Il gioco dell’oca per imparare l’alfabeto

Era già da un po’ che volevo raccontarvi di questo gioco, ma non avevo avuto molto tempo per assemblare le foto e scrivere il post e cosi’, con grosso ritardo, ve lo propongo ora, quasi all’inizio delle scuole.

E’ il classico gioco dell’oca con pedine e dadi che si muovono lungo un tracciato, con penitenze da fare e traguradi da raggiungere. Cos’ha allora di diverso? E’ un gioco pensato per imparare e dvertirsi con l’alfabeto.

Cosa  serve:

  • un pezzo di cartone rigido grande poco piu’ di un foglio A4
  • tempera verde
  • pastelli a cera: bianco, nero, rosso
  • penarello indelebile verde
  • adesivi con faccine
  • righello
  • lettere magnetiche
  • 1 dado a sei facce

Come ho costruito il tabellone di gioco:

Per prima cosa Piccolo Furfante ha colorato tutto il cartone rigido con della tempera verde: un lavoretto facile facile che è stato un pretesto per riprendere in mano colori e pennelli :-D

Una volta asciutto il cartone ho disegnato, usando il rughello, con il pastello a cera bianco il campo di gioco: un lungo serpentone.

Ho quindi tracciato con il penarello indelebile verde 25 caselle, alte circa 3,5 cm l’una. Usare il pennarello indelebile non è il massimo: la punta dopo un po’ si impregna della cera del  pastello bianco e fa fatoca a scrivere. Molto meglio usare un altro pastello a cera per tracciare le linee :-D

Le caselle sono 25:  21 per le lettere, 2 per le caselle in cui si perde un turno (adesivo con faccina triste), 1 casella in cui si va avanti di una casella (adesivo con faccina sorridente), 1 casella d’arrivo.

Sulle 21 caselle ho disegnato con il pastello a cera nero le 21 lettere dell’alfabeto. Ho poi disegnato ai lati di alcune caselle delle frecce rosse che signifcano “salta alla casella successiva” e delle frecce nere che significano invece “torna alla casella precedente”. In totale sono: 4 frecce rosse e 5 frecce nere.

Ecco le regole del gioco:

Si dispongono su ogni casella le lettere magnetiche corrispondenti alla lettera sulla casella. A turno i giocatori tirano il dado seguendo le istruzioni tracciate nel percorso: indietreggiano se trovano una freccia nera, si fermano un turno se arrivano sulle faccette tristi, avanzano se incontrano le frecce rosse…

Ogni volta che si sosta su una casella il giocatore si impossessa della lettera magnetica corrispondente, ma solo se dice una parola iniziante con quella lettera. Se non si dice o non è corretta, la lettera magnetica rimane al suo posto. Se la casella è vuota perchè un altro giocatore vi è già passato, il secondo giocatore non prende nulla.

Vince chi arriva per primo alla casella del traguardo, ma… e qui c’è un ma… deve riuscire a creare una parola con le sue e le lettere magnetiche degli avversari. Se non ci riesce,  non avrà vinto ed il compito spetterà a chi dopo di lui arriva sulla casella di arrivo.
A Piccolo Furfante piace un sacco questo gioco, soprattutto quando deve trovare una parola che inizia con la lettera della casella in cui è finito. Ha, pero’, ancora difficoltà a costruire parole autonomamente e per questo lo aiutiamo noi ;-)

Altre idee dalla rete per giocare con le lettere…

LEGGI ANCHE…

 

Related posts:

9 comments

  1. cogito ergo suo scrive:

    oh ma che bello! Mi sá che te lo rubo tutto … Mathilde ha giá scoperto le lettere e ci si stá appassionando rapidissimamente ……

    Senti, tu che sei la mia vera musa pedagogica, hai qualche giochino divertente da proprorre per l’etá prescolare con i numeri (addizioni) fino al 10?

  2. twins(bi)mamma scrive:

    brava hai sempre delle ottime idee..mi devo appuntare anche questa….baciotti

  3. paomise scrive:

    @Cogiro ergo suo
    Sui numeri ho qualcosa, ma da contare e non da addizionare :-)
    Vedo di inventarmi qualcosa, anche a PF piacciono e ultimamente siamo troppo concentrati sulle parole…

    @Twins
    Sono contenta ti sia piaciuto il nostro gioco

    baci baci

  4. uffa scrive:

    Ciao,
    a volte riesco a leggerti ma non a commentare.
    Sono ancora in giro per ospedali.
    Il gioco mi piace assai, ma mi sa che servirebbe anche a te per il tedesco.Almeno lo impari divertendoti.
    Prima o poi ritorno al mio blog, per adesso mi consola che almeno riesco ogni tanto a leggervi.
    Bacioni Uffa
    p.s.Ho una voglia dai tuoi post di vedere zurigo……

  5. Madrecreativa scrive:

    Che fantastica idea! Complimenti!

  6. paomise scrive:

    @Uffa
    Ciao cara,
    spero tutto bene :-D
    In effetti è un gioco utilissimo anche per il tedesco… mi sa che “di nascosto” ci giocheremo io e Papà Ema ;-)
    Sto preparando dei post su Zurigo… Abbi fede ;-)

    @Madrecreativa
    Grassssssie cara :-D

  7. vogliounamelablu scrive:

    belloooooo!

  8. gaia scrive:

    …ancora grazie per avermi regalo un bel momento con i miei bimbi, sei una grande fonte di suggerimenti semplici…

  9. mammozza scrive:

    Ciao Paola volevo dirti che ho citato e linkato sul blog questo post e l’altro sul gioco dell’oca da fare in pochi minuti.
    http://suegiuperlapianura.blogspot.com/2011/09/gioco-delloca-grandezza-naturale.html

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>