Giocare con le lettere: l’alfabeto mostruoso

alfabeto mostruoso

Imparare le lettere dell’alfabeto puo’ essere molto divertente se si utilizzano giochi ed attività particolari come per esempio il puzzle mostruoso che ha tenuto compagnia a PF per molto tempo.

Realizzarlo è davvero semplice:è sufficiente stampare le 26 carte dei piccoli mostri ed incollarle su di un cartoncino rigido.

A questo punto tagliate ogni carta in due seguendo la linea tratteggiata. Vi ritroverete in mano 52 tessere da unire tra loro: solo trovando la lettera uguale è possibile ricomporre correttamente i 26 mostriciattoli.

Ci sono vari giochi da poter realizzare con queste carte:

  1. i puzzle dei mostri: unire le tessere in modo da ricreare i mostriciattoli;
  2. l’alfabeto mostruoso: una volta unite le tessere in modo corretto è possibile riordinarle in ordine alfabetico;
  3. il memory dei mostri: mischiare le tessere e disporle sul tavolo in modo che le immagini e le lettere non siano visibili, siano cioè rivolte a faccia in giu’. A turno scoprire 2 tessere alla volta, cercando di ricomporre correttamente i mostriciattoli, cioè cercando di trovare 2 tessere con la stessa lettera. Vince chi ha ricomposto piu’ carte
  4. Ruba mostro: dividere le carte in numero uguale tra i concorrenti. Se dovessero avanzarne alcune, metterle sul tavolo da gioco. A turno i giocatori scartano una carta: se la propria carta si unisce con una già scartata, si raccoglie la propria e quella sul tavolo e si forma un mazzo davanti a se’ con tutte le carte ricomposte;  nel caso la carta scartata non si unisca con nessuna carta, la si lascia sul tavolo da gioco. Vince chi ha ricomposto piu’ carte.

Spero che queste carte possano esservi utili e divertire come hanno divertito PF quando era piccolo.

Qui trovate le carte dell’alfabeto mostruoso da stampare!

Altre idee prese in rete:

  1. Il luna park dell’alfabeto
  2. 10 idee per giocare con l’alfabeto
  3. La tombola dell’alfabeto
  4. Il domino dell’alfabeto

LEGGI ANCHE…

Post di Paola Misesti

Related posts:

Ti potrebbero anche interessare...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Subscribe without commenting