Venerdi’ del libro: Perchè le lacrime ti insegnano a sorridere

Prima di partire per la nostra vacanza in America ho voluto fare scorta di libri: tutti ebook. Viste le lunghe ore di volo e le attesa in aeroporto avevo voglia di libri leggeri, non troppo impegnativi, ma che non fossero al tempo stesso banali.

Tra tutti quelli che ho preso c’è “Perchè le lacrime ti insegnano a sorridere” di Valentina Carbone: mi era piaciuta la presentazione che ne faceva Amazon e l’incipit del libro.

La lettura è stata piacevole anche se il libro non è come me lo aspettavo: avevo immaginato trattasse l’evoluzione della storia d’amore di due giovani fino all’età matura. In realtà quasi tutto il libro è ambientato nell’adolescenza dei due protagonisti. Un libro capace di fare rivivere l’emozioni del primo amore, dei primi problemi di coppia e della paura di crescere. Piu’ adatto forse ad un pubblico piu’ giovane di me, avendo io (ahimè) passato già da un pezzo questi turbamenti!

Il racconto è ben strutturato anche se lo stile si rifà molto al parlato, cosa che non mi piace molto, ma che indubbiamente rende la storia piu’ accattivante e vicina ai ragazzi.

Un libro quindi che ho letto velocemente, ma che non mi ha preso particolarmente. Credo che ad un lettore piu’ giovane potrebbe pero’ piacere molto.

Il libro di oggi è quindi…

Perchè le lacrime ti insegnano a sorridere – Valentina Carbone

Quando non ci si vuole bene abbastanza, si tende a proiettare sull’altro il nostro bisogno nella speranza di riuscirsi ad affermare. ma cosi’ non sarà mai perchè il bisogno non ü amore, è la sua antitesi.

perchè le lacrime ti insegnano a sorridere

Buona festa della Repubblica,  fine settimana e buone letture! Non vedo l’ora di leggere i vostri suggerimenti!! Eccoli:

Vi ricordo la nostra biblioteca “quelli del Venerdi’ del libro” su PINTEREST dove potrete archiviare e consultare i libri delle scorse settimane. (Qui trovate le istruzioni per farne parte). Giornalmente recuperero’ da questo archivio un libro che pubblichero’ sulla mia pagina Facebook!

Per semplificare l’accesso, ho creato una cartella qui a lato chiamata”Venerdi del libro” che rimanda direttamente alla nostra pagina. Piu’ facile di cosi’! Se qualcuno di voi, pur avendomi segnalato l’indirizzo, non fosse ancora stata invitata a Pinnare, me lo faccia sapere . A volte mi perdo in giro un po’ di pezzi. Scusate!

Chi vuole fare un tuffo nel passato invece, qui puo’ rileggere  tutti gli scorsi Venerdi’ del libro.

Vuoi partecipare al Venerdi’ del libro?

Ecco come fare:

Basta postare di venerdì – sul proprio blog o lasciare un commento su HomeMadeMamma – i libri che si vogliono suggerire ai lettori per il weekend. Possono essere uno o più, su qualsiasi argomento e per qualsiasi target.

Anche il modo in cui proporli è a discrezione dei partecipanti: mettere citazioni, raccontare aneddoti, fare semplicemente una lista, inserire foto…

Invito chi partecipa a lasciarmi un commento nell’articolo del giorno, in modo da poter inserire tutti i link dei partecipanti della settimana nel mio post.

Chi partecipa puo’ scegliere o meno di inserire i partecipanti della settimana nel proprio post.

Qui volesse puo’ archiviare i propri post anche sulla pagina Pinterest dedicata a questa iniziativa. Tutte le istruzioni per accedervi sono contenute qui.

Non ci sono banner da inserire, obblighi di sorta o email a cui rispondere . Si partecipa quando e come si vuole.

Lo scopo dell’iniziativa, infatti, rispecchia lo spirito con cui nasce HomeMadeMamma: far circolare informazioni utili e voglia di fare (in questo caso di leggere) in tutta libertà.

Vuoi essere dei nostri? Benvenuto! Come vedi partecipare è semplice!

Post di Paola Misesti

Related posts:

Ti potrebbero anche interessare...

16 commenti

    1. Ho letto qualche libro della Moscardelli (Volevo essere una gatta morta e Quando meno te lo aspetti) e mi hanno divertito parecchio. Non sapevo dell’uscita di questo: me lo segno subito!

    1. Non conoscevo questo Silent Book: splendido!
      Complimenti per il vostro lavoro. Mi è piaciuta molto l’idea dell’accettazione delle trasformazioni a cui la vita ci chiama.

  1. Ciao! Ti chiedo scusa se questa volta arrivo in ritardo…pero’ spero mi perdonerai, visto che consiglio non una, ma tre letture!!
    http://mammavvocato.blogspot.it/2017/06/le-lettura-di-mamma-avvocato-tra.html
    due sulla montagna, un’autobiografia di un grande alpinista valdostano e la biografia di un altro grande alpinista, questa volta altotesino, scritta dalla vedova, nonchè una raccolta di racconti del mitico Ligabue.
    Buon fine settimana anche a te!

    p.s. Il tuo consiglio lo tengo buono per amiche piu’ giovani.

    1. Non preoccuparti, dico davvero! Ultimamente sono sempre in ritardo su tutto. Saranno le vacanze che si avvicinano, i mille impegni o semplicemente la stanchezza.
      Grazie invece per aver pubblicato i tuoi suggerimenti. Pur non amando particolarmente la montagna sono affascinata dalle storie di alpinisti. I libri su e di Bonatti li ho divorati.
      A proposito del “Liga” ho visto Radiofreccia tantissimi anni fa ed era un film che mi ha colpito molto. Non ho mai letto i suoi racconti pero’! Segnati!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Subscribe without commenting