Il venerdi’ del libro: Il labirinto degli spiriti

Di Carlos Ruiz Zafon ho letto praticamente tutto: dal Principe della nebbia alla serie dei  “Il cimitero dei libri dimenticati”.

Pur non essendo il genere di libri che mi piace (troppo cupo per i miei gusti) rimango sempre affascinata dal suo modo di scrivere e dalla sua capacità di far rimanere il lettore incollata alle pagine.

Papà Ema, conoscendo bene i miei gusti, mi ha regalato per Natale il quarto libro della serie “dei libri dimenticati”: Il labirinto degli spiriti.

Un libro di piu’ di 800 pagine che prometteva di tirare le fila della storia che vede coinvolta la famiglia Sampere. Non sono rimasta delusa dalle aspettative: tutti i nodi vengono al pettine.

Sono rimasta incollata alle pagine dalla prima all’ultima, senza sapere  dove l’autore volesse portare me e i protagonisti della storia. Sono passata attraverso rocambolesche avventure, una guerra mondiale, amori impossibili, amicizie profonde e indicibili tragedie, il tutto infarcito di  colpi di scena e riflessioni sulla vita di non poco conto.

Avendo letto  molti anni fa i libri precedenti, avevo paura di non riuscire a raccapezzarmi, invece sono bastate poche pagine per essere nuovamente catapultata nella storia e nella vita del simpatico Fermin, della famiglia Sampere e nella cupa Barcellona degli anni ’50.

Un libro che vi consiglio, anche se non avete letto i precedenti, perchè l’autore, pur avendo creato una serie, in realtà ha realizzato quattro libri distinti che possono essere letti ognuno separatamente.

Il libro di questo Venerdi’ del libro è quindi:

Il labirinto degli spiriti – Carlos Ruiz Zafon

“Nulla che valga la pena in questa vita è facile, Daniel. Quando ero giovane pensavo che, per navigare nel mondo, bastasse imparare a far bene tre cose. Una: allacciarsi le scarpe. Due: spogliare coscienziosamente una donna. E tre: leggere per assaporare ogni giorno qualche pagina scritta con intelligenza e destrezza. Mi sembrava che un uomo ben piantato con i piedi per terra, capace di accarezzare e di imparare ad ascoltare la musica delle parole, vivesse di piu’ e soprattutto vivesse meglio…”

recensione il labirinto degli spiriti zafon

 

Vi auguro un buon weekend, aspettando con ansia i vostri preziosi suggerimenti!

Vi ricordo la nostra biblioteca “quelli del Venerdi’ del libro” su PINTEREST dove potrete archiviare e consultare i libri delle scorse settimane. (Qui trovate le istruzioni per farne parte). Giornalmente recuperero’ da questo archivio un libro che pubblichero’ sulla mia pagina Facebook!

Per semplificare l’accesso, ho creato una cartella qui a lato chiamata”Venerdi del libro” che rimanda direttamente alla nostra pagina. Piu’ facile di cosi’! Se qualcuno di voi, pur avendomi segnalato l’indirizzo, non fosse ancora stata invitata a Pinnare, me lo faccia sapere . A volte mi perdo in giro un po’ di pezzi. Scusate!

Chi vuole fare un tuffo nel passato invece, qui puo’ rileggere  tutti gli scorsi Venerdi’ del libro.

Vuoi partecipare al Venerdi’ del libro?

Ecco come fare:

Basta postare di venerdì – sul proprio blog o lasciare un commento su HomeMadeMamma – i libri che si vogliono suggerire ai lettori per il weekend. Possono essere uno o più, su qualsiasi argomento e per qualsiasi target.

Anche il modo in cui proporli è a discrezione dei partecipanti: mettere citazioni, raccontare aneddoti, fare semplicemente una lista, inserire foto…

Invito chi partecipa a lasciarmi un commento nell’articolo del giorno, in modo da poter inserire tutti i link dei partecipanti della settimana nel mio post.

Chi partecipa puo’ scegliere o meno di inserire i partecipanti della settimana nel proprio post.

Qui volesse puo’ archiviare i propri post anche sulla pagina Pinterest dedicata a questa iniziativa. Tutte le istruzioni per accedervi sono contenute qui.

Non ci sono banner da inserire, obblighi di sorta o email a cui rispondere . Si partecipa quando e come si vuole.

Lo scopo dell’iniziativa, infatti, rispecchia lo spirito con cui nasce HomeMadeMamma: far circolare informazioni utili e voglia di fare (in questo caso di leggere) in tutta libertà.

Vuoi essere dei nostri? Benvenuto! Come vedi partecipare è semplice!

Post di Paola Misesti

Continue Reading

“Chi sei?” un gioco per stimolare l’attenzione e la logica

gioco chi sei stimolare concentrazione e logica bambini homemademamma

A scuola di PF i giochi in scatola sono sempre stati molto utilizzati anche durante le lezioni. FORZA QUATTRO era uno dei piu’ gettonati e venivano dedicati quindici minuti al giorno, con tanto di torneo interno. Utilissimo per la concentrazione, ma anche per la logica. Molto usati anche i giochi di carte, tra cui il memory, ma anche gli scacchi o la dama e anche i quiz con tanto di campanello per prenotarsi!

Per le lezioni di lingua la fanno da padrone le carte e ancora oggi PF le usa per imparare nuovi vocaboli.

A casa noi abbiamo usato molto il gioco “INDOVINA CHI” che ci ha permesso di ampliare il nostro vocabolario in tedesco e stimolare la concentrazione e la logica.

Dato che questo gioco lo noleggiavamo in biblioteca, non sempre era disponibile, cosi’ ho deciso di realizzarlo io in casa. I vantaggi del mio gioco rispetto a quello originale sono la possibilità di calibrare la difficoltà e di giocarlo in piu’ di due persone.

La scelta del numero dei personaggi tra cui scegliere è arbitraria cosi’ come la difficoltà di riconoscimento: i giocatori possono decidere quante immagini utilizzare (per un massimo di 11) e se le differenze tra i vari personaggi debbano essere piu’ o meno evidenti.

Altra differenza è l’uso delle carte con le possibili domande da fare. Inizialmente infatti  PF aveva difficoltà a pensare alle domande da porre all’avversario: si limitava a chiedere se era un bambino o una bambina o se aveva i capelli neri o biondi.

Le carte danno la possibilità di concentrare l’attenzione su piu’ particolari e domandare quelli che sembrano piu’  significativi per individuare il nostro personaggio misterioso.

A questo gioco inoltre possono giocare piu’ di 2 giocatori: basta stampare piu’ volte il cartellone e le immagini con cui giocare.

Le regole del gioco sono identiche a quello classico. Sulla casella con il punto esclamativo si inserisce il proprio personaggio e su quelle libere le immagini che si è deciso di utilizzare ne gioco. Attenzione: le immagini tra cui scegliere devono essere uguali per tutti i giocatori in gioco, se no sarebbe impossibile individuare il personaggio misterioso!

Una variante è quella di utilizzare questo gioco per imparare ed esercitarsi in una lingua straniera: noi lo abbiamo usato per il tedesco!

Qui trovate il kit del gioco con il tabellone da montare, le immagini dei personaggi da ritagliare e le carte con le domande.

Non mi resta che auguravi buon divertimento e buona caccia al personaggio misterioso!

 

SCOPRI ANCHE…

Post di Paola Misesti

Continue Reading

Pensieri e parole: l’entusiasmo

aforismi e frasi celebri entusiasmo

L’anno scorso è stato un anno di rinascita, di nuovi progetti e formazione. A tenermi compagnia i miei post it della motivazione: un posti it al giorno per caricarmi di energia e positività.

Quest’anno ho deciso di non perdere questa buona abitudine ed invece dei post it ho creato “Il vasetto dei pensieri positivi” : tante frasi da infilare dentro un coloratissimo vasetto di ceramica creato da PF.

Per il mese di gennaio ho raccolto 24 frasi sul tema ENTUSIASMO. La parola chiave che ho scelto per il mio 2017 e che usero’ come suggerito dalla bravissima Gioia Gottini.

Il formato dei bigliettini non sarà il consueto post it che conoscete, bensi’ una dimensione piu’ ridotta:  il mio vasetto non è proprio grande.

Io li uso in questo modo: ho stampato miei foglietti, li ho piagati in due e li ho infilati tutti dentro il mio “vasetto dei pensieri positivi”. Ogni giorno ne estraggo uno a sorte e mi faccio ispirare dalla frase che contiene. Una volta letto non ripongo di nuovo il biglietto nel vaso, ma lo infilo in un libro, un quaderno, un giornale, un cassetto, la mia agenda in modo che me lo ritrovero’ davanti e avro’ occasione di farmi ispirare una, due, mille volte.

Qui trovate il file da stampare con i 24 bigliettini da ritagliare sull’ENTUSIASMO.

Qui trovate tutti i block notes tematici realizzati finora: sulla creatività, sui desideri, sulla felicità, l’amicizia, la gratitudine, l’autostima, la gentilezza, la consapevolezza, sui progetti…

Non  mi resta che augurarvi un 2017 di crescita, pieno di soddisfazioni, pensieri positivi e naturalmente entusiasmo!

LEGGI ANCHE…

Post di Paola Misesti

Continue Reading

6 idee prese in rete per… dido’ fai da te

Nel tempo io e PF abbiamo provato un sacco di dido’ fatti in casa. Lui da piccolo li chiamava “mischio” perchè gli piaceva l’idea di aggiungere un sacco di ingredienti e mischiandoli insieme ottenere una pasta morbida con cui giocare.

Ho raccolto qui un po’ di ricette di paste fai da te che abbiamo provato e usato con grande soddisfazione. Hanno tutte due caratteristiche: gli ingredienti sono facili da reperire e realizzarle è semplice e veloce:

6-ricette-dido-fai-da-te-facili-e-veloci

  1. pasta di mais
  2. pasta modellabile al dentifricio
  3. pasta da modellare al detersivo per piatti
  4. pasta di sale fatta in casa
  5. la bianchissima pasta al bicarbonato
  6. sabbia cinetica fai da te

 

Tante altre idee le trovate nella mia pagina Pinterest dedicata alle attività sui sensi !

Qui invece  tutte le idee prese in rete finora!

Post di Paola Misesti

Continue Reading

Venerdi’ del libro: La morbidezza degli spigoli

Per questo “Venerdi’ del libro” vi presento un romanzo non facile, ma che ho divorato in pochi giorni.

La trama è semplice, ma non per questo banale: è la storia di un padre e un figlio autistico che non riescono a relazionarsi, di un marito e una moglie che si allontanano proprio a causa di questa difficoltà, di una faticosa rinascita, di paure che si fa fatica ad affrontare e di delusioni  che hanno sete di rivincita.

Un libro complesso, non sempre piacevole, con personaggi che non si fanno amare, che commettono errori su errori, ma proprio per questo un libro che sa di realtà.

L’autore spiega in una nota come il libro sia nato dalla sua esperienza con il figlio autistico e come molte delle situazioni raccontate siano frutto del suo vissuto.

Un libro forte, che tocca il cuore e che consiglio a tutti!

La morbidezza degli spigoli – Keith Stuart

La vita è un’avventura, non una passeggiata. Per questo è difficile… perchè la vita è straordinaria e ha un significato e il significato ha un prezzo.

Bisogna essere pazienti, preparati e forti.

recensione la morbidezza degli spigoli Stuart

 

Vi auguro un buon weekend e aspetto i vostri preziosi suggerimenti! Eccoli:

Vi ricordo la nostra biblioteca “quelli del Venerdi’ del libro” su PINTEREST dove potrete archiviare e consultare i libri delle scorse settimane. (Qui trovate le istruzioni per farne parte). Giornalmente recuperero’ da questo archivio un libro che pubblichero’ sulla mia pagina Facebook!

Per semplificare l’accesso, ho creato una cartella qui a lato chiamata”Venerdi del libro” che rimanda direttamente alla nostra pagina. Piu’ facile di cosi’! Se qualcuno di voi, pur avendomi segnalato l’indirizzo, non fosse ancora stata invitata a Pinnare, me lo faccia sapere . A volte mi perdo in giro un po’ di pezzi. Scusate!

Chi vuole fare un tuffo nel passato invece, qui puo’ rileggere  tutti gli scorsi Venerdi’ del libro.

Vuoi partecipare al Venerdi’ del libro?

Ecco come fare:

Basta postare di venerdì – sul proprio blog o lasciare un commento su HomeMadeMamma – i libri che si vogliono suggerire ai lettori per il weekend. Possono essere uno o più, su qualsiasi argomento e per qualsiasi target.

Anche il modo in cui proporli è a discrezione dei partecipanti: mettere citazioni, raccontare aneddoti, fare semplicemente una lista, inserire foto…

Invito chi partecipa a lasciarmi un commento nell’articolo del giorno, in modo da poter inserire tutti i link dei partecipanti della settimana nel mio post.

Chi partecipa puo’ scegliere o meno di inserire i partecipanti della settimana nel proprio post.

Qui volesse puo’ archiviare i propri post anche sulla pagina Pinterest dedicata a questa iniziativa. Tutte le istruzioni per accedervi sono contenute qui.

Non ci sono banner da inserire, obblighi di sorta o email a cui rispondere . Si partecipa quando e come si vuole.

Lo scopo dell’iniziativa, infatti, rispecchia lo spirito con cui nasce HomeMadeMamma: far circolare informazioni utili e voglia di fare (in questo caso di leggere) in tutta libertà.

Vuoi essere dei nostri? Benvenuto! Come vedi partecipare è semplice!

Post di Paola Misesti

 

 

 

Continue Reading

Agenda 2017 per i piu’ piccoli: gennaio

diario gennaio 2017 bambini piccoli da stampare

Dopo il diario di gennaio per i piu’ grandi, oggi voglio condividere con voi il diario per i piu’ piccini che tanto successo ha avuto l’anno scorso.

Le pagine sono rimaste quasi uguali con spazi per segnare il giorno della settimana, la stagione, l’umore e il tempo e tanti spazi vuoti per disegnare e scrivere . In questa agenda pero’ si trovano anche piccoli disegni da colorare: pupazzi di neve, casette invernali e bambini che giocano. Insomma un modo divertente per personalizzare ulteriormente l’agenda!

Alla fine del diario c’è anche un calendario, dove poter segnare l’andamento delle giornate o semplicemente una X per prendere nota dello scorrere dei giorni.

L’agenda diventa cosi’ un modo per imparare tante cose: i numeri, le stagioni, il tempo metereologico e, non ultimo, diventa un ricordo da tenere sempre con sè.

Qui trovate i file da stampare insieme alla istruzioni per assemblare il diario:

Non mi resta che augurarvi buon divertimento e buon gennaio!!

SCOPRI ANCHE…

Post di Paola Misesti

Continue Reading

Diario fai da te per la scuola primaria: gennaio 2017

agenda bambini gennaio 2017  da stampare

Gennaio è iniziato con tanti impegni e molti contrattempi e cosi’ che con un ritardo da far paura pubblico oggi il diario del mese di gennaio pensato per i bambini della scuola primaria.

Ogni giorno ha un colore diverso ed è possibile segnare i compiti, ma anche le materie, le attività programmate per la giornata o semplicemente disegnare. Dimenticare qualcosa  diventa  davvero difficile e devo dire che funziona davvero benissimo!

Nel diario ci sono spazi per:

  • la data: giorno, mese, anno
  • disegni per segnare il tempo atmosferico
  • disegni per indicare la stagione
  • disegni per segnare l’umore della giornata
  • un calendario settimanale dove segnare le materie della giornata:  un colore diverso per ogni giorno della settimana
  • uno spazio per scrivere i compiti o appunti
  • un calendario del mese con i giorni settimanali colorati come il calendario giornaliero
  • una tabella per segnare le materie in base ai giorni della settimana e all’orario (i giorni sono colorati riprendendo i colori del calendario e delle singole pagine del diario)
  • una tabella dove segnare le cose da ricordare (attività, compleanni, appuntamenti)

Nei file qui sotto trovate il diario da stampare e le istruzioni per assemblarlo:

Buon divertimento!

SCOPRI ANCHE:

Post di Paola Misesti

Continue Reading

L’inverno: il libro filastrocca da colorare

libro inverno filastrocche da colorare homemademamma

Ad ottobre avevo creato il libro dell’autunno con tante filastrocche  e disegni da colorare.Era andato a ruba!

Ho deciso allora di realizzarne uno anche per l’inverno.

Il libro, a forma di pupazzo di neve, è composto da 8 pagine in cui si parla della frutta  e della verdura di stagione, del Carnevale, della frutta secca, ma anche di neve, di alberi e di animali che vanno in letargo. Ogni pagina contiene un argomento con la sua filastrocca e tanti disegni da colorare.

Realizzare il libro è molto semplice:

Stampate il file, che trovate qui sotto, e ritagliate le pagine del libro seguendone il perimetro. Vi troverete con 8 pagine con disegni e testo, una copertina ed una pagina finale.

Incollate le pagine fra loro nella parte alta, dov’è presente una linea tratteggiata.  L’ultima pagina è in bianco e i bambini potranno decorarla come meglio credono, lasciando libera la loro fantasia.

I testi sono scritti in corsivo e sono tutti in rima.

Qui trovate il libro da stampare, assemblare e colorare!

Altre idee prese in rete:

SCOPRI ANCHE…

Post di Paola Misesti

Continue Reading

Venerdi’ del libro: Il senso di una fine

Innanzitutto buona Befana a tutti! Dato che cade di venerdi’, giorno della rubrica de “Il venerdi’ del libro”, sono stata in dubbio se fare o meno la mia recensione, ma visto che di libri di cui parlarvi ne ho parecchi, era un’occasione che non potevo perdere.

In queste vacanze natalizie ho fatto infatti scorpacciata di libri: molti prestatemi, alcuni comprati ed altri regalati.

Tra quelli prestatemi c’è “Il senso di una fine”: libro che ha suscitato in casa P. un bel dibattito dibattito tra me e Papà Ema.

Il libro nasce da una riflessione molto affasciante: un evento che per noi non è particolarmente importante, puo’ innescare una serie di conseguenze capaci di cambiare la vita di altre persone.

Un giorno il nostro protagonista incontra una ragazza, se ne innamora e la presenta al suo gruppo di amici. Dopo qualche tempo la storia finisce. Quali ripercussioni pero’ avrà questo incontro e questa relazione sulla vita delle persone coinvolte anche marginalmente?

Il libro mi ha incuriosito subito: la trama mi stuzzicava e volevo capire quali sarebbero state le conclusioni dell’autore. Il ritmo è abbastanza veloce, malgrado la storia  del protagonista parta dalla sua adolescenza per arrivare alla vecchiaia. La lettura non è  nè noiosa nè troppo pesante.

A che conclusioni giunge l’autore? Puo’ un evento di poco conto avere conseguenze rilavanti? Il lettore lo scopre poco alla volta, con dei colpi di scena che si trovano proprio nelle ultime pagine.

Un libro quindi con ottime premesse, veloce da leggere, ma che purtroppo non mi è piaciuto.

I personaggi mi sono risultati tutti odiosi, anche quelli secondari: il protagonista che tende a colpevolizzarsi per ogni cosa, la ragazza manipolatrice, l’amico intelligente ed arrogante, gli amici che vogliono darsi un tono, la madre di lei bisognosa di attenzione ed affetto, il padre equivoco, il fratello…

Un libro che vi consiglio perchè ha avuto il merito di aver innescato un bel dibattito con Papà Ema, al quale naturalmente è piaciuto.

Il libro di oggi è quindi…

Il senso di una fine – Julian Barnes

Ho osservato la catena delle responabilità. Ho riconosciuto la mia iniziale. Ho ricordato che nella mia odiosa lettera incoraggiavo Adrian a rivolgersi alla madre di Veronica. Sono tornato sulle parole che mi avrebbero ossessionato per sempre. Come quella frase incompleta di Adrian: “Dunque, ad esempio, se Tony…” Sapevo che, ormai, non avrei potuto cambiare nè riparare piu’ nulla.

Il senso di una fine recensione venerdi' del libro

Ecco i  post per questo Venerdi’ del libro festivo, con un riepilogo dei libri letti nel 2016 e sfide libresche per il 2017 :

Vi auguro ancora buona BEFANA e naturalmente buon weekend!

Vi ricordo la nostra biblioteca “quelli del Venerdi’ del libro” su PINTEREST dove potrete archiviare e consultare i libri delle scorse settimane. (Qui trovate le istruzioni per farne parte). Giornalmente recuperero’ da questo archivio un libro che pubblichero’ sulla mia pagina Facebook!

Per semplificare l’accesso, ho creato una cartella qui a lato chiamata”Venerdi del libro” che rimanda direttamente alla nostra pagina. Piu’ facile di cosi’! Se qualcuno di voi, pur avendomi segnalato l’indirizzo, non fosse ancora stata invitata a Pinnare, me lo faccia sapere . A volte mi perdo in giro un po’ di pezzi. Scusate!

Chi vuole fare un tuffo nel passato invece, qui puo’ rileggere  tutti gli scorsi Venerdi’ del libro.

Vuoi partecipare al Venerdi’ del libro?

Ecco come fare:

Basta postare di venerdì – sul proprio blog o lasciare un commento su HomeMadeMamma – i libri che si vogliono suggerire ai lettori per il weekend. Possono essere uno o più, su qualsiasi argomento e per qualsiasi target.

Anche il modo in cui proporli è a discrezione dei partecipanti: mettere citazioni, raccontare aneddoti, fare semplicemente una lista, inserire foto…

Invito chi partecipa a lasciarmi un commento nell’articolo del giorno, in modo da poter inserire tutti i link dei partecipanti della settimana nel mio post.

Chi partecipa puo’ scegliere o meno di inserire i partecipanti della settimana nel proprio post.

Qui volesse puo’ archiviare i propri post anche sulla pagina Pinterest dedicata a questa iniziativa. Tutte le istruzioni per accedervi sono contenute qui.

Non ci sono banner da inserire, obblighi di sorta o email a cui rispondere . Si partecipa quando e come si vuole.

Lo scopo dell’iniziativa, infatti, rispecchia lo spirito con cui nasce HomeMadeMamma: far circolare informazioni utili e voglia di fare (in questo caso di leggere) in tutta libertà.

Vuoi essere dei nostri? Benvenuto! Come vedi partecipare è semplice!

Post di Paola Misesti

Continue Reading

Mini calendario e mini planner per il 2017

calendario e planner agenda 2017 da stampare

Chi mi conosce di persona, conosce anche la mia fissa: i calendari, i planner e i quaderni degli appunti.

Per esempio adesso, proprio in questo momento, sto usando un calendario annuale, la mia agenda ad anelli, un  planner giornaliero ed uno settimanale, un quaderno per gli appunti ed un’agendina tascabile per prendere annotazioni al volo. Sono una grafomane: scrivere mi rilassa e stimola la mia creatività.  Cosi’ mi circondo di planner e quaderni: piu’ sono meglio è!

Se la scelta del calendario non mi impegna piu’ di tanto (un calendario annuale da muro, senza troppi fronzoli, è facile da reperire) la scelta dell’agenda non è mai stata facile. Quando lavoravo in Italia come pedagogista ero comoda con le QUO VADIS, che trovavo  pratiche con la loro suddivisione oraria delle giornate. Una volta arrivata qui in Svizzera le ho abbandonate per piu’ comode agende tascabili, sempre coloratissime.

Avendo ripreso il lavoro a scuola ho avuto bisogno di un’agenda nuovamente  pratica ed ho optato per una classica agenda ad anelli, di piccole dimensioni in modo da poterla portare in borsa senza problemi. Pur adorando questo tipo di agenda, non mi offriva spazio alla mia voglia di organizzazione e di scrittura. Ecco il perchè dei vari planner e quaderni degli appunti nonchè dei vari post it giornalieri.

Quest’anno ho voluto essere previdente e non trovando in rete un planner che mi soddisfacesse, ho deciso di realizzarlo io stessa: ho realizzato dei mini planner e dei mini calendari che posso utilizzare all’interno della mia ganeda ad anelli o piazzarli in giro, in punti strategici.

Oggi voglio condividere con voi: magari possono esservi utili come lo sono a me.

Cliccando i link sotto potrete stampare:

  • il mini calendario 2017. Ogni mese è della grandezza di un post it in modo che potrete comodamente infilarlo nella vostra agenda o tenerlo a portata di mano.
  • i mini planner, sempre della grandezza di un post it, in cui potrete segnare la vostra lista di cose da fare, da comprare o le idee che vi vengono nonchè l’acqua che bevete giornalmente (un problema per me che bevo sempre molto poco!).

Non mi resta che augurarvi un buon 2017!!

A proposito di pianificazione: che tipo agenda utilizzate? Con quale vi trovate bene? Fatemelo. Chissà che non abbandoni la mia agenda ad anelli!

SCOPRI ANCHE…

Post di Paola Misesti

Continue Reading