6 idee prese in rete per… scoprire i grandi artisti

Avvicinare i bambini all’arte è facile e divertente. PF ha sempre adorato riprodurre i quadri dei grandi artisti utilizzando varie tecniche: i gessetti, i collage, i pennarelli…

Ecco allora alcuni progetti per giocare con  i grandi artisti:

IDEE ARTE BAMBINI homemademamma

  1. Alla scoperta di Kandinsky
  2. Mi disegno come Picasso
  3. Costruire l’albero di Miro’
  4. Alla scoperta di Frida Kahlo
  5. Il libretto per conoscere Van Gogh con disegni da fare e colorare, quiz e tante informazioni
  6. Autoritratto alla Andy Warhol

 

Tante altre idee le trovate nella mia pagina Pinterest dedicata all’arte.

Qui invece  le nostre attività legate all’arte e qui tutte le idee prese in rete finora!

Post di Paola Misesti

Continue Reading

6 idee prese in rete per… giocare con i colori e la fantasia

Le vacanze offrono l’occasione di sperimentare e divertirsi in tutta libertà. Ecco allora che sono andata in cerca di idee per poter ci sbizzarrire con i colori e liberare la nostra fantasia.

idee per giocare con l'arte

  1. Arcobaleno di latte
  2. Arte da mangiare
  3. Piedini da artista
  4. Da vaschette di polistirolo a timbri
  5. Creare disegni con le impronte
  6. Tempera 3 D fai da te

Tante altre idee le trovate nella mia pagina Pinterest dedicata all’arte, con piu’ di 200 splendide attività da realizzare!

Qui invece  tutte le idee prese in rete finora!

Post di Paola Misesti

Continue Reading

6 idee prese in rete per… giocare con l’arte

Dopo la pausa estiva ecco che riprende la rubrica “6 idee prese in rete”!

Oggi vi parlo di attività semplici e divertenti per giocare con l’arte. Sapete che io e PF ci divertiamo un sacco a realizzare opere di artisti famosi, ma quello che vi propongo oggi pero’ è quacosa di diverso: attività e materiali per diventare degli artisti noi stessi.

idee e attività per giocare con l'arte

 

  1. trasformando gli spaghetti in allegri pennelli
  2. disegnando con le scarpe
  3. realizzando mosaici con i tappi di bottiglia
  4. dipingendo sui fogli di alluminio
  5. dipengendo con gli elastici
  6. creando quadri on la colla colorata

Tante altre idee le trovate nella mia pagina Pinterest dedicata all’arte, con piu’ di 200 progetti da poter realizzare con i bambini

Qui invece  tutte le idee prese in rete finora!

Post di Paola Misesti

Continue Reading

Giocare con l’arte: un’invasione di Nanas

SAM_0592

Se vi capitasse di passare per la stazione di Zurigo, vi accorgereste subito di una strana figura di donna che svolazza sopra di voi! Non potete non notarla semplicemente perchè è gigantesca!

Questa “donnona” non è altro che una delle bellissime opere di Niki de Saint Phalle. Avevo conosciuto quest’artista, tantissimi anni fa, ammirando le sue (e del marito Jean Tinguely) creazioni a Parigi, in particolare la fontana Stravinsky che si trova proprio di fronte al Centre Pompidou. Molti di voi la cnosceranno anche per il Giardino dei tarocchi. Potete quindi immaginare la mia sorpresa a ritrovarmi una “sua” gigantesca Nana qui a Zurigo!

PF mi prende sempre in giro quando mi trova ad ammirare questa “donnona” che lui chiama amichevolmente “la donna con le coscione”. Qualche tempo fa, in occasione del nostro ultimo lavoretto artistico, mi è venuta l’idea di realizzare una nana insieme a lui utilizzando il das.

niki saint phalle elefante parigi

Dopo aver allestito il nostro atelier in salotto, ci siamo messi all’opera ma all’ultimo momento PF non aveva voglia di realizzare “la donna con le coscione” e cosi’ abbiamo scelto di ricreare una della sculture della fontana parigina: esattamente l’elefante.

Con un po’ di pazienza la nostra scultura era pronta e PF, sull’onda dell’entusiasmo, ha deciso di crearne una tutta sua che ha ribattezzato “la tazzina”. Indovinate che forma ha??

arte con i bambini 2

Dopo aver aspettato 2 giorni che il das si asciugasse ben bene, ci siamo dati alla colorazione delle nostre opere, naturalmente ispirandoci ai colori e ai disegni dell’artista. Ora “la tazzina” e “l’elefante” sono diventati due splendidi e coloratissimi fermacarte e ci ricordano la nostra “donna con le coscione” appesa nella stazione di Zurigo.

LEGGI ANCHE:
Continue Reading

Giocare con l’arte: i puzzle artistici

attività artistiche per bambini

Tra le vacanze e l’inizio della scuola abbiamo un po’ trascurato i nostri “giochi” d’arte e cosi’, sentendomi un po’ in colpa, l’altro pomeriggio ho tirato fuori dal cappello un’attività veloce e divertente per riprendere con i nostri pomeriggi a tema.

In una vecchia rivista didattica ho trovato delle immagini rappresentanti altrettante opere artistiche: la “Monna Lisa” di Leonardo, “Jean Renoir che disegna” Di Pierre Auguste Renoir e “Donna con parasole e bambino” di Monet. Dato che tutte e tre le immagini erano abbastanza grandi si prestavano bene per essere trasformate in puzzle.

Ho cosi’ ritagliato ogni opera in pezzi irregolari di grandi dimensioni e tolto le didascalie che specificavano titolo ed autore.

Ho mischiato poi i pezzi tra loro e ho chiesto a PF di ricomporre il tutto e di abbinare il titolo all’opera.

La ricomposizione delle immagini é stata abbastanza veloce. La Gioconda è stata quella piu’ facile da ricostruire, mentre l’opera di Monet quella piu’ complicata.
L’abbinamento del titolo é stato anch’esso facile…

PF mi ha chiesto dei nuovi puzzle e cosi’ tra un po’ gli riproporro’ il gioco.

Altre idee prese in rete per avvicinare i bambini all’arte:

LEGGI ANCHE:

 

Continue Reading

L’arte e i bambini: Chagall nel giardino di casa

arte di chagall e i bambini

Qualche settimana fa mi sono concessa una visita al museo di arte moderna di Zurigo. Era da un po’ che volevo andarci, ma non trovavo mai l’occasione.
Con un’amica, dopo un cappuccino, una brioche e molte chiacchiere, mi sono dedicata a scoprire le opere di Chagall grazie alla bellissima mostra allestita presso il museo.

La mostra è davvero bella e la consiglio veramente di cuore (anche il cappuccino e le brioche non erano male, comunque 😉 ). Arrivata a casa ho trovato un Piccolo Furfante curiosissimo di sapere cosa avevo visto.

Abbiamo quindi cercato su internet un po’ di opere di questo pittore e mentre gli raccontavo cosa avevo imparato al museo (grazie all’audioguida) ci è venuta voglia di disegnare anche a noi. PF pero’ era un po’ stufo di ricopiare o colorare disegni sul suo quaderno e cosi’ abbiamo deciso di fare qualcosa di nuovo.

chagall con i bambiniAbbiamo scelto un’opera (Io e il villaggio) e io ne ho disegnato i contorni sul  nostro terrazzo sotto l’occhio vigile e i suggerimenti attenti di PF. Quindi non è restato altro che colorare il disegno.
Abbiamo usato i gessetti “da strada” (i gessetti di un diametro di circa 4 cm), quindi non avevamo molta varietà di colori a disposizione, ma siamo comunque riusciti a far assomigliare il nostro dipinto a quello di Chagall. Incredibile!!

E’ proprio vero che l’arte è in mezzo a noi 😀

LEGGI ANCHE:

 

Continue Reading

L’arte e i bambini: Alla scoperta di Vincent Van Gogh

van gogh per i bambiniEra da un po’ che io e PF non ci davamo all’arte. Cosi’ qualche pomeriggio fa, in preda ad una sfrenata voglia di colori abbiamo ripreso in mano il nostro quaderno degli artisti.

Chi scegliere? Da dove cominciare?

Ero tentata da Chagall dato che a Zurigo c’è proprio in questo periodo una bella mostra, ma guardando tra i nostri libri di arte PF era piu’ attratto da Van Gogh

Prima di tutto ci siamo visti questo bellissimo video di Peo su Van Gogh(lo trovate in fondo alla pagina). Vi consiglio soprattutto il finale che è davvero magico.

Visto che PF voleva dipingere a tutti i costi la stanza di Van Gogh, gli ho un po’ semplificato il lavoro recuperandogli il disegno in bianco e nero e lo stesso ho fatto per “ulivi su cielo giallo” e per un bel “cielo stellato”.

van gogh da colorare

Piccolo Furfante ha utilizzato solo i pennarelli, mentre io anche i pastelli  e i pastelli a cera per rendere le diverse sfumature di colore.

Ci siamo divertiti molto ed ecco cosa ne è uscito:

  • “Davvero Van Gogh dormiva in questa stanza? Mi sembra un po’ storta!”
  • “Non ho mai visto un cielo giallo! Ma dove abitava che c’è il cielo giallo?”
  • ” Se disegno la mia stanza poi divento un pittore famoso anch’io? Pero’ prima dovrei tirare su i lego dal tappeto… è difficile disegnarli!”
  • Mi piacciono i muri azzurri. Li facciamo anche noi in casa?”

Se volete buttarvi anche voi alla scoperta di Van Gogh, ecco qui un bel sito in cui troverete tanti quadri famosi in bianco e nero tutti da colorare

LEGGI ANCHE:
Continue Reading

Giocare con l’arte: alla scoperta di Mondrian

Le nostre incursioni nell’arte si fanno sempre piu’ appassionanti soprattutto in giorni come questi: piovosi e “malannosi” :-S

Ieri pomeriggio, armati di pennarelli e pastelli, ci siamo buttati su Mondrian.

Ho  stampato 4 opere :

  • Sezione aurea
  • Melo in fiore
  • Natura morta con vaso di ginger
  • Composizione con piano rosso grande, giallo, nero, grigio e blu

e ho fatto scegliere a Piccolo Furfante quale fare. Dopo un attimo di estazione ha appioppato a me “natura morta con vaso di ginger” e si é tenuto “Composizione con piano rosso…” pensando fosse la piu’ semplice. Eh,eh,eh 😉

Per prima cosa  ha provato a fare il disegno a mano libera, ma non riuscendoci ha preso la riga e si é fatto pure aiutare da me! Naturalmente non ci è venuto perfetto: alcuni quadrati erano diventati rettangoli e alcuni rettangoli quadrati.

Colorarlo é stato piu’ semplice e il risultato lo ha soddisfatto.

Ecco cosa é uscito durante la realizzazione dell’opera:

  • “Cosa ne pensi di Mondrian?” “Non mi piace molto, mamma, é un po’ troppo spigoloso. “
  • “Ma quanto é grande ‘sto rosso? Mi si sono già scaricati due pennarelli. Lui ne avrà finiti un sacco prima di colorarlo tutto!”
  • “Secondo me anche lui ha usato il righello. Doveva averne pero’ uno enorme! Quanto mi piacerebbe averne uno cosi’ grande, secondo te alla Migros lo vendono?”
  •  “Certo che se il quadro lo intitolava “Rosso grande, nero, bianco e niente giallo” era meglio: avrebbe faticato molto meno!”

Insomma la morale é: comunque sia c’é sempre qualcosa per cui lamentarsi! 😉

La nostra giornata artistica si è conclusa con la mostra Mondrian in salotto dove Papà Ema ammirando i quadri ci ha spiegato cosa fosse la sezione aurea e perchè i rettangoli e quadrati non ci fossero venuti  bene. Io e PF non ci abbiamo capito un granchè, ma per il resto della serata PF  non ha fatto altro che scrivere ovunque radici quadrate :mrgreen:

LEGGI ANCHE:
Continue Reading

Giocare con l’arte: Piccolo Furfante incontra Keith Haring

Era da un po’ che io e Piccolo Furfante non giocavamo con l’arte. Qualche pomeriggio fa complice un tempo da lupi abbiamo deciso di riprendere in mano il nostro album degli artisti.

Avevo pensato di proporre un bel Picasso, ma poi ho deciso che ci saremmo divertiti un po’ con le opere di Keith Haring. Ho quindi stampato 3 imagini e ho fatto scegliere a PF quale voleva raffigurare.

Mi ha sorpreso la sua reazione: pensava infatti che le opere fossero troppo difficili da riprodurre e cosi’ non ne voleva scegliere nessuna. Con gli altri artisti che avevamo incontrato (Klee, Miro’, Kandinsky) non era mai capitato.

Ho allora cercato un modo per rendergli la scoperta di questo artista piacevole. Per prima cosa ho trovato  questo splendido e divertente sito Haringkids.com dove PF si é potuto avvicinare a KH in modo giocoso, in seguito gli ho proposto di ricalcare 2 delle 3 opere che avevo stampato per poi colorarle.

La proposta é piaciuta e cosi’ ,dopo aver giocato un po’ on line ,ci siamo dati da farenella realtà 😀

Piccolo Furfante si é divertito ed ecco con cosa se ne é uscito:

  • Questo qui è proprio bravo a fare le persone, pero’ si é dimenticato la bocca, gli occhi e il naso… e pure i vestiti! Son tutti nudi!
  • Ma questo si chiama proprio KH? Non ha un nome anche lui?
  • Perchè ha fatto il pesce rosa? Aveva finito i colori?
E poi una grande scoperta:
“Mamma, questi segni pero’ non li ricopio perché sono le sbavature del  pennarello. Si vede che mentre cancellava la matita sotto, gli sono rimasti i segni. A me succede sempre!” “
“No, non sono sbavature… sono i segni che indicano che le persone si stanno muovendo. Quei segni  danno l’idea del movimento delle braccia o del pesce. Vedi?”
“Forte! Ma quando io mi muovo non faccio segni. Guarda!”
“Tu no! Ma per rendere il movimento su un disegno bisogna farli… se no non si capisce. Se togliamo i segni, vedi che il disegno cambia? Non si ha piu’ lo stesso effetto!”
“Davvero forte! Questo qui é davvero bravo!”
Un grazie quindi a KH e ai suoi “segni” ;-D
LEGGI ANCHE:
Continue Reading

Mollette d’arte: trova il particolare

“Mamma, guarda! Questo toast sembra un Kandinsky!!” L’altra mattina Piccolo Furfante se n’è uscito cosi’ e solo perchè Papà Ema aveva tagliato i suoi toast a forma di cerchio, quadrato e triangolo.

“Bene, bene…” mi sono detta “si sta appassionando all’arte! A patto che, sentendolo, non lo prendano per pazzo!! 😀

Cosi’ , tra gioia e un filo di preoccupazione ;-), ho passato la mattinata a pensare a qualche divertente attività “artistica” da fare con lui. Volevo pero’ realizzare qualcosa di diverso dalla solita “serata dell’artista”, un gioco simpatico, ma che ci permettesse di conoscere nuovi artisti.

Per prima cosa ho stampato un po’ di immagini: Picasso, Magritte, Miro’, Monet, Renoir. Insomma una bella macedonia d’arte.

Con le immagini in mano era piu’ semplice farmi venire in mente qualcosa ed infatti è stato cosi’! Il nostro gioco si chiama “Mollette d’arte” ed ecco come funziona:

Su delle mollettine ho attaccato un pezzetto di un quadro famoso, un piccolo particolare che deve essere abbinato al quadro corrispondente di cui si ha l’immagine intera. Il gioco è semplice, ma bisogna essere veloci. Munitevi di una clessidra o di un cronometro e ne vedrete delle belle.


Continue Reading