Togli la lettera: il gioco per imparare l’alfabeto

gioco per imparare alfabeto stampatello e corsivo

In tanti mi chiedete attività per insegnare l’alfabeto in maniera divertente. Oggi vi propongo un gioco da fare in gruppo o da soli.  L’ho chiamato “Il togli lettera”.

I giocatori hanno a disposizione un cartellone contenente le 21 lettere dell’alfabeto. A turno tireranno 4 dadi contenenti le lettere. Il giocatore che ha tirato il dado dovrà prima di tutto dire a voce alta le lettere uscite e poi cancellarle dal suo cartellone.

3 dadi contengono anche l’immagine di una rana. Nel caso uscisse questa invece delle lettere, il giocatore non dovrà cancellare nulla dal suo cartellone.

Vince il giocatore che per primo ha cancellato tutto l’alfabeto dal suo cartellone.

Le lettere sui dadi sono in stampatello maiuscolo, mentre sui cartelloni sono sia in corsivo sia in stampatello, sia maiuscolo che minuscolo.

La difficoltà sta non solo nel riconoscere la lettera del dado, ma anche individuare sul cartellone questa lettera scritta in vari stili.

La modalità di gioco piu’ semplice è quella con il cartellone in stampatello maiuscolo, dello stesso font delle lettere del dado. Gli altri cartelloni risultato piu’ complicati, proprio perchè il formato è diverso.

Qui trovate il kit con i 4 dadi e i 4 cartelloni da stampare

In rete ho recuperato anche queste divertenti idee per giocare con l’alfabeto:

Le lettere mobili di legno
L’albero delle lettere
Labirinti di lettere da stampare

Non mi resta che augurarvi buon divertimento!

SCOPRI ANCHE…

Post di Paola Misesti

Continue Reading

6 idee prese in rete per… creare costumi di Carnevale

Quest’anno il Carnevale cadrà durante le vacanze invernali e, cosa che  non capitava da tanto, lo festeggeremo in Italia. Cosi’ ho pensato di unire l’utile al dilettevole e realizzare i nostri costumi, rendendo i nostri giorni di vacanza anche creativi.

In cerca di idee originali sono andata un po’ a spasso per la rete, avendo in mente di usare del cartone per creare i nostri costumi.

Ecco allora un po’ di idee prese in rete:

costumi fai da te halloween carvenale con cartone

  1. Il trenino Thomas e i suoi amici
  2. Una sirenetta molto speciale
  3. I personaggi di LEGO Star Wars
  4. Il costume di Minecraft
  5. Il costume di Paw Patrol
  6. Ali da fata

Tante altre idee le trovate nella mia pagina Pinterest dedicata ai costumi fai da te.

 Qui trovate invece  tutte le idee prese in rete finora!

Post di Paola Misesti

Continue Reading

Il venerdi’ del libro: Le lacrime della giraffa

Come sapete i gialli sono la mia passione. Ultimamente mi piace provare a leggere scrittori nuovi abbandonando quelli che sono i miei punti di riferimento come Carofiglio o Camilleri.

Va da sè che a volte mi imbatto in vere e proprie rivelazioni come nel caso di Federico Maria Rivalta o di Linda Castillo: autori che ho scoperto solo nell’ultimo anno e che mi sono piaciuti molto.

Per questo “Venerdi’ del libro” voglio presentarvi un autore per me nuovo e che pur essendomi piaciuto, mi ha lasciato qualche dubbio: Alexander McCall Smith.

La protagonista di “Le lacrime della giraffa” è  la signora Precious Ramotswe, una robusta e benevola investigatrice, fondatrice della Ladies Detective Agency, la prima e solo agenzia investigativa del Botswana, un minuscolo paese dell’Africa meridionale.

Il libro mi è apparso fin dalle prime pagine molto particolare: la detective è un po’ sopra le righe con riflessioni filosofiche basate sui valori del suo paese, che naturalmente risultano per lei il metro su cui giudicare i comportamenti altrui nonchè gli stili di vita degli altri paesi. Vi confesso che qua e là mi  è scappata qualche risata.

Oltre a cio’ la serafica signora è desiderosa  di portare ordine nelle vite dei suoi clienti e dei suoi amici e conoscenti, a tutti i costi. Insomma una grande impicciona, ma simpatica.

Piu’ che un giallo inoltre a tratti è sembrato un romanzo rosa, tra intrecci amorosi e riflessioni sull’amicizia, con il racconto della sua strana storia d’amore con un solitario meccanico, truffato dalla sua cameriera e spinto suo malgrado ad adottare due bambini.

Insomma il caso, o meglio i casi, da risolvere rimangono molto sullo sfondo, tanto che ad un certo punto avevo perfino perso interesse nel capirli. Malgrado cio’ ho letto il libro tutto in un fiato e non mi è dispiaciuto per nulla.

Non so se leggero’ altro di questo autore, ma consiglio questo libro a chi non ama i gialli e vuole avere una lettura rilassante e divertente.

Il libro di oggi è quindi…

Le lacrime della giraffa – Alexander McCall Smith

Molti bianchi erano cosi’, per qualche misteriosa ragione non sentivano la mancanza della famiglia ed erano contenti di essere soltanto loro. Dovevano essere cosi’ soli, come astronauti nello spazio, persi nell’oscurità e senza neanche la cordicella argentata che legava gli astronauti al grembo metallico da cui ricevevano ossigeno e calore.

Le lacrime della giraffa libro

 

Vi auguro un buon weekend i e ora non vedo l’ora di leggere i vostri suggerimenti! Eccoli:

 

Vi ricordo la nostra biblioteca “quelli del Venerdi’ del libro” su PINTEREST dove potrete archiviare e consultare i libri delle scorse settimane. (Qui trovate le istruzioni per farne parte). Giornalmente recuperero’ da questo archivio un libro che pubblichero’ sulla mia pagina Facebook!

Per semplificare l’accesso, ho creato una cartella qui a lato chiamata”Venerdi del libro” che rimanda direttamente alla nostra pagina. Piu’ facile di cosi’! Se qualcuno di voi, pur avendomi segnalato l’indirizzo, non fosse ancora stata invitata a Pinnare, me lo faccia sapere . A volte mi perdo in giro un po’ di pezzi. Scusate!

Chi vuole fare un tuffo nel passato invece, qui puo’ rileggere  tutti gli scorsi Venerdi’ del libro.

Vuoi partecipare al Venerdi’ del libro?

Ecco come fare:

Basta postare di venerdì – sul proprio blog o lasciare un commento su HomeMadeMamma – i libri che si vogliono suggerire ai lettori per il weekend. Possono essere uno o più, su qualsiasi argomento e per qualsiasi target.

Anche il modo in cui proporli è a discrezione dei partecipanti: mettere citazioni, raccontare aneddoti, fare semplicemente una lista, inserire foto…

Invito chi partecipa a lasciarmi un commento nell’articolo del giorno, in modo da poter inserire tutti i link dei partecipanti della settimana nel mio post.

Chi partecipa puo’ scegliere o meno di inserire i partecipanti della settimana nel proprio post.

Qui volesse puo’ archiviare i propri post anche sulla pagina Pinterest dedicata a questa iniziativa. Tutte le istruzioni per accedervi sono contenute qui.

Non ci sono banner da inserire, obblighi di sorta o email a cui rispondere . Si partecipa quando e come si vuole.

Lo scopo dell’iniziativa, infatti, rispecchia lo spirito con cui nasce HomeMadeMamma: far circolare informazioni utili e voglia di fare (in questo caso di leggere) in tutta libertà.

Vuoi essere dei nostri? Benvenuto! Come vedi partecipare è semplice!

Post di Paola Misesti

Continue Reading

Il libro dei cinque sensi

libro da stampare per studiare i cinque sensi

Cos’è il tatto? Com’è questo suono? E questo sapore? Che profumo mi piace?

Per rispondere  a tutte queste domande e scoprire i cinque sensi ho pensato di realizzare un libretto da stampare e da personalizzare.

In pratica troverete tante pagine in cui disegnare, incollare materiali e scrivere per scoprire insieme superfici ed odori, suoni e sapori.

Qui trovate il libro IL LIBRO DEI 5 SENSI da stampare ed assemblare.

Come usarlo:

Una volta stampato ed assemblato (le istruzioni le trovate nel kit) non resta che completare ogni pagina usando un po’ di fantasia. Per esempio  per quanto riguarda il tatto,  per indicare le superfici morbide abbiamo incollato un po’ di cotone e per quelle calde e fredde abbiamo scritto i materiali che toccati ci provocano queste sensazioni: per il caldo li abbiamo scritti in rosso e per il freddo in blu.

libro cinque sensi da stampare

Per la vista ci siamo divertiti a colorare scoprendo cosi’ i colori tenui e quelli brillanto. Per l’olfatto a disegnare gli oggetti in base alla sensazione che ci provocano. Per l’udito abbiamo colorato le parole in base alle sensazioni che i diversi tipi di suono provocano in noi: rosso per i rumori assordanti e giallo tenue per quelli deboli…

libro dei cinque sensi da stampare

 

Per il gusto abbiamo ritagliato immagini dai giornali creando cosi’ del simpatici collage.

libro da stampare per i cinque sensi

Insomma il libro si è arricchito delle nostre sensazioni e della nostra fantasia.

E’ stata anche l’occasione per riflettere su cosa ci piace e cosa no, scoprendo che a volte quello che per una persona puo’ essere sgradevole per un’altra non lo è o non lo è cosi’ tanto!

Ecco qui altre idee per giocare con i sensi:

Buon divertimento!

SCOPRI ANCHE…

Post di Paola Misesti

Continue Reading

Il domino delle frasi in stampatello

domino con frasi stampatello

Qualche settimana fa ho condiviso un’attività per avvicinare i bambini alla lettura in maniera divertente: il domino delle frasi.

Il domino che avevo creato riportava immagini e brevi frasi in corsivo. Molte mamme ed educatori mi hanno pero’ contattato chiedendomi di realizzare il domino anche in stampatello minuscolo e maiuscolo, perchè cosi’ risultava piu’ facile da utilizzare.

Ecco qui allora il domino nelle due versioni:

Non vi resta che stampare le tessere del domino e ritagliarle!

Le regole sono come quelle del classico domino, ma invece di unire tessere con immagini uguali, bisogna collegare tra loro la frase all’immagine corrispondente.

Vi auguro buon divertimento e buona lettura.

SCOPRI ANCHE…

Post di Paola Misesti

Continue Reading

Le carte delle storie e delle domande

carte per comprensione testi italiano

Imparare a leggere è il primo passo nel percorso che un bambino intraprende nel mondo delle parole. Tutti sappiamo la difficoltà di riconoscere le lettere, unirle tra loro producendo il giusto suono e creare cosi’ prima parole e poi frasi.  Il passo successivo riguarda la comprensione di cosa una frase o un testo stanno dicendo.

Tra le attività che PF fa regolarmente nella sua classe di italiano ci sono proprio le attività di comprensione del testo. Utilizzando i bambini la maggior parte della loro giornata e per ogni cosa della vita quotidiana il tedesco, l’insegnante d’italiano vuole esercitare il piu’ possibile la lettura in questa lingua, ma soprattutto vuole che i bambini capiscano cosa stanno leggendo. Ora le schede che propone a PF sono abbastanza complesse, con racconti di alcune pagine e tante domande a cui rispondere. Non erano pero’ cosi’ quando aveva iniziato a leggere.

PF ha imparato a leggere in italiano prima dell’inizio della scuola primaria.  Avevo cosi’ bisogno di proporgli storie che fossero divertenti, semplici ma soprattutto brevi. Racconti che non lo impegnassero molto e che al tempo stesso mi aiutassero a capire se aveva compreso quello che aveva letto. All’epoca avevo creato delle carte con dei brevi racconti, sul cui retro c’erano delle domande inerenti alla storia stessa. Poche domande che richiedevano solo un SI’ o un NO come risposta.

Ho ripescato qualche giorno fa queste carte e fatto alcune modifiche.

Oggi le voglio condividerle coi voi perchè a noi sono state molto utili.

Qui trovate il file con le carte da stampare e ritagliare. Potrete incollare fronte e retro delle carte oppure lasciarle separate.

Come utilizzarle:

Proponete la carta con la storia e fatela leggere ai bambini. A questo punto fate girare la carta ed invitate a rispondere alle domande. Le riposte potranno essere controllate semplicemente rigirando nuovamente la carta!

Non mi resta che augurarvi buone letture!

SCOPRI ANCHE…

Post di Paola Misesti

Continue Reading

6 idee prese in rete per… studiare l’Italia

L’anno scorso PF durante il suo corso d’italiano organizzato dal Consolato ha studiato le regioni e i capoluoghi d’Italia. Con mia sorpresa si è divertito molto ad impararli a memoria, inventando anche qualche stratagemma per memorizzare alcuni nomi.

Quest’anno la maestra tratterà l’argomento in modo piu’ approfondito e cosi’ sono andata in cerca di idee per rendere lo studio meno pesante.

Oggi voglio condividere con voi le idee che mi hanno incuriosito di piu’:

idee per studiare l'italia fisica e politica

 

  1. L’Italia di cartapesta per scoprire le sue montagne
  2. Imparare le regioni con le carte e le schede stile Montessori
  3. Il puzzle gigante delle regioni d’Italia da stampare e costruire
  4. Dalla galassia alla tua città: creare un libro in 3D
  5. Il lapbook dell’Italia
  6. Alla scoperta dell’Italia fisica creando un plastico

 

Tante altre idee le trovate nella mia pagina Pinterest dedicata alla geografia.

Qui trovate invece  tutte le idee prese in rete finora!

Post di Paola Misesti

Continue Reading

Venerdi del libro: Il centenario che salto dalla finestra e scomparve

Oggi vi parlo di un libro che definire strano e dire poco: “Il centenario che salto’ dalla finestra e scomparve”.

Ho iniziato a leggerlo a piu’ riprese, ma dopo pochi capitoli non sono riuscita a continuarlo. Papà Ema invece l’ha apprezzato molto, tanto che ha noleggiato anche il film che ci siamo goduti tutti insieme.

Non ho finito questo libro non perchè sia scritto male, tutt’altro, ma perchè la storia è cosi’ assurda  che non sono riuscita proprio a digerirla.

I motivi perchè è piaciuto a Papà Ema e non a me sono identici. Questo vi fa capire come siamo diversi come gusti in fatto di libri.

Ecco allora perchè puo’ piacere o non piacere:

  •  la trama è paradossale
  • i protagonisti sono assurdi e grotteschi
  • i colpi di scena si susseguono a ritmo continuo, cosi’ come gli equivoci

Il centenario del titolo è un arzillo vecchietto, Allan Karlsson, che in occasione del suo centesimo compleanno decide di scappare dalla casa di riposo calandosi da una finestra. Destinazione? Nessuna. Naturalmente gliene capiteranno di tutti i colori compreso rubare ad un delinquente una valigia  piena di soldi.

Oltre alla storia principale, vi sono parecchi  flashback che ripercorrono la vita di Allan che, credetemi, è davvero incredibile.

Il libro di oggi è quindi:

Il centenario che salto’ dalla finestra e scomparve – Jonas Jonasson

“Ancora incerto sul da farsi, Allan Karlsson se ne stava seduto nell’aiuola di viole del pensiero che correva lungo uno dei lati della casa di riposo. indossava una giacca marrone e pantaloni dello stesso colore, ai piedi un paio di pantofole sempre marroni. non si poteva dire che seguisse la moda , ma a quella età si trattava senz’altro di un fatto perdonabile. stava fuggendo dalla sua festa di compleanno – evento di per sé straordinario, dato che non capita a tutti di arrivare a cent’anni.

Il centenario che salto' della finestra e scomparve recesione

Auguro un buon fine settimana a tutti voi e ora non vedo l’ora di leggere i vostri suggerimenti! Eccoli:

Vi ricordo la nostra biblioteca “quelli del Venerdi’ del libro” su PINTEREST dove potrete archiviare e consultare i libri delle scorse settimane. (Qui trovate le istruzioni per farne parte). Giornalmente recuperero’ da questo archivio un libro che pubblichero’ sulla mia pagina Facebook!

Per semplificare l’accesso, ho creato una cartella qui a lato chiamata”Venerdi del libro” che rimanda direttamente alla nostra pagina. Piu’ facile di cosi’! Se qualcuno di voi, pur avendomi segnalato l’indirizzo, non fosse ancora stata invitata a Pinnare, me lo faccia sapere . A volte mi perdo in giro un po’ di pezzi. Scusate!

Chi vuole fare un tuffo nel passato invece, qui puo’ rileggere  tutti gli scorsi Venerdi’ del libro.

Vuoi partecipare al Venerdi’ del libro?

Ecco come fare:

Basta postare di venerdì – sul proprio blog o lasciare un commento su HomeMadeMamma – i libri che si vogliono suggerire ai lettori per il weekend. Possono essere uno o più, su qualsiasi argomento e per qualsiasi target.

Anche il modo in cui proporli è a discrezione dei partecipanti: mettere citazioni, raccontare aneddoti, fare semplicemente una lista, inserire foto…

Invito chi partecipa a lasciarmi un commento nell’articolo del giorno, in modo da poter inserire tutti i link dei partecipanti della settimana nel mio post.

Chi partecipa puo’ scegliere o meno di inserire i partecipanti della settimana nel proprio post.

Qui volesse puo’ archiviare i propri post anche sulla pagina Pinterest dedicata a questa iniziativa. Tutte le istruzioni per accedervi sono contenute qui.

Non ci sono banner da inserire, obblighi di sorta o email a cui rispondere . Si partecipa quando e come si vuole.

Lo scopo dell’iniziativa, infatti, rispecchia lo spirito con cui nasce HomeMadeMamma: far circolare informazioni utili e voglia di fare (in questo caso di leggere) in tutta libertà.

Vuoi essere dei nostri? Benvenuto! Come vedi partecipare è semplice!

Post di Paola Misesti

Continue Reading

Pensieri e parole per iniziare bene la giornata

frasi celebri aforismi per inizio giornata

Questo mese di febbraio inizia con l’organizzazione del mio “ vasetto dei pensieri positivi” : ovvero tante frasi motivanti da infilare dentro un coloratissimo vasetto di ceramica creato da PF.

Per il mese di gennaio ho raccolto frasi sul tema entusiasmo. A febbraio invece ho bisogno di una ventata di energia per portare a termine i mille impegni che mi aspettano. Ecco allora tante frasi per iniziare bene la giornata da prendere insieme al caffè!

Come uso il mio vasetto?

Ho stampato miei foglietti, li ho piagati in due e li ho infilati tutti dentro il mio “vasetto dei pensieri positivi”.

Ogni giorno ne estrarro’ uno e mi faro’ ispirare dalla frase che contiene. Una volta letto non lo rimettero’ di nuovo  nel vaso, ma lo infilero’ in un libro, un quaderno, un giornale, un cassetto, la mia agenda cosi’ avro’ occasione di farmi ispirare una, due, mille volte.

Qui trovate il file da stampare con  i 28 bigliettini con frasi per iniziare bene la giornata

Qui trovate tutti i block notes tematici realizzati finora: sulla creatività, sui desideri, sulla felicità, l’amicizia, la gratitudine, l’autostima, la gentilezza, la consapevolezza, sui progetti…

Non  mi resta che augurarvi un buon febbraio pieno di pensieri positivi ed energia!

SCOPRI ANCHE…

Post di Paola Misesti

Continue Reading

Diario fai da te per la scuola primaria: febbraio 2017

diario scuola primaria febbraio 2017 stampare homemademamma

Dopo l’agenda di febbraio per i piu’ piccini, oggi condivido con voi il diario per i bambini piu’ grandi.

Ogni giorno ha un colore diverso ed è possibile segnare i compiti, ma anche le materie, le attività programmate per la giornata o semplicemente disegnare. Dimenticare qualcosa  diventa  davvero difficile e devo dire che funziona davvero benissimo!

Nel diario ci sono spazi per:

  • la data: giorno, mese, anno
  • disegni per segnare il tempo atmosferico
  • disegni per indicare la stagione
  • disegni per segnare l’umore della giornata
  • un calendario settimanale dove segnare le materie della giornata:  un colore diverso per ogni giorno della settimana
  • uno spazio per scrivere i compiti o appunti
  • un calendario del mese con i giorni settimanali colorati come il calendario giornaliero
  • una tabella per segnare le materie in base ai giorni della settimana e all’orario (i giorni sono colorati riprendendo i colori del calendario e delle singole pagine del diario)
  • una tabella dove segnare le cose da ricordare (attività, compleanni, appuntamenti)

Nei file qui sotto trovate il diario da stampare e le istruzioni per assemblarlo:

SCOPRI ANCHE…

Post di Paola Misesti

Continue Reading