Venerdi’ del libro: 9 giorni

Anche questo Venerdi’ del libro è all’insegna del Giallo con un libro che, malgrado sia bellissimo, ho fatto davvero fatica a leggere.

Tentata dal titolo e dalle recensioni entusiaste l’ho acquistato ad occhi chiusi, senza sapere nulla della trama, se non che fosse un thriller. Già delle prime pagine pero’ ho capito che non era il libro per me:  l’angoscia che mi cresceva dentro era troppo forte. Immedesimarmi con la protagonista è stato davvero facile e quindi leggere la sua storia mi ha angosciata profondamente.

La storia è semplice: un bambino di 8 anni scompare in un bosco durante una passeggiata con la madre. I nove giorni sono i giorni durante i quali si svolgono le sue ricerche in un incalzante racconto in prima persona, in cui le forti emozioni fanno da padrone. Fino alle ultime pagine non si saprà se il bambino verrà trovato vivo o morto, ma soprattutto fino all’ultimo non si riuscirà a capire chi è il colpevole di questo crimine.

Un libro davvero coinvolgente e ben scritto, ma che sicuramente non è adatto ad una mamma apprensiva come me.

Ve lo consiglio se amate i gialli e non vi lasciate troppo coinvolgere dalle storie che riguardano i bambini.

Il libro di oggi è quindi…

9 giorni – Gilly Macmillan

Limito le mie spiegazioni perchè la fiducia che ripongo negli altri è stata erosa da quello che mi è successo. E non poteva essere altrimenti. In molte delle persone che conosco il dubbio rimane sempre, come  frammenti di un bicchiere rotto: impossibili da vedere, ma capaci di strapparti gocce di sangue anche quando pensavi di aver spazzato via tutto.

Venerdi' del libro: recensione di 9 giorni di Gilly Macmillan

Vi auguro un bellissimo fine settimana. Ora aspetto i vostri suggerimenti…

Vi ricordo la nostra biblioteca “quelli del Venerdi’ del libro” su PINTEREST dove potrete archiviare e consultare i libri delle scorse settimane. (Qui trovate le istruzioni per farne parte). Giornalmente recuperero’ da questo archivio un libro che pubblichero’ sulla mia pagina Facebook!

Per semplificare l’accesso, ho creato una cartella qui a lato chiamata”Venerdi del libro” che rimanda direttamente alla nostra pagina. Piu’ facile di cosi’! Se qualcuno di voi, pur avendomi segnalato l’indirizzo, non fosse ancora stata invitata a Pinnare, me lo faccia sapere . A volte mi perdo in giro un po’ di pezzi. Scusate!

Chi vuole fare un tuffo nel passato invece, qui puo’ rileggere  tutti gli scorsi Venerdi’ del libro.

Vuoi partecipare al Venerdi’ del libro?

Ecco come fare:

Basta postare di venerdì – sul proprio blog o lasciare un commento su HomeMadeMamma – i libri che si vogliono suggerire ai lettori per il weekend. Possono essere uno o più, su qualsiasi argomento e per qualsiasi target.

Anche il modo in cui proporli è a discrezione dei partecipanti: mettere citazioni, raccontare aneddoti, fare semplicemente una lista, inserire foto…

Invito chi partecipa a lasciarmi un commento nell’articolo del giorno, in modo da poter inserire tutti i link dei partecipanti della settimana nel mio post.

Chi partecipa puo’ scegliere o meno di inserire i partecipanti della settimana nel proprio post.

Qui volesse puo’ archiviare i propri post anche sulla pagina Pinterest dedicata a questa iniziativa. Tutte le istruzioni per accedervi sono contenute qui.

Non ci sono banner da inserire, obblighi di sorta o email a cui rispondere . Si partecipa quando e come si vuole.

Lo scopo dell’iniziativa, infatti, rispecchia lo spirito con cui nasce HomeMadeMamma: far circolare informazioni utili e voglia di fare (in questo caso di leggere) in tutta libertà.

Vuoi essere dei nostri? Benvenuto! Come vedi partecipare è semplice!

Post di Paola Misesti

Related posts:

Ti potrebbero anche interessare...

32 commenti

  1. Ciao Paola
    eccomi (oggi è il giorno giusto eh!!). Non sono amante dei gialli forse per il tuo stesso motivo… inoltre dopo la nascita dei miei figli sono diventata molto più sensibile quando si parla di bambini…
    Io oggi vi faccio divertire con un fumetto che piacerà di sicuro a grandi e piccini. Si chiama “Orlando curioso e i segreti del monte Sbuffone”. Vi calerete nelle atmosfere soleggiate estive di una piccola isola e in questi giorni di pioggia e freddo penso che ce ne sia bisogno! Buona lettura
    https://annapisapia.blogspot.it/2017/05/orlando-curioso-e-il-segreto-del-monte.html

  2. Cara Paola, capisco il problema; anche io faccio fatica a leggere storie o a vedere film che parlano di questo genere di cose accadute a bambini: immedesimarsi nel dolore lacerante dei genitori è troppo facile… Forse avevo questo libro in coda e … credo che lì rimarrà ancora per un po’!
    Io vi propongo invece una storia d’amore, che non fa mai male, scritta in modo piacevole e con incantevoli descrizioni dell’ambiente: Come il vento tra i capelli
    http://iquasimontanari.blogspot.it/2017/05/vdl-come-il-vento-tra-i-capelli-lorenza.html

    1. E’ pure il mio sogno. Sono sempre scettica su questi libri che promettono di diventare ricchi… pero’ non si sa mai! 😉

  3. Grazie del consiglio, Paola. Lo suggerisco a mio marito che forse soffrirebbe meno di me nel leggerlo.
    Noi oggi proponiamo un albo per ragazzi e adulti incantevole che racconta con poesia una pagina drammatica della storia d’Italia.

  4. Ciao Paola, giudizio sospeso sul libro di cui parli. A naso mi intriga, però sono una mamma, con un bambino di otto anni, per giunta, e questa cosa dei bambini che scompaiono mi ha sempre riempita di angoscia.
    Io oggi propongo un libro a metà tra la storia, il giornalismo e la filosofia, Niente e così sia, il diario della Fallaci scritto sul fronte del Vietnam.
    Perché leggerlo? Per scoprire che dopo 50 anni è ancora attuale: il male, ahimè, è così banale da essere sempre uguale a se stesso e leggendo questo libro non si potrà fare a meno di trovare somiglianze con vicende temporalmente più vicine.
    http://mammasenzarete.blogspot.it/2017/05/niente-e-cosi-sia.html

    1. Il libro della fallaci l’ho letto tanti anni fa. Mi aveva colpito molto! Non sapevo esistesse “Saigon e così sia”. Me lo segno!

  5. Oh no, non potrei mai leggere un giallo in cui la vittima è un bambino!!!! Non dormirei più, guà sono apprensiva di mio, per questi aspetti.
    Io propongo un altro genere di giallo, decisamente più leggero, con “Un pò di follia in primavera” di Alessia Gazzola, nonchè un romanzo che mi è piaciuto molto, scoperto grazie ai consigli di altre blogger: “La tentazione di essere felici” di Lorenzo Marone.
    Buon fine settimana e buone letture!
    http://mammavvocato.blogspot.it/2017/05/le-letture-di-mamma-avvocato-la.html

    1. Il libro di Lorenzo Marone mi è piaciuto molto. Della Gazzola ho letto alcuni suoi gialli, ma questo che proponi mi manca: me lo segno!

  6. Uh, mamma mi vien l’ansia anche solo a leggere la tua recensione… decisamente non fa per me! Riesco a tornare dopo un mesetto con un libro che in realtà è un fumetto che Alice (9 anni) ha adorato, la storia autobiografica della sordità della scrittrice, Cece Bell nel periodo delle scuole primarie. Anche a me è piaciuto molto: http://www.goccedaria.it/item/supersorda.html
    Buon fine settimana a tutti!

  7. Arrivoooo! Ufff per un pelo!
    Ok, il tuo consiglio, purtroppo, anche io non credo di riuscire a leggerlo! Sono una vera mamma chioccia, ho un bimbo di 5 anni e un uomo di 17 che proteggo come una pantera e per di più una vera fifona e facilmente impressionabile… forse darò un’occhiata in libreria o biblioteca, ma so già che non ci riuscirò!
    Questo venerdì la Denny consiglia di rincorrente i cinque lupi tatuati sulla pelle di Yael
    WOLF – La ragazza che sfidò il destino – RYAN GRAUDIN ➡
    http://tucc-per-tucc.blogspot.it/2017/05/wolf-la-ragazza-che-sfido-il-destino.html
    Buon fine settimana a tutti!

    Kly

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Subscribe without commenting