Tag Archive for lavoretti scuola infanzia

Un dido’ morbidissimo e profumato

dido fai da te morbido

PF si diverte ancora tanto con la pasta da modellare. Abbiamo perfino comprato la macchinetta per fare i muffin-dido’.Usare la pasta di sale pero’ blocca gli ingranaggi perchè è troppo dura e pastosa e comprare sempre il dido’ del supermercato francamente mi scoccia un po’.

Ero cosi’ in cerca di una ricettina facile e veloce che mi permettesse di avere  pronto in 5 minuti un dido’ morbido e profumato, senza doverlo cuocere o soprattutto senza ingredienti difficili da reperire.

Gira che ti rigira, sono capitata su questo sito e dato che avevo tutti gli ingredienti a portata di mano ho voluto provare. Il risultato è stato fenomenale!

Cosa serve:

  • Maizenia in polvere (amido di mais)
  • olio di semi
  • detersivo per i piatti profumato
  • colori naturali per alimenti
  • una tazzina da caffè
  • un cucchiao
  • una ciotola

Come crearlo:

Versate in una ciotola 7 tazzine da caffè di maizenia, 2 tazzine di olio, 5 cucchiai di detersivo per i piatti e qualche goccia di colorante. Amalgamate bene il composto e aggiungete maizenia se l’impasto risulta troppo liquido o detersivo per i piatti se invece è troppo duro.

Non aggiungete l’olio perchè rischierete di rendere l’impasto troppo unto.

Alla fine vi ritroverete tra le mani un pasta molto morbida, facilmente modellabile e soprattutto profumata. Una meraviglia!!

Spettacolare anche il fatto che pur avendo lasciato l’impasto all’aria per qualche giorno non si sia minimamente indurito!

Ecco qui altre idee fai da te:

LEGGI ANCHE…

Un piatto spaziale per un papà spaziale

Ecco qui svelato il mistero: a Papà Ema abbiamo regalato un piatto! :-D

regalo festa del Papà fai da te

Ma non un piatto comune bensi’ un piatto specialissimo, anzi di piu': spaziale! Un piatto decorato da Piccolo Furfante!

Piccolo Furfante è in pieno “trip” da Guerre Stellari e cosi’ quando si è trattato di scegliere il disegno da fare sul piatto, ha scelto subito un tema spaziale: la X-wing che attacca la Morte Nera. Non è che il soggetto sia proprio adattissimo per la Festa del Papà, visto che Darth Vader non è proprio un modello di buon padre, ma non si puo’ avere tutto dalla vita, giusto? E Papà Ema ha apprezzato e questo è l’importante! ;-D

Questa idea regalo è semplicissima da fare e va bene per ogni occasione. Basta avere un piatto bianco e un pennarello per ceramica (si trova nei negozi di hobbistica).

Ecco come fare:

Read more

Un praticello fiorito per il coniglietto pasquale

Ormai la Pasqua è alle porte e cosi’ i lavoretti si moltiplicano. Ieri sera abbiamo finito il nostro cestino porta-uova (a breve le istruzioni) ricicloso e, sempre ieri, Piccolo Furfante è tornato a casa da scuola con un simpaticissimo lavoretto: il praticello di Easter Bunny.

Il nostro coniglietto pasquale ora saltella indisturbato nel suo prato, rallegrando la casa  e  dandole un po’ di allegria e colore. Una bella idea delle maestre che ha entusiasmato PF e i suoi compagni.

Volete anche voi un praticello e un coniglietto salterino?

Ecco cosa serve:

  • 2 fogli bianchi
  • 1 foglio spesso verde
  • 1 foglio spesso viola scuro
  • 1 foglio spesso viola chiaro
  • un foglio giallo
  • un ciuffetto di cotone
  • fiorellini finti di vari colori
  • pastelli
  • tempere
  • colla
  • biadesivo
  • graffettatrice
  • forbice
  • modello da stampare

Come realizzarlo:

Incominciamo dal coniglietto. Stampate questo modello e prendete il foglio n. 1, coloratelo come piu’ vi piace. Piccolo Furfante l’ha colorato con i pastelli marroni. A questo punto ritagliate le sagome, chiudete la base e bloccatela con due graffette. Potreste usare anche la colla o l’adesivo, ma le graffette fermano meglio il foglio. Incolate ora la faccina del vostro coniglietto e un ciuffo di cotone per la coda. Il vostro Coniglietto Pasquale è pronto per saltellare sul praticello.

Ecco come crearlo.

Per prima cosa dipingete con le tempere verdi un foglio (spesso) bianco e lasciate asciugare il tutto.

Prendete il foglio n.2 del modello che avete stampato e ritagliate le forme del fiore, coloratele o ricopiate le sagome su cartoncini di vari colori come ha fatto Piccolo Furfante (in questo caso ritagliate poi anche le sagome colorate). Incollatele quindi insieme ,una sull’altra. Avete preparato la corolla.

Fate la stessa cosa con le foglie del fiore che trovate sempre sul foglio n.2.

Ora non manca che lo stelo. Prendete il foglio n.3 del modello che avete stampato, colorate le strisce di verde o ricopiatele su un cartoncino verde. Ritagliate le due strisce e sovrapponete le  due estremità in modo che formino una L.

Bloccate le estremità con della colla o, meglio, con del nastro biadesvo. A questo punto ripiegate le strisce una sull’altra, finchè non arrivate alla fine del foglio. Avrete creato una sorta di fisarmonica. Questo lavoro è piacuto molto a PF, ma richiede un po’ di pazienza e  di precisone. Bloccate quindi anche questa estremità. A circa 1/3 del fiore incollate le due foglie che avete precedentemente preparato (i cui modelli avete  trovato sul foglio n.2)

Ora non resta che assemblare il tutto. Incominciamo del fiore: con la colla appiccicate lo stelo alla corolla e lasciate asciugare.

Sul vostro foglio verde/prato, ora ben asciutto, incollate i fiorellini finti (noi ne abbiamo usati 3) e il vostro fiore di carta.

Ora il vostro Coniglietto Pasquale puo’ allegramente saltellare sul suo praticello fiorito.

Se volete fare una sorpresa ai vostri bimbi? Fate come me: una mattina fate trovare due ovetti di cioccolata sotto il coniglietto. Vedrete che non sarà solo in coniglietto a saltare di gioia :-D

LEGGI ANCHE…

Decorazioni di Carnevale facili facili: la ghirlanda da porta

In casa P. quest’anno Carnevale sta arrivando senza che neanche ce ne accorgiamo. Siamo indietro con tutto: costumi, addobbi e lavoretti.

Un po’ perchè il mio corso di tedesco mi sta impegnando molto, un po’ perchè con la neve siamo spesso fuori a giocare, un po’ perchè PF ultimamente è interessato agli animali e non vuol fare altro che attività su squali, orsi e marmotte…

Dato che volevo assecondare i suoi interessi, ma nello stesso tempo fare qualche lavoretto sul Carnevale ho pensato a qualcosa che potesse accontentare entrambe le esigenze.

La nostra ghirlanda di Carnevale ha quindi per tema gli animali.

Cosa serve:

  • Carta
  • Forbici
  • Pastelli, pennarelli o tempere
  • adesivo
  • filo di rafia

Come abbiamo creato la nostra ghirlanda:

Per prima cosa ho stampato, facendole sciegliere a PF, delle maschere da colorare tutte di animali: un leone, un gufo, un anatroccolo, una scimmietta…

La maggior parte delle nostra maschere provengo dal sito Animal jr

Poi con un po’ di pazienza ci siamo messi a colorarle. Molte le ho finite io perchè PF si era stufato un po’, dato che sono abbastanza grandi.

Gli è piaciuto di piu’ ritagliarle e lo ha fatto con moooolta pazienza, sorprendendomi molto.

Dopo un lungo lavoro di forbici, avevamo sei maschere pronte all’uso.

Abbiamo tagliato un filo di rafia arancione e lo abbiamo appiccicato con l’adesivo alle maschere, in modo da formare una lunga fila.

A questo punto la nostra ghirlanda era pronta. Non è rimasto altro che appenderla alla porta.

Altre idee prese in rete per abbellire le nostre stanze:

LEGGI ANCHE…

Alberelli, candele, renne: vetrofanie natalizie fai da te

Io e Piccolo Furfante abbiamo scoperto da poco i colori per fare le vetrofanie. E’ stato amore a prima vista o meglio a primo segno.

Dato che era da un po’ che li desideravo, non ho esitato quando ho visto sullo scaffale del supermercato la super offerta di un set completo. Erano in offerta semplicemente perchè le decorazioni che il set conteneva si referivano ad Halloween, ma tant’è che sono finite subito nel carrello :-D

Fare le vetrofanie è un gioco da ragazzi, anzi da bambini  visto che PF ne va matto e gli riescono molto bene.

Cosa serve:

  1. un disegno , abbastanza grande e con pochi particolari
  2. i colori per vetrofanie
  3. un foglio di lucido (o quelli che si vendono con i colori che non sono altro che fogli di lucido)

Se avete tutte queste cose il gioco puo’ avere inizio…

Noi avevamo la seconda  e la terza cosa, ma ci mancava la prima: disegni  semplici  a tema natalizio. Un po’ li abbiamo trovati su internet, ma molti erano troppo complessi o richiedevano troppo colori o erano cosi’ ricchi di particolari che sarebbe stato impossibile per PF decorarli seguendo le linee.

Non mi sono data per vinta: armata di carta, matita  e penna ho messo giu’ dei disegni  da colorare semplici semplici. Eccoli qui!

Creare la vetrofania è semplice:

Mettete il disegno su un piano e fissatevi sopra con l’adesivo il foglio di lucido. Ripassate i contorni del disegno con il colore nero specifico per contorni e una volta asciutto (ci vorranno almeno  30 minuti) potrete colorare il disegno con gli altri colori facendo ben attenzione di non lasciare spazi vuoti. Piu’ colore mettete, piu’ la vetrofania sarà resistente e bella da vedere. E’ possibile unire anche colori diversi: noi abbiamo provato con il bianco e gli altri colori e l’effetto marmorizzato non è per niente male :-)

Read more

Spazio alla fantasia: i mostri riciclosi da davanzale

 

Dopo il trasferimento ci siamo trovati con un sacco di scatole ed imballaggi da smaltire. La maggior parte è finita in discarica, ma i pezzi “piu’ belli” li ho voluti tenere in vista di momenti di relax con Piccolo Furfante.

L’altro pomeriggio PF non aveva proprio voglia di uscire, cosi’ ho tirato fuori i miei  “migliori” imballaggi e gli ho proposto “costruiamo qualcosa?”

All’inizio era un po’ indeciso su cosa creare: macchinine, razzi, robot… ma poi con in mano un barattolo di colla ha deciso: MOSTRI!

Oltre alle scatole di cartone ho recuperato altri materiali: stecchetti di legno, pennarelli, tempere, adesivo, colla e poi gli ho lasciato fare.

A volte mi chiedeva di aiutarlo, altre volte si limitava a commentare un suo passaggio o a riprodurre suoni strani.

Dopo una buona mezzora passata a lavorare, i mostri erano pronti, PF soddisfatto e la casa uno sfacelo :-D

Direi che l’operazione “imballaggi” è perfettamente riuscita: ho smaltito il cartone, PF si è divertito, abbiamo passato un piacevole pomeriggio in casa, abbiamo due simpatici mostri che abbelliscono il nostro davanzale svizzero :-D

Altre idee per riciclare le scatole di cartone:

LEGGI ANCHE…

Riciclo creativo: maschere di Carnevale fai a te

Ormai carnevale è vicino e di maschere ne abbiamo piena la casa, ma dato che noi piace pensare a modi originali per riciclare gli oggetti, ecco che proprio l’altro pomeriggio abbiamo creato delle maschere davvero particolari, fatte con i contenitori di cartone delle uova.

Cosa abbiamo usato:

  • contenitori di cartone delle uova
  • pennarelli
  • forbici
  • fantasia

Come le abbiamo create:

Ho ritagliato i contentori delle uova (si fa un po’ di fatica perchè sono spessi e rigidi) in modo da ricavarne dei pezzi composti da solo due portauova. Ho sagomato la forma del naso e tolto, sul retro, quei pezzi di cartoncino che non facevano aderire bene la maschera al viso. Ho, infine, praticato due buchi  per gli occhi.

A questo punto, io e Piccolo Furfante ci siamo messi a decorarle con i pennarelli. Si possono utilizzare tantissime altre tecniche perchè la maschera è fatta di cartone e ci si può sbizzarrire con tempere, collage, acquerelli…

Una volta finite, ho praticato due forellini e vi ho inserito un elestico per poter indossare la maschera.

Ne abbiamo fatte di tanti tipi e tutte multicolori: chi più ne ha più ne metta ;-)

Vi piace il nostro Pingu mascherato? :-D

Altre idee dalla rete:

LEGGI ANCHE…

Giocare con l’arte: un castello in un quadro

A Piccolo Furfante è piaciuto davvero tanto il libro “Il Castello dell’orco cattivo”  di cui vi parlavo in questo Venerdì del Libro. Gli è piaciuto così tanto che ha voluto a tutti costi farne un quadro.

All’inizio abbiamo fatto delle prove con pastelli e pastelli a cera, ma PF non era soddisfatto. Così abbiamo tentato con tempere e pennarelli, riuscendo a creare un quadro originalissimo :-D

Cosa abbiamo usato:

  • cartoncino rigido
  • tempere di vari colori
  • pennarelli di vari colori
  • pennarello indelebile nero
  • farina gialla (facoltativo)
  • fantasia e pazienza

Come abbiamo creato il nostro quadretto:

Per prima cosa abbiamo steso una buona mano di tempera sul cartoncino. Lo strato deve essere abbastanza spesso.

Una volta asciugata la tempera, ho disegnato con il pennarello indelebile il contorno del castello. Piccolo Furfante non aveva voglia di disegnarlo lui, così l’ho fatto io. Ho usato il modello riportato sul libro “365 cose da fare e creare” per rendermi il lavoro più facile. :mrgreen: PF voleva un castello da Orco, proprio come quello della sua storia preferita, così il nostro castello fa paura. La tecnica che vi descrivo, però, può essere usata per ogni tipo di disegno: anche allegro o romantico e non solo pauroso. Noi abbiamo usato colori tetri proprio per il soggeto scelto da PF :-D

Una volta disegnato il contorno del castello, Piccolo Furfantelo lo ha colorato con i pennarelli. L’effetto che ne esce è stupendo: il colore del pennarello sopra le tempere diviene opaco e sfumato. Una volta finito il quadretto è meraviglioso :-D Infatti ne abbiamo creati degli altri, usando sempre la stessa tecnica!

Per rendere il quadro ancora più speciale: prima che la tempera asciugasse  abbiamo sparso a pioggia un po’ di farina gialla. In questo modo, una volta asciutta, alcuni granelli di farina  sono rimasti attaccati alla tempera rendendo il quadro ancor più orginale.

Un’avvertenza: le punte dei pennarelli passate sulle tempere tendono, dopo un po’, a smettere di funzionare. E’ sufficiente passarele su di un foglio per togliere la patina di tempera e far funzionare nuovamente il pennarello :-D

Altre idee artistiche:

LEGGI ANCHE…

Un cuore di lana per San Valentino

Qualche giorno fa, cercando idee  per San Valentino sono incappata in questi cuoricini di lana che mi sono piaciuti un sacco.

Ho pensato di proporre l’idea a Piccolo Furfante, utilizzando però una struttura più grande per agevolargli il lavoro. Ho usato un attaccapanni di ferro, piegandolo a forma di cuore. Ho dovuto fare un po’ di fatica, ma alla fine ne è uscito un cuore gigante, proprio quello di cui avevamo bisogno.

Cosa abbiamo usato:

  • Un attaccapanni di ferro
  • un gomitolo di lana blu
  • pazienza

Come lo abbiamo costruito:

Per prima cosa ho bloccato il filo di lana, facendo un bel nodo su uno dei lati dell’attaccapanni. Poi ho passato il gomitolo a Piccolo Furfante che ha incominciato ad avvolgerlo intorno alla struttura di ferro.

Per fare in modo che il filo non scivoli, è sufficiente bloccarlo alla struttura avvolgendolo due volte ad ogni passaggio. Ben presto il cuore era pronto. Gli ultimi passaggi sono  difficoltosi perchè passare il gomitolo tra i fili tesi è un po’ complicato. Qui sono intervenuta io, perchè PF incominciava ad innervosirsi :-D

Piccolo Furfante è rimasto soddisfatto del suo “lavoretto” che ora abbellisce il nostro soggiorno, in attesa di altri cuori di lana.

Altre idee decorative:

LEGGI ANCHE…

Decorazioni di Natale fai da te: i pupazzi di colla

La pioggia e la febbre ci hanno costretto in casa per una luuuuuunga settimana e così tra il disegno di un tacchino e l’altro, io e Piccolo Furfante ci siamo dedicati anche a qualche lavoretto natalizio.

Tra questi abbiamo realizzato le nostre bocce natalizie a forma di pupazzo di neve. Qual’è la particolarità: sono fatte con la colla vinilica e noi ci siamo divertiti un sacco non solo a crearle, ma anche a pasticciare :-)

Cosa serve:

  • colla vinilica
  • tempera bianca
  • pezzettini di foam colorato (in mancanza: stoffe o materiali vari) per bocca, naso, occhi, bottoni e cappello dei pupazzi
  • fermaglino di ferro o nastrino per appendere le bocce
  • una contenitore di plastica usa e getta
  • un cucchiaio
  • alluminio per alimenti
  • forbici
  • pazienza

Come li abbiamo costruiti:

Per prima cosa abbiamo scelto i pezzettini di foam che avrebbero costituito la bocca, il naso, gli occhi, i bottoni e il cappello dei nostri pupazzi di neve.

Ho poi steso dell’alluminio sul tavolo da lavoro (copritelo bene anche con dei giornali,perchè la colla non è simpatica da togliere!). La parte lucida dell’alluminio va appoggiata alla superficie del tavolo; la colla va versata sulla parte non-lucida.

In un contenitore usa e getta ho messo 3 cucchiai di colla vinilica e 2 di tempera e ho mischiato bene. Questa quantità ci è servita per creare 5 pupazzetti di medie dimensioni.

Per creare i singoli pupazzi di neve abbiamo versato sull’alluminio 2 cucchiai di colla in questo modo:  per il CORPO abbiamo versato un cucchaio abbondante di colla  e splalmato bene per dargli una forma rotonda,  facendo in modo che il composto fosse spesso 2/3 millimetri. Per il VISO  ho versato una quantità minore di composto, utilizzando però la stessa tecnica per spalmarlo.

Sulla colla bagnata, abbiamo poi messo i pezzettini di foam ed il fermaglio di ferro, premendo leggermente, ma senza esagerare.

Abbiamo, così, creato 5 pupazzetti di neve.Ora non restava altro che aspettare che asciugassero :-S

Abbiamo dovuto aspettare 2 giorni affinchè la colla si rapprendesse. Un’eternità!!

Una volta asciutti, abbiamo ritagliato i pupazzi dall’alluminio. Le nostre bocce erano finalmente pronte!

Piegando leggermente i bordi, l’alluminio si stacca dalla colla, ma noi abbiamo preferito lasciarlo sia perchè la boccia risulta più rigida sia perchè con l’illuminazione dell’albero l’effetto è spettacolare.

Altre idee per creare pupazzetti di neve:

LEGGI ANCHE…