Venerdi’ del libro: Un ristretto in tazza grande

Venerdi' del libro: recensione di Un ristretto in tazza grande di Federico Maria Rivalta

Che i gialli siano il genere preferito è ormai cosa risaputa! La quantità di libri gialli che leggo in un mese è enorme ed ogni tanto mi dimentico di postarne le recensioni. Cosa che mi è capitata con il libro che vi presento oggi.

Rivedendo i libri letti negli ultimi mesi, mi sono resa conto di aver dimenticato di presentarvi un autore che mi è piaciuto molto, tanto da aver letto tutte le sue opere, di cui non vi ho minimamente accennato.

Il libro di oggi è il primo della serie che vedono coinvolto il giornalista Riccardo Ranieri. E’ un libro piacevole da leggere, con una trama accattivante e un intrigo ben orchestrato. Al malcapitato e simpatico giornalista gliene capiteranno di ogni, ma grazie al suo fiuto riuscirà a risolvere un caso davvero difficile: un efferato delitto in un club di golf.

L’ironia del protagonista accompagna il lettore durante tutta la vicenda e, vi confesso, è la parte che piu’ mi piace del libro perchè di solito i gialli tendono ad essere troppo cupi e seri.

Un libro che vi consiglio se vi piace il genere o se volete passare qualche ora immersi in una piacevole lettura.

Un ristretto in tazza grande – Federico Maria Rivalta

Non era necessario un grosso sforzo di fantasia per immaginare che nelle chiacchiere coi vicini fossi già stato ineluttabilmente individuato come colpevole di atroci delitti. le prove contro di me erano schiaccianti: forestiero, per giunta di Milano, privo di competenze di giardinaggio, assente cronico alla messa della domenica e, dulcis in fundo, mai visto al bar del paese.

 

Ora non mi resta che aspettare i vostri preziosi consigli per questo weekend, che da noi si preannuncia piovoso! Eccoli:

Buon fine settimana!

Vi ricordo la nostra biblioteca “quelli del Venerdi’ del libro” su PINTEREST dove potrete archiviare e consultare i libri delle scorse settimane. (Qui trovate le istruzioni per farne parte). Giornalmente recuperero’ da questo archivio un libro che pubblichero’ sulla mia pagina Facebook!

Per semplificare l’accesso, ho creato una cartella qui a lato chiamata”Venerdi del libro” che rimanda direttamente alla nostra pagina. Piu’ facile di cosi’! Se qualcuno di voi, pur avendomi segnalato l’indirizzo, non fosse ancora stata invitata a Pinnare, me lo faccia sapere . A volte mi perdo in giro un po’ di pezzi. Scusate!

Chi vuole fare un tuffo nel passato invece, qui puo’ rileggere  tutti gli scorsi Venerdi’ del libro.

Vuoi partecipare al Venerdi’ del libro?

Ecco come fare:

Basta postare di venerdì – sul proprio blog o lasciare un commento su HomeMadeMamma – i libri che si vogliono suggerire ai lettori per il weekend. Possono essere uno o più, su qualsiasi argomento e per qualsiasi target.

Anche il modo in cui proporli è a discrezione dei partecipanti: mettere citazioni, raccontare aneddoti, fare semplicemente una lista, inserire foto…

Invito chi partecipa a lasciarmi un commento nell’articolo del giorno, in modo da poter inserire tutti i link dei partecipanti della settimana nel mio post.

Chi partecipa puo’ scegliere o meno di inserire i partecipanti della settimana nel proprio post.

Qui volesse puo’ archiviare i propri post anche sulla pagina Pinterest dedicata a questa iniziativa. Tutte le istruzioni per accedervi sono contenute qui.

Non ci sono banner da inserire, obblighi di sorta o email a cui rispondere . Si partecipa quando e come si vuole.

Lo scopo dell’iniziativa, infatti, rispecchia lo spirito con cui nasce HomeMadeMamma: far circolare informazioni utili e voglia di fare (in questo caso di leggere) in tutta libertà.

Vuoi essere dei nostri? Benvenuto! Come vedi partecipare è semplice!

Post di Paola Misesti

 

Related posts:

Ti potrebbero anche interessare...

35 commenti

    1. Adoro i gialli e il tuo mi ha già preso dopo aver letto due righe della tua recensione.
      Segnato!

      Ti mando un abbraccio forte e spero che i problemi di salute si risolvano prestissimo! Un bacio

    1. Adoro lo yoga! L’ho praticato tanti anni, anche quando aspettavo PF. Ho ripreso poi quando mi sono trasferita qui, ma ho dovuto interromperlo per problemi di orario… Ora vorrei ricominciare!
      Lo trovo fantastico sia per il corpo che per la mente e utilissimo anche per i bimbi. Grazie per il tuo prezioso suggerimento!

    1. Uno zio di PF è mancino e spesso lo prendiamo in giro per le strane posizioni che assume quando scrive. 😀 Questo libro lo compriamo di sicuro!! 😀

    1. Bello il tuo libro! A volte i bimbi ci sorprendono: molti libri che pensavo non sarebbero mai piaciuti a PF, li ha invece adorati ed altri, che mi esaltavano, li ha snobbati senza dargli nemmeno una seconda possibilità!
      Come si dice: i gusti sono gusti!!

    1. Che bellissima esperienza e poi in versione “multi-lingue”!! 😀
      A scuola di PF ogni anno organizzano la notte della lettura. Una volta scelto un tema (l’anno scorso erano i libri di paura, quest’anno quelli gialli) gli adulti, 1 in ogni aula della scuola, leggono un libro e organizzano attività a tema. I libri scelti sono in varie lingue e i bambini possono passare di aula in aula, perchè le attività durano 3 ore.
      Trovo queste esperienze davvero belle sia per i bambini, ma anche per gli adulti.

  1. In effetti grazie al Venerdì del libro ho scoperto davvero tanti gialli e quando non riesco a leggerli tutti (da qui arrivano tanti input!) li giro a mio marito, che apprezza sempre il genere 🙂 grazie per il consiglio, quindi. Oggi parlo delle “96 lezioni di felicità” di Marie Kondo, visto che ormai anche io sono finita nel tunnel del metodo Konmari :)))) ma devo dire che finora mi ha soddisfatto seguire i suoi consigli, davvero. Ecco il link:

    http://www.mammaorachefaccio.com/2016/11/metodo-konmari-marie-kondo-libro-96-lezioni-di-felicita.html

    1. Ho letto il “Potere del riordino” ed ero curiosissima di prendere in mano anche questo libro, dopo aver letto un’intervista all’autrice, che mi era piaciuta molto.
      Confesso che ho utilizzato molti dei suggerimenti che aveva dato nel suo primo libro, ma l’idea di salutare abiti ed oggetti mi ha sempre messo un po’ di angoscia.
      Dopo la tua recensione, mi sa che questo libro finirà presto nelle mie mani. 😀

    1. Il libro della Gazzola l’ho letto quest’estate ( e mi accorgo ora di non averlo recensito :-C ) e non mi è piaciuto particolarmente. Preferisco i libri con protagonista Alice Allevi, ma forse solo perchè sono dei gialli.

      Il tuo secondo consiglio non lo conoscevo e me lo segno subito. Grazie!

    1. Bellissimo il tuo libro: quello che ho bisogno per uscire dal caos in cui ultimamente mi sento.

      Ti auguro un periodo piu’ calmo e me lo auguro anch’io.
      Un abbraccio

  2. Buona sera. Noi proponiamo, come venerdì scorso, un’altra lettura letta in classe in occasione di Libriamoci. Anzi, per essere precisi, proponiamo il libro da cui le due storie sono state tratte.
    http://associazione-arcobaleno.blogspot.it/2016/11/18-storie-dallindia.html
    Intanto prendiamo nota del suggerimento da passare alle mamme (che di solito sono quelle che leggono di più rispetto ai papà… anche se abbiamo delle buone eccezioni nel gruppo).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Subscribe without commenting