Il gioco dell’oca delle storie

Inventare storie è una delle attività piu’ amate dai miei alunni. Non è solo divertente, ma anche utile per ripassare regole grammaticali, arricchire il vocabolario e allenare la creatività e la fantasia.

E’ un’attività che propongo spesso, magari a fine lezione: a loro non pesa, ma in realtà rivedono tutto quello che hanno fatto durante l’ora e nelle lezioni precedenti.

Spesso uso i dadi delle storie, che avevo creato, ma ormai li conoscevano a memoria, cosi’ ho deciso di realizzare un’altra attività: un gioco dell’oca.

Si tratta di un cartellone in cui su ogni casella sono presenti indicazioni per creare la storia: un nome o un verbo da utilizzare.

Si tratta di un gioco cooperativo, perchè lo scopo è arrivare in fondo al percorso con una storia creata da tutti i giocatori, un racconto che abbia senso e in cui sono presenti tutti gli elementi indicati nelle caselle del gioco.

Come si gioca?

A turno i giocatori tirano il dado e si muovono di quante caselle indica.

Una volta sulla casella, il primo giocatore dovrà iniziare la storia, usando i nomi o i verbi (dovrà in questo caso scegliere tra due possibilità) indicati sulla casella. Terminata la sua parte del racconto, il secondo giocatore tirerà il dado e sarà il suo turno di continuare la storia in base all’indicazione contenuta nella sua casella. Il gioco prosegue fino a che il giocatore che per primo arriva alla fine del percorso dovrà terminare il racconto.

E’ fondamentale che…

  1. il racconto, anche se fantastico, abbia comunque un senso
  2. ogni giocatore si agganci al racconto dei giocatori precedenti
  3. ognuno arricchisca la storia di elementi
  4. il racconto abbia una conclusione plausibile

Qui sotto trovate i tabelloni (ne ho creatiti 2) da stampare:

Non mi resta che augurarvi buon divertimento!

SCOPRI ANCHE…

Post di Paola Misesti

Continue Reading

6 idee prese in rete per… giochi dell’oca fai da te

Il gioco dell’oca è quello con cui abbiamo giocato di piu’ in assoluto, anche perchè si presta ad essere usato in tantissimo modi: per imparare a contare, per ripassare le operazioni o le regole di grammatica, per muoversi, per divertirsi in compagnia.

Nel tempo ho raccolto un sacco di idee per realizzare sempre nuovi tabelloni, eccone qui alcuni che trovo davvero speciali…

  1. Gioco dell’oca da viaggio
  2. Il gioco di Nicoletta Costa da colorare
  3. Il gioco per imparare le addizioni e le sottrazioni
  4. Il gioco delle C
  5. Il gioco dell’oca personalizzato
  6. Il gioco dell’oca dei colorI

Tante altre idee creative le trovate nella mia pagina Pinterest dedicata ai giochi fai da te

Qui trovate invece  tutte le idee prese in rete finora.

Buon divertimento!

Post di Paola Misesti

Continue Reading

6 idee prese in rete per… giocare con i piatti di carta

Siete in cerca di idee per facili lavoretti o simpatiche idee regalo fai da te? Eccone alcune da realizzare con dei semplici piatti di carta…

  1. Una tenerissima borsetta
  2. Le maschere da supereroi
  3. Un frisbee ricicloso
  4. Coloratissimi acchiappasogni
  5. Un quadretto estivo
  6. Il dolcissimo riccio

Tante altre idee creative le trovate nella mia pagina Pinterest dedicata ai giochi fai da te

Qui trovate invece  tutte le idee prese in rete finora.

Buon divertimento!

Post di Paola Misesti

Continue Reading

6 idee prese in rete per… giocare con l’arcobaleno

La primavera è fatta di colori, di fiori, di temporali e anche di magnifici arcobaleni. Per festeggiare questa pioggia di colori ho cercato tante idee creative da poter realizzare facilmente in casa.

Ecco quelle che mi sono piaciute di piu’…

  1. Un esperimento colorato
  2. Un arcobaleno da indossare
  3. Arcobaleno in bottiglia
  4. Arcobaleno in vasetti
  5. Creare tanti pesciolini “Arcobaleno”
  6. L’arcobaleno scaccia pioggia

Tante altre idee creative le trovate nella mia pagina Pinterest dedicata ai giochi fai da te

Qui trovate invece  tutte le idee prese in rete finora.

Buon divertimento!

Post di Paola Misesti

Continue Reading

Il gioco dei nomi

Con i miei alunni stiamo affrontando l’analisi grammaticale del nome. Avevo già creato questo schede per un ripasso lampo, che sono piaciute molto. Ho pensato pero’ di rendere piu’ complessa e divertente l’attività.

Ho realizzato un gioco per farli riflettere piu’ in dettaglio sui nomi.

Ve le presento oggi, magari puo’ essere utile anche a voi.

Si tratta due tabelle in cui sono indicati su una dei nomi e sull’altra l’analisi grammaticale degli stessi.

Le tabelle si possono usare in due modi:

  • come dei memory: basta ritagliare i riquadri creando cosi’ delle carte, mischiarle e distribuirle sul tavolo voltate. I bambini a turno dovranno abbinare il nome alla sua corretta analisi
  • come gioco di abbinamento: si lascia la tabella con l’analisi grammaticale intatta, mentre si ritaglia quella dei nomi creando cosi delle carte. I bambini dovranno scegliere a caso il nome e inserirlo nel riquadro che corrisponde alla sua analisi grammaticale.

Qui sotto trovate le tabelle da stampare:

Vi auguro buon divertimento!

Qui trovate anche un brebe video per scoprire i nomi:

SCOPRI ANCHE…

Post di Paola Misesti

Continue Reading

La tombola della primavera

In tanti mi richiedono le tombole pensate per i piu’ piccini. Non solo sono divertenti, ma sono anche molto utili per allenare l’attenzione, per imparare a descrivere gli oggetti ed accrescere il vocabolario.

Ne ho create tante in questi anni. Sono delle semplici tombole contenenti immagini invece di numeri. In questo modo il bambino deve descrivere la figura in modo che i giocatori possano comprenderla e cercarla sul proprio cartellone. Le regole sono quelle delle normali tombole.

Se siete curiosi potete dare un’occhiate alle tombole che ho creato sugli animali, sulle emozioni e sulle stagioni: l’inverno e l’autunno

Non poteva mancare allora la tombola della primavera.

Qui sotto trovate il tabellone, le carte e le 22 cartelle da stampare.

Non

SCOPRI ANCHE...

Post di Paola Misesti

Continue Reading

Il gioco dei “Nomi, aggettivi, verbi”

Lo conoscete il gioco “Cose, animali, città”? Il famoso gioco in cui si pesca una lettera dell’alfabeto e si devono scrivere in un minuto il maggior numero di cose, animali e città inizianti per quella lettera.

Per allenare i miei alunni nell’analisi grammaticale e a distinguere tra nomi, verbi e aggettivi ho rivisitato un po’ questo gioco. Questa è un’attività che di solito propongo al termine delle lezioni e piace sempre molto.

Ho creato una tabella divisa in tre colonne una per i nomi, una per gli aggettivi e una per i verbi. Ho realizzato anche 21 carte: una per ogni lettera dell’alfabeto.

Come si gioca:

Inserisco le carte delle lettere in una busta e mischio. Ogni alunno ha una tabella a sua disposizione. Estraggo una lettera della busta e la comunico ai bambini. Avvio il cronometro: di solito punto a 2 o 3 minuti.

Ogni bambino deve scrivere, quanti piu’ riesce, nomi, aggettivi e verbi inizianti per la lettera estratta.

Vince il turno chi ha il numero maggiore di parole scritte ed almeno una per ogni colonna.

Sulla parte sinistra della tabella c’è una colonna piu’ piccola delle altre, in cui segnare con una X chi ha vinto quel turno. Alla fine vince il gioco chi ha guadagnato piu’ X

Qui sotto trovate la tabella da stampare e le carte con le lettere:

Altre idee prese in rete…

Non mi resta che augurarvi buon divertimento!

SCOPRI ANCHE:

Post di Paola Misesti

Continue Reading

Il gioco delle posizioni

Una delle attività che piacciono di piu’ ai miei studenti di italiano è quella che riguarda le coordinate spaziali.

Si possono usare schede o semplici attività. Una di quelle che propongo è quella con l’omino di LEGO. Porto in classe una scatolina e due dadi con indicate le posizioni e con questi “strumenti” ci divertiamo a ripassare i concetti di sopra, sotto, dietro, davanti, fuori, dentro…Qui vi spiegavo come realizzarla.

Un’altra idea che riscuote sempre molto successo tra i piu’ piccoli è quella che vi propongo oggi.

Vi servono 2 scatole abbastanza grandi e i dadi che trovate da stampare in fondo a questo post.

Disponete le scatole ad una certa distanza. Fate scegliere al bambino la sua scatola di riferimento (quella rispetto alla quale svolgerà le azioni) ed invitatelo a di tirare uno dei dadi. In base a quello che uscirà, dovrà eseguire l’azione indicata.

Per esempio se sul dado compare la scritta “davanti”, dovrà mettersi davanti alla scatola; se invece c’è la scritta “dentro”, dovrà entrarci; con la scritta “tra” dovrà porsi tra le due scatole e cosi’ via

Si puo’ giocare anche in due o piu’ persone, basta avere a disposizione piu’ scatole.

Ho creato due tipi di dado: uno con solo scritte e uno anche con immagini per aiutare i bambini piu’ piccoli.

Qui trovate i dadi da stampare ed assemblare:

Altre idee prese in rete…

Non mi resta che augurarvi buon divertimento!

SCOPRI ANCHE…

Post di Paola Misesti

Continue Reading

Il domino e il memory dei verbi: congiuntivo e condizionale

Le coniugazioni dei verbi in italiano non sono facilissime da imparare. Avevo già creato per aiutare PF il domino dei verbi per l’indicativo. Oggi voglio condividere con voi le carte per il congiuntivo e il condizionale.

Le tessere sono divise in due parti: da una parte vi è il verbo coniugato, dall’altra la descrizione del verbo con tempo, modo e persona.

Le tessere possono essere usate sia per giocare a domino che per giocare a memory.

Come si gioca:

Domino. Le regole sono quelle del classico domino: le tessere devono essere posizionate in sequenza in modo che la descrizione deve corrispondere al verbo coniugato correttamente. Per esempio: se da una parte è indicato IL CONDIZIONALE PRESENTE DI MANGIARE PRIMA PERSONA SINGOLARE, la tessere successiva deve essere IO MANGEREI.

E’ possibile giocare da soli o in gruppo.

Da soli: mescolare le tessere e disporle l’una vicino all’altra finchè non sono terminate, seguendo la corretta sequenza.

In gruppo: dividere le tessere tra i vari partecipanti. Definito chi inizia, i partecipanti dovranno abbassare una tessera alla volta che si collega a quelle presenti sul tavolo di gioco. Se un giocatore non ha nulla da scartare, passa il turno. Vince chi finisce per primo le tessere.

Memory. Per giocare a memory è necessario tagliare le tessere in due: da una parte si avranno le carte con la descrizione e dall’altra il verbo coniugato. Disporre a questo punto le carte sul tavolo a faccia in giu’ e a turno voltarne due, cercando la corrispondenza tra descrizione e verbo coniugato. Se le carte girate si abbinano, il giocatore le prenderà e avrà diritto ad un’altra mossa, in caso contrario si passerà il turno all’avversario. Il gioco finisce quando finiscono le carte e vince chi ha piu’ carte abbinate. Naturalmente è possibile giocare anche da soli

SCOPRI ANCHE:

Post di Paola Misesti

Continue Reading

6 idee per… giocare con i semi

Quando era piccolo a PF piaceva un sacco giocare con semi. Facevamo travasi, disegni e li piantavamo in attesa di veder crescere qualcosa.

Ho cercato un po’ di idee in rete per tutti i bambini amanti dei semini…


  1. Giocare con le parole
  2. Coltivare piantine in casa
  3. Creare bellissimi medaglioni
  4. Imparare a contare
  5. Creare vasche sensoriali
  6. Realizzare bellissimi disegni

Tante altre idee creative le trovate nella mia pagina Pinterest dedicata alla natura

Qui trovate invece  tutte le idee prese in rete finora.

Buon divertimento!

Post di Paola Misesti

Continue Reading