Venerdi’ del libro: Stivali di gomma svedesi

Non conoscevo lo scrittore Henning Mankell, me lo ha fatto conoscere la mia amica “spacciatrice di libri” assicurandomi che mi sarebbe piaciuto.

Ho iniziato a leggere “Stivali di gomma svedesi” con poche aspettative, non sapendo nulla né dell’autore né del libro.

Pagina dopo pagina la lettura è scorsa via veloce, anche se la storia non mi prendeva per nulla. Fino a metà del libro non avevo idea che si trattasse anche di un giallo: il ritmo era cosi’ lento e il racconto cosi’ introspettivo che pensavo fosse un romanzo come tanti, che parlava  della vita di un vecchio che ad un tratto si ritrova senza casa e senza punti di riferimento.

Quando ho scoperto che la trama prevedeva anche  di capire chi avesse distrutto con un incendio la casa del vecchio, mi sono letteralmente meravigliata. Da li’ la storia ha incominciato a prendermi, peccato che il colpevole venga scoperto poco dopo e che l’altra metà del libro sia occupata ancora prevalentemente dai pensieri e dalle divagazioni del vecchio.

Detto cosi’ sembra che il libro non mi sia piaciuto, ma non è vero: malgrado il ritmo pacato e il rimuginare continuo dell’anziano, il libro è scorso via veloce e non riuscivo a staccarmi dal racconto. Piu’ volte mi sono detta “lascio perdere, tanto non mi prende” e poi mi ritrovavo ancora con lui in mano. Sicuramente il merito è della capacità dello scrittore che riesce a catturare il lettore senza che questo se ne accorga. Una dote certo non comune.

“Stivali di gomma svedesi” ve lo consiglio, se volete leggere qualcosa di particolare e fuori dagli schemi.

Stivali di gomma svedesi di Henning Mankell

Osservavo il melo che avevo lavato con acqua e sapone e che aveva ripreso il suo colore originale, ma non sapevo se avrebbe dato frutti.

Il un barattolo sotto il pavimento di casa, nel terreno, era sepolta la fibbia delle scarpe di Giaconelli. Il pensiero che fosse sopravvissuta a quelle fiamme terribili mi faceva sentire sicuro.

Era già la fine di agosto. Presto sarebbe arrivato l’autunno. Ma il buio non mi faceva piu’ paura.

 

stivali di gomma svedesi mankell

Vi auguro un bellissimo weekend di sole e di libri. Ora aspetto i vostri consigli! Eccoli:

 

Vi ricordo la nostra biblioteca “quelli del Venerdi’ del libro” su PINTEREST dove potrete archiviare e consultare i libri delle scorse settimane. (Qui trovate le istruzioni per farne parte). Giornalmente recuperero’ da questo archivio un libro che pubblichero’ sulla mia pagina Facebook!

Per semplificare l’accesso, ho creato una cartella qui a lato chiamata”Venerdi del libro” che rimanda direttamente alla nostra pagina. Piu’ facile di cosi’! Se qualcuno di voi, pur avendomi segnalato l’indirizzo, non fosse ancora stata invitata a Pinnare, me lo faccia sapere . A volte mi perdo in giro un po’ di pezzi. Scusate!

Chi vuole fare un tuffo nel passato invece, qui puo’ rileggere  tutti gli scorsi Venerdi’ del libro.

Vuoi partecipare al Venerdi’ del libro?

Ecco come fare:

Basta postare di venerdì – sul proprio blog o lasciare un commento su HomeMadeMamma – i libri che si vogliono suggerire ai lettori per il weekend. Possono essere uno o più, su qualsiasi argomento e per qualsiasi target.

Anche il modo in cui proporli è a discrezione dei partecipanti: mettere citazioni, raccontare aneddoti, fare semplicemente una lista, inserire foto…

Invito chi partecipa a lasciarmi un commento nell’articolo del giorno, in modo da poter inserire tutti i link dei partecipanti della settimana nel mio post.

Chi partecipa puo’ scegliere o meno di inserire i partecipanti della settimana nel proprio post.

Qui volesse puo’ archiviare i propri post anche sulla pagina Pinterest dedicata a questa iniziativa. Tutte le istruzioni per accedervi sono contenute qui.

Non ci sono banner da inserire, obblighi di sorta o email a cui rispondere . Si partecipa quando e come si vuole.

Lo scopo dell’iniziativa, infatti, rispecchia lo spirito con cui nasce HomeMadeMamma: far circolare informazioni utili e voglia di fare (in questo caso di leggere) in tutta libertà.

Vuoi essere dei nostri? Benvenuto! Come vedi partecipare è semplice!

Post di Paola Misesti

Related posts:

Ti potrebbero anche interessare...

10 commenti

  1. A parte tutti i libri di Giovannino Guareschi che consiglio a tutti, soprattutto prima di dormire, perchè rendono l’animo lieto e tolgono un po’ la pesantezza del duro lavoro quotidiano ( i vari don Camillo, lo zibaldino e il corrierino delle famiglie), vorrei consigliare per giovani romantiche questo libro semplice, ma che ristora il cuore e l’anima: “Il risveglio della signorina Prim” di Natalia Sanmartin Fenollera.
    Buona lettura!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Subscribe without commenting