Alla scoperta dell’acqua

Fare esperimenti scientifici con i bambini è divertentissimo. Con PF ne ho fatti parecchi proprio sull’acqua per scoprire la rifrazione della luce, per capire perché il cielo è blu, creando delle nuvole in un sacchetto, osservando come sciogliere più velocemente in ghiaccio

Riguardandoli qualche giorno insieme a un’amica mi sono accorta che sarebbe stato divertente se PF avesse potuto annotare le sue scoperte.

Ho creato allora 3 schede per accompagnare i bambini alla scoperta dell’acqua.

Nella prima scheda i bambini possono divertirsi a capire attraverso l’esperienza diretta come si presenta l’acqua: il suo colore, il suo gusto e i suoi diversi stati (in questo caso l’aiuto dell’adulto è fondamentale).

Nella seconda scheda i bimbi devono disegnare o scrivere dove trovano l’acqua. Sono già presenti 3 suggerimenti: una bottiglia d’acqua, un’onda e la pioggia.

Infine nell’ultima scheda possono osservare la vita di una gocciolina d’acqua.

Le schede possono trasformarsi anche in un libretto, unendo i fogli tra loro con una simpatica copertina che trovate nel kit.

Qui sotto trovate il file con le schede e la copertina da stampare:

SCOPRI ANCHE…

Se siete in cerca di giochi e attività sulle scienza, potete trovare tante idee nella mia bacheca di Amazon dedicata agli esperimenti scientifici e alla scienza. Nelle altre bacheche troverete i miei consigli d’acquisto su libri, materiali e strumenti didattici.

Post di Paola Misesti

Continue Reading

Esperimenti scientifici con i bambini: l’acqua magica

IMG_6504

In cerca di esperimenti scientifici facili e divertenti sono capitata in questo bellissimo sito e cosi’ abbiamo deciso di provare a giocare con l’acqua!

L’esperimento è davvero molto semplice, ma di molto effetto.

Vi servono solo poche cose:

  • un bicchiere/vaso di vetro
  • dell’acqua
  • dei fogli bianchi
  • dei pennarelli
  • dell’adesivo

Come realizzarlo:

Per prima cosa dovete disegnare sui fogli bianchi delle immagini:

  • due frecce, abbastanza spesse, con le punte rivolte in due direzioni diverse (alto-basso /sinistra destra)
  • due linee spesse di colori diversi

Prendete uno dei fogli, ammettiamo quello con le linee di colori diversi, e attaccatelo ad un muro, un armadio, insomma ad un piano verticale, avendo cura che rimanga fisso e non si sposti. Ponete davanti al foglio il bicchiere/vaso vuoto ed osservate le linee: vi appariranno cosi’ come sono riprodotte sul foglio.

Ora riempite, senza spostarlo, il vostro bicchiere/vaso in modo che l’acqua copra le due linee. Osservandole attraverso il bicchiere noterete una cosa strana, anzi magica: le linee si sono invertite d’ordine!

IMG_6506

Svuotate il bicchiere/vaso e riprovate l’esperimento con l’altro foglio, quello delle frecce. Anche in questo caso, una volta che il bicchiere/vaso sarà pieno d’acqua, le frecce risulteranno capovolte: quella che andava a destra, andrà a sinistra e viceversa.

IMG_6505

IMG_6508

Magia? No, fisica!

Cosa è successo?

Quello che avete appena sperimentato è cio’ che in gergo scientifico si chiama “rifrazione della luce”. In parole povere: quando la luce attraversa un materiale subisce una deviazione. In questo caso la luce attraversa piu’ materiali: l’aria, il vetro, l’acqua, il vetro e ancora l’aria.

Il vostro bicchiere/vaso si comporta come una lente d’ingrandimento. La luce converge verso il centro e i raggi in questo punto si incrociamo, creando l’effetto di inversione: cio’ che era a destra risulta a sinistra e viceversa.

LEGGI ANCHE…

Post di Paola Misesti

Continue Reading

6 idee prese in rete per… giocare con l’acqua

L’estate si avvicina a grandi passi, cosi’ come il caldo.

Ecco un po’ di idee per giocare all’aperto e soprattutto con l’acqua!

idee per giochi ed attività con l'acqua

 

  1. La corsa dei bicchieri
  2. Creare percorsi d’acqua
  3. Una pinata bagnata
  4. Dipinti ad acqua
  5. La gioco-doccia
  6. Imparare le lettere dell’alfabeto

Sulla mia pagina Pinterest dedicata all’estate troverete tantissime altre idee!

Qui invece  tutte le idee prese in rete finora!

Post di Paola Misesti

Continue Reading

Libri in gioco: il fantastico viaggio del signor Acqua

il fantastico viaggio del signor acqua attivitàPer la rubrica “libri in gioco” oggi vi parlo del bellissimo libro “Il fantastico viaggio del signor acqua”! Un libro che ancora oggi PF legge con vero piacere sia perchè rapito dalle belle e simpatiche immagini di Agostini Traini sia perchè la storia di questo divertente personaggio lo diverte ed affascina sia perchè è uno dei primi libri che ha letto da solo.

 

Oggi vi propongo 4 semplici attività per poter continuare a giocare con il Signor Acqua anche fuori dal libro…

LIBRI IN GIOCO signor acqua

  1. Aiutiamo il signor Acqua a trovare i suoi amici: creiamo un bel temporale in casa
  2. Il signor Acqua è diventato di ghiaccio: aiutatiamolo a scoprire il tesoro che nasconde
  3. Il signor Acqua non è solo trasparente: giochiamo insieme a lui con i colori
  4. Da acqua a nuvola: vediamo come si trasforma il signor Acqua

LEGGI ANCHE…

Continue Reading

Esperimenti scientifici con i bambini: il ghiaccio frizzante

esperimenti scientifici con i bambini il ghiaccio

“Mamma ma questo ghiaccio frizzica!”

Urlo eccitatissimo di PF alla vista del ghiaccio che invece di sciogliersi si mette a fare bollicine. Sono queste cose che mi fanno capire se un esperimento ha funzionato o meno. Ma partiamo dall’inizio!

E’ da un po’ che volevo fare degli esperimenti con il bicarbinato, ma non trovavo l’idea giusta: il vulcano è bello, ma PF lo aveva già visto fare a scuola!

Pensa che ti ripensa, cerca che ti ricerca ho trovato in rete  questa idea. Invece di versare l’aceto sul bicarbonato in polvere, fanno il procediemnto inverso: usano cubetti di aceto ghiacciato su cui rovesciano il bicarbonato!Semplicemente geniale!

Decidiamo di provare, ma ecco che mi accorgo di non avere in casa l’aceto. Poco male: il limone da noi non manca mai.

Prendo dei contenitori dell’ovetto kinder, ci metto un po’ di succo di limone in ognuno di loro e lascio per qualche ora in surgelatore il tutto.

Una volta che il succo si è ben congelato, appoggio i cubetti ghiacciati (nel nostro caso uova) sopra un piatto. Sembrano proprio dei normalissimi cubetti di ghiaccio: PF è convinto sia acqua colorata!

Ora chiedo a PF di versarci sopra qualche cucchiaio di bicarbonato. Appena il ghiaccio (al limone) viene in contatto con il bicarbonato incomincia a sciogliersi e a fare bollicine! PF ci aggiunge anche qualche goccio d’acqua e le bollicine aumentano a dismisura. Il nostro ghiaccio è diventato ghiaccio frizzante!

esperimenti scientifici con i bambini il ghiaccio che frizza

PF mi chiede cosa succede, perchè il ghiaccio si è comportato cosi’: quando un acido (in questo caso il limone) viene a contatto con il bicarbonato, forma anitride carbonica quindi bollicine, tante bollicine!!

L’esperimento è perfettamente riuscito. Provateci anche voi se volete divertirvi un po’ e stupire i vostri bambini!

LEGGI ANCHE…

Continue Reading

Esperimenti scientifici con i bambini: un temporale fai da te

esperimenti scientifici bambini ciclo acqua temporale

In casa P. continuano gli esperimenti sulle nuvole, sull’acqua e temporali vari. Dopo avere creato una nuvola  in un sacchetto, ecco che ci siamo dati allo studio di un bel acquazzone!

Quando ho visto quest’esperimento su questo sito non ho saputo resistere e l’ho proposto subito a PF. E’ davvero semplice da fare, ma di molto effetto.

Cosa serve:

  • un vasetto di vetro
  • schiuma da barba
  • acqua
  • colore alimentare blu
  • contagocce o cucchiaino

Ecco come realizzare il vostro bel temporale in casa:

Riempite il vostro vaso d’acqua quasi fino al bordo. A questo punto spruzzateci sopra molta schiuma da barba fino a superare il bordo del vaso, ma facendo attenzione che non coli fuori.

In questo modo avete creato il vostro cielo e la vostra bella nuvoletta; non vi resta che far piovere!

Usando un contagocce oppure un cucchiaino fate cadere lentamente alcune gocce del vostro colore alimentare blu sopra la schiuma da barba. Ben presto le gocce, essendo pesanti, supereranno la nuvola cadendo nell’acqua. Si protranno vedere chiaramente le scie di colore che andranno a depositarsi sul fondo del vaso.

esperimenti scientifici con i bambini creare un temporale

PF era rapito da queste scie e dal fatto di aver creato un temporale in casa. Preso dall’entusiasmo ha cominciato a creare anche un bel vortice nel vasetto usando il contagocce.

Insomma un esperimento davvero semplice da fare, ma che ci ha divertito molto!

LEGGI ANCHE…

Continue Reading

Nuvole in sacchetto

acqua ciclo esperimenti bambini

Dopo aver affettato la terra, l’altro pomeriggio io e PF abbiamo deciso di creare le nuvole in casa.
Gli esercizi di ortografia non sono i preferiti di PF che, dopo aver passato ore a farli in tedesco, non ha la pazienza di farli anche in italiano. E come dargli torto? Cosi’ devo inventarmi sempre qualcosa di accattivante per convincerlo.
L’altro pomeriggio dovevamo esercitarci con la Q e la CQ e cosi’ ho deciso di introdurre il ciclo dell’acqua per rendere il tutto piu’ divertente. L’idea é  piaciuta anche a PF.
Ho recuperato un po’ di schede in rete (tra cui queste) e ripreso il nostro libretto del “signor acqua” che a PF é sempre piaciuto molto leggere. Abbiamo quindi studiato i vari stati dell’acqua e PF ha ricopiato i disegni che gli sembravano piu’ significativi per spiegare la straordinaria avventura del signor Acqua.

ciclo dell'acqua esperimenti bambini
Alla fine non ci rimaneva che ricreare le nuvole in casa! Ho preso l’idea da questo sito e mi è piaciuta subito tantissimo, per la semplicità dell’esperimento, perchü sembrava divertente e, non ultimo, per la sua chiarezza.
Cosa serve:
– un sacchetto di plastica trasparente e richiudibile (come quello dei surgelati)
– un pennarello indelebile
– adesivo
– spago
– acqua

Come realizzare la nuvola:

Continue Reading

Esperimenti scientifici con i bambini: come creare cristalli di sale

esperimenti scientifici con i bambini come creare cristalli

Per il suo compleanno PF ha ricevuto un sacco di regalini scientifici dato che tutti conoscono la sua passione per la scienza, anche se poi da grande vorrebbe fare l’arciere professionista (new entry di questi giorni)!

“Facciamo un’esperimento “escientifico”? daaaaai, facciamoloooooo!” a questa domanda martellante, io e Papà Ema non abbiamo potuto dire di no e cosi’ eccoci alle 10 di sera con un vasetto di vetro, del sale  e un filo di cotone spesso.

esperimenti scientifici

L’esperiemto è facile da preparare, come un esperimento alle 10 di sera deve essere. Cosa cerchiamo di dimostrare, oltre che alle 10 i bambini dovrebbero essere già a nanna tranne che a casa nostra? Lo scopo dell’esperimento è quello di fare vedere a PF come creare cristalli di sale.

Per prima cosa fate bollire per benino un po’ d’acqua (100 ml). Versate l’acqua nel vasetto, buttateci dentro 4 cucchiaini di sale e girate bene in modo che il sale si sciolga completamente. Ora legate parte della cordicella intorno ad una matita, appoggiate la matita sul bordo del vasetto in modo che un pezzo del filo  sia immerso nell’acqua, ma non tocchi né il fondo né i lati del vasetto. Ora mandate il figliolo a letto, in attesa che l’esperimento faccia il suo corso.

Cosa si dovrebbe vedere? Con il passare del tempo lungo tutto il filo si dovrebbero formare dei piccoli cristalli. Ripetete l’operazioni di cui sopra (acqua bollente con sale disciolto) molte volte, ma utilizzando sempre lo stesso filo. Il vostro cristallo dovrebbe pian piano crescere.

La mattina dopo noi non avevamo ancora visto nulla, ad eccezione di piccolissimi agglomerati bianchi attaccati alla parte del filo che si trova in superficie. Ma non demordiamo, perchè vogliamo vedere crescere il nostro cristallo di sale!

Altre idee “cristalline” prese in rete:

LEGGI ANCHE…

Continue Reading

Esperimenti scientifici con i bambini: le uvette ballerine

esperimenti scientifici con i bambini uvetta ballerina

Eccoci qui ancora alle prese con i nostri esperimenti scientifici!! Dopo un pomeriggio di lamentele infinite da parte di Piccolo Furfante (della serie: “e questo non mi piace… questo è noioso… questo è lungo da fare… e questo non ho voglia di farlo”) o lo strozzavo o lo impegnavo in qualcosa di facile,veloce e divertente: ho optato per la seconda alternativa.

Mi sono tuffata in rete in cerca di un esperimento scientifico qualsiasi, tanto so che li’ cado sempre sul sicuro!

Naturalmente ne ho trovati parecchi, ma Piccolo Furfante ha voluto a tutti i costi fare quello delle uvette ballerine.

Facile é facilissimo. Divertente è divertente. Veloce è veloce. E allora via di uvette!!

Ecco cosa serve:

  • una bottiglietta di plastica da mezzo litro di acqua frizzante
  • uvetta sultanina

Cosa bisogna fare:

Aprite la bottiglietta d’acqua e inseriteci dentro 4/5 uvette. Richiudete subito.

Le uvette per un po’ galleggiano e poi si depositano sul fondo.

Vi chiederete: bé e allora? Tutto qui?

Non siate impazienti. Tenete d’occhio la bottiglietta perché dopo qualche minuto  le uvette, una ad una, riaffioreranno in superficie, ma ci rimarranno poco perché ricadranno presto sul fondo.

Questo “balletto” si ripeterà parecchie volte.

E’ divertente vedere le uvette salire e scendere dentro la bottiglietta, ma é simpatico anche pronosticare quale delle uvette salirà prima delle altre. Buona fortuna!

Perchè le uvette si mettono a ballare??

Una volta che l’uvetta è affondata, le bollicine di gas contenute nell’acqua rimarranno intrappolate nelle pieghe delle uvette e le spingeranno in superficie. Una volta li’ le bollicine scoppieranno riportando gli acini sul fondo. L’operazione si ripeterà parecchie volte!

L’esperiemnto potrà essere fatto anche in modo piu complesso come ci spiega il sito de LaPappaDolce.

Qui trovate altri esperimenti presi in rete:

LEGGI ANCHE…

 

Continue Reading

Esperimenti scientifici con i bambini: il sacchetto magico

esperimenti scientifici con i bambini

Pioggia, freddo e noia non sono dei buoni compagni di gioco. Se non posso fare nulla per scacciare i primi due, certo pero’ mi posso impegnare per allontanare la noia da casa.

Cosi’ l’altro pomeriggio (l’ennesimo di brutto tempo), io e Piccolo Furfante abbiamo deciso di darci agli esperimenti scientifici.

Vulcani? Pozioni magiche? Palloncini autogonfiabili? Nooo! Avevamo voglia di un po’ di magia e cosi’ sono andata a scovare un interessantissimo esperiemento scientifico che sembra proprio un gioco di prestigio: il sacchetto che non si buca.

Cosa occorre:

– un sacchetto di plastica trasparente per alimenti (richiudibile)

– delle matite ben appuntite

– dell’acqua

Come si svolge l’esperimento:

Riempite d’acqua il sacchetto per 2/3 e richiudetelo bene. Tenetelo davanti a voi perfettamente dritto.

Ora infilate delicatamente, senza farla ruotare, una matita nel sacchetto. Bucate il primo strato e poi il secondo. Fate tutto molto lentamente.

MAGIA! L’acqua non esce! Non ne vecrete nemmeno una goccia cadere per terra, anche se la matita trapassa il sacchetto da parte a parte.

Potete ripetere l’operazione anche con altre matite.

Perchè succede questo?

Magia? Non solo!!

I sacchetti per alimenti sono formati da polimeri  ovvero macromolecole composte da lunghe catene di molecole. Quando il sacchetto viene forato dalla matita, le catene di molecole fanno una barriera intorno alla matita, cosa che evita all’acqua di uscire.

Ecco qui altre idee “magiche” prese in rete:

LEGGI ANCHE…

Continue Reading