Venerdi’ del libro: Harry Potter das Magische Lexikon

Era da un po’ che stavo pensando di fare questa recensione, visto l’amore di PF per il libro che vi presento oggi. Sono rimasta percio’ davvero sorpresa nel non trovare il corrispondente italiano. Ero infatti convinta che questo libro fosse stato tradotto e avesse ottenuto molto sucesso anche in Italia.

In rete invece ho trovato varie versioni (tra cui quella inglese e quella francese), ma non quella italiana. Spero che sia un mio errore di ricerca perchè il libro riesce a catturare l’interesse sia degli amanti del personaggi Harry Potter sia degli amanti dei Lego.

Noi abbiamo naturalmente la versione tedesca, che abbiamo reperito senza difficoltà in una piccola libreria. PF l’ha voluta ad ogni costo  e devo dire che sono stati soldi  spesi bene.

Gli è piaciuto questo libro per tantissime ragioni:

  • ha potuto seguire le vicende del libro orginale della Rowling. Non avendo visto il film, ha avuto cosi’ la possibilità di scoprire personaggi che aveva solo immaginato
  • adorando i LEGO è stato rapito dalle dettagliate informazioni  sui modellini ispirati alla storia
  • è rimasto affascinato dalla spiegazione di come i modellini LEGO sono stati creati partendo da dei semplici bozzetti
  • Ha scoperto notizie e indiscrezioni sulla storia originale
  • Ha potuto giocare con l’omino LEGO di Harry Potter che si trova all’interno del libro

Qui potete ammirare alcune pagine del libro nella versione inglese

Il libro tuttavia ha un grave effetto collaterale: ora PF vuole iniziare la raccolta LEGO Harry Potter!!

Il libro di oggi è quindi… LEGO Harry Potter Das magische Lexikon

32670767n

Ora aspetto con ansia i vostri suggerimenti!! Eccoli:

 

BUon fine settimana!! Il nostro sarà italiano: non vedo l’ora!!

Vi ricordo la nostra biblioteca “quelli del Venerdi’ del libro” su PINTEREST dove potrete archiviare e consultare i libri delle scorse settimane. Qui trovate le istruzioni per farne parte.

Per semplificare l’accesso, ho creato una cartella qui a lato chiamata”Venerdi del libro” che rimanda direttamente alla nostra pagina. Piu’ facile di cosi’! Se qualcuno di voi, pur avendomi segnalato l’indirizzo, non fosse ancora stata invitata a Pinnare, me lo faccia sapere . A volte mi perdo in giro un po’ di pezzi. Scusate!

Chi vuole fare un tuffo nel passato invece, qui puo’ rileggere  tutti gli scorsi Venerdi’ del libro.

Vuoi partecipare al Venerdi’ del libro?

Ecco come fare:

Basta postare di venerdì – sul proprio blog o lasciare un commento su HomeMadeMamma – i libri che si vogliono suggerire ai lettori per il weekend. Possono essere uno o più, su qualsiasi argomento e per qualsiasi target.

Anche il modo in cui proporli è a discrezione dei partecipanti: mettere citazioni, raccontare aneddoti, fare semplicemente una lista, inserire foto…

Invito chi partecipa a lasciarmi un commento nell’articolo del giorno, in modo da poter inserire tutti i link dei partecipanti della settimana nel mio post. Non sono sempre collegata (e sono imbranata di mio ) e ora che nei fine settimana vado avanti indietro dalla Svizzera all’Italia ho sempre paura di dimenticarmi qualcuno.

Chi partecipa puo’ scegliere o meno di inserire i partecipanti della settimana nel proprio post.

Qui volesse puo’ archiviare i propri post anche sulla pagina Pinterest dedicata a questa iniziativa. Tutte le istruzioni per accedervi sono contenute qui.

Non ci sono banner da inserire, obblighi di sorta o email a cui rispondere . Si partecipa quando e come si vuole.

Lo scopo dell’iniziativa, infatti, rispecchia lo spirito con cui nasce HomeMadeMamma: far circolare informazioni utili e voglia di fare (in questo caso di leggere) in tutta libertà.

Vuoi essere dei nostri? Benvenuto! Come vedi partecipare è semplice!

Post di Paola Misesti

Related posts:

Ti potrebbero anche interessare...

55 commenti

  1. ma dai! tienilo da parte bitte! così quando passeremo, perché prima o poi verremo a trovarvi!, lo mostrerete alla Figlia. Ora… è presa da una nuova serie… ma quando finirà mi chiederà cosa leggere di avventuroso… e di magico… quindi…
    Io invece presento un libro per i grandi che tratta la relazione con più figli e figlie in una famiglia…
    https://mimangiolallergia.wordpress.com/2015/01/23/fratelli-i-manuali-di-pollicino-come-ci-relazioniamo-con-i-nostri-figli-quando-sono-piu-di-uno/

    giusto per capire di più e semplificarci forse la vita;.)

    1. A PF abbiamo avuto modo di parlare della seconda guerra mondiale e dei campi di sterminio molte volte: qui a Zurigo c’è una forte comunità ebraica e l’occasione di incontrare ebrei ortodossi non manca. Abbiamo cosi’ avuto modo di rispondere a tante sue domande, ma ti confesso che non gli ho mai letto libri specifici. Abbiamo visto pero’ “La vita è bella” e una delle cose che lo ha colpito di piu’ è stato il fatto che i “cattivi” parlavano tedesco: lingua e cultura che sente far parte di lui piu’ dell’italiano. Questo ci ha dato l’occasione di parlare di tate cose tra cui di scelte…

      1. Anche noi abbiamo visto insieme “La vita è bello”, credo anno scorso per la prima volta. Però non avevo approfondito troppo l’argomento e Samuele non aveva posto tante domande. Caspita è vero… voi ora parlate tedesco… Beh allora non vi serve un libro, voi avete ugualmente mille spunti per parlare di quel periodo storico, io invece non riuscivo a trovare uno spunto adatto e allora… libro!

      2. Il fatto del tedesco è stata una cosa che ci ha spiazzato: hai presente la parte del film in cui sono nel campo di concentramento e Benigni traduce a modo suo il discorso del soldato tedesco? in sè la scena dovrebbe far ridere, ma PF capiva quello che diceva il soldato e a un certo punto se ne è uscito con “ma quel soldato è cattivo,perchè dice quelle cose? Ma allora i tedeschi erano cattivi!” E’ stata una cosa di cui non avevamo tenuto conto. Mannaggia!

    2. Oh… non credo ci avrei potuto pensare neppure io! Accipicchia che situazione. Ma sono sicura che sarai riuscita a spiegare a PF che al mondo ci sono persone buone e persone cattive di ogni Paese, persone che parlano italiano, inglese, tedesco… in ogni lingua: buoni e cattivi.

  2. Effetti collaterali pericolosissimi (per il portafogli 😉 )!!!
    Deve esser carino, quando ti appassioni ad una storia poi è naturale cercare di carpire dettagli nuovi in ogni dove 😉

    Sai che in un certo senso siamo andate su temi paralleli?
    Io ho parlato di riduzioni e oriinali e del primo Stilton che entra in casa nostra. http://ilmondodici.blogspot.it/2015/01/libri-riduzioni-e-originali-e-il-nostro.html Siamo all’inizio di questa nuova fase e sono desiderosa di osservare che accadrà da qui in avanti.
    Buon fine settimana!

    1. PF si è appassionato alle riduzioni (quelle di Geronimo sono state per molto tempo le sue preferite), ma ora siamo già entrati nella fase successiva: i libri in formato integrale!! 😀

  3. Peccato davvero che non ci sia in italiano… il mio sta imparando ora qualche parola in inglese ma coi tempi della scuola italiana questo libro potrà leggerselo solo tra qualche anno!!!
    Io sono un po’ latitante dalla rubrica, mannaggia sto leggendo poco in questo periodo 🙁

  4. BUON VENERDì A TUTTI!
    Capita spesso che i libri non vengano tradotti in tutte le lingue o per lo meno a quelle più “frequenti”, peccato perché sarebbe stato fantastico per il mio piccolino, ma parla a mala pena l’italiano…
    La Denny ci propone invece un libro…per non dimenticare… alla viglia della giornata della memoria è d’obbligo… SONO STATO UN NUMERO. Alberto Sed racconta. – ROBERTO RICCARDI http://tucc-per-tucc.blogspot.it/2015/01/sono-stato-un-numero-alberto-sed.html
    BUON FINE SETTIMANA E BUONA LETTURA!
    Kly

  5. Ciao Paola
    indagherò sul libro di cui hai parlato. Mio figlio è un fan di Harry Potter, ha letto i primi cinque libri (quelli successivi glieli ho “proibiti” perché gli argomenti diventano un po’ eccessivi per un bambino di 7 anni) e ha due audiolibri dei primi due. Ma essendo anche lui un amante del Lego le due combinazioni sicuramente hanno il loro appeal.
    Io oggi vi propongo due libri che leggerò per un laboratorio: si tratta dell’intramontabile “Piccolo blu e piccolo giallo” e “Che cosa c’è tra i ritagli”. Buona lettura
    http://annapisapia.blogspot.it/2015/01/laboratori-alla-feltrinelli-red.html

    1. Noi stiamo leggendo il primo e poi ci butetremo sugli altri (fino al 5 allora!!) Devo recuperare gli audiolibri: un’ottima idea da usare in auto!!

      1. Secondo me meglio arrivare al 4. Il quinto mi è già sembrato troppo complesso (soprattutto per tematiche) anche se Marco non sembrava sconvolto, anzi voleva leggere il 6 e ogni tanto lo chiede. Gli audiolibri sono solo per i primi due libri. Otto ore e passa di ascolto ciascuno, ideali per viaggi lunghi 🙂
        Però fanno riferimento ai libri “vecchi”. Ora esistono le nuove versioni con cambi di nomi di alcuni personaggi, su cui rimango molto perplessa nonostante ci siano spiegazioni di varie pagine all’inizio. Anche perché i film sono riferiti ai nomi vecchi… Buona lettura! Noi li abbiamo “divorati” in pochi mesi e ora io ne ho già la nausea nonostante siano ben scritti.

      2. Grazie delle dritte! Noi stiamo leggendo i libri nuovi e non avendo visto i film per ora non c’eravamo accorti dei cambiamenti di nome… Gli audiolibri mi stuzzicano ancora di piu’: 8 ore non stop ci salverebbero da piu’ di una coda autostradale! 😀

    1. Bellissimo il dialogo! Sappi che Asimov è stato uno dei primi autori che ho letto: mio fratello (di 5 anni piu’ grande di me) lo adorava e cosi’ avevo la casa invasa dai suoi libri. Come fare a non leggerli??

    1. Grisham è un autore che devo ancora affrontare: iniziero’ pero’ dagli altri romanzi che ti sono piaciuti di piu’, cosi’… per essere sicura di non sbagliare! 🙂

  6. Ciao, bello il libro, anche i miei bimbi adorano Harry Potter, peccato che è in lingua straniera ma pure io ultimamente mi sono ridotta a comperare libri in inglese o tedesco perchè in Italia di così belli non ce ne sono ed è un vero peccato!
    Oggi propongo un libricino che ho trovato casualmente in libreria e può essere letto proprio in questi giorni visto che la settimana prossima c’è la giornata della memoria.
    Qui il link: http://coltivandofrafornelliemonelli.blogspot.it/2015/01/il-venerdi-del-libro_23.html

  7. Harry Potter è sempre una buona lettura, anche “in salsa di Lego”. Io torno oggi, dopo un periodo di “blocco del lettore” con un libriccino sull’Olocausto che ha come protagonisti, purtroppo, dei bambini. Un libro per riflettere

  8. Ciao Paola e ciao a tutti!
    Confesso di non avere una grande passione per i lego o Harry Potter, in quanto semplicemente non mi ci sono mai avvicinata. Forse se iniziassi a conoscerli, rimarrei folgorata anche io, ma immagino che facilmente facciano breccia nel cuore di un bambino entrambi, e anche il tuo libro! 🙂
    Io, invece, vi propongo un libro un po’ più triste, ma molto bello, a mio avviso, ecco il link: https://frascafresca.wordpress.com/2015/01/23/venerdi-del-libro-fai-bei-sogni-di-m-gramellini/
    Buon fine settimana e buone letture a tutti!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Subscribe without commenting