Apprendere attraverso il gioco: Inventastorie dei piccoli

La creatività di un bambino si esprime in tante piccole attività quotidiane: un foglio scarabocchiato, due legnetti incollati insieme, una storia inventata, una scultura di plastilina o una futuristica macchina fatta di mattoncini colorati.

I bambini sono creativi di natura e sta a noi adulti stimolarli affinché non perdano crescendo il desiderio di creare e di esprimersi in libertà.

“Apprendere attraverso il gioco” è una rubrica dove raccolgo tutti quei giochi che per le loro caratteristiche promuovono, stimolano e facilitano l’apprendimento e che ritengo particolarmente validi.

Oggi voglio presentarvene uno magnifico dell‘HEADU, pensato per allenare la creatività e l’immaginazione dei bambini: l’Inventastorie dei piccoli.

E’ un gioco pensato per i bimbi tra i 3 e i 6 anni, ma lo trovo perfetto anche per quelli più grandi, per i bambini stranieri che stanno imparando o migliorando l’italiano o per bimbi con bisogni educativi speciali.

LO TROVO UTILE PERCHÈ…

  • stimola la fantasia attraverso il gioco;
  • allena i bambini a fare descrizioni e a raccontare storie;
  • li esercita ad imbastire un racconto che abbia un senso e un filo logico;
  • amplia il loro vocabolario;
  • li avvicina alle emozioni, dovendo immedesimarsi in quelle dei personaggi;
  • insegna a gestire il tempo a disposizione;
  • esercita la logica e l’attenzione, dovendo sia ricomporre immagini sia inventare le sequenze della storia;
  • allena la manualità, ricostruendo puzzle e muovendo i personaggi all’interno di fondali ed ambientazioni.

DA COSA È COMPOSTO.

Il gioco è formato da 6 puzzle che rappresentano dei magnifici fondali, ricchi di dettagli, in cui ambientare le storie. 20 personaggi e 9 oggetti sagomati di cartone.

Inventastorie headu gioco per bimbi inventare storie piccoli

COME SI GIOCA.

Le attività possono essere diverse, anche in base all’età e le competenze dei bimbi. Quella principale consiste, una volta ricostruiti i puzzle, dividere tra i partecipanti gli scenari e i personaggi e in base alle loro caratteristiche – contenute nelle istruzioni – imbastire una storia.

QUESTO GIOCO MI PIACE PERCHÈ

  • Le tessere dei puzzle così come i personaggi sono grandi e rigidi, facilmente maneggiabili anche da manine piccole.
Inventastorie headu gioco per bambini inventare storie piccoli creatività e fantasia
  • I fondali sono coloratissimi, accattivanti e molto particolareggiati.
Inventastorie headu gioco per bambini inventare racconti piccoli creatività e fantasia allenarsi a raccontare puzzle
  • I personaggi attirano subito l’attenzione e le caratteristiche riportate nelle istruzioni non sono per nulla scontate ed ovvie. Troverete per esempio un cagnolino con poteri inaspettati e fatine che soffrono di amnesie.
Inventastorie headu gioco per bambini inventare racconti piccoli creatività e fantasia allenarsi a raccontare
  • Il gioco è adatto sia a bimbi più piccoli che a quelli più grandi.

VARIANTI DI GIOCO

Una delle caratteristiche che preferisco dei giochi  HEADU è quella di essere molto versatili , perché gli elementi che li compongono sono studiati attentamente e possono essere riproposti tenendo anche conto dell’età, delle particolarità e delle caratteristiche dei bambini.

COME L’HO USATO IO!

Oltre alla versione classica, ho riproposto il gioco in 3 diverse modalità:

 1) UNA SFIDA DI VELOCITÀ per allenarsi nelle descrizioni: Mischiate i vari pezzi del puzzle e ogni squadra ( ma si può fare anche se ci sono pochi bambini) deve ricostruirne uno in un determinato tempo, pattuito prima. I giocatori devono fare attenzione a non costruire il puzzle di un avversario, se no dovranno abbandonare il gioco. Una volta ricomposti i fondali, ogni squadra deve descrivere il suo molto attentamente. Vince (o vincono) chi riesce a ricostruire le ambientazioni rispettando il tempo e a descriverle.

nventastorie headu gioco per bimbi inventare storie piccoli creatività e fantasia

2) TROVA L’OGGETTO per allenare l’attenzione e esercitare i bambini stranieri nella comprensione: Mischiate i vari pezzi del puzzle e fateli ricostruire ai bambini (in base al numero dai bambini o alla loro età o livello linguistico potete sceglierne solo alcuni). Ricostruendoli i bimbi possono prestare attenzione ai particolari di ogni fondale. A questo punto nominate un oggetto o un particolare che è contenuto in uno dei puzzle. Il bambino che lo trova per primo acquisisce un punto. Vince chi guadagna più punti. Si può naturalmente giocare anche a squadre.

Inventastorie headu gioco per bambini inventare racconti piccoli creatività e fantasia

3) STORIA A PIÙ MANI, un gioco cooperativo per allenarsi a raccontare: Mischiate i vari pezzi del puzzle e fateli ricostruire ai bambini (in base al numero dai bambini o alla loro età o livello linguistico potete sceglierne solo alcuni). Disponete le sagome dei personaggi e degli oggetti sul piano di gioco. A turno i bambini iniziano a raccontare un pezzo di una storia, scegliendo di volta in volta una delle sagome, ma senza utilizzare i suggerimenti contenuti nelle istruzioni. La storia deve avare una logica, una corretta sequenza temporale, un’inizio e una fine.

Inventastorie headu gioco per bimbi inventare storie piccoli creatività

Queste sono solo alcune delle possibilità attività che si possono fare utilizzando questo gioco e per aver permesso così ai miei bambini di giocare con la loro fantasia.

Ringrazio la HEADU per avermelo inviato e per aver permesso così ai miei bambini di giocare con la loro fantasia.

Per saperne di più su questo ed altri giochi ed eventualmente acquistarli, vi rimando al ricchissimo sito diHEADU dove troverete anche molte informazioni sulla loro mission e il loro metodo “Lifelong Playing Headu” volto a promuovere, stimolare e mobilitare le intelligenze multiple dei bambini attraverso il gioco, con dispositivi didattici divertenti e orientati alla formazione di competenze essenziali o utili ad allenare in modo spontaneo e non forzato una capacità di apprendimento permanente.

Post di Paola Misesti

Continue Reading

Il memory dell’inverno

 

memory inverno da stampare

Trovo il memory un gioco molto divertente e allo stesso tempo molto utile per allenare la memoria, la concentrazione e la pazienza.

Ho creato un memory d’inverno speciale perché tutto da colorare. I bambini si possono così divertire a personalizzarlo come più gli piace.

Le regole sono quelle del classico memory: girate le carte a faccia sotto e a turno voltatene due alla volta per trovare quelle uguali. Se non riuscite ad abbinarle al primo colpo, dovete passare la mano al vostro avversario. Vince chi ha raccolto più carte!

Realizzarlo è molto semplice: basta stampare i fogli che trovate più sotto e ritagliate le carte.

Ecco i file da stampare con le 40 carte:

SCOPRI ANCHE..

Post di Paola Misesti

Continue Reading

Apprendere attraverso il gioco: il Laboratorio di scrittura Montessori

Spesso ci si domanda come insegnare a leggere e a scrivere ai bambini. Di metodi ce ne sono parecchi, quello che preferisco e trovo più efficace è quello svolto attraverso il gioco.

Non è sempre facile trovare giochi che siano accattivanti, divertenti e maneggiabili per i bambini piccoli e allo stesso tempo validi didatticamente.

“Apprendere attraverso il gioco” è una rubrica dove raccolgo tutti quei giochi che per le loro caratteristiche promuovono, stimolano e facilitano l’apprendimento e che ritengo particolarmente validi.

Oggi voglio presentarvene uno magnifico dell‘HEADU, pensato per avvicinare i bambini alla scrittura e alla lettura: il Laboratorio di scrittura Montessori.

E’ un gioco per i bimbi tra i 3 e i 6 anni, ma lo trovo utile anche per i bambini stranieri che stanno imparando l’italiano o per bambini con bisogni educativi speciali che hanno bisogno di materiale facilitato.

IL GIOCO LO TROVO UTILE PERCHÈ…

  • permette di approcciarsi alle parole a piccoli passi ;
  • fa in modo che il bambino si avvicini alla scrittura utilizzando varie modalità e quindi la forma a lui più congeniale: la vista, il tatto, la manualità;
  • amplia il suo vocabolario;
  • insegna che esistono parole di diversa lunghezza;
  • insegna a gestire un piccolo spazio, la scheda gioco;
  • esercita la logica e l’attenzione, dovendo ricomporre immagini ed inserendo lettere nel giusto ordine;
  • allena la manualità, ricostruendo puzzle, inserendo le lettere in piccoli spazi e scrivendo.

DA COSA È COMPOSTO.

Il gioco è formato da 3 tabelloni a forma di casetta. La loro grandezza dipende dalla lunghezza delle parole: composte da 3, 4 o 5 lettere.

Ogni casetta è divisa in tre parti: uno spazio dove inserire i puzzle o una lavagnetta, delle caselle dove appoggiare le lettere e un’area quadrettata dove scrivere con un pennarello cancellabile.

Vi sono 18 puzzle di grandezza diversa in cui vi è un’immagine e la parola corrispondente. Vi sono poi più di 70 letterine, 3 lavagnette e un pennarello cancellabile.

COME SI GIOCA

Le attività possono davvero essere molte.

Fondamentalmente i bambini devono ricomporre un puzzle inserendolo in una delle tre casette, in base alla lunghezza della parola. Riscrivere la parola utilizzando le letterine e infine scriverla nello spazio quadrettato usando il pennarello .

Queste tre attività possono essere proposte in varie fasi: inizialmente presentando pochi puzzle e chiedendo al bambino di ricostruirli e riconoscere il nome dell’oggetto o dell’animale sopra rappresentato. Man mano che il bambino prende confidenza con l’attività, si può aumentare il numero dei puzzle.

Successivamente gli si puo’ far scegliere 3 puzzle di varie grandezze e dopo averli inseriti nella giusta casetta, si può chiedergli di trovare le lettere che compongono le parole ed inserirle negli appositi spazi.

Da ultimo i bambini possono divertirsi a scrivere i diversi nomi usando il pennarello.

Invece di usare i puzzle è possibile usare le lavagnette, scrivendo una parola che i bambini dovranno poi ricopiare usando le carte e la scrittura.

QUESTO GIOCO MI PIACE PERCHÈ

Le lettere sono grandi e rigide, facilmente maneggiabili anche da manine piccole.

I puzzle sono grandi e molto colorati, hanno immagini belle ed accattivanti.

Il gioco è adatto sia a bimbi più piccoli che a quelli più grandi.

VARIANTI DI GIOCO

Una delle caratteristiche che preferisco dei giochi  HEADU è quella di essere molto versatili , perché gli elementi che li compongono sono studiati attentamente e possono essere riproposti tenendo anche conto dell’età, delle particolarità e delle caratteristiche dei bambini.

. 1) LA SFIDA DEI PUZZLE: I puzzle si posso proporre come un gioco di sfida tra 2 giocatori o tra squadre. Una volta terminati, i giocatori dovranno leggere le parole dei propri puzzle. Chi riuscirà a ricomporli correttamente e nel minor tempo possibile avrà vinto.

I puzzle sono molto utili perchè…

  1. allenano a pensare in sequenze: cosa viene prima, cosa dopo…
  2. esercitano a notare le differenze e le somiglianze: la forma, il colore, la grandezza…
  3. stimolano l’organizzare dell’azione da svolgere: prima trovare i pezzi di un colore, poi quelli con una determinata immagine o lettera…
  4. allenano l’attenzione e la concentrazione

. 2) IL GIOCO DELLE INIZIALI: Questa attività permette ai bambini di esercitarsi a riconoscere le iniziali delle parole. Si consegnano un tot numero di puzzle senza la lettera iniziale. Una volta ricostruiti i bimbi dovranno nominare la lettera mancante e controlleranno la risposta grazie proprio alla tessera che manca.

Inizialmente si può proporre un’attività più semplice: costruite voi un puzzle e scrivete la parola con le carte delle lettere, omettendo pero’ l’iniziale. A questo punto chiedete di dire e scegliere tra le carte la lettera mancante.

. 3) PAROLE A TEMPO: Si possono usare le lettere per creare nuove parole che non sono contenute nei puzzle. Si distribuiscono tutte le lettere su un tavolo e si chiede ai bambini, in un tempo prestabilito, di formare più parole possibili. Si può proporre come un gioco cooperativo – dove tutto il gruppo vince se riesce a comporre un tot numero di parole – oppure come un normale gioco in cui vince chi forma più parole.

.3) LA PAROLA MISTERIOSA: Un’altra variante è per i bimbi che hanno già dimestichezza con le lettere e le parole. L’adulto scriverà su una delle lavagnette una parola, ma senza farla vedere. La nominerà e i bimbi, utilizzando o i puzzle o le carte delle lettere, dovranno scriverla. Una volta che tutti avranno scritto la loro parola si mostrerà la lavagna e i bimbi potranno controllare la risposta.

Ringrazio la HEADU per avermi inviato questo splendido gioco.

Per saperne di più su questo ed altri giochi ed eventualmente acquistarli, vi rimando al ricchissimo sito di HEADU dove troverete anche molte informazioni sulla loro mission e il loro metodo “Lifelong Playing Headu” volto a promuovere, stimolare e mobilitare le intelligenze multiple dei bambini attraverso il gioco, con dispositivi didattici divertenti e orientati alla formazione di competenze essenziali o utili ad allenare in modo spontaneo e non forzato una capacità di apprendimento permanente.

Post di Paola Misesti

Continue Reading

Apprendere attraverso il gioco: La grande tombola degli animali

Da insegnante e mamma sono sempre in cerca di giochi didattici divertenti, capaci di catturare l’interesse dei bambini, versatili ed adattabili a diverse fasce d’età.

Ho deciso di creare una nuova rubrica “Apprendere attraverso il gioco” dove raccogliere tutti quei giochi che per le loro caratteristiche promuovono, stimolano e facilitano l’apprendimento.

Ho sempre usato i giochi Headu proprio perché soddisfano tutte queste caratteristiche. Quando mi hanno proposto di collaborare con loro ne sono stata quindi entusiasta.

Oggi voglio presentarvi un loro magnifico gioco per avvicinare i bimbi alla natura e scoprire il mondo degli animali: la grande tombola degli animali.

Tutti gli animali presenti nelle carte da gioco, circa 140 specie, sono classificati per ambiente, classe, riproduzione, alimentazione e respirazione. I bambini, semplicemente giocando, scoprono ed imparano tantissime cose su di loro.

Questo gioco è pensato per bambini dai 4 ai 10 anni.

E’ perfetto sia per casa che per scuola, permette di approfondire contenuti ed argomenti e rispondere alle tante domande e curiosità dei bambini.

Lo trovo inoltre utile

  • per stimolare l’attenzione,
  • per imparare a discriminare le differenze e concentrarsi sui particolari,
  • per allenarsi a classificare ed abbinare elementi,
  • per imparare a gestire lo spazio (delle singole cartelle),
  • e per i bimbi più piccoli è perfetto per allenare la manualità e la precisione, dovendo inserire nei giusti spazi le carte da gioco

COME SI GIOCA

Innanzitutto si mischiano le carte che sono di due tipi: con immagini di animali e carte quiz. Si posizionano sul tabellone di gioco a faccia in giù, in modo che siano nascoste alla vista.

Si distribuisce quindi tra i giocatori la stessa quantità di cartelle che rappresentano i diversi ambienti naturali. Su ognuna si trova l’ombra dell’animale che è presente sulla carta corrispondente.

A questo punto si può iniziare a giocare. A turno si pesca una carta dal tabellone. Se l’animale è presente su uno dei propri cartelloni, lo si posiziona, se no lo si rimette su uno dei tanti mazzi del tabellone e si passa il turno all’avversario.

Come abbiamo già detto oltre alle carte con le immagini animali ci sono anche le carte quiz a due livelli di difficoltà: verde e rosso. Queste possono uscire in sorte invece delle carte degli animali.

Se la carta quiz è verde il giocatore alla destra di chi ha pescato la carta gli deve porre una domanda, chiedendogli o come si chiama l’animale o una delle 4 caratteristiche che lo distinguono (la classe, il tipo di respirazione, di alimentazione o di riproduzione). Le risposte a tutte queste domande si trovano nelle carte riassuntive dei diversi ambienti naturali.

Se viene pescata la carta quiz rossa il giocatore che pone la domanda può inventarla a piacere, ma sempre utilizzando le informazioni e le curiosità contenute nelle carte riassuntive.

Vince il gioco chi per primo completa le proprie cartelle.

Trovate le istruzioni e un video esplicativo qui .

QUESTO GIOCO MI PIACE PERCHÈ…

Le immagini sono splendide e le carte sono perfette per essere maneggiate anche da manine piccole.

L’idea di utilizzare le ombre sui cartelloni invece che immagini o parole è utile non solo perché permette anche ai bimbi più piccoli di poter giocare, ma anche li stimola a porre attenzione ai particolari, favorendo l’attività di associazione.

Le informazioni contenute nelle carte riassuntive stuzzicano la curiosità di grandi e piccini.

Usare simboli di colori diversi per rappresentare le 4 caratteristiche delle diverse specie favorisce e facilita la classificazione.

Inoltre trovo questo gioco perfetto da proporre anche a scuola, in questo caso la classe può essere divisa in squadre e i concorrenti possono consultarsi ed aiutarsi per rispondere alle domande.

VARIANTI DI GIOCO

Una delle caratteristiche che preferisco dei giochi Headu è quella di essere molto versatili , perché gli elementi che li compongono sono studiati attentamente e possono essere riproposti tenendo conto delle particolarità e delle caratteristiche dei bambini.

Questo gioco, già splendido, può essere rivisitato in vari modi.

Io ne ho progettati 4, pensando ai bambini con cui lavoro.

  1. IL GIOCO DELLE OMBRE per i bimbi più piccoli (dai 4 anni).

Questo tipo di attività permette di allenare i bambini a confrontare, discriminare ed abbinare l’immagine contenuta nelle carte con l’ombra presente nelle cartelle. Ricordiamo che la discriminazione è uno dei prerequisiti per l’apprendimento della lettura e della scrittura.

Scegliete una cartella-ambiente e disponete le carte degli animali corrispondenti intorno ad essa. Chiedete ora al bambino di posizionare correttamente le carte. Man mano che prenderà dimestichezza con l’attività, aumentate il numero delle cartelle e delle carte.

2. PESCA ED IMPARA

Questa è un’attività perfetta per approfondire le conoscenze coinvolgendo l’intera classe e favorendo un apprendimento cooperativo .

Dividete la classe in gruppi e fate pescare ad ognuno una delle carte riassuntive degli ambienti. Chiedete ora ad ogni gruppo di creare un cartellone o una scheda per presentare alla classe gli animali della propria carta: le loro caratteristiche, le curiosità e tutte le informazioni utili che troveranno nelle carte riassuntive. Potranno utilizzare le carte con le immagini degli animali per descriverli alla classe.

Potete proporre questa attività anche ad un singolo bambino facendo pescare non le carte riassuntive, ma un gruppo di carte animali e chiedendo di cerare in questo caso un cartellone che li descriva o delle schede per creare un libretto.

3. IL SUPER QUIZ DEGLI ANIMALI

Questa è un’attività perfetta da fare in classe.

Dividete i bambini in squadre e ad ognuna consegnate un mazzo di carte, preventivamente mischiato. Definite insieme a loro quanto tempo viene concesso ad ogni squadra (es. 2 minuti). A turno ogni squadra pesca una carta e nel tempo stabilito deve recuperare tutte le informazioni su quell’animale, usando le carte riassuntive degli ambienti. Se riesce nell’impresa, guadagnerà la carta. In caso contrario dovrà scartarla. Vince la squadra che ha ottenuto più carte.

Inizialmente potete usare solo poche carte, magari selezionandole da alcuni ambienti. Man mano che le conoscenze della classe aumenteranno, potrete aumentarne anche il numero.

4. AD OGNUNO IL SUO

Questa è un’attività utile per ampliare le conoscenze relative alle diverse specie ed imparare a classificarle in base alle loro caratteristiche.

Scegliete uno o più ambienti, mettete a disposizione le carte riassuntive e le le carte con le immagini degli animali relative agli ambienti scelti.

Create dei cartellini riportando per ognuno le caratteristiche con cui sono classificati all’interno del gioco:

  • classe: “mammifero”, “rettile” “anfibio”, “uccello”, “pesce
  • respirazione: aria ed acqua
  • riproduzione: viviparo, ovoviviparo e oviparo
  • alimentazione: carnivoro, erbivoro e onnivoro.

Scegliete su quali di queste 4 categorie lavorare.

A questo punti i bambini, aiutandosi con le carte riassuntive, divideranno in insiemi i vari animali utilizzando le carte immagini. Alla fine dell’attività, oltre ad aver appreso molto sulle varie specie, potranno constatare visivamente come animali anche molto diversi abbiano in realtà molte affinità e come invece animali molto simili abbiano in realtà caratteristiche molto differenti.

Spero che il gioco e le sue variazioni vi piacciano come sono piaciuti a me.

**************************

Per saperne di più su questo ed altri giochi ed eventualmente acquistarli, vi rimando al ricchissimo sito di HEADU dove troverete anche molte informazioni sulla loro mission e il loro metodo “Lifelong Playing Headu” volto a promuovere, stimolare e mobilitare le intelligenze multiple dei bambini attraverso il gioco, con dispositivi didattici divertenti e orientati alla formazione di competenze essenziali o utili ad allenare in modo spontaneo e non forzato una capacità di apprendimento permanente.

Post di Paola Misesti

Continue Reading

Le carte delle storie: un gioco cooperativo per inventare racconti sempre nuovi

Conoscete le carte di Propp? In pratica sono delle carte per inventare storie.

Sono state pensate a partire dalle analisi svolte da Propp (etnologo sovietico) sulla struttura della fiaba popolare. Propp, nei suoi studi, aveva individuato 31 funzioni che, articolate e combinate  tra loro, sono in grado di descrivere la forma delle fiabe.  Non tutte le funzioni sono presenti nelle fiabe, così come la loro successione non è fissa, ma può variare arbitrariamente.

Aiutandosi con queste carte è così possibile costruire ed inventare sempre  nuove storie, divertendosi a giocare con la propria fantasia ed immaginazione.

Nel tempo ho creato alcuni giochi proprio per aiutare i miei alunni a creare storie: i dadi e il gioco dell’oca delle storie.

E’ da tantissimo tempo pero’ che volevo creare un gioco cooperativo che fosse facile da realizzare, divertente e sempre nuovo. Nascono così le carte delle storie.

Ho realizzato 136 carte divise in 7 categorie: personaggi, luoghi, animali, oggetti, oggetti magici, mezzi di trasporto ed imprevisti.



Ho creato inoltre 9 carte gioco in cui suddividere le carte per giocare: luoghi, protagonisti, antagonisti, aiutanti, animali, oggetti, oggetti magici, mezzi di trasporto e la più importante imprevisti.

Le carte personaggi servono a definire i “protagonisti”, gli “antagonisti” e gli “aiutanti” all’interno della storia. Troverete principi e principesse, ma anche maghi e mostri, alieni e astronauti…

Le carte luoghi i posti dove si svolgono le scene.

Le carte oggetti e oggetti magici potranno aiutare od ostacolare i protagonisti nella loro avventura, così come le carte animali o mezzi di trasporto.

Le carte imprevisti servono per rendere più vivace l’azione e creare l’intreccio della storia. Troverete carte di vulcani che eruttano, bombe che esplodono, uragani, battaglie…

Come si gioca:

Lo scopo del gioco è creare una storia di senso in un tempo prestabilito, utilizzando tutte le carte messe sul tavolo da gioco.

Ricordate che è un gioco cooperativo: per vincere l’intero gruppo deve partecipare al meglio rispettando il tempo dato e usando tutte le carte a disposizione.

Per prima cosa recuperate una clessidra o un timer. Servirà per definire il tempo che spetta ad ogni giocatore.

Distribuite quindi le carte gioco su tavolo a formare un cerchio, mettendo la carta imprevisti nel mezzo.

Ora dovete decidere:

  1. quanto tempo il gruppo avrà per creare la storia,
  2. il giro che seguiranno i giocatori per giocare,
  3. quante carte usare per ogni carta gioco: per fare questo dovete tenere conto del numero dei giocatori (più sono e più servono carte) e del tempo a vostra disposizione.

Le carte che si useranno non devono essere scelte, ma pescate a caso dai vari mazzi e messe sul tavolo a faccia in giù, in modo che nessuno le veda.

Per quanto riguarda le carte gioco “protagonisti” – “antagonisti” – “aiutanti” le carte da usare per creare la storia saranno tutte da prendere nel mazzo dei “personaggi”.

Una volta distribuite la carte sul tavolo da gioco potete iniziare!

A turno ogni giocatore prenderà a caso una carta dal tavolo scegliendo dal gruppo che preferisce. Una volta pescata la carta si girerà la clessidra o si punterà il timer che segnerà quanto tempo ha a disposizione il giocatore per raccontare la sua parte di storia.

Le carte “imprevisti” sono al centro del mazzo perché devono essere usate per creare l’intreccio.

Ecco un esempio di gioco per chiarirvi meglio il meccanismo:

Il gruppo è formato da 6 bambini che si danno 30 minuti di tempo per creare la storia.

Distribuiscono le carte gioco sul tavolo e pescano dai vari mazzi le carte che useranno per creare la storia: 3 protagonisti, 2 antagonisti, 3 aiutanti, 4 imprevisti, 2 luoghi, 6 oggetti, 4 oggetti magici, 5 animali e 4 mezzi di trasporto.

Il primo giocatore pesca una carta “luoghi”. Esce “deserto”. Inizierà a raccontare nei suoi 2 minuti di tempo il luogo dove è ambientata l’avventura.

Il secondo giocatore pesca una carta protagonisti che è quella di una sirena. A questo punto racconterà la storia di questa sirena per esempio imprigionata in un’oasi nel deserto.

Il terzo giocatore pescherà una carta “antagonista”. Esce un “vampiro”. Nel suo turno quindi narrerà di questo vampiro che, innamorato della sirena, l’ha imprigionata nell’oasi.

Il gioco prosegue così tra colpi di scena e descrizioni fino allo scadere del tempo.

La scelta del gruppo da cui pescare la carta che si userà per raccontare il proprio pezzo di storia è del tutto arbitraria. Ricordate però: tutte le carte devono essere usate e la storia deve avere un senso, un’inizio e una fine.

Questo gioco non solo è divertente, ma anche molto utile per i bambini:

  • stimola la fantasia e l’immaginazione
  • allena nel creare racconti e storie di senso, seguendo fili logici e rispettandone tempi e parti.
  • aiuta i bambini ad esporre verbalmente un racconto
  • accresce il vocabolario
  • allena la pazienza e l’attenzione
  • aiuta a far gruppo

Trovate il gioco da stampare qui sotto:

Spero vi piaccia! Vi auguro buon divertimento.

SCOPRI ANCHE…

Post di Paola Misesti

Continue Reading

Il gioco dell’oca della primavera

La primavera si avvicina è ho creato per i miei alunni un divertente gioco dell’oca in cui oltre ad arrivare al traguardo, devono anche leggere e muoversi.

Un divertente gioco di movimento che coinvolge tutta la classe e che allena i bambini a leggere brevi testi.

Come si gioca:

Ci si muove sul tabellone con l’aiuto di un dado. Sulle caselle ci sono delle istruzioni che i giocatori dovranno leggere e seguire, come per esempio “salta 5 volte su una gamba sola” o “torna indietro di due caselle”.

Vi sono poi delle caselle bianche, giunto sulle quali il bambino deve pescare una carta e svolgere l’azione che vi è scritta: come “svolazza come una farfalla” , “fai l’albero” o “cammina come un ragnetto”.

Se i bambini svolgono correttamente tutte le azioni, rimangono sulla casella. In caso contrario devo ritornare alla casella precedente.

Vince naturalmente chi arriva per primo alla fine del percorso.

Qui sotto trovate il tabellone, le carte e il dado da stampare:

SCOPRI ANCHE…

Post scritto da Paola Misesti

Continue Reading

La tombola dell’autunno

tombola autunno stampare gratis bambini

PF è sempre stato un grande appassionato di tombole, tanto che quando era piccolo ne ho create tantissime a tema per fargli imparare nuovi vocaboli o semplicemente per introdurre argomenti particolari come le emozioni o le stagioni.

Quando qualche settimana fa mi sono state chieste delle attività per parlare  dell’autunno ai bambini piccoli, mi sono tornate in mente le nostre tombole.  Ho creato cosi’ una tombola piena di disegni ispirati a questa stagione per aiutare i bambini ad imparare o ripassare nuovi vocaboli o semplicemente per divertirsi parlando di questa coloratissima stagione.

La tombola è composta da un cartellone, 25 carte che corrispondono alle 25 caselle della tombola e 20 cartelle. Sulla tombola tante immagini autunnali come l’uva, le  noci, le castagne, le foglie che cadono, funghi e scoiattoli…

Come realizzare la vostra tombola:

Stampate il file che trovate qua sotto. Ritagliate le 25 carte e le 20 cartelle. Se volete che la tombola sia piu’ resistente potrete incollare i fogli su del cartone o plastificarli.

Il vostro gioco è pronto!

Distribuite le cartelle e inserire le carte in un sacchetto mischiandole. Puo’ iniziare il divertimento!

Qui trovate la la tombola dell’autunno da stampare!

Altre idee autunnali prese in rete: 

LEGGI ANCHE…

Post di Paola Misesti

Continue Reading

5 giochi che non mancano mai nel nostro zaino

IMG_6503

Non c’è cosa piu’ divertente che giocare a qualche bel gioco in scatola tutti insieme prima di andare a dormire. Un’abitudine che abbiamo preso già da qualche anno e che non puo’ mancare nemmeno quando siamo in viaggio.

Portarsi dietro scatole e scatole di giochi non è pero’ sempre possibile e cosi’ abbiamo optato per giochi tascabili che non hanno nulla da invidiare agli originali.

Tra quelli che ultimamente non mancano mai nei nostri spostamenti ve ne segnalo cinque: tutti molto divertenti e particolari, ma soprattutto della dimensione giusta per essere infilati in uno zaino!

Noi li abbiamo nella versione tedesca, ma vi ho linkato qui sotto quelli in italiano. Vorrei pero’ darvi un suggerimento: a noi sono risultati molto utili per esercitare il nostro tedesco. Provateli in inglese, puo’ essere un buon modo per allenare questa lingua senza troppo sforzo!

IMG_6499

Pictureka: uno dei giochi ultimamente piu’ gettonati! Sono richieste velocità di lettura e buoni riflessi. La cosa piu’ divertente  è che gli abbinamenti tra immagine e frasi risultano a volte molto azzardati e le spiegazioni, per aggiudicarsi il punto, molto fantasiose. E’ un buon gioco per allenare la lettura ad alta voce ed arricchire il proprio vocabolario nonchè per stimolare la creatività!

IMG_6500

Dobble: uno dei miei giochi preferiti. Serve rapidità e buona capacità di riconoscimento. Su ogni carta vi è solo un’immagine da poter abbinare a quella presente sulle carte degli avversari. Vi sono diverse varianti di gioco e, di norma, le proviamo sempre tutte! Per rendere la cosa piu’ complicata l’immagine riconosciuta deve essere sempre nominata e noi ci sbizzarriamo nella scelta della lingua: inglese, italiano, tedesco! Un buon gioco per allenare la concentrazione e imparare parole nuove!

IMG_6501

Machi koro. Il gioco preferito da PF e quello che richiede anche piu’ tempo per essere terminato! Lo scopo è costruire la propria città seguendo delle indicazioni date all’inizio del gioco e sapendo investire i propri soldi in maniera redditizia! Un gioco di tattica e di fortuna, ideale per bambini non troppo piccoli.

IMG_6498

Jungle speed. Gioco di velocità che richiede buoni riflessi. Riconoscere le forme uguali non è per nulla semplice, perchè spesso si discostano tra loro solo per piccoli particolari. I colori poi traggono in inganno. Un gioco veloce da fare e che diverte sempre. Molto utile per la concentrazione!

 

IMG_6502

Quadrillion. Nasce come un solitario, ma noi giochiamo sempre in gruppo perchè alcune combinazioni risultano davvero troppo difficili. Il libretto allegato  presenta gli schemi da completare, divisi per grado di difficoltà. Ve ne sono tantissimi e non siamo ancora riusciti a terminarli tutti. Fortunatamente alla fine trovate anche le soluzioni. Un gioco di logica che stimola la concentrazione e le capacità spaziali.

Se vi piacciono i giochi in scatola qui trovate tante altre recensioni!

LEGGI ANCHE…

Post di Paola Misesti

Continue Reading

Sassi tatuati: tante storie a portata di mano

creare sassi per inventare storie

Vi avevo già presentato i nostri dadi fai da te per inventare storie, oggi vi propongo un’altra idea simpatica che unisce la gioia del raccontare con l’amore per i lavoretti.

In rete avevo trovato parecchi siti che proponevano sassi con immagini, da utilizzare come stimoli per inventare storie e racconti. I metodi per creare questi sassi erano molteplici: disegnandoli con colori acrilici, usando il decoupage, appiccicandoci degli adesivi.

Avevo escluso da subito la prima opzione non essendo particolarmente brava con i disegno a mano libera; anche nel decoupage non me la cavo granchè bene e dopo alcune prove con gli adesivi (che si staccavano e facevano grinze ovunque) ho rinunciato ben presto. Cosa mi rimaneva da provare? Non avevo idea, finchè un giorno mentre io e PF stavamo giocando con i tatuaggi mi è venuta la folgorazione. Ho fatto alcune prove e il risultato è stato ottimo: una volta scelti dei sassi e i tatuaggi il gioco è fatto.

Ma andiamo con ordine. Cosa serve:

  • tatuaggi
  • sassi di varia grandezza
  • acqua
  • spugna

Creare i nostri sassi inventa-storie è stato davvero semplice:

Per prima cosa ho lavato ben bene i sassi e li ho lasciati ad asciugare, ho quindi ritagliato le immagini  che volevo trasferire  e ho tolto la pellicola di protezione. Ho posizionato i tatuaggi sui sassi e ho bagnato il retro con un po’ d’acqua, aiutandomi con la spugna. Dopo 30 secondi il tatuaggio si era trasferito sul sasso, ho tolto la carta e l’ho lasciato asciugare. Nè piu’ nè meno di quando faccio i tatuaggi a PF!

In questo modo in pochissimo tempo avrete un sacco di sassi con le immagini che piu’ preferite: i disegni sono perfetti, senza grinze e soprattutto non si staccano.

Naturalmente potrete sbizzarrirvi, noi ne abbiamo creati di diversi temi: l’ultimo arrivato è quello dei pirati!

realizzare sassi disegnati con tatuaggi

LEGGI ANCHE…

Post di Paola Misesti

Continue Reading

Giochi, gioca,giochiamo: Parolandia per giocare con le parole

parolandia gioco società per bambini sulle parole

Dopo tanti giochi matematici, oggi vi presento un gioco sulle parole: Parolandia!

Questo gioco l’ho trovato in una libreria/negozio di giocattoli quest’estate mentre passeggiavo per le vie di Oristano. Zia Lalla me ne aveva parlato un po’ di tempo fa e già allora ne ero rimasta affascinata. Cosi’ quando l’ho trovato sugli scaffali, non ho potuto resistere. Per giochi e libri ho una specie di dipendenza da acquisto!

Per noi i giochi sulle parole (in italiano) sono molto importanti perchè aiutano PF a mantenere e migliorare la lingua. Questo gioco fa tutto questo e in piu’ è anche molto divertente.

Vi confesso che non è uno dei giochi piu’ amati da PF, ma semplicemente perchè lui prefersisce i giochi matematici.

Vi sono vari livelli e variazioni di gioco, noi di solito usiamo quello piu’ semplice.

Ogni giocatore deve pescare un certo numero di tessere (che sono a forma di puzzle) su ognuna delle quali si trova una parola che puo’ essere un verbo, un nome, un aggettivo, una preposizine e via dicendo.

A  turno ogni giocatore deve scartare quante piu’ tessere possibili componendo frasi di senso, anche attaccandosi a frasi già esistenti. Se un giocatore non puo’ scartare nulla, è costretto a pescare tante tessere quante ne indica il dado (quello nero indica le tessere da pescare a caso e quello bianco quelle che si possono scegliere).

Il gioco finisce quando finiscono le tessere e quando non è piu’ possibile formare nessuna frase. Vince chi ha messo in tavola il maggior numero di tessere (ogni giocatore deve quindi prendere nota di quante tessere di volta in volta scarta)

Sulla scatola viene segnalato che è un gioco per 2/8 giocatori, tuttavia piu’ sono i partecipanti, piu’ giocare diventa divertente.  A volte ci è capitato di giocare solo io e PF e devo dire che dopo un po’ ci si annoiava!

L’età consigliata è a partire dai 6 anni, ma i bambini per divertirsi devono già sapere leggere abbastanza bene e saper comporre frasi: non è infatti semplice riuscire a formarle, dato che bisogna utilizzare anche le tessere con gli articoli, le preposizioni, i verbi coniugati correttamente e gli aggettivi concordati ai nomi.

E’ un gioco quindi che consiglio ai piu’ grandicelli o a chi è già padrone della lingua; perfetto anche da utilizzare a scuola a vari livelli e con scopi diversi: per imparare a formare frasi di senso compiuto, per esercitarsi con l’analisi grammaticale, per riconoscere le parti di una frase…

Non mi resta che augurarvi buon divertimento!

QUI trovate tutti i giochi recensiti finora nella rubrica “Giochi, gioca, giochiamo”.

Continue Reading