vederlo infatti mi erano balenate nella mente subito alcune domande che potevo porre a PF:

  • se non facciamo nulla, cosa fa la nostra marionetta?
  • e se tiriamo solo un filo? e se li tiriamo tutte e due insieme?
  • e se li tiriamo ma con diversa forza?
  • e  se ne tiriamo due, ma non contemporaneamente?
  • perchè la marionetta va dritta anche se noi tiriamo i fili di lato?

Domande perfette! Ma prima dovevo costruire la marionetta. L’idea di usare  trapezisti del circo come personaggi non avrebbe attirato particolarmente PF, cosi’ ho pensato di variare soggetto e trasfromare il trapezista in Superman.

Cosa ho usato:

  • cartone rigido
  • pennarelli
  • una cannuccia
  • spago o filo di lana
  • due perline colorate
  • uno stuzzicadenti lungo
  • del cartoncino azzurro
  • pastello bianco
  • forbici
  • adesivo

Come ho realizzato la marionetta:

Per prima cosa ho disegnato sul cartone la sagoma di superman, l’ho ripassata con il pennarello nero e l’ho colorata, infine l’ ho ritagliata.

Ho incollato, un po’ in diagonale,  due pezzi di cannuccia sulle mani della mia marionetta. Ho usato una cannuccia rosa per mimetizzarla con il colore delle mani.

A questo punto ho ricavato due pezzi di spago della stessa lunghezza e li ho infilati nelle cannucce, bloccandone poi un’estremità con le perline: è bastato infilare lo  spago nelle perline e fare due nodi molto stretti.

superman tutorial

L’estremità opposta dei due pezzi di spago l’ho legata al mio stuzzicadenti in modo che i fili fossero di uguale lunghezza e ben tesi.

Ho preso quindi il mio cartoncino azzurro e ne ho ricavato un rettangolo della lunghezza dello stuzzicadenti e dell’altezza di circa 15 cm. L’ho ripiegato in due e su entrambi i lati ho disegnato, con il pastello bianco, delle nuvole. Ho fatto due buchini nella parte dove il foglio si piegava, distanti tra loro circa 10 cm. Ho preso un’altro pezzo di spago e l’ho fatto passare nei buchini, bloccando poi le estremita sullo stuzzicadenti. In questo modo ho creato un’asola da utilizzare per appendere il mio Superman. Per rendere piu’ stabile il tutto, ho bloccato il cartoncino azzurro con dell’adesivo.

superman marionetta tutorial

Il nostro superman è pronto per l’esperimento!

Tirando i fili all’estremità delle mani la marionetta si alza e si abbassa. Interessante è capire e far notare…

  • come la marionetta sale con diversa velocità in base alla diversa forza applicata;
  • come applicando piu’ forza da un lato la marionetta non va dritta ma lateralmente;
  • come applicando la nostra forza verticalmente (cioè tirando invece che allargando i fili), superman non si muove.

Insomma di cose su cui riflettere ce ne sono molte! E poi dicono che è un semplice giochino!!

superman marionetta movimenti

Non mi resta che augurarvi buon divertimento!!

Altre idee scientifiche prese in rete:

LEGGI ANCHE…

Post di Paola Misesti

Continue Reading

Una scatoletta diventa un’astronave per omini LEGO

astronave omini lego scatola

Noi, come sicuramente molti di voi, abbiamo la casa piena di Lego, il 90% dei quali a tema Star Wars: la grande passione di PF!

Di omini non vi dico quanti ne abbiamo per non spaventarvi! Di solito usiamo una base di LEGO per tenerli in ordine, ma regolarmente qualche omino sfugge al controllo e me lo ritrovo ovunque, anche dentro i piatti.

L’altro giorno un po’ per gioco un po’ per la voglia di fare qualcosa di creativo, ho deciso di divertirmi un po’ anch’io e ho creato una piccola astronave di cartone porta-omini Lego.

Ho usato una scatoletta di cartone che ho trovato dal nostro rivenditore fai da te di fiducia: a dire il vero ne ho acquistate un po’ in vista di lavoretti vari.

La grandezza della scatola, nemmeno a farlo apposta, è perfetta per contenere un omino Lego!

Per prima cosa ho fatto uno schizzo a matita di quello che volevo riprodurre:  un’astronave e dei pianeti. Poi con i pennarelli indelebili (io ho usato dei colori indelebili glitterati per ricreare l’effetto “spazio”) ho ripassato il mio schizzo e colorato il tutto.

da scatoline ad astronavi spaziali

Non contenta ho voluto disegnare anche l’interno della scatola riproducendo l’abitacolo di un’astronave. In questo caso ho passato prima un po’ di colore acrilico grigio e poi, una volta asciutto, ho disegnato la strumentazione con i miei pennarelli indelebili.

astronave omini lego scatola tutorial

Il risultato è davvero bello e PF ora utilizzar la scatola come una vera e propria astronave. Non mi resta che realizzarne altre!!

Altre idee spaziali prese in rete:

LEGGI ANCHE…

Post di Paola Misesti

Continue Reading

Libri in gioco: L’amico del piccolo tirannosauro

Oggi per la rubrica “libri in gioco” vi presento un libro che era piaciuto tantissimo a PF : L’amico del piccolo tirannosauro.

La storia è tenerissima: parla di amicizia, di emozioni, di diversità.

I personaggi di questo libro ci hanno tenuto compagnia anche fuori dalle pagine. Come? Ecco un po’ di idee per voi…

LIBRI IN GIOCO l'amico del piccolo tirannosauro

  1. Divertendoci con il nostro lapbook
  2. Giocando con il nostro costume da cuoco
  3. Parlando di emozioni con il nostro orologio
  4. Giocando con il libretto-gioco dei dinosauri
  5. Giocando con il nostro domino degli alimenti
  6. Andando alla scoperta del nostro museo

Ecco altre idee prese in rete:

 

Non mi resta che augurarvi buon divertimento e buona lettura!

Qui trovate tutti i nostri “libri in gioco”

Post di Paola Misesti

Continue Reading

Calze antiscivolo facili e divertenti da realizzare

calze antiscivolo fai da te tutorial

E’ da un po’ che volevo provare a realizzare delle calzine antiscivolo fai da te e finalmente qualche pomeriggio fa mi sono decisa!

Dopo aver letto questo  post  di Twin Dragonfly Designs, ero troppo curiosa di capire se il procedimento avrebbe funzionato.

Ho preso cosi’ due calze di PF a tinta unita e i miei colori per tessuto. Ho scelto di utilizzare la tinta blu. E’ importante che la pittura usata una volta asciugata rimanga in rilievo e produca quell’effetto “plasticoso” tipico delle calzine antiscivolo.

Io uso i colori della marca Polymark che hanno questa caratteristica e sono perfetti perchè non tossici, hanno un beccuccio che rende facile l’applicazione e soprattutto non bisogna stirare la stoffa per fissare il colore.

Ecco come ho realizzato le mie calzine antiscivolo.

Per prima cosa ho inserito un pezzo di cartone rigido all’interno delle calze per facilitare l’applicazione del colore e l’asciugatura. Ho poi riprodotto con la tinta per tessuti, sul retro della calza, l’orma di un cagnolino. Ho abbondato con il colore perchè volevo che rimanesse molto rialzato rispetto alla stoffa.

Ho lasciato in posa per piu’ un giorno e poi ho lavato a mano le calze. Le istruzioni dicono di aspettare solo 4 ore per lasciare asciugare il prodotto, ma avendo messo davvero parecchio colore il mio dopo 24 ore era ancora un po’ umido.

Il risultato alla fine è perfetto! Le nostre calzine sono smpatiche e svolgono perfettamente il loro lavoro: cioè non fanno scivolare chi le indossa!

Con una boccettina da 30 ml potrete realizzare un sacco di calzine antiscivolo, sbizzaredo la vostra fantasia e la creatività dei vostri bimbi: far creare a loro i motivi e i disegni delle loro calze è infatti un vero spasso!

calze antiscivolo

Alcune cosa da sapere:

  • Una volta asciutto, il prodotto (usando la marca di colori che io ho utilizzato) lascia delle chiazze oleose intorno ai bordi del disegno. Temevo che non andassero via, ma lavando la stoffa con un po’ di detersivo da bucato l’alone scompare.
  • Il prodotto rimane molto liquido una volta steso, abbiate la pazienza di farlo asciugare bene e non muovete la stoffa per evitare che si formino delle crepe sll’interno del disegno
  • Il colore, una volta asciutto, rimane piu’ scuro rispetto a come si presenta allo stato liquido. Tenetene conto!

Altre idee prese in rete:

LEGGI ANCHE…

Continue Reading

Il domino delle lettere

il domino delle lettere con carte da scaricare

Ai vostri bambini piace giocare con le lettere? A noi molto! Ecco perchè siamo pieni di giochi da tavolo, schede e librettini.

Oggi vi presento un’attività che ci ha tenuto compagnia l’anno scorso e ci hai aiutato ad imparare le lettere minuscole e maiuscole: il domino delle lettere

Le regole del gioco sono le solite: si dividono le pedine tra i giocatori e a turno se ne scarta una a scelta che si deve attaccare alle precendenti. A lettere uguale deve seguire lettera uguale , maiuscola o minuscola che sia.

Qui trovate il file con le tessere da stampare e ritagliare!

Non mi resta che augurarvi buon divertimento!

LEGGI ANCHE…

Continue Reading

Il sudoku delle stagioni

sudoku delle stagioni da stampare gratis

Giochi da tavolo, giochi estivi, giochi per intrattenere. Siamo pieni di giochi fai da te e uno degli utlimi arrivati è il Sudoku delle stagioni.

Dopo il successo del Sudoku degli animali, mi sono lanciata nella realizzazione di altri sudoku a tema. Oggi vi presento appunto quello delle quattro stagioni: in ogni riga ed in ogni riquadro deve esserci solo una immagine uguale. Avete 2 scelte: le immagini degli alberi o i simboli delle 4 stagioni!

Qui trovate il file da stampare  con lo schema e le pedine .

Non mi resta che augurarvi buon divertimento!

Altre idee prese in rete tutte da stampare:

LEGGI ANCHE…

Post di Paola Misesti

Continue Reading

Sassi tatuati: tante storie a portata di mano

creare sassi per inventare storie

Vi avevo già presentato i nostri dadi fai da te per inventare storie, oggi vi propongo un’altra idea simpatica che unisce la gioia del raccontare con l’amore per i lavoretti.

In rete avevo trovato parecchi siti che proponevano sassi con immagini, da utilizzare come stimoli per inventare storie e racconti. I metodi per creare questi sassi erano molteplici: disegnandoli con colori acrilici, usando il decoupage, appiccicandoci degli adesivi.

Avevo escluso da subito la prima opzione non essendo particolarmente brava con i disegno a mano libera; anche nel decoupage non me la cavo granchè bene e dopo alcune prove con gli adesivi (che si staccavano e facevano grinze ovunque) ho rinunciato ben presto. Cosa mi rimaneva da provare? Non avevo idea, finchè un giorno mentre io e PF stavamo giocando con i tatuaggi mi è venuta la folgorazione. Ho fatto alcune prove e il risultato è stato ottimo: una volta scelti dei sassi e i tatuaggi il gioco è fatto.

Ma andiamo con ordine. Cosa serve:

  • tatuaggi
  • sassi di varia grandezza
  • acqua
  • spugna

Creare i nostri sassi inventa-storie è stato davvero semplice:

Per prima cosa ho lavato ben bene i sassi e li ho lasciati ad asciugare, ho quindi ritagliato le immagini  che volevo trasferire  e ho tolto la pellicola di protezione. Ho posizionato i tatuaggi sui sassi e ho bagnato il retro con un po’ d’acqua, aiutandomi con la spugna. Dopo 30 secondi il tatuaggio si era trasferito sul sasso, ho tolto la carta e l’ho lasciato asciugare. Nè piu’ nè meno di quando faccio i tatuaggi a PF!

In questo modo in pochissimo tempo avrete un sacco di sassi con le immagini che piu’ preferite: i disegni sono perfetti, senza grinze e soprattutto non si staccano.

Naturalmente potrete sbizzarrirvi, noi ne abbiamo creati di diversi temi: l’ultimo arrivato è quello dei pirati!

realizzare sassi disegnati con tatuaggi

LEGGI ANCHE…

Post di Paola Misesti

Continue Reading

Il sudoku degli animali

sudoku animali gratis

Il sudoku è un gioco che PF ha scoperto alla scuola materna: ci giocavano molto utilizzando invece dei numeri forme e colori.

Dato che era un giochino che gli piaceva tanto, me l’ha chiesto piu’ volte anche a casa ed ecco perchè ne avevo preparati parecchi su vari temi: macchine, forme, dinosauri, animali…

Oggi vi propongo quello degli animali sperando che possa piacere ai vostri bimbi quanto è piaciuto a PF

Qui trovate il tabellone e le immagini da ritagliare e da usare come pedine.

Le regole sono identche a quelle del sudoku “normale”: in ogni riga ed in ogni riquadro deve esserci solo una immagine uguale.

Altre idee per giocare prese in rete:

LEGGI ANCHE…

Continue Reading