Venerdi’ del libro: Il tempo per uccidere

Come ben avrete intuito dal titolo, il libro di cui vi parlo oggi non è un romanzo rosa, ma naturalmente un giallo.

Ho scoperto l’autore, Robert Dugoni, da poco e mi sono subito appassionata al suo stile e alle avventure della detective Tracy Crosswhite, questa volta alle prese con un serial killer.

Vi avevo già recensito “Non ho paura del buio”  e anche questo libro , che ne è il seguito, è altrettanto avvincente e ricco di colpi di scena.

La detective Tracy Crosswhite è chiamata a guidare una task force incaricata di scovare un serial killer di giovani ballerine. Gli indizi sono pochi e gli omicidi si susseguono velocemente, tutto sembra arenarsi finchè  Tracy scopre  che  la soluzione del caso si trova in un’indagine di dieci anni prima che ha visto condannare forse un innocente.

Un libro che ho letto tutto in un fiato.

Lo consiglio soprattutto agli amanti del genere o a chi vuole avvicinarsi ai gialli.

Il tempo per uccidere di Robert Dugoni

“Puoi fare tutti i progetti che vuoi per il tuo futuro e poi ritrovarti con il culo per terra a fare quello che eri destinata a fare”

 

 

Non mi resta che augurarvi buon fine settimana. Il nostro sarà purtroppo piovoso e freddo!

Ora aspetto con ansia i vostri suggerimenti. Eccoli:

 

Vi ricordo la nostra biblioteca “quelli del Venerdi’ del libro” su PINTEREST dove potrete archiviare e consultare i libri delle scorse settimane. (Qui trovate le istruzioni per farne parte). Giornalmente recuperero’ da questo archivio un libro che pubblichero’ sulla mia pagina Facebook!

Per semplificare l’accesso, ho creato una cartella qui a lato chiamata”Venerdi del libro” che rimanda direttamente alla nostra pagina. Piu’ facile di cosi’! Se qualcuno di voi, pur avendomi segnalato l’indirizzo, non fosse ancora stata invitata a Pinnare, me lo faccia sapere . A volte mi perdo in giro un po’ di pezzi. Scusate!

Chi vuole fare un tuffo nel passato invece, qui puo’ rileggere  tutti gli scorsi Venerdi’ del libro.

Vuoi partecipare al Venerdi’ del libro?

Ecco come fare:

Basta postare di venerdì – sul proprio blog o lasciare un commento su HomeMadeMamma – i libri che si vogliono suggerire ai lettori per il weekend. Possono essere uno o più, su qualsiasi argomento e per qualsiasi target.

Anche il modo in cui proporli è a discrezione dei partecipanti: mettere citazioni, raccontare aneddoti, fare semplicemente una lista, inserire foto…

Invito chi partecipa a lasciarmi un commento nell’articolo del giorno, in modo da poter inserire tutti i link dei partecipanti della settimana nel mio post.

Chi partecipa puo’ scegliere o meno di inserire i partecipanti della settimana nel proprio post.

Qui volesse puo’ archiviare i propri post anche sulla pagina Pinterest dedicata a questa iniziativa. Tutte le istruzioni per accedervi sono contenute qui.

Non ci sono banner da inserire, obblighi di sorta o email a cui rispondere . Si partecipa quando e come si vuole.

Lo scopo dell’iniziativa, infatti, rispecchia lo spirito con cui nasce HomeMadeMamma: far circolare informazioni utili e voglia di fare (in questo caso di leggere) in tutta libertà.

Vuoi essere dei nostri? Benvenuto! Come vedi partecipare è semplice!

Post di Paola Misesti

Related posts:

Ti potrebbero anche interessare...

18 commenti

    1. Della storia di Gardini confesso di avere un ricordo sfocato. Ricordo il sogno del “Moro di Venezia”, ricordo il periodo di Tangentopoli e poi il suicidio. E’ una storia che non ho approfondito e che ora il tuo libro risveglia alla mente. Segnato in lista!

    1. Appena finito di leggere, giusto giusto 2 giorni fa! Mi è piaciuto come sempre e ora non mi resta che aspettare il seguito

  1. Oggi non ho postato nessuna recensione, ma ho ritirato una sorta di premio per amanti della lettura e in modo incosueto quindi diciamo che partecipo a questo venerdì del libro 🙂

    http://caralilli.blogspot.it/2018/05/bbb-award.html

    Anzi, chi volesse a asua volta rispondere alle domande di questo B.B.B. Award è il benvenuto 🙂

    Intanto tengo d’occhio l’autore che citi tu, Paola. Non si sa mai 😉 anche se la lista d’attesa è sempre più lunga…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Subscribe without commenting