Le filastrocche delle emozioni

Settimana scorsa io e Piccolo Furfante abbiamo  rimesso a posto un po’ di scatole di attività. Si erano pericolosamente (nel senso che rischiavano di caderci in testa :-S) accumulati schede, libretti, carte, dadi e una marea di altre piccole cose.

Ci eravamo accorti che non riucivamo più a trovare quello che ci serviva e che, avvicinandoci ai contenitori, ci passava la voglia di cercare. Così di buona lena ci siamo messi a riordinare e cosa abbiamo trovato? Le mitiche palette delle emozioni e delle schede che avevo creato proprio nello stesso periodo: le filastrocche delle emozioni. Ce n’eravamo proprio dimenticati. 🙁

All’epoca le avevo  plastificate e così hanno resistito bene alla marea di giochi che si sono accumulati sopra!

Sono delle semplici  filastrocche, scritte su fogli in formato A4, sulla Rabbia, la Paura, la Tristezza e la Gioia in cui vengono descritti questi stati d’animo, le reazioni fisiche ad essi associati e alcune idee per ritrovare la calma :-).

Per ogni scheda avevo inserito un simpatico disegnino che rimanda all’emozione e ho usato un colore diverso per renderla ben identificabile. Volendo si possono anche usare per creare un librettino oppure  come poster da appendre al muro.

A Piccolo Furfante piace soprattutto la filastrocca della PAURA. L’ultima parte me la fa ripetere e ripetere un miliardo di volte!

Non dovevo aver paura
la mia casa è ben sicura.
Nessun mostro o fantasma
ci viene a far la nanna:
loro abitan lontano
e a quest’ora russan piano,
coricati nei lettini
sognando topolini.
Ogni mamma sta cullando
e il suo bimbo rassicurando:
che sia mostro, alieno o umano
un ragnetto o un marziano.

Ecco le nostre schede. Buona lettura!
Altre idee emozionanti dalla rete:
LEGGI ANCHE…

Related posts:

Ti potrebbero anche interessare...

12 commenti

  1. Buongiorno!!Ieri sera i topi della mia cantina sono venuti a suonarmi in casa con il rappresentante sindacale.Vogliono che tolga un pò di roba, ho scatoloni soppalcati e loro rischiano la vita ogni volta che ci passano vicino……Quindi ti capisco.
    Io, se mette via la mia metà le cose,le ritrovo dopo essermi convinta che le ho perse ed essere già andata a ricomprarle.Avrò 200 rotoli di scotch biadesivo.
    Belle queste filastrocche!!Sai che il mio amore per paura che facessi stampe su stampe dei tuoi pdf(.Si, prima di partire mi faccio sempre delle schede di attività(da quando ti seguo) a colori) per la prima volta in vita sua mi ha detto:”via ben a vedere se c’è qualche libro per questo viaggetto che te lo compro io”.
    l’anno scorso avevo una valigia solo tra libri e pdf, aveva gli incubi…………
    P.s. Speriamo non si accorga che anche se lui non ha comprato le cartucce della stampante, io ho già stampato in ufficio da un’amica…….
    Valigia attività già pronta……che dite il libro lo compro lo stesso!!!???
    Baci uffa

  2. Giulia sta capendo che un ciclo (quello del nido) finisce e che qualcosa di nuovo (la scuola materna) sta arrivando… aiutarla ad esprimere le emozioni è proprio una delle mie urgenze in questo momento. Grazie!

  3. @MammaUffa
    Shhh… il tema stampante e cartucce è delicatissimo in casa P.
    Ora che abbiamo cambiato la stampante è ancora più dura perchè indica sul display il residuo delle cartucce! ARGH! Ma ho la mia scorta di ricariche ben nascosta e papà Ema non riuscirà a scoprirla 😉
    Direi che il libro (comunque) è da prendere! Perchè hai stampato qualcosa tu? Nooooooo 😉

    @Silvia
    Altre mamme mi chiedevano materiale sul passaggio nido-materna! Ora ci penso…
    Tremate stampanti, tremate… Mamma Paola colpirà ancora 😉

    baci baci

  4. aspetto il tuo colpo con molto piacere, visto che siamo nel bel mezzo di quel passaggio anche noi! Fantastica l’idea delle filastrocche sugli stati d’animo..Adesso tocca studiare.. 😀

  5. Grazie ragazze, mi fanno un sacco di piacere tutti questi complimenti! 🙂 Spero che queste schede possano essere utili come lo sono state a noi… 🙂

    Oggi su FB comincio a trattare il tema dell’inserimento e del passaggio nido/materna… è solo un assaggio, ma potrebbe interessarvi 🙂

    Baci baci

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Subscribe without commenting