Inventa una storia: un gioco per allenarsi a descrivere e raccontare

Inventare storie è sempre divertente e cosa c’è di meglio che farlo in compagnia?

Per rendere i racconti ancora più emozionanti e coinvolgere tutti i bambini ho creato un divertente gioco da fare con i dadi.

Personalmente trovo questo strumento molto utile e versatile perché

  • allena i bambini a fare descrizioni e a raccontare secondo una sequenza logica
  • amplia il vocabolario, stimolando i bambini ad usare termini diversi
  • è un’attività che si può fare da soli o in gruppo
  • in gruppo aiuta chi è più timido o a corto di idee di inserirsi nel racconto
  • permette a tutti di partecipare
  • è un gioco sempre nuovo che si può riproporre più e più volte

Tutto quello che serve è i tabellone di gioco e un dado.

Sul tabellone trovate 6 colonne, una per ogni numero del dado, in cui vi sono raffigurati oggetti, animali e personaggi.

L’attività si può svolgere sia oralmente che per iscritto.

Di solito la propongo prima a voce sia perchè risulta più divertente sia perchè spiega ai bimbi, in maniera pratica, come si svolge il gioco.

Come si gioca:

  • IN GRUPPO. Si posiziona il tabellone al centro, ben visibile da tutti. A turno i bimbi tirano il dado e in base al numero uscito scelgono l’oggetto, l’animale o il personaggio da inserire nella storia. Devono fare riferimento solo alle immagini che si trovano all’interno della colonna a cui si riferisce il numero uscito. L’unica regola è che il racconto deve essere di senso, avere un inizio ed una fine.
  • DA SOLI. Si consegna un tabellone ad ogni bambino e gli si chiede di inventare una storia scegliendo gli oggetti, gli animali ed i personaggi che escono tirando il dado. In questo caso ogni bimbo deve inventare la propria storia, scriverla e poi raccontarla al gruppo.

Il kit di gioco comprende due tabelloni con immagini diverse e un dado da costruire.

Tutti i disegni sono in bianco e nero, così i bambini possono anche divertirsi a colorarli.

Trovate il kit da stampare qui:

SCOPRI ANCHE…

Post di Paola Misesti

Ti potrebbero anche interessare...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Subscribe without commenting