Venerdi’ del libro: Un posto nel mondo

E’ da diverso tempo che volevo leggere qualcosa di Fabio Volo. Mi incuriosiva parecchio!

Avevo sentito al riguardo pareri contrastanti: chi mi diceva che valeva proprio la pena scoprirlo e chi invece me ne parlava male. Questo non ha fatto altro che accrescere la mia curiosità.

Durante una cena con amici siamo venuti a parlare di libri e tra una battuta e l’altra è uscito anche il nome di Fabio Volo. E’ cosi’ che quella sera sono tornata a casa con due suoi  libri. L’amica non si è sbilanciata: mi ha detto semplicemente “leggi, vanno via bene!”.

Ho iniziato dal piu’ breve ” Esco a fare due passi” che ammetto non mi è paiciuto per nulla, anzi ancora meno. L’ho letto in una giornata, ma sia la storia che il modo di scrivere mi hanno infastidito parecchio. Mi sono ritrovata quindi molto indecisa se iniziare anche l’altro. Al motto “diamogli un’altra possibilità”, ho preso in mano “Un posto nel mondo”.

Devo dire che questo libro, a differenza dell’altro, mi ha preso subito. E’ un libro che scorre bene, a volte un po’ scontato, ma ben orchestrato e tra una pagina e l’altra si scoprono delle riflessioni e degli stimoli interessanti. Come mi fa notare Papà Ema  (alle critiche che ho sollevato)  “non stiamo mica parlando di un classico della letteratura mondiale” e so che ha ragione lui. Questo libro lo consiglierei comunque, soprattutto a chi vuole leggere qualcosa che “va via bene” con l’aggiunta di una trama interessante e qua e là spunti stimolanti.

Il libro di oggi quindi è…

unposto-nel-mondoUn posto nel mondo – Fabio Volo

Sapevo che gli altri nn possono dirti niente per farti cambiare idea, se quel sentimento non esiste già dentro di te. Qualsiasi cosa ti dicano, qualsiasi dubbio, paura o altro una persona ti butti addosso, riesce a trovare terreno fertile soltanto se è già dentro di te. Altrimenti è impossibile.

Bastava semplicemente togliere quei dubbi dal profondo della sua intimità, e le parole della madre, del padre o di chiunque altro sarebbero state sterili.

Ora aspetto come sempre i vostri preziosi consigli! Eccoli:

Vi ricordo la nostra biblioteca “quelli del Venerdi’ del libro” su PINTEREST dove potrete archiviare e consultare i libri delle scorse settimane. Qui trovate le istruzioni per accedervi. Per semplificare l’accesso, ho creato una cartella qui a lato chiamata”Venerdi del libro” che rimanda direttamente alla nostra pagina. Piu’ facile di cosi’!

Chi vuole fare un tuffo nel passato invece, qui puo’ rileggere  tutti gli scorsi Venerdi’ del libro.

Buon fine settimana a tutti voi! Il nostro sarà tutto italiano!

Vuoi partecipare al Venerdi’ del libro?

Ecco come fare:

Basta postare di venerdì – sul proprio blog o lasciare un commento su HomeMadeMamma – i libri che si vogliono suggerire ai lettori per il weekend. Possono essere uno o più, su qualsiasi argomento e per qualsiasi target.

Anche il modo in cui proporli è a discrezione dei partecipanti: mettere citazioni, raccontare aneddoti, fare semplicemente una lista, inserire foto…

Invito chi partecipa a lasciarmi un commento nell’articolo del giorno, in modo da poter inserire tutti i link dei partecipanti della settimana nel mio post. Non sono sempre collegata (e sono imbranata di mio ) e ora che nei fine settimana vado avanti indietro dalla Svizzera all’Italia ho sempre paura di dimenticarmi qualcuno.

Chi partecipa puo’ scegliere o meno di inserire i partecipanti della settimana nel proprio post.

Qui volesse puo’ archiviare i propri post anche sulla pagina Pinterest dedicata a questa iniziativa. Tutte le istruzioni per accedervi sono contenute qui.

Non ci sono banner da inserire, obblighi di sorta o email a cui rispondere . Si partecipa quando e come si vuole.

Lo scopo dell’iniziativa, infatti, rispecchia lo spirito con cui nasce HomeMadeMamma: far circolare informazioni utili e voglia di fare (in questo caso di leggere) in tutta libertà.

Vuoi essere dei nostri? Benvenuto! Come vedi partecipare è semplice!

Ti potrebbero anche interessare...

42 commenti

  1. cara Paola, mi ci ritrovo.
    Anche io non ho amato per niente Esco a fare due passi, che sì scorre ma mi ha anche infastidito a tratti, invece quando ho dato una seconda possibilità con Il giorno in più è andata meglio. Ne avevo parlato qui http://ilmondodici.blogspot.it/2012/01/libri-elettronici-il-giorno-in-piu-di.html e nell’altro post che è linkato al suo interno, tu eri in vacanza quei due venerdì, ma io sono abitudinaria, se sono connessa parlo di libri 😉
    Fabio Volo a me è anche simpatico, lo ascolto alla radio, mi piacciono le sue letture, ma poi nei suoi libri trovo quello delle nostre generazioni che mi piace meno, forse capirai cosa intendo.
    Oggi invece ho parlato della scuola di eSSe e delle sue prime letture. Segnalo a chi cerca libri in stampatello maiuscolo una piccola selezione e che penso ne seguiranno altre.
    http://ilmondodici.blogspot.it/2013/11/libri-per-bambini-prime-letture.html

    Ciao!

  2. Non ho mai letto nulla di Fabio Volo che, però, ti dirò come attore e conduttore radiotelevisivo non mi dispiace. Mi terrò a mente la tua recensione e chissà magari una volta in cui avrò voglia di un libro leggero che “va via bene”…

    Questo venerdì, invece, io propongo qualcosa di un po’ più impegnativo: un manuale sullo sviluppo del linguaggio nei primi anni di vita.

    http://italianoamanoamano.blogspot.de/2013/11/non-dire-gatto-se-non-ce-lhai-nel-sacco.html

    Lo sto leggendo un po’alla volta seguendo o anticipando leggermente le tappe evolutive della mia Fragola chiacchierina. Un manuale un po’datato ma interessante e soprattutto fruibile da tutti i genitori di bimbi piccoli anche “non adetti ai lavori”…

  3. Ciao Paola e ciao a tutti! Non ho mai letto nulla di Volo, ma mi incuriosisce e anche io di alcuni suoi libri ho sentito pareri piuttosto positivi, quindi penso che prima o poi mi leggerò qualcosa.
    Questa settimana io propongo una lettura allegra e fresca (o forse frascafresca ahahaha) e vi metto il link http://frascafresca.wordpress.com/2013/11/08/venerdi-del-libro-come-inciampare-nel-principe-azzurro-di-a-premoli/
    Se vi va, vi aspetto nel mio blog!
    Buone letture e buon fine settimana, ciao ciao

  4. Anche io non giudico FV un grande scrittore, ma sotto l’ombrellone si legge bene. Però non mi è dispiaciuto affatto vedere tutti i suoi film tra cui quello che mi ha colpito molto è stato “casomai” in quanto un po’ mi rividevo nella storia…. anche se con un finale diverso….
    io invece questa settimana consiglio di passare un po’ di tempo in cucina insieme ai figli o addirittura di lasciarli cucinare
    http://mammaemamme.blogspot.it/2013/11/langolo-della-biblioteca-cucinare-con-i.html
    come ti invidio paola che riesci a leggere i libri in un giorno….

  5. Non mi piace Fabio Volo . . . per molti motivi, non ultimo quello che essendo bresciano fa finta di essere bergamasco per prendere in giro i “cugini” . . . 😉
    Ho letto un libro di cui non ricordo il titolo che non mi è piaciuto. :/
    Però il titolo di uno di questi libri mi ha riportato alla mente un altro libro che invece mi era piaciuto molto e, visto che ieri il Pc mi funzionava male, oggi ho scritto il post (e poi ho barato con le date, per rientrare nel “venerdì” . . . son perdonata?) 🙂
    Vi presento: http://hovogliadichiacchiere.wordpress.com/2013/11/08/venerdi-del-libro-4/

    Ciao, Fior

  6. Ciao,
    vi ho raggiunte in questo VdL!
    Vi propongo una lettura molto recente un bell’illustrato dal titolo Ciccio Tuttapancia dedicato alle buoni abitudini a tavola.
    L’ho trovato molto piacevole, se lo conoscete ditemi la vostra esperienza.
    Qui il link:
    http://towritedown.com/2013/11/09/ciccio-tuttapancia/

    Per quanto riguardo Fabio Volo, ho letto tre suoi romanzi: come ho avuto modo di scrivere alche altrove di recente, non amo il suo stile, ma preferisco vedere qualcuno leggere Volo piuttosto che la Gazzetta, sotto l’ombrellone. Mi sembra uno di quegli scrittori che possono avvicinare il non lettore italiano alla lettura….e perché no, sperare che poi voglia leggere anche altro 🙂

    Buon we a tutt*

    Grazia

  7. Reintervengo dopo aver letto altri contributi, visto che l’argomento mi sta a cuore, per dire che, a confronto con Volo, Faletti è Dante (ed è tutto dire, visto che a confronto con quasi ogni altra cosa Faletti è Volo). a mio avviso. Ciò nonostante sono d’accordo con Grazia: meglio Volo che nulla, come lettura (e infatti se i miei alunni mi dicono che lo leggono dico: “Bravi!”, se mi chiedono se mi piaccia dico “No” e spiego perché). Anche se la Gazzetta dello Sport resta comunque una signora lettura che non andrebbe vilipesa… 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Subscribe without commenting