Una festa di compleanno davvero speciale

Eccomi qui reduce da una giornata (quella di ieri) moooolto impegnativa! Naturalmente la  sveglia è stata prestissimo per preparare muffin e panini alla Nutella da portare a scuola per la festa di Piccolo Furfante.

So che non tutte le scuole di qui festeggiano il compleanno dei bimbi allo stesso modo. Mi dicevano che molto dipende dalle maestre e dalle tradizioni scolastiche.Vi racconto comunque il nostro compleanno anche se non è lo “standard”,  ma ci tengo davvero perchè è stato proprio speciale.

La differenza sostanziale rispetto alle feste che abbiamo fatto alla scuola in Italia è la presenza dei genitori ( o parenti) durante tutta la mattinata  a scuola. Devo dire che questa cosa mi ha messo un po’ di ansia (moooooolto in ansia, in ansissima, piu’ in ansia di cosi’ si muore) sia per via della lingua sia perchè non sapevo che cosa avrei dovuto fare. In preda allo stress, ho convinto papà Ema a prendere qualche ora di ferie per affrontare insieme i primi momenti della festa, riservandomi di fuggire via insieme a lui se le cose fossero state troppo difficili da gestire! 😉

La maestra, Frau A., invece ha reso il tutto molto naturale e spontaneo e mi ha aiutata anche nella traduzione (dato che i bimbi parlano svizzero tedesco) quando i compagni di PF venivano a farmi domande o si univano al nostro gioco. Insomma è andato tutto bene e non sono dovuta scappare via come temevo! 😉

La mattinata è stata un grande, lungo e gioioso festeggiamento a Piccolo Furfante che era il re della festa: in senso letterale visto che l’ha passata seduto su un vero e proprio trono.

Ci sono stati momenti davvero spassosi come quando i bambini sono andati a turno a fargli gli auguri: un bimbo gli augurato che in giardino arrivasse un enorme tirannosauro con cui avrebbe potuto giocare tutto il giorno e un altro che potesse riceve un sacco di pistole “super mortali” per annientare i nemici dell’altra classe. Le bimbe sono state piu’ dolci augurandogli di trovare tanti amici o di stare sempre insieme.

Dopo gli auguri siamo passati ai baci da rinchiudere dentro la scatola del compleanno (una scatola che tutti i bimbi decorano all’inizio dell’anno scolastico e che tengono in serbo per questa occasione): c’è chi gli ha mandato baci-tornado, chi baci-supervelocissimi, chi baci-boccacce e chi baci grandi grandi… Insomma un momento dolce dolce 😀

La mattina non poteva proseguire che con il canto delle canzoncine d’auguri in tutte le lingue (ogni bimbo l’ha cantata nella sua seconda lingua: quindi abbiamo avuto auguri in albanese, russo, arabo, italiano, spagnolo…), il soffio delle candeline, la distribuzione dei dolcetti e delle caramelle nonchè con la decorazione della maglietta del compleanno: PF ha scelto di dipingere una maglietta con un’enorme chiocciola.Si è divertito molto  a colorarla e ora non vede l’ora che sia asciutta per indossarla 😀

La festa pero’ non si è conclusa qui: ci aspettava una parte davvero sconvolgente e coinvolgente. La maestra, insieme ai compagni di PF, aveva preparato davanti alla sedia-trono  un tavolino con 6 candele e una bacinella d’acqua. Non capivo proprio a cosa servisse, finchè la maestra non si è messa a parlare e a raccontare una storia: la storia della nascita di Piccolo Furfante. Prendendo una biglia, ha raccontato ai bambini che PF era cosi’ piccolo nella mia pancia e poi è cresciuto pian pianino. A quel punto ha appoggiato nell’acqua un fiore di carta che ha cominciato ad aprirsi lentamente mentre lei proseguiva il racconto… Con voce dolce raccontava ai bambini, attentissimi, di come PF fosse cresciuto e cresciuto fino a non starci piu’e che non vedendo l’ora di incontrare la sua mamma e il papà ha incominciato a scalciare e a spingere per voler uscire e che come un fiore (a questo punto ha indicato il fiore di carta nella vaschetta d’acqua che si era completamente aperto) la mamma si è aperta per darlo alla luce.

Non potete immaginare la mia emozione. Non avrei trovato parole piu’ belle per descrivere quel momento a dei bambini.

A questo punto per togliere un po’ di pathos, la maestra ha chiesto a me come fosse stato PF al momento della nascita e li’ alcuni bambini hanno raccontato anche la loro storia: c’è chi voleva uscire veloce veloce, chi non smetteva di piangere, chi dormiva e non voleva svegliarsi e chi, come PF, non aveva la minima voglia di incontrare mamma e papà…

Mai, mai e poi mai mi sarei aspettata una cosa simile: parlare a dei bambini ,durante una festa di compleanno a scuola, di come fosse stato dare la luce PF. Ma forse non c’è momento migliore per parlare di queste cose 😀

La festa è poi proceduta tranquillamente con  giochi tra bimbi, chiacchiere tra grandi e scorpacciate di panini alla Nutella…

Fuori da scuola le altre mamme nel vedermi sorridevano complici: anche a loro avevano avuto modo di raccontare la storia del loro bimbo che poi non è altro che la nostra storia di mamme e papà:-D

Purtroppo non ho foto della festa da postare, per cui ho scelto una delle primissime foto di Piccolo Furfante anche se all’epoca non lo sembrava affatto 😀

Related posts:

Ti potrebbero anche interessare...

29 commenti

  1. Che emozione… anche per noi 🙂 PF adorabile già da piccolo anche se sì, così addormentato, sembra meno furfante <3 Sarebbe bello sentire anche come il festeggiato parlerà di questa festa, nel tempo. Un abbraccio!

  2. Vediamo un po’ Verdiana…
    E’ una semplicissima scatola che si apre come quella dei fiammiferi. E’ grande circa 20 cm. All’estero c’è una foto di un bruchino (i piccoli della scuola sono appunto i bruchi) mentre dentro si trova una foto di una farfalla (i grandi del secondo anno sono farfalle). All’inizio dell’anno scolastico vengono consegnate ai bambini e tutti le colorano e le decorano come vogliono. Vengono poi restituite alla maestra che le da’ al bambino durante la sua festa di compleanno per simboleggiare che il bimbo da bruchino diventa una farfallina. Dentro la scatola il bimbo trova un fogliettino colorato su cui i bambini della classe, sempre durante la festa, appiccicano delle stelle esprimendo gli auguri e i desideri che vorrebbero si avverassero per lui (il dinosauro, le pistole…). Poi la maestra cattura i baci dei compagni dentro la scatola. Chiede ad ognuno dei bambini di lanciare un bacio dentro la scatola cosi’ che il festeggiato aprendola possa prenderli. I bambini si sbizzariscono con baci stranissimi e la maestra sta al gioco afferrando per esempio un bacio al volo o inseguendo un bacio che si è perso per la stanza…
    La scatolina viene lasciata al bambino come ricordo della giornata.
    Un’idea dolcissima 😀
    La nosra scatolina ora è sul letto di PF: ci ha dormito insieme tutta la notte!

  3. @Jessica
    Ieri mattina all’entrata a scuola era tesissimo perchü sapeva cosa lo aspettava. Ieri pomeriggio pero’ era al settimo cielo … e pure io! 😀

    @Robin
    Già, già…

  4. Bellissima festa Paola e immagino la tua emozione!Sono grandiose le maestre svizzere non ho mai sentito di una tale attenzione al compleanno e l’idea del racconto della nascita ha un valore pedagogico straordinario!!!Auguri ancora, che dire!!

  5. sono indietrisismo coi post e con gli auguri… che compleanno speciale! non ho mai letto niente di simile 🙂 sarei diventata una fontana io… 😉
    da noi fanno il complemese: una volta al mese festeggiano tutto il giorno i re e le regine che compoiono gli anni in quel mese, preparano la corona e la collana di caramelle per ciascuno. come regalo un libricino fatto rilegando i disegni a tema di ciascun amico pe ril festeggiato, poi fanno la festa con giochi e balli in salone tutti insieme, tra torte, caramelle e bibite. Essendo 125 bambini è impensabile fare compleanni singoli, passerebbero l’anno festeggiando 😉
    La scuola è quasi terminata, la mia grande è riuscita a fare 2 settimane consecutive da gennaio a maggio, e quindi le sto facendo frequentare almeno giugno… siamo a 20 giorni ed è record. Tra piccola e grande non ho avuto tregua, è stato un autunno-inverno-primavera devastante! Paradossalmente il lavoro va anche benone e quindi mi son trovata a lavorare di notte e impazzire di giorno 🙂 Crescono così mi ripetono tutti… sarà!!!! Ora speriamo in una estate migliore, perchè abbiamo già tutti gli appuntamenti autunnali per affrontare con meno problemi i prossimi freddi. Purtroppo una ha adenoidi e tonsilli ipertrofiche e ora sta provando una cura sperimentale, mentre l’altra ha fatto in tutto 6 broncospasmi e 2 ricoveri in 18 mesi. Questo oltre ai normali malanni e alle malattie infettive, nonchè reazioni rare anche ai vaccini.
    La piccola nonostante tutto è un portento, pare l’uomo ragno, è una gigantina terremotina, non sta mai ferma! Ero abituata alla prima così pacata…
    Magari altri mamme leggendo si consolano: crescono così!!!
    A presto e ancora buon compleanno!

  6. Certo che è stata un’esperienza davvero coinvolgente e bellissima!!!
    Complimenti alla maestra che ho organizzato tutto e a complimenti a mamma e papà che hanno tirato su un cucciolotto tanto speciale come Piccolo Furfante 🙂

  7. favoloso!!!sarebbe bello poterlo fare, per una mamma è molto emozionante! cercherò di ricrdarmelo e proporlo nella mia classe, magari senza genitori, non è possibile! ma l’idea del trono, la scatola ecc…..si, grazie!!!!

  8. Accidenti, avantissimo questa scuola!
    Io racconto sempre a eSSe della sua nascita, e al compleanno ci ripenso e lei è molto contenta (ovviamente lei non saprà molto presto – o forse mai – i particolari meno belli, e meno naturali di come avremmo voluto, del suo parto 😉 ma sa la parte più importante, e le emozioni che vivevamo -, però questa “rappresentazione collettiva” è davvero stupenda, e il particolare del fiore molto poetico. Che bello, molto contenta per voi!

  9. @Rosa
    A PF ho raccontato spesso il giorno della sua nascita, ma fatto cosi’ è stato davvero bello e ha aggiunto un qualcosa in piu’ sia al racconto che all’amicizia tra compagni

    @Verdiana
    Figurati

    @Francy
    Che bello leggerti.
    Bellissima l’ida del complemese 😀 Il regalo del libricino è fantastico: un ricordo dolcissimo.

    Sul fornte malanni, vedrai che l’anno prossimo sarà tutto in discesa. Purtroppo è davvero cosi’: crescono cosi’, tra un malanno e l’altro, tra una malattia e l’altra… :-C
    Armiamoci di stanta pazienza. Ahimè!
    Un bacione grande grande

    @Twins
    Grazie per gli auguri!

    @Maris
    Una bella esperienza davvero

    @Barbara
    Una mattina intera a scuola è davvero impegnativa per tutti: bambini, maestre e genitori. Sarebbe bello renderla piu’ “leggera” senza togliere l’effetto emozione

    @ Ci’
    La “rappresentazione collettiva” è stata davvero toccante. Per una emotiva come me, poi… Non ne parliamo!

    Baci

  10. meraviglioso questo modo di festeggiare…sono troppo avanti rispetto a noi!anche se con ritardo tantissimi auguri a Piccolo Furfante alla sua mamma ed al suo papà!
    un abbraccio!

  11. La simbologia del fiore che si apre è incantevole e poi c’è un po’ di scienza che io approvo al 100%. Complimeti alla maestra per questa celebrazione un po’ insolita ma molto toccante.

  12. @Laura
    Grazie per gli auguri 😀
    Come dicevo so che le attiivtà per la festa non sono uguali per ogni classe e scuola, quindi credo che questo modo di festeggiare sia proprio della maestra. Una grande!!

    @Mammasorriso
    Io avevo gli occhietti lucidi anche perchè non me l’aspettavo! Mamma che emozione! E’ meglio che non ci pensi!

    @Mammozza
    L’idea del fiore è splendida. Non mi sarebbe mai venuta in mente… Poetica, chiara e scientifica allo stesso tempo 😀

    Un bacione

  13. Mamma mia che meraviglia di festa!!!!!! immagino la tua emozione nel sentire la spiegazione della maestra. bellissimo davvero anche tutto il resto.

  14. Innanzittutto auguri a PF!!!
    Complimenti alla maestra che ha saputo spiegare con poesia e delicatezza un momento importante: la nascita di un bambino e quale occasione migliore se non spiegarla durante un compleanno?
    Ancora complimenti e auguri!
    un abbraccio,
    amalia

  15. Grazie degli auguri 😀
    Avete ragione: è stata davvero una festa speciale. Piu’ ci ripendo e piu’ me ne rendo conto!

    Baci baci

  16. Mi ero salvata il link del tuo post per tornare a commentare 🙂
    Che festa stupenda! Davvero molto coinvolgente e tenera.
    Una scuola davvero particolare e molto diversa da quelle che conosco. Però quando su fb posti le attività che ogni tanto PF ti racconta di fare…paura! eh eh

  17. A Alessandra
    Grazie! 😀

    A Monica
    Come ho detto molte volte penso che la differenza la facciano le presone. Venerdi’ ho avuto l’ultimo colloquio dell’anno con Frau A. e abbiamo chiacchierato anche di com’é essere maestre in Italia, in Svizzera e in Romania (lei ha vissuto li’ per 5 anni) e siamo giunte alla stessa conclusione: a prscindere dalle impostazioni metodologiche la differenza la fanno le persone 😀

    A Claudia
    Come dicevi tu nel commento al tuo post: ci sono cose che mi piacciono di questa scuola e altre che mi lasciano perplessa e in cui mi ritrovo poco. Attività come quella del martello e dello scalpello sono un po’ troppo per me, soprattutto per bambini di 5 anni… ci sono altre cose che faccio fatica a capire e fare mie sia perché la cultura é comunque differente sia perché la scuola “perfetta” non esiste.
    In questa fase sto cercando di valorizzare le cose positive e lasciare in “stand by” le cose negative in vista di una maggiore integrazione e conoscenza della cultura.
    Non ho fatto in tempo a commentare il tuo post sull’ascolto, lo faccio qui: bellissime e interessantissime le tue riflessioni.

    Un bacione

  18. In effetti quando ho letto su fb del martello e scalpello per scolpire il sasso sono rimasta un pochino così… come dire? …mah! 🙂
    Sono sicura che bambini abituati sin da piccoli a maneggiare attrezzi un pochino pericolosi possano anche essere attenti e responsabili e come dici tu la diversa cultura sicuramente incide sulle attività che fanno nella scuola di PF, sui comportamenti delle mastre e sul tipo di educazione… Rimane il fatto che è difficile accettare tutto e poi noi mamme siamo un pochino difficili. La frase “la scuola perfetta non esiste” è una grandissima verità. Però io continuo a stimare tantissimo persone “aperte” come te. Il difetto più grande in assoluto che non riesco proprio ad accettare nè a mettere in stand by della scuola che ha frequentato il mio cucciolo è la chiusura. Quella proprio non riesco a digerirla. Se incontri maestre che utilizzano un metodo che a te non piace ma sono aperte al dialogo, alle spiegazioni… è una cosa bella. Perchè puoi imparare tante cose anche tu. Diversamente ognuno rimane della propria opinione e ci si saluta 🙂 Felice week end!

  19. Hai ragione sul fatto della chiusura e secondo me va a braccetto con il rispetto della persona e delle sue idee e con il tentativo di trovare compromessi “validi”.
    A me é piaciuto molto cosa é successo qui per la questione dell’accompagnamento a scuola. Io non sono ancora pronta a lasciare Ale andare a scuola tutto solo. Le maestre pero’ mi hanno fatto notare che qui non si usa e che per lui sarebbe stato importante questo atto di fiducia: importante per non farlo sentire diverso dagli altri bimbi, importante per dargli fiducia, importante per renderlo piu’ autonomo, importante per fargli capire che ora abita qui e che la cultura (tradizioni, usanze… chiamale come vuoi) sono diverse. Ci abbiamo pensato su, abbiamo riparlato con le maestre e abbiamo trovato un compromesso: lo accompagnamo solo per un pezzo, abbastanza lontano ma accertandoci che é tutto tranquillo e che entra a scuola senza problemi…
    Le maestre sono soddisfatte della soluzione, noi siamo tranquilli e Ale si sente grande!
    Come dici tu: se ognuno si fosse “chiuso” a riccio non saremmo usciti dall’impasse , saremmo stati tutti insoddisfatti e molto probabilmente il rapporto tra noi sarebbe stato teso
    Il problema e che a volte é difficile trovare compromessi o riuscire ad aprirsi…

    Un bacione

  20. Sono d’accordissimo con te! Quello che racconti è bellissimo. Magari ci fossero più maestre e più mamme aperte. Direi che avete trovato un ottimo compromesso che accontenta davvero tutti. Anche se è vero che non sempre è facile . Magari il prossimo anno PF andrà a scuola da solo 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Subscribe without commenting