6 idee prese in rete per…calendari 2021 tutti da stampare

Buon 2021!

Per iniziare quest’anno al meglio, ho raccolto 6 magnifici calendari tutti da stampare.

Spero vi piacciano!

CALENDARI 2021 da stampare bambini
  1. Un coloratissimo calendario mensile
  2. Uno splendido calendario da colorare
  3. Il calendario 2021 di Harry Potter
  4. Un bellissimo calendario tutto da colorare
  5. Un calendario da personalizzare
  6. Un magnifico calendario per scoprire l’arte

Tante altre idee le trovate sulla mia pagina Pinterest dedicata  ai calendari creativi.

Se siete in cerca di libri sul Natale, li potete trovare nella mia bacheca di Amazon dedicati ai calendari per bambini. Nelle altre bacheche inoltre troverete i miei consigli d’acquisto su libri, materiali e strumenti didattici.

Post di Paola Misesti

Continue Reading

Apprendere attraverso il gioco: il Laboratorio di scrittura Montessori

Spesso ci si domanda come insegnare a leggere e a scrivere ai bambini. Di metodi ce ne sono parecchi, quello che preferisco e trovo più efficace è quello svolto attraverso il gioco.

Non è sempre facile trovare giochi che siano accattivanti, divertenti e maneggiabili per i bambini piccoli e allo stesso tempo validi didatticamente.

“Apprendere attraverso il gioco” è una rubrica dove raccolgo tutti quei giochi che per le loro caratteristiche promuovono, stimolano e facilitano l’apprendimento e che ritengo particolarmente validi.

Oggi voglio presentarvene uno magnifico dell‘HEADU, pensato per avvicinare i bambini alla scrittura e alla lettura: il Laboratorio di scrittura Montessori.

E’ un gioco per i bimbi tra i 3 e i 6 anni, ma lo trovo utile anche per i bambini stranieri che stanno imparando l’italiano o per bambini con bisogni educativi speciali che hanno bisogno di materiale facilitato.

IL GIOCO LO TROVO UTILE PERCHÈ…

  • permette di approcciarsi alle parole a piccoli passi ;
  • fa in modo che il bambino si avvicini alla scrittura utilizzando varie modalità e quindi la forma a lui più congeniale: la vista, il tatto, la manualità;
  • amplia il suo vocabolario;
  • insegna che esistono parole di diversa lunghezza;
  • insegna a gestire un piccolo spazio, la scheda gioco;
  • esercita la logica e l’attenzione, dovendo ricomporre immagini ed inserendo lettere nel giusto ordine;
  • allena la manualità, ricostruendo puzzle, inserendo le lettere in piccoli spazi e scrivendo.

DA COSA È COMPOSTO.

Il gioco è formato da 3 tabelloni a forma di casetta. La loro grandezza dipende dalla lunghezza delle parole: composte da 3, 4 o 5 lettere.

Ogni casetta è divisa in tre parti: uno spazio dove inserire i puzzle o una lavagnetta, delle caselle dove appoggiare le lettere e un’area quadrettata dove scrivere con un pennarello cancellabile.

Vi sono 18 puzzle di grandezza diversa in cui vi è un’immagine e la parola corrispondente. Vi sono poi più di 70 letterine, 3 lavagnette e un pennarello cancellabile.

COME SI GIOCA

Le attività possono davvero essere molte.

Fondamentalmente i bambini devono ricomporre un puzzle inserendolo in una delle tre casette, in base alla lunghezza della parola. Riscrivere la parola utilizzando le letterine e infine scriverla nello spazio quadrettato usando il pennarello .

Queste tre attività possono essere proposte in varie fasi: inizialmente presentando pochi puzzle e chiedendo al bambino di ricostruirli e riconoscere il nome dell’oggetto o dell’animale sopra rappresentato. Man mano che il bambino prende confidenza con l’attività, si può aumentare il numero dei puzzle.

Successivamente gli si puo’ far scegliere 3 puzzle di varie grandezze e dopo averli inseriti nella giusta casetta, si può chiedergli di trovare le lettere che compongono le parole ed inserirle negli appositi spazi.

Da ultimo i bambini possono divertirsi a scrivere i diversi nomi usando il pennarello.

Invece di usare i puzzle è possibile usare le lavagnette, scrivendo una parola che i bambini dovranno poi ricopiare usando le carte e la scrittura.

QUESTO GIOCO MI PIACE PERCHÈ

Le lettere sono grandi e rigide, facilmente maneggiabili anche da manine piccole.

I puzzle sono grandi e molto colorati, hanno immagini belle ed accattivanti.

Il gioco è adatto sia a bimbi più piccoli che a quelli più grandi.

VARIANTI DI GIOCO

Una delle caratteristiche che preferisco dei giochi  HEADU è quella di essere molto versatili , perché gli elementi che li compongono sono studiati attentamente e possono essere riproposti tenendo anche conto dell’età, delle particolarità e delle caratteristiche dei bambini.

. 1) LA SFIDA DEI PUZZLE: I puzzle si posso proporre come un gioco di sfida tra 2 giocatori o tra squadre. Una volta terminati, i giocatori dovranno leggere le parole dei propri puzzle. Chi riuscirà a ricomporli correttamente e nel minor tempo possibile avrà vinto.

I puzzle sono molto utili perchè…

  1. allenano a pensare in sequenze: cosa viene prima, cosa dopo…
  2. esercitano a notare le differenze e le somiglianze: la forma, il colore, la grandezza…
  3. stimolano l’organizzare dell’azione da svolgere: prima trovare i pezzi di un colore, poi quelli con una determinata immagine o lettera…
  4. allenano l’attenzione e la concentrazione

. 2) IL GIOCO DELLE INIZIALI: Questa attività permette ai bambini di esercitarsi a riconoscere le iniziali delle parole. Si consegnano un tot numero di puzzle senza la lettera iniziale. Una volta ricostruiti i bimbi dovranno nominare la lettera mancante e controlleranno la risposta grazie proprio alla tessera che manca.

Inizialmente si può proporre un’attività più semplice: costruite voi un puzzle e scrivete la parola con le carte delle lettere, omettendo pero’ l’iniziale. A questo punto chiedete di dire e scegliere tra le carte la lettera mancante.

. 3) PAROLE A TEMPO: Si possono usare le lettere per creare nuove parole che non sono contenute nei puzzle. Si distribuiscono tutte le lettere su un tavolo e si chiede ai bambini, in un tempo prestabilito, di formare più parole possibili. Si può proporre come un gioco cooperativo – dove tutto il gruppo vince se riesce a comporre un tot numero di parole – oppure come un normale gioco in cui vince chi forma più parole.

.3) LA PAROLA MISTERIOSA: Un’altra variante è per i bimbi che hanno già dimestichezza con le lettere e le parole. L’adulto scriverà su una delle lavagnette una parola, ma senza farla vedere. La nominerà e i bimbi, utilizzando o i puzzle o le carte delle lettere, dovranno scriverla. Una volta che tutti avranno scritto la loro parola si mostrerà la lavagna e i bimbi potranno controllare la risposta.

Ringrazio la HEADU per avermi inviato questo splendido gioco.

Per saperne di più su questo ed altri giochi ed eventualmente acquistarli, vi rimando al ricchissimo sito di HEADU dove troverete anche molte informazioni sulla loro mission e il loro metodo “Lifelong Playing Headu” volto a promuovere, stimolare e mobilitare le intelligenze multiple dei bambini attraverso il gioco, con dispositivi didattici divertenti e orientati alla formazione di competenze essenziali o utili ad allenare in modo spontaneo e non forzato una capacità di apprendimento permanente.

Post di Paola Misesti

Continue Reading

I puzzle natalizi per giocare con numeri ed addizioni

Ai vostri bimbi piacciono i puzzle e adorano giocare con i numeri? Il gioco che vi propongo oggi allora fa proprio per loro!

Si tratta di semplici puzzle che per essere ricostruiti hanno bisogno di essere ordinati secondo la sequenza numerica che va da 1 a 10.

Vi sono poi puzzle in cui la sequenza numerica è data dal risultato di addizioni. (es. per avere il numero 7 devo risolvere l’operazione 4+3). Ogni puzzle contiene operazioni diverse.

Il gioco è semplice: ho diviso un’immagine in 10 segmenti, numerandoli uno per uno in sequenza (da 1 a 10). Per ricostruire la figura intera è sufficiente mettere in ordine i numeri.

Tutti i puzzle sono in bianco e nero, in modo che i bimbi possono divertirsi a colorarli.

Una volta stampato il puzzle non vi resta che ritagliare i segmenti e mischiarli in modo che l’immagine non sia riconoscibile.

Si tratta di un’attività autocorrettiva: il bambino cioè si accorge da solo se commette un errore perché il disegno non si ricostruirà perfettamente.

Qui sotto trovate i due tipi di puzzle da stampare, per ognuno ci sono 5 puzzle:

Non mi resta che augurarvi buon divertimento!

SCOPRI ANCHE…

Post di Paola Misesti

Continue Reading

8 attività per imparare e ripassare le tabelline

Imparare attraverso il gioco risulta meno faticoso e noioso, perché l’aspetto ludico e il divertimento attenuano lo sforzo e l’impegno che il bambino deve mettere per acquisire ed utilizzare nozioni e conoscenze. 

Giocare abbassa inoltre l’ansia e la tensione e crea le condizioni più favorevoli per l’apprendimento.

Usare i giochi per imparare è una modalità che risulta vincente e può essere utilizzata sia per apprendere nuove conoscenze sia per rafforzare quelle già acquisite.

E’ per questi motivi che molte delle mie attività didattiche sono dei giochi e anche quelle più classiche di norma le propongono in questo modo.

Oggi vi presento 8 attività ludiche che ho creato in questi anni per imparare o ripassare le tabelline.

LE CHIAVI DELLE TABELLINE 1-5 e 6-9 : i bambini hanno a disposizione tante chiavi con indicato un numero e dovranno cercare la serratura giusta che corrisponde alla tabellina che dà come risultato quel numero. Ogni tabellina ha chiavi di un colore diverso (identiche a quelle delle serrature) e solo una delle serrature a disposizione è quella corretta.

***********************************

I MANDALA DELLE TABELLINE: Si tratta di cerchi numerati da 0 a 9 in cui, se si segue la sequenza di numeri della tabellina, compaiono diversi disegni: stelle a più punte, pentagoni… Ho creato non solo i mandala per ogni tabellina, ma anche le soluzioni, così che i bimbi possono controllare la loro soluzione.

***********************************

LE FINESTRELLE DELLE TABELLINE: Ho creato delle carte con 11 finestrelle ognuna: una carta per ogni tabellina, dall’1 al 10. Su ogni carta è presente un’intera tabellina.

Sollevando le finestrelle, i bambini potranno controllare se il risultato dato è quello giusto.

***********************************

I MINI PUZZLE DELLE TABELLINE: Si tratta di semplici puzzle: uno per ogni tabellina. Sono composti da pezzi che hanno sul fronte parte dell’immagine da ricostruire e sul retro un’operazione, es. 5×5.

E’ sufficiente appoggiare i  singoli pezzi con l’operazione sui quadratini del tabellone contenenti i risultati corretti per ricostruire velocemente il puzzle. E’ un gioco autocorrettivo, perchè il bambino si renderà subito conto dell’errore o dell’esattezza della sua risposta in base a quale immagine salterà fuori. Vi è comunque anche un tabellone in cui sono presenti i 10 risultati della tabellina in questione.

***********************************

I PUZZLE IN SEQUENZA: Ho realizzato 9 puzzle, uno per ogni tabellina.

Ogni puzzle  è diviso in 10 segmenti. Per ricostruire le immagini che i puzzle contengono si dovrà seguire la sequenza corretta della tabellina corrispondente al puzzle. Si tratta di un gioco autocorrettivo, in quanto i bambini si rendono conto immediatamente se hanno dato la risposta giusta, in quanto l’immagine che compare è riprodotta correttamente.

***********************************

LE CARTE AUTOCORRETTIVE DELLE TABELLINE: Si tratta di carta contenenti un’operazione e due possibili risultati: uno giusto e uno sbagliato.

La particolarità di queste carte è che sono appunto autocorrettive: è possibile infatti sapere immediatamente se il risultato scelto è quello giusto o meno semplicemente sollevando una linguetta.

***********************************

LA TOMBOLA DELLE TABELLINE: Le regole sono le stesse della tombola normale, solo che sul cartellone invece dei classici numeri ci sono 24 caselle con delle moltiplicazioni e sulle cartelle i rispettivi risultati. Per bussolotti si possono scegliere o le operazioni o il risultato. Va da sé che per ogni operazione c’è  solo un risultato possibile: ovvero il risultato sulle cartelle corrisponde ad una sola operazione. Questa è un’attività utile a ripassare le tabelline.

***********************************

IL PUZZLE PER RIPASSARE LE TABELLINE: Il puzzle è composto da pezzi che hanno sul fronte parte dell’immagine da ricostruire e sul retro un’operazione, es. 7×2.

E’ sufficiente appoggiare i  singoli pezzi sui quadratini del tabellone contenenti i risultati corretti per ricostruire velocemente il puzzle. E’ un gioco autocorrettivo, perché il bambino si renderà subito conto dell’errore o dell’esattezza della sua risposta in base a quale immagine salterà fuori.

***********************************

Spero che queste attività possano esservi utili.

Se siete in cerca di altre attività di matematica, le potete trovare nella mia bacheca di Amazon dedicata ai giochi didattici di matematica. Nelle altre bacheche troverete i miei consigli d’acquisto su libri, materiali e strumenti didattici.

Post di Paola Misesti

Continue Reading

I quaderni didattici personalizzati di Ilaria

Ho conosciuto Ilaria su Instagram grazie alla sua pagina, in cui condivide tantissimi spunti e materiali per la didattica.

Tra i tanti strumenti proposti sono rimasta affascinata dai suoi quaderni didattici, in cui raccoglie attività personalizzate in base alle esigenze e alle capacità di ogni bambino.

Ho chiesto a Ilaria di presentare i suoi quaderni qui su Homemademamma, perché ritengo che possano essere molto utili.

Scopriamo chi è Ilaria.

PARLACI UN PO’ DI TE E DEL TUO LAVORO.

Mi presento, sono Ilaria Rudari, educatrice professionale e pedagogista in ambito disabilità, laureata presso l’Università degli studi di Verona. Attualmente sto conseguendo un master di pedagogia clinica per potermi specializzare nel campo della relazione e dell’aiuto. Sto scrivendo la tesi finale riguardante la sfera dell’autismo e gli interventi di riabilitazione possibili.

Attualmente lavoro come educatrice scolastica e domiciliare con varie famiglie con bambini con bisogni educativi speciali. Il lavoro è ciò che mi dà più soddisfazione: poter portare a termine degli obiettivi prefissati con i bambini e poterli vedere felici dei loro passi compiuti verso l’autonomia.

Il lavoro di un’educatrice e di una pedagogista non è così semplice come quando lo si nomina, ma dietro vi è un impalcatura creata con rigore e metodologia, che permette di sostenere un lungo lavoro affiancando gli utenti e le famiglie in ogni passo della loro vita.

CHE COSA SONO I QUADERNI DIDATTICI PERSONALIZZATI?

In questi anni ho potuto sperimentare e provare diverse esperienze lavorative sul campo, affiancando bambini e ragazzi con disturbi specifici dell’apprendimento e bisogni educativi speciali a scuola, per questo mi sto specializzando sempre di più nel poter creare del materiale dedicato a loro e fatto su misura per ogni caso, per questo creo i miei quaderni didattici personalizzati.  

Essi rispondono ad un bisogno sempre più sentito all’interno della scuola: devono consentire un corretto sviluppo didattico ed educativo del soggetto, permettendogli di acquisire più conoscenze possibili relative alle diverse materie trattate, in modo compensativo ed esaustivo, creando così un percorso adatto all’interno della propria difficoltà, andando a valorizzare e portando in primo piano i propri punti di forza. 

L’obiettivo dei quaderni personalizzati è proprio quello di rendere il soggetto protagonista del proprio apprendimento, mediante uno strumento che gli permetta di raggiungere l’apice della conoscenza attraverso stimoli e aiuti che vengono forniti per implementare il proprio bagaglio culturale. All’interno del sistema si definisce tutto ciò con inclusione, un’inclusione che deve avvenire a 360° per ogni sfumatura del soggetto.

PER QUALI ETÀ SONO PENSATI?

I quaderni didattici personalizzati rispondono ad un’ampia fascia d’età: dalla scuola dell’infanzia fino alle superiori se non addirittura all’università.

Non vi è un modo corretto per strutturare il quaderno, è bene ricordare quale sia il suo scopo e per arrivarvi è necessario considerare le difficoltà singole di ogni soggetto per poter creare la strada idonea da percorrere insieme.

All’inizio della mia carriera i quaderni didattici personalizzati ricoprivano un ruolo d’aiuto  essenzialmente per bambini piccoli per la scuola primaria. Man mano però che costruivo e incrementavo le mie conoscenze sono arrivata ad utilizzarli fino a ragazzi/e della secondaria di secondo grado; essi sono dei quaderni che li accompagnano durante i loro anni di studi e che permettono loro una facilitazione nel campo scolastico e anche nel campo sociale.

Una grande esperienza l’ho potuta vivere quest’anno con gli esami di terza media di una ragazza che ormai da anni affianco nel lavoro personalizzato e nel sostegno. Vederla quindi conseguire un titolo di Stato con l’ausilio di mezzi idonei è stato un enorme orgoglio personale oltre che professionale. Tutto ciò si rispecchia nel soggetto che acquisisce la consapevolezza del dire “ Io ce l’ho fatta, ho fatto un ottimo lavoro”.  

COME SI COSTRUISCONO? 

 Pazienza , obiettivo, e costanza sono alcuni degli elementi fondamentali per poter intraprendere la strada. Ogni quaderno che andiamo a costruire richiede un elevato dispendio di tempo che però al completamento di questo si trasforma in un enorme soddisfazione: nel poter vedere nel concreto uno strumento di aiuto per il soggetto. 

Vi mostro alcuni esempi differenti che ho realizzato.

ESEMPIO 1

Ecco dei quaderni didattici personalizzati individuali per una scuola primaria, che attualmente sto utilizzando solamente per una bambina che sto seguendo.  

Nella foto sotto è possibile vedere due tipologie diverse di quaderni didattici personalizzati.

Uno è il quaderno didattico di italiano e l’altro di matematica. All’interno dei quaderni sono presenti anche delle schede che ho potuto scaricare dal sito di homemademamma. 

  • All’interno del quaderno di italiano sono stati inseriti i temi dell’alfabeto, del pre-grafismo, delle line aperte e chiuse, le sillabe, e la scrittura
  • nel quaderno di matematica sono stati inseriti argomenti come il pre-grafismo, la scrittura dei numeri, l’associazione di quantità con le immagini, …

ESEMPIO 2

In questo caso vi sono due tipologie diverse di quaderni didattici personalizzati adatti a soggetti della scuola primaria e non solo, in quanto possono essere utilizzati anche alla scuola dell’infanzia.

Questa seconda tipologia di quaderno è completamente riutilizzabile in ogni momento a differenza dell’esempio precedente nella quale vi è solamente il supporto cartaceo. In questo caso le schede sono inserite in un quaderno ad anelli usando delle delle cartellette di plastica. Questo permette all’operatore di poterle nuovamente riutilizzare.   

Ringrazio Ilaria per aver condiviso la sua esperienza e il suo materiale. Potete seguirla sul suo profilo Instagram e scoprire ogni giorno i suoi preziosi suggerimenti.

Qui sotto potete trovate tante schede da poter utilizzare per creare il vostro primo quaderno didattico personalizzato.

Post di Paola Misesti

Continue Reading

Conta, scrivi e colora

Ho creato le schede “Conta, scrivi e colora” per i bambini che si avvicinano ai numeri e alla loro scrittura.

Su ogni scheda troveranno il numero da ricopiare, da scrivere e la quantità da contare e colorare.

Sono semplicissime schede che pero’ aiutano il bambino ad avvicinarsi alla scrittura senza tralasciare l’associazione tra numero e quantità.

Potete presentare le schede singolarmente o raccoglierle in un pratico libretto.

Trovate le 10 schede e a copertina da stampare qui sotto:

SCOPRI ANCHE…

Se siete in cerca di giochi e attività sulla matematica, potete trovare tante idee nella mia bacheca di Amazon dedicata ai giochi didattici di matematica. Nelle altre bacheche troverete i miei consigli d’acquisto su libri, materiali e strumenti didattici.

Post di Paola Misesti

Continue Reading

Il memory dei numeri e delle quantità tutto da colorare

Comprendere il  concetto di quantità avviene automaticamente nel bambino, che lo impara facendone esperienza tutti i giorni:  una tazza di latte, 2 biscotti, 3 macchinine…

L’associazione quantità e numero è quindi naturale.

Quando si passa però dalla forma orale a quella scritta, il discorso può essere più complesso: il bambino deve infatti associare la quantità ad un simbolo che rappresenta il numero.  Allenare a fare questa associazione può avvenire in maniera giocosa.

Ho preparato tante attività per fare questo, come quella che vi presento oggi: il memory dei numeri e delle quantità.

Si tratta di un semplicissimo memory, in cui i bambini devono abbinare la carta indicante il numero con quella in cui sono riportate tante immagini quante la quantità indicata dal numero.

Le carte sono tutte in bianco e nero, così i bambini possono prima di usarle divertirsi a colorarle.

Come crearle:

Stampate il file che trovate più avanti e ritagliate le carte.

Come proporle:

Per prima cosa fate colorare ai bambini le carte, facendo riconoscere il numero e facendo loro contare le immagini riportate sulle carte.

Inizialmente , se i bambini sono piccoli e non conoscono bene i numeri, proponete poche carte alla volta, in modo da far diventare l’associazione automatica. Aumentate le carte man mano che i bambini prendono confidenza.

Variazioni:

  • Potete semplificare ulteriormente il memory, trasformandolo in un semplice gioco di abbinamenti. Ponete da una parte le carte con i numeri e quelle con le immagini dall’altro lato, naturalmente mischiate. I bambini dovranno abbinarle tra loro.
  • Potete proporre il memory solo utilizzando le carte con i numeri o solo le carte con le immagini. In questo caso dovrete stampare due volte il file per avere le coppie da abbinare.
  • Potete utilizzare le carte anche per giocare a una sorta di “ruba mazzetto semplificato”: mischiate le carte e distribuitele; a turno si scarta una carta e i bambini possono “rubarla” se hanno il numero o la quantità uguale. Vince chi raccoglie più carte.

Qui sotto trovate le carte da stampare:

Non mi resta che augurarvi buon divertimento!

SCOPRI ANCHE…

Post di Paola Misesti

Continue Reading

Giochi in tasca: Un’invasione di palloncini. Il libro gioco delle vacanze

E’ già da qualche anno che per le vacanze preparo dei libretti gioco che ho chiamato “giochi in tasca” perché sono tascabili e si possono portare ovunque.

Sono perfetti  per intrattenere i bambini e ripassare un po’ di argomenti scolastici in maniera divertente.

In ogni libretto ci sono tante attività di matematica, di logica, di attenzione, d’italiano, disegni da colorare…

Ho deciso di pubblicarne uno a settimana, come se fosse un giornalino, cosi’ i bimbi potranno averne sempre uno diverso con cui giocare.

Il libro-gioco di oggi si intitola “Un’invasione di palloncini” con 10 pagine di attività. Questo libretto è pensato per le prime classi della scuola primaria.

Qui sotto trovate il mini libro da stampare con le istruzioni per assemblarlo:

Vi auguro buon divertimento e vi aspetto settimana prossima con un nuovo libretto!

Qui invece trovate tanti altri libri-gioco che ho pubblicato finora :

Post di Paola Misesti

Continue Reading

Il fiorologio di Antonietta di Inclusivamente

Ho conosciuto Antonietta su Facebook. Mi sono innamorata subito delle sue attività didattiche, volte a supportare tutti gli alunni (della scuola primaria e secondaria) nell’apprendimento.

Oggi con questo post ci presenta una magnifica attività creata da lei per imparare a leggere le ore: Il fiorologio.

Le cedo la parola…

Mi chiamo Antonietta Loia e da 15 anni sono docente di matematica e scienze nella scuola secondaria di primo grado

La mia avventura nel mondo della scuola inizia dopo aver conseguito il titolo di abilitazione all’insegnamento: un viaggio fin da subito ricco di emozioni, stimoli, soddisfazioni … dove ho dato e ricevuto molto di più.

Dopo circa 8 anni, più precisamente nel 2012, divento mamma per la seconda volta: nasce Maria, una bambina fuori dal comune, lei ha un cromosoma in più … lei ha la sindrome di Down. 

Quello che mi mancava per sentirmi un’insegnante completa era arrivato: aveva le sembianze di un fagottino rosa con gli occhi vispi, un sorriso contagioso e tanta voglia di imparare.

Da quel giorno le mie competenze didattiche unite alla mia creatività trovano il giusto posto nella mia vita di mamma e di insegnante!

Ho cercato fin da subito di stimolarla e di accompagnarla nei processi di apprendimento attraverso l’utilizzo di strumenti e strategie efficaci, grazie anche al supporto delle terapiste che hanno preso in carico mia figlia fin da piccolina: prima psicomotricità e poi logopedia. 

In questi otto anni io e Maria abbiamo creato tantissimo materiale insieme! Tutti i nostri strumenti sono pensati, sperimentati e collaudati: in tutte queste fasi Maria ha un ruolo fondamentale ed è per questo che l’ho soprannominata “socia”! 

Un peccato tenere tutto questo per me! Nasce così il blog “InclusivaMente”: un posto dove poter raccogliere e condividere idee, progetti, giochi e strumenti didattici finalizzati a supportare tutti gli alunni (della scuola primaria e secondaria) nel loro processo di apprendimento.

Quando si parla di Inclusione la prima cosa che viene in mente è l’alunno con disabilità, in realtà la didattica inclusiva è la didattica di tutti, che si basa sulla personalizzazione tramite strategie metodologiche, materiali e strumenti didattici, il cui scopo non è solo quello di insegnare bensì di saper far apprendere.

Il blog “InclusivaMente” vuole quindi essere una opportunità per me, per genitori e insegnanti, per Maria e per tutti i bambini che per apprendere hanno bisogno di qualche piccolo aiuto.

Oggi vi presento il FIOROLOGIO: uno strumento interattivo che potete costruire insieme ai vostri bambini e che permetterà loro di imparare a leggere le ore in modo simpatico e divertente!

Si tratta di un orologio a forma di fiore, in particolare mi sono ispirata ad una margherita. 

Grazie a questo strumento il bambino leggerà in maniera del tutto naturale l’ora poiché la dicitura corretta è suggerita sulle lancette.

La lancetta delle ore è più corta e larga, riporta la scritta “sono le ORE …” ed è gialla così come gialli sono i numeri che le rappresentano.

La lancetta dei minuti è più lunga e leggermente più stretta, riporta la scritta “… e MINUTI” ed è fucsia così come sono fucsia i petali su cui sono scritti i numeri che li rappresentano. Sui petali sono scritti i minuti multipli di 5, mentre tra i numeri gialli delle ore vi sono i quattro pallini fucsia dei minuti intermedi.

I numeri dei minuti non sono visibili al bambino, per scoprirlo dovrà staccare il petalo che si trova sulla traiettoria della lancetta. Piano piano, il bambino memorizzerà la sequenza dei minuti senza necessariamente dover utilizzare la tabellina del 5 e interiorizzerà il meccanismo di lettura dell’orologio.

Potete scaricare il MODELLO DEL FIOROLOGIO qui

Costruire il FIOROLOGIO è facile e divertente, ma ancor più divertente è inventare giochi e attività che potete fare con i vostri bambini, io ve ne presento alcune:

LE CARD DELLE ORE  carte fronte retro che da un lato riportano le immagini dell’orologio con orari differenti e dall’altro lato invece le ore corrispondenti in numero. Con queste carte è possibile inventare diversi giochi come per esempio: invitare il bambino a leggere l’ora e poi verificarne la correttezza girando la carta oppure comporre l’ora riportata in numero sulla carta utilizzando lo strumento del “fiorologio” e poi verificarne la correttezza girando la carta, stampando le stesse carte senza il fronte retro è possibile giocare con i vostri bambini al Memory delle ore!

LA TOMBOLA DELLE ORE  cartelle di gioco con rappresentati 4 orologi che segnano ore differenti e un mazzo di carte riportanti le ore corrispondenti. Si consegna ad ogni giocatore, in base al numero dei partecipanti, una o due cartelle di gioco. A turno ognuno pesca una carta. I giocatori dovranno individuare sulle loro cartelle di gioco l’orologio che segna l’ora richiesta. Chi per primo completa la cartella vince.

GIOCO IN POWERPOINT  è possibile scaricare un divertentissimo gioco che ho predisposto con PowerPoint in cui viene richiesto al bambino di leggere l’ora che appare sullo schermo.

TUTTI QUESTI GIOCHI LI TROVARE DA STAMPARE QUI

Concludo con questa frase tratta dal web in cui è racchiuso tutto il senso di … InclusivaMente:

“Se non imparo nel modo in cui tu insegni, insegnami nel modo in cui io imparo”

Ringrazio di cuore Antonietta per questo post, ma soprattutto per condividere i suoi materiali e la sua esperienza con tutti noi.

Trovate Antonietta sul suo blog Inclusivamente e sulla sua pagina Facebook.

Continue Reading

6 idee prese in rete per… giochi per l’estate da stampare

A PF sono sempre piaciuti i giochi enigmistici e di logica, cosi’ d’estate ne facevo una bella raccolta per proporglieli nei momenti tranquilli. Non mancavano poi disegni da colorare e giochi di attenzione.

Se anche i vostri bimbi sono come PF, questo post fa per voi.

Ho raccolto tante attività, tutte da stampare, per intrattenere e divertire i bambini:

  1. Unisci i puntini
  2. Tante mini storie interattive
  3. Labirinti divertenti
  4. Una tovaglietta speciale
  5. Colorare con le operazioni
  6. Tanti divertenti giochi tascabili

Tante altre idee le trovate sulla mia pagina Pinterest dedicata alle attività estive


Buon divertimento con questa e con tutte le altre idee prese in rete !

Post di Paola Misesti

Continue Reading