"Siamo fatti così": giochi ed attività per conoscere il proprio corpo

puzzle bodyPiù di un anno fa all’asilo, Piccolo Furfante aveva fatto una divertente attività per imparare il nome delle varie parti del proprio corpo (piedi, mani, dita, naso, orecchie…). Le Tate avevano disegnato su di un grande foglio bianco il corpo di ogni bambino: dopo averlo fatto sdraiare a terra, ne avevano ripassato con un pennarello i contorni. Avevano poi ritagliato le sagome, chiedendo ai bimbi di colorare la propria, mentre loro ne nominavano le varie parti. Avevano poi preparato tanti nasi, occhi e orecchie di carta, le avevano fatte dipingere ai bimbi e li avevano aiutati ad incollarli sulla sagoma.
Per rendere più realistico il disegno, lo avevano poi vestito, usando stoffe di PF bodyvario colore. Una volta terminato il lavoro, ogni disegno era stato poi consegnato al legittimo propritario.
La nostra sagoma (con improbabili calzoni a fiori), è rimasta appesa in camera di Piccolo Furfante per oltre 3 mesi, perchè lui (l’originale, quello in carne ed ossa per intenderci) si era talmente entusiasmato che voleva ammirarla giorno e notte. Non vi dico gli spaventi che mi sono presa entrando in camera sua al buio. Era davvero inquietante trovarsela di fronte! Un giorno poi ci rimase in mano la testa e, per calmare PF, avevo dovuto improvvisare un kit di Pronto Soccorso per sagome ferite!! 😉
Malgrado tutto, comunque, questa semplice attività, oltre ad averlo divertirlo parecchio, gli è servita molto per apprendere nuove parole e conoscere meglio il proprio corpo.
Sulla scia del suo entusiasmo, all’epoca avevo creato dei semplicissimi puzzle di bambini. Le immagini sono essenziali, ma simpatiche e hanno subito catturato la sua attenzione.
Ogni disegno è diviso in 3  e le varie parti del corpo sono ben evidenti  per facilitarne il riconoscimento.
L’attività all’epoca era piaciuta molto, anche se ora è da un po’ che viene snobbata.

Questi sono i modelli dei nostri puzzle.

Ecco invece un po’ di materiale che ho recuperato in rete:

  • UfottoLeprotto (con simpatiche e semplici schede on line per conoscere il proprio corpo)
  • La girandola.it (con molti link utili – li trovate sul lato sinistro della pagina)
  • Disegni.calshop.biz (con flash cards sul corpo umano, ma sempre per bambini grandi)
  • InnerBody.com (con tante schede ed approfondimenti. In inglese e per grandicelli)
  • TeacherVision.net.com (con moltissime schede – le trovate digitando i vari link. In inglese e per bimbi grandi)
  • JustSomeStuff (con un bellissimo esempio di lapbook sul corpo umano)

Altre idee le trovate sulla mia pagina Pinterest dedicata al corpo umano!

LEGGI ANCHE…

Related posts:

Ti potrebbero anche interessare...

2 commenti

  1. 🙂 🙂 Cara paola mi hai fatto proprio ridere con la storia della testa in mano!!
    Quella della sagoma a grandezza originale e vestita (un’altra risata me la sono fatta sui pantaloni a fiori:))
    è davvero una cosa carina da fare e credo che la copierò subito.
    Molte carine anche le sgaome in tre parti, io avevo fatto qualcosa di analogo ma solo con le facce, divise in tre e con differenti emozioni. Avevo creato una sorta di contenitore in plastrica trasparente dicoso in trwe dove Aj le inseriva dopo aver osservato un immagine è stabilitò il tipo di sentimento da associare.
    E’ sempre bello leggerti, si ride, si impara, ci si ispira.
    Un bacio grande, i tuoi post mi mancavano davvero.
    P.S questo fine settimana eravamo di nuovo a Cowboyland ma questa volta anche per il rodeo. Una esperienza assolutramente fantastica!!
    Voi poi ci siete andati?

  2. Carissima,
    come puoi vedere anche tu dalla foto, la sagoma è veramente inquietante e con la testa piena di adesivo lo è ancora di più 😉
    A pensarci bene la protrei usare ad Halloween, come mostro… l’anno scorso non ci ho pensato 🙂

    Bella l’idea del puzzle sulle emozioni… Mi sa che mi cimenterò anch’io in qualcosa di simile!!

    A Cowboyland non ci siamo poi stati. Avevamo l’idea di andarci con amici qualcuno di questi weekend, ma visto il tempaccio… non so se ci riusciremo. Ma non si sa mai…

    Bacioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Subscribe without commenting