Puzzle fatti in casa

dsc_2336Ecco un ottimo modo per riutilizzare i libri da colorare ormai terminati. Avete presente? Quelli che hanno su una pagina il modello da riprodurre e su un’altra il disegno con i contorni da riempire. Ecco, proprio quelli.

Una volta che Piccolo Furfante ha colorato tutte le figure, ritaglio le immagini-modello, le incollo su un cartoncino colorato e le divido  in quattro. Così PF può continuare a divertirsi con i suoi personaggi preferiti ricomponendone il puzzle.

In questo modo ho creato tanti puzzles tematici: la fattoria, il circo, lo zoo, gli animali della foresta, il bosco, Cars…

LEGGI ANCHE…

Continue Reading

Pork Loin simmered in milk and Basmati rice

basmatiIngredients:

1 pork loin (about 2lbs – 1kg) – with or without bones;

1/4 gallon of whole milk

1/2 onion, celery and carrots (chopped)

2 tablespoons olive oil

1 teaspoon salt

mixed herbs (bay leaves, sage, rosemary – thin chopped)

2 cups basmati rice

1 small onion

cloves

1 teaspoon salt

For the roasted pork loin:

1. Mix the herbs and the salt with the olive oil, pour on the meat and with your hands massage the loin to gently let the herbs and the salt enter the meat;

2. Heat the oil in a pot and brown the meat on all sides (this way the meat wil remain juicy and tender);

3. Add chopped carrots, celery, onion and milk. Cover and place in preheat oven at 350F (180C) for 45 minutes;

For the Basmati Rice:

4. Heat to boil2 pints of water with 1 teaspoon of salt

5. Make three holes in the onion with a tootpick and put the whole cloves in them. Add the onion to the water;

6. Add rice, cook for 5 minutes. Turn off heating and cover the rice. Let it rest until all the water is absorbed by the rice;

7. Cut the loin in 5 mm thick slices. Put the juice and the vegetables in a blender and reduce it to a smooth sauce.

8. Serve the loin with rice and its sauce.

Yummie.

Hint: The sauce can be used as a tasty pasta dressing!

Continue Reading

Super Why & Friends

superwhyNel nostro soggiorno a  San Francisco abbiamo apprezzato un sacco di cose: gli amici, il clima, Starbucks, i giardinetti, le gite in traghetto, le piste ciclabili…

Tra le tante cose, Piccolo Furfante è rimasto estasiato da un personaggio che gli faceva compagnia subito dopo colazione: Super Why.

Questo eroe dalla faccia tonda e dagli occhi grandi è il protagonista di un cartone animato, trasmesso da PBSKids, e aveva l’arduo compito di intrattenere PF  durante il momento della vestizione. Scoperto  per caso (stavo facendo zapping, non riuscendo a capire come funzionasse il telecomando!!) è entrato da subito nel cuore di PF e anche nel nostro (anche perchè il suo compito principale (la vestizione) lo svolgeva egregiamente).

Tra le tante cose che ce lo fanno apprezzare c’è il fatto che  è in inglese, che è una trasmissione didattica per l’apprendimento della lingua, che parla di  favole conosciute e non, che i personaggi sono accattivanti, che le trame sono pensate proprio per i bambini  piccoli, che è ricco di canzoncine orecchiabili…

Per chi volesse averne un assaggio, è possibile scaricare gratuitamente su iTunes due episodi completi (Hansel & Gretel e The Three Little Pigs). E’ sufficiente entrare nel sito, fare una ricerca (finestrella in alto a destra) digitanto “SuperWhy Podcast ” e schiacciare l’immagine di SuperWhy che apparirà, nella nuova finestra, in alto a destra .

Per continuare a giocare con SuperWhy e i suoi amici, invece, è sufficiente andare sul sito di PBSKids dove si possono trovare giochi on line, le canzoni del cartone e tanti disegni da colorare.

Che dire d’altro… buon divertimento!

Continue Reading

Cuciniamo con il Didò

food1

A Piccolo Furfante piace sia cucinare che giocare con il Didò (o la pasta di sale). Per quanto riguarda il cucinare, appena possiamo (e qui è sempre una questione di tempo… ARGH!), ci dilettiamo insieme  a preparare piattini succulenti. Le nostre specialità sono dolci, ragù e pizze!!

Quando non c’è nulla da cucinare, perchè già tutto pronto o perchè a dieta (come dopo queste feste!), ci buttiamo sul Didò (o pasta di sale). Il cibo giocattolo lo attira, ma non gli da’ molta soddisfazione: non si può tagliare e maneggiare come quello vero. Non è manipolabile e tra le mani è freddo e rigido.

Così ieri, mentre giocavamo con il Didò ho deciso di fare un piccolo esperimento: costruire del cibo. Un successone! Finalmente poteva tagliare, affettare, mescolare ed impastare. Ha cotto nelle sue pentole un ottimo minestrone di verdure e nel suo forno una succulenta pizza blu fosforescente – avevamo finito il bianco!!!! 😉

A volte basta davvero così poco…

LEGGI ANCHE…

Continue Reading

Pastelli a cera fai da te!

Ecco un buon modo per recuperare i rimasugli dei pastelli a cera che non sono più utilizzabili dai bambini perchè troppo piccoli. Cosa c’è di meglio che ricreare altri pastelli a cera e incominciare a colorare di nuovo?

Ho trovato questa idea su Crafty Daisies in cui, tra l’altro,  è spiegato in dettaglio tutto il procedimento.

dscn41352

Di cosa abbiamo bisogno:

1) rimasugli di pastelli a cera

2)una teglia per muffin

3)un forno

4)un congelatore

5)circa mezz’ora di tempo

Cosa dobbiamo fare:

1) mettere i resti dei pastelli a cera nella teglia dei muffin. Se come me siete poi dubbiosi nel riutilizzare per cucinare la teglia è meglio che usiate come copertura della carta forno (attenti a farla aderire bene alle pareti) o, meglio ancora, i piccoli contenitori di carta per muffin pensati proprio per cucinare.

Per fare in modo che il risultato finale sia ottimo è meglio  mischiare insieme poche  varietà di colori.

2) mettere la teglia in forno (con la porta socchiusa) a 120 gradi per circa 6/8 minuti. I pastelli si sciolgono velocemente quindi bisogna stare attenti a non bruciarli.

3) togliere la teglia dal forno, aspettare che si raffreddi e poi porla nel congelatore per circa 30 minuti.

4)a questo punto non resta che estrarre i nuovi pastelli a cera dalla teglia e iniziare a disegnare.

LEGGI ANCHE…

Continue Reading

Costruire il villaggio di Thomas

Piccolo Furfante adora giocare con i trenini di legno e soprattutto adora Thomas & Friends. Così, come da richiesta, Babbo Natale sotto l’albero ha lasciato una bella pista di legno (IKEA) con alcuni trenini della collezione Thomas e qualche altra carrozza di varia origine.

La pista ora occupa parte del soggiorno e per arrivare al divano bisogna fare un po’ di acrobazie, ma devo dire che ne è valsa proprio la pena!

Per aumentare il divertimento e per accrescere le  nostre abilità di acrobati, ho costruito un piccolo villaggio in carta. I modelli, scaricabili gratuitamente, li ho trovati su questo sito ( Meddybemps Miniatur Village). Ho poi incollato il tutto su dei cartoncini e ho seguito le istruzioni (davvero molto semplici) per il montaggio delle casette. L’effetto è realistico e devo dire che, malgrado il tempo perso nell’assemblaggio dei pezzi, il lavoro è stato apprezzato :  Piccolo Furfante passa ore a giocare sia con i trenini che con la città di carta… e questo non è poco!

LEGGI ANCHE…

Continue Reading

Relax in spiaggia

Eccoci in spiaggia in una bella ed assolata giornata di gennaio!

Dopo aver corso, giocato a prendersi e raccolto sassolini e conchiglie (restituite poi al mare) c’è bisogno di un po’ di  riposo giocando a disegnare sulla sabbia Barbapapà, nuvolette e soli.

Imparare dove mettere occhi, naso e bocca non è una cosa semplice… ma di certo è moooolto divertente!

Continue Reading

Giocare con i colori

Essere in vacanza costretti in casa per la pioggia ci ha reso abbastanza malinconici e PF particolarmente agitato. Cosi’ ho dovuto usare un po’ di inventiva per  riutilizzare in modo creativo i pochi giochi a disposizione.

Ecco tre semplici attivita’ da poter fare con i pezzi del Lego per giocare, divertendosi, con i colori.

Materiali:

-mattoncini Lego

-formine colorate da spiaggia

-paletta e secchiello

– timer cucina

1) Usando come recipienti alcune formine colorate della spiaggia abbiamo giocato a riconoscere e categorizzare i colori: ad ogni formina dovevano corrispondere i mattoncini dello stesso colore.  Per render il gioco piu’ divertente abbiamo giocato insieme a chi riconosceva piu’ colori e abbiamo poi usato un timer (da cucina) per vedere chi  era il piu’ veloce

2)Abbiamo distribuito sul tavolo da gioco tutti i mattoncini di piccole dimensioni. Io nominavo un colore e PF doveva infilarsi sulle punte delle dita tutti i mattoncini corrispondenti al colore nominato. Il divertente era non solo riuscire a riconoscere i pezzi, ma soprattutto farli rimanere in equilibrio mentre si cercava di infilare i successivi.

3)Abbiamo distribuito sul tavolo tutti i mattoncini a disposizione (piccoli e grandi). Io nominavo un colore e PF raccoglieva con la paletta da spiaggia i mattonici del colore corrispondente mettendoli dentro il secchiello. Munita poi anch’io di un cucchiaio (non avevo altre palette a disposizione, ARGH!) mi sono unita al gioco e con il contributo del solito timer da cucina ho scatenato l’ilarita’ di PF.

LEGGI ANCHE…

Continue Reading

Idea-Cards

ale-noI bambini amano la ripetitivita’ e tendono a giocare sempre con gli stessi giocattoli, a fare le medesime attivita’ o a scegliere sempre gli stessi libri. Ecco una bella idea tratta dal blog  Let’s Explore per fare in modo che i bimbi siano stimolati, in maniera divertente, a variare attivita’ e giochi.

L’idea e’ semplice, quanto geniale:

Basta stampare o scrivere su piccoli fogli le attivita’ o i giochi disponibili e far pescare uno o due di questi foglietti dai bambini. Cio’ che e’ stato estratto sara’ quello con cui i bimbi dovranno giocare.

Per i piu’ piccoli si potrebbero sostituire i foglietti nominativi con immagini  che rappresentino i giochi da poter fare.

Ecco quelle che uso io per il “PF idea-basket “.

Buon divertimento a tutti!

LEGGI ANCHE…

Continue Reading

Disegnare ed imparare le Forme

Ecco una semplice e divertente attivita’ da fare quando si e’ lontani da casa e non si hanno a disposizione tanti strumenti. Bastano un piccolo normografo con intagliate diverse forme e una scatola di pastelli colorati.

Il nostro righello e’ di un simpatico color verde che ha attirato subito la curiosita’ di PF.  Ci siamo divertiti cosi’ a seguire con la matita le sagome e a riconoscerle poi sul foglio. Il passo successivo e’ stato quello di  colorarle assegnando  un colore specifico ad ogni gruppo di forme.

LEGGI ANCHE…

Continue Reading