Il domino e il memory delle sillabe

Il domino e il memory delle sillabe sono delle attività per avvicinare i bambini alla lettura e alla scrittura.

Le carte che formano i giochi sono composte da un’immagine e da una sillaba a lei abbinata. Per esempio da una parte ci sarà il disegno di una mucca da abbinare alla sillaba MU o l’immagine di un bicchiere per la sillaba BI.

Ecco come creare le due attività:

  • per il domino è sufficiente stampare il file che trovate sotto e ritagliare le carte creando le tessere composte tutte da un’immagine e una sillabe
  • per il memory dovete dividere ulteriormente le tessere in modo da avere da una parte un gruppo di carte con le immagini e dall’altra un gruppo di carte con le sillabe

Come si gioca:

  • Domino: distribuite le carte tra i giocatori. A turno dovranno scartare una carta, ma solo se questa si attacca ad una precedentemente posta sul tavolo da gioco: ad una carta immagine dovrà essere abbinata la sua sillaba. Se un giocatore non ha nulla che possa essere scartato, cede il turno. Vince chi finisce prima le carte.
  • Memory: distribuite le carte sul tavolo, girate in modo che né l’immagine né la sillaba sia visibile. A turno i giocatori gireranno due carte cercando di trovare quelle che si abbinano tra loro. Se un giocatore trova l’abbinamento giusto si appropria delle carte e ha diritto di proseguire nella ricerca; in caso contrario passa il turno. Vince chi alla fine si ritrova più carte in mano.

Qui sotto trovate il file da stampare con le carte da ritagliare:

SCOPRI ANCHE…

Buon divertimento con questa e con tutte le altre idee prese in rete !

Se siete in cerca di altre attività, potete trovare tante idee nella mia bacheca di Amazon dedicata ai giochi su lettere, sillabe e parole.

 Nelle altre bacheche troverete i miei consigli d’acquisto su libri, materiali e strumenti didattici.

Post di Paola Misesti

Continue Reading

Trova la lettera: le schede per imparare l’alfabeto

Imparare l’alfabeto può essere complicato: bisogna ricordarsi l’abbinamento suono/lettera, alcune lettere si assomigliano sia per il suono che per la grafia, alcune lettere minuscole sono diverse dalle loro maiuscole.

Ho creato parecchie attività per allenare i miei alunni. Una che piace sempre molto è quella di trovare l’iniziale giusta di un’immagine. Per facilitargli il compito ho creato delle schede in cui devono scegliere tra due alternative. A dire il vero alcune di queste possono trarre in inganno perché si riferiscono a lettere la cui scrittura è molto simile e si possono confondere facilmente.

Ho realizzato 6 schede con 8 immagini ciascuna e per ognuna 2 possibili soluzioni. Vi sono 3 schede con le lettere in maiuscolo e 3 in minuscolo.

Di solito inizio con proporre loro quelle in maiuscolo per poi passare alle altre.

Per aiutarli, soprattutto nei primi momenti, faccio consultare la tabella delle lettere che poi utilizzano anche, una volta che hanno più dimestichezza, per controllare da soli la soluzione.

Qui trovate le schede da stampare:

Non mi resta che augurarvi buona caccia!

SCOPRI ANCHE…

Se siete in cerca di altre attività, potete trovare tante idee nella mia bacheca di Amazon dedicata ai giochi su lettere, sillabe e parole.

 Nelle altre bacheche troverete i miei consigli d’acquisto su libri, materiali e strumenti didattici.

Post di Paola Misesti

Continue Reading

6 idee prese in rete per… imparare le sillabe

Ci sono vari metodi per imparare a leggere e scrivere, uno di questi è quello sillabico. Partendo dalle vocali, si costruiscono tante sillabe che poi combinate formano parole.

Oggi vi propongo 6 divertenti attività per avvicinare i bambini alla scrittura e alla lettura proprio partendo da questo metodo.

  1. Le carte tematiche sillabiche
  2. Il display delle sillabe
  3. Il gioco dell’oca delle sillabe
  4. La tombola delle sillabe
  5. Il gioco delle sillabe
  6. I puzzle delle parole

Tante altre idee le trovate sulla mia pagina Pinterest dedicata all’alfabeto


Buon divertimento con questa e con tutte le altre idee prese in rete !

Se siete in cerca di altre attività, potete trovare tante idee nella mia bacheca di Amazon dedicata ai giochi su lettere, sillabe e parole.

 Nelle altre bacheche troverete i miei consigli d’acquisto su libri, materiali e strumenti didattici.

Post di Paola Misesti

Continue Reading

La tabella delle sillabe in corsivo

Per aiutare i miei alunni ad abbinare la sillaba con il suo suono avevo creato una tabella con immagini.

Ad ogni sillaba è collegata un disegno che aiuta i bambini nella pronuncia corretta della sillaba stessa.

Mi è stato chiesto di utilizzare invece che lo stampato maiuscolo, il corsivo minuscolo. Ho così riprodotto la stessa tabella in questo nuovo formato.

Come la uso:

Di solito presento la tabella alla classe e la faccio leggere ai bambini, così da spiegare bene il suo funzionamento e l’abbinamento sillaba/disegno.

Consegno ad ogni bimbo la sua tabella, in modo che possa averla sempre sott’occhio in caso di dubbi o per rivedere una pronuncia scorretta.

Lo trovo uno strumento estremamente utile.

Qui trovate la tabella da stampare:

SCOPRI ANCHE…

Buon divertimento con questa e con tutte le altre idee prese in rete !

Se siete in cerca di altre attività, potete trovare tante idee nella mia bacheca di Amazon dedicata ai giochi su lettere, sillabe e parole.

 Nelle altre bacheche troverete i miei consigli d’acquisto su libri, materiali e strumenti didattici.

Post di Paola Misesti

Continue Reading

La ruota per segnare le fasi della giornata

Il concetto di tempo dei bambini piccoli è diverso dal nostro.

Non sapendo scandire il tempo in base alle ore dell’orologio, loro lo suddividono in base alla propria percezione e alle proprie esperienze. Un’attività viene dopo un’altra perché giorno dopo giorno essa avviene così. Dopo la notte ci sarà la colazione e poi si andrà a scuola e poi si pranzerà…

Già molti anni fa per PF avevo creato una bussola per segnare le fasi della giornata, proprio per fargli capire la successione degli eventi, comprendere come si articolava il tempo e l’alternanza giorno/notte.

Ho rivisto quella stessa bussola, rendendola ulteriormente più chiara: le varie fasi sono anche evidenziate da colori diversi, in cui il giorno ha colori vivaci e la sera e la notte sono indicati da due diverse tonalità di blu. Inoltre su ogni spicchio troverete non solo un’immagine esplicativa dell’attività tipica di quella fase, ma anche il simbolo del sole o della luna per rendere più comprensibile al bambino se si tratta di giorno o di notte.

Potete usare la bussola sia a casa che a scuola.

Costruirla è semplice: stampate il modello che trovate qui sotto, ritagliatelo e usando un fermaglio sovrapponete i due cerchi. La parte bucata a forma di triangolo del cerchio esterno sarà rotante e permetterà ai bambini di segnare e leggere la fase della giornata che stanno vivendo.

Qui trovate il modello da stampare:

Spero che l’idea vi piaccia e vi sia utile.

SCOPRI ANCHE…

Post di Paola Misesti

Continue Reading

Imparare a scrivere l’alfabeto con il tratteggio

Imparare l’alfabeto è il primo passo per avvicinarsi alla lettura e alla scrittura.

Per agevolare il passaggio dalla forma orale a quella scritta ho creato delle schede che aiutino i bambini ad avvicinarvisi con gradualità.

Ogni scheda si riferisce ad una lettera dell’alfabeto. Su di esse ho inserito delle immagini di oggetti, frutta o animali che iniziano per quella lettera, in modo che i bambini possono associare al segno grafico il suo suono.

I bambini hanno poi la possibilità di seguire le tracce delle lettere in stampato sia maiuscolo che minuscolo e una volta che hanno fatto un po’ di pratica riprodurle da soli seguendo il modello.

Ho creato inoltre una copertina che potrete usare per trasformare le schede in un pratico libretto.

Qui sotto trovate le schede e la copertina da stampare:

SCOPRI ANCHE…

Se siete in cerca di attività per giocare con le lettere e le parole, potete trovare tante idee nelle mie bacheche di Amazon dedicate ai giochi didattici d’italiano e ai libri sull’alfabeto . Nelle altre bacheche troverete i miei consigli d’acquisto su libri, materiali e strumenti didattici.

Post di Paola Misesti

Continue Reading

I quaderni didattici personalizzati di Ilaria

Ho conosciuto Ilaria su Instagram grazie alla sua pagina, in cui condivide tantissimi spunti e materiali per la didattica.

Tra i tanti strumenti proposti sono rimasta affascinata dai suoi quaderni didattici, in cui raccoglie attività personalizzate in base alle esigenze e alle capacità di ogni bambino.

Ho chiesto a Ilaria di presentare i suoi quaderni qui su Homemademamma, perché ritengo che possano essere molto utili.

Scopriamo chi è Ilaria.

PARLACI UN PO’ DI TE E DEL TUO LAVORO.

Mi presento, sono Ilaria Rudari, educatrice professionale e pedagogista in ambito disabilità, laureata presso l’Università degli studi di Verona. Attualmente sto conseguendo un master di pedagogia clinica per potermi specializzare nel campo della relazione e dell’aiuto. Sto scrivendo la tesi finale riguardante la sfera dell’autismo e gli interventi di riabilitazione possibili.

Attualmente lavoro come educatrice scolastica e domiciliare con varie famiglie con bambini con bisogni educativi speciali. Il lavoro è ciò che mi dà più soddisfazione: poter portare a termine degli obiettivi prefissati con i bambini e poterli vedere felici dei loro passi compiuti verso l’autonomia.

Il lavoro di un’educatrice e di una pedagogista non è così semplice come quando lo si nomina, ma dietro vi è un impalcatura creata con rigore e metodologia, che permette di sostenere un lungo lavoro affiancando gli utenti e le famiglie in ogni passo della loro vita.

CHE COSA SONO I QUADERNI DIDATTICI PERSONALIZZATI?

In questi anni ho potuto sperimentare e provare diverse esperienze lavorative sul campo, affiancando bambini e ragazzi con disturbi specifici dell’apprendimento e bisogni educativi speciali a scuola, per questo mi sto specializzando sempre di più nel poter creare del materiale dedicato a loro e fatto su misura per ogni caso, per questo creo i miei quaderni didattici personalizzati.  

Essi rispondono ad un bisogno sempre più sentito all’interno della scuola: devono consentire un corretto sviluppo didattico ed educativo del soggetto, permettendogli di acquisire più conoscenze possibili relative alle diverse materie trattate, in modo compensativo ed esaustivo, creando così un percorso adatto all’interno della propria difficoltà, andando a valorizzare e portando in primo piano i propri punti di forza. 

L’obiettivo dei quaderni personalizzati è proprio quello di rendere il soggetto protagonista del proprio apprendimento, mediante uno strumento che gli permetta di raggiungere l’apice della conoscenza attraverso stimoli e aiuti che vengono forniti per implementare il proprio bagaglio culturale. All’interno del sistema si definisce tutto ciò con inclusione, un’inclusione che deve avvenire a 360° per ogni sfumatura del soggetto.

PER QUALI ETÀ SONO PENSATI?

I quaderni didattici personalizzati rispondono ad un’ampia fascia d’età: dalla scuola dell’infanzia fino alle superiori se non addirittura all’università.

Non vi è un modo corretto per strutturare il quaderno, è bene ricordare quale sia il suo scopo e per arrivarvi è necessario considerare le difficoltà singole di ogni soggetto per poter creare la strada idonea da percorrere insieme.

All’inizio della mia carriera i quaderni didattici personalizzati ricoprivano un ruolo d’aiuto  essenzialmente per bambini piccoli per la scuola primaria. Man mano però che costruivo e incrementavo le mie conoscenze sono arrivata ad utilizzarli fino a ragazzi/e della secondaria di secondo grado; essi sono dei quaderni che li accompagnano durante i loro anni di studi e che permettono loro una facilitazione nel campo scolastico e anche nel campo sociale.

Una grande esperienza l’ho potuta vivere quest’anno con gli esami di terza media di una ragazza che ormai da anni affianco nel lavoro personalizzato e nel sostegno. Vederla quindi conseguire un titolo di Stato con l’ausilio di mezzi idonei è stato un enorme orgoglio personale oltre che professionale. Tutto ciò si rispecchia nel soggetto che acquisisce la consapevolezza del dire “ Io ce l’ho fatta, ho fatto un ottimo lavoro”.  

COME SI COSTRUISCONO? 

 Pazienza , obiettivo, e costanza sono alcuni degli elementi fondamentali per poter intraprendere la strada. Ogni quaderno che andiamo a costruire richiede un elevato dispendio di tempo che però al completamento di questo si trasforma in un enorme soddisfazione: nel poter vedere nel concreto uno strumento di aiuto per il soggetto. 

Vi mostro alcuni esempi differenti che ho realizzato.

ESEMPIO 1

Ecco dei quaderni didattici personalizzati individuali per una scuola primaria, che attualmente sto utilizzando solamente per una bambina che sto seguendo.  

Nella foto sotto è possibile vedere due tipologie diverse di quaderni didattici personalizzati.

Uno è il quaderno didattico di italiano e l’altro di matematica. All’interno dei quaderni sono presenti anche delle schede che ho potuto scaricare dal sito di homemademamma. 

  • All’interno del quaderno di italiano sono stati inseriti i temi dell’alfabeto, del pre-grafismo, delle line aperte e chiuse, le sillabe, e la scrittura
  • nel quaderno di matematica sono stati inseriti argomenti come il pre-grafismo, la scrittura dei numeri, l’associazione di quantità con le immagini, …

ESEMPIO 2

In questo caso vi sono due tipologie diverse di quaderni didattici personalizzati adatti a soggetti della scuola primaria e non solo, in quanto possono essere utilizzati anche alla scuola dell’infanzia.

Questa seconda tipologia di quaderno è completamente riutilizzabile in ogni momento a differenza dell’esempio precedente nella quale vi è solamente il supporto cartaceo. In questo caso le schede sono inserite in un quaderno ad anelli usando delle delle cartellette di plastica. Questo permette all’operatore di poterle nuovamente riutilizzare.   

Ringrazio Ilaria per aver condiviso la sua esperienza e il suo materiale. Potete seguirla sul suo profilo Instagram e scoprire ogni giorno i suoi preziosi suggerimenti.

Qui sotto potete trovate tante schede da poter utilizzare per creare il vostro primo quaderno didattico personalizzato.

Post di Paola Misesti

Continue Reading

Il gioco delle farfalle

Partendo dal del semplice cartone, ho realizzato questo gioco per i più piccoli, utile per l’apprendimento dei colori.

Ogni farfalla ha 3 colori diversi e i bambini devono abbinare il giusto tris di macchie, riportate sui cartoncini.

Realizzarlo è davvero semplicissimo: basta del cartone (come quello delle scatole di cereali) , un pennarello nero e dei pastelli.

Tante altre idee per apprendere i colori:

Post di Paola Misesti


Continue Reading

Il memory dei numeri e delle quantità tutto da colorare

Comprendere il  concetto di quantità avviene automaticamente nel bambino, che lo impara facendone esperienza tutti i giorni:  una tazza di latte, 2 biscotti, 3 macchinine…

L’associazione quantità e numero è quindi naturale.

Quando si passa però dalla forma orale a quella scritta, il discorso può essere più complesso: il bambino deve infatti associare la quantità ad un simbolo che rappresenta il numero.  Allenare a fare questa associazione può avvenire in maniera giocosa.

Ho preparato tante attività per fare questo, come quella che vi presento oggi: il memory dei numeri e delle quantità.

Si tratta di un semplicissimo memory, in cui i bambini devono abbinare la carta indicante il numero con quella in cui sono riportate tante immagini quante la quantità indicata dal numero.

Le carte sono tutte in bianco e nero, così i bambini possono prima di usarle divertirsi a colorarle.

Come crearle:

Stampate il file che trovate più avanti e ritagliate le carte.

Come proporle:

Per prima cosa fate colorare ai bambini le carte, facendo riconoscere il numero e facendo loro contare le immagini riportate sulle carte.

Inizialmente , se i bambini sono piccoli e non conoscono bene i numeri, proponete poche carte alla volta, in modo da far diventare l’associazione automatica. Aumentate le carte man mano che i bambini prendono confidenza.

Variazioni:

  • Potete semplificare ulteriormente il memory, trasformandolo in un semplice gioco di abbinamenti. Ponete da una parte le carte con i numeri e quelle con le immagini dall’altro lato, naturalmente mischiate. I bambini dovranno abbinarle tra loro.
  • Potete proporre il memory solo utilizzando le carte con i numeri o solo le carte con le immagini. In questo caso dovrete stampare due volte il file per avere le coppie da abbinare.
  • Potete utilizzare le carte anche per giocare a una sorta di “ruba mazzetto semplificato”: mischiate le carte e distribuitele; a turno si scarta una carta e i bambini possono “rubarla” se hanno il numero o la quantità uguale. Vince chi raccoglie più carte.

Qui sotto trovate le carte da stampare:

Non mi resta che augurarvi buon divertimento!

SCOPRI ANCHE…

Post di Paola Misesti

Continue Reading

La tombola dei colori

Imparare i colori per i bambini è davvero divertente.

Per rendere quest’attività ancora più emozionante ho creato una tombola pensata apposta per loro.

Naturalmente è una tombola facilitata con poche caselle e immagini allegre e simpatiche, che la rende perfetta anche per i bimbi con bisogni educativi speciali.

I tabelloni contengono l’immagine di una macchia di colore, mentre i bussolotti e le cartelle hanno i disegni di oggetti.

Il tabellone così come i bussolotti sono di due tipi:

I tabelloni: su uno trovate i colori senza nomi e sull’altro con il nome in stampatello

I bussolotti: vi sono quelli con solo le immagini di oggetti e quelli con il loro nome sotto.

Le cartellette contengono solo le immagini di oggetti.

Come si gioca:

Distribuite le cartelle, mischiate i bussolotti ed estraetene a sorte uno alla volta. Chi è addetto all’estrazione nominerà il colore uscito e i giocatori dovranno segnare l’oggetto di quel colore se compare sulla loro cartella.

Vince chi fa tombola. E’ possibile pensare anche a piccoli premi intermedi per l’ambo, la terna…

Come si costruisce la tombola:

Stampate il file che trovate sotto, ritagliate il materiale e se volete plastificatelo.

Non mi resta che augurarvi buon divertimento!

SCOPRI ANCHE…

Post di Paola Misesti

Continue Reading