Venerdi’ del libro: Piccoli limoni gialli

Il libro che vi presento oggi l’avevo acquistato essenzialmente per la copertina: quei limoni gialli mi erano piaciuti tantissimo.

La quarta di copertina poi recitava “Un’ottima storia, davvero emozionante. Staccate il telefono perchè mentre la leggerete non vorrete assolutamente che qualcuno vi disturbi”

Vi confesso che non solo non mi è venuta voglia di staccare il telefono, ma che di quando in quando (troppo spesso) qualche telefonata l’ho pure fatta!

Il libro ha tutte le premesse per essere bello: la trama è ricca, è ben scritto, i colpi di scena non mancano cosi’ come il lieto fine. Tuttavia non mi ha entusiasmato affatto! Mi spiace davvero, perchè secondo me era un libro con delle potenzialità, ma mentre lo leggevo mi rendevo conto che qualcosa non andava: era tutto molto ovvio! Già dalle prime pagine si intuiva con chi la protagonista si sarebbe messa, dove sarebbe finita a lavorare, chi era l’uomo/donna misterioso, che fine avrebbe fatto il fidanzato cattivo…

Malgrado i colpi di scena ben orchestrati e qualche riflessione profonda qua e là, la storia è a mio avviso molto prevedibile.

Ve lo consiglio comunque, se volete passare piacevolmente qualche ora.

Il libro di oggi è…

coverPiccoli limoni gialli – Kajsa Ingemarsson

Sul ripiano accanto all’ingresso c’erano le scarpe che indossava nella sua vita precedete. Sopra erano appese le giacche invernali di cui aveva solo un debole ricordo. Tutto era diverso, tutto era cambiato. Era proprio cosi’? Doveva continuare come prima? Tornare al lavoro, comprare il burro della Bregott e portare fuori l’immodizia? Prenotare il turno in lavanderia e arrabbiarsi per il cattivo gusto musicale dei vicini? O anche quelle cose sarebbero cambiate?

 

Come sempre, aspetto con ansia i vostri consigli!! Eccoli:

Buon fine settimana! Il nostro sarà di competo relax!!

Vi ricordo la nostra biblioteca “quelli del Venerdi’ del libro” su PINTEREST dove potrete archiviare e consultare i libri delle scorse settimane. Qui trovate le istruzioni per farne parte.

Per semplificare l’accesso, ho creato una cartella qui a lato chiamata”Venerdi del libro” che rimanda direttamente alla nostra pagina. Piu’ facile di cosi’! Se qualcuno di voi, pur avendomi segnalato l’indirizzo, non fosse ancora stata invitata a Pinnare, me lo faccia sapere . A volte mi perdo in giro un po’ di pezzi. Scusate!

Chi vuole fare un tuffo nel passato invece, qui puo’ rileggere  tutti gli scorsi Venerdi’ del libro.

Vuoi partecipare al Venerdi’ del libro?

Ecco come fare:

Basta postare di venerdì – sul proprio blog o lasciare un commento su HomeMadeMamma – i libri che si vogliono suggerire ai lettori per il weekend. Possono essere uno o più, su qualsiasi argomento e per qualsiasi target.

Anche il modo in cui proporli è a discrezione dei partecipanti: mettere citazioni, raccontare aneddoti, fare semplicemente una lista, inserire foto…

Invito chi partecipa a lasciarmi un commento nell’articolo del giorno, in modo da poter inserire tutti i link dei partecipanti della settimana nel mio post. Non sono sempre collegata (e sono imbranata di mio ) e ora che nei fine settimana vado avanti indietro dalla Svizzera all’Italia ho sempre paura di dimenticarmi qualcuno.

Chi partecipa puo’ scegliere o meno di inserire i partecipanti della settimana nel proprio post.

Qui volesse puo’ archiviare i propri post anche sulla pagina Pinterest dedicata a questa iniziativa. Tutte le istruzioni per accedervi sono contenute qui.

Non ci sono banner da inserire, obblighi di sorta o email a cui rispondere . Si partecipa quando e come si vuole.

Lo scopo dell’iniziativa, infatti, rispecchia lo spirito con cui nasce HomeMadeMamma: far circolare informazioni utili e voglia di fare (in questo caso di leggere) in tutta libertà.

Vuoi essere dei nostri? Benvenuto! Come vedi partecipare è semplice!

Post di Paola Misesti

Related posts:

Ti potrebbero anche interessare...

41 commenti

  1. Buongiorno e buon venerdì! A volte capita di restare delusi da ciò che si è letto, a me è capiatato più volte… Il libro che segnali non mi è nuovo ma solo per avere sentito parecchio parlare di lui… non l’ho letto… Una storica da “staccare il telefono” che non convince nemmeno me.
    Io per oggi propongo una lettura che mi ha condotta nel passato: http://www.libri-stefania.blogspot.it/2014/10/piu-lontana-della-luna-p-mastrocola.html

  2. Peccato quando durante la lettura si sente una nota stonata come nel libro di cui ci parli…..io oggi racconto di un libro leggero che mi ha fatto sorridere e in cui mi sono immedesimata molto: “Il primo caffè del mattino” che presenta i personaggi in base alle bevande che scelgono a colazione!Il protagonista è un barista e vive una storia romantica con Genevieve sullo sfondo della sua Roma. E’ un libro semplice, ma carino, l’ideale per letture accompagnate da una tazza di…caffè!;-)

    1. Il tuo libro mi ha stuzzicato parecchio! Chissà che tipo di personagio sarei io che impazzisco per il Chai latte!! 😀

  3. Ecco… Paola concordo e aggiungo che bisogna stare bene ed essere allegri, perché la storia proprio piacevole non è e alla fine ti lascia il gusto amaro… “delle storie vere”:-(

    Ed io invece propongo una lettura rilassante… per i bambini e per i loro genitori che leggono per loro nel caso, perché… andare a letto talvolta è un percorso ad ostacoli:-(

    http://mimangiolallergia.wordpress.com/2014/10/03/le-quattro-stagioni-di-boscodirovo-per-prendere-sonno/

  4. sì, capisco perfettamente cosa intendi dire! ho avuto la stessa sensazione qualche tempo fa con un romanzo femminile di cui avevo parlato…peccato, all’inizio della recensione mi avevi convinta! meglio però, perchè col venerdì del libro ho la libreria e il Kindle zeppi di libri che mi aspettano da un po’, quindi stavolta passo!
    questa settimana parlo di un testo che hai letto e recensito anche tu…eheh….
    101 look giusti per 101 occasioni 😉
    (non posso ancora crederci che eravamo entrambe al mammacheblog e non ti ho vista 😛 )

    http://www.mammaorachefaccio.com/2014/10/101-look-giusti-per-101-occasioni.html

    1. Adoro il libro di Caia, cosi’ come mi è paciuta lei come persona quando l’ho conosciuta a Milano al Mammacheblog (peccato che non ci siamo incontrate noi due!)! Ho passato il libro alle mie amiche e ora sta girando di casa in casa. 😀

  5. Reduce da un libro che mi ha suscitato le tue medesime considerazioni….non so se lo leggerò. Oggi ritorno con un libro francese…ma non posso x ora aggiungere il link. Proverò più tardi. Buon fine settimana

  6. Buon venerdì a tutti!
    E si a volte succede che la copertina sia attraente, la trama alquanto curiosa e poi chi la scrive, purtroppo, era meglio che decideva di andare a vendere scarpe. Comunque….
    La Denny oggi ci conduce per le strade di Milano: Un crimine? Ferma tucc, ghe pensa el Comissari Arrigoni!
    Indagini alla milanese, ecco la proposta della Denny di questo venerdì!!http://tucc-per-tucc.blogspot.it/2014/10/gialli-milanesi.html
    BUONA LETTURA A TUTTI E BUON FINE SETTIMANA!!

    Kly

  7. Come al solito propogo un libro per bambini dai 3 ai 5 anni direi. Un libro per insegnare loro ad aspettare…”un po’ di pazienza!!!” perchè come sempre i bimbi non ne hanno neanche un po’ mentre noi mamme dobbiamo averne all’ennesima potenza….

    1. Allora eri tuuuu!! Mi ricordavo di una recensione…
      L’ambientazione non mi ha preso molto, ma forse perchè in Svezia non ci sono ancora stata e non mi sono fatta un’immagine precisa di com’è e di come me la aspetto! I luoghi comuni sull’Italia mi hanno lasciata indifferente, anche se abbondano dall’inizio alla fine del libro. Come dici tu “è una lettura leggera”, l’errore è stato mio che mi aspettavo altro! :-C

      Il tuo Carofiglio me lo segno: è un autore che mi piace molto!!

    1. Mi ritrovo al 100% con la tua recensione. Sei riuscita a spiegare perfettamente cosa mi ha reso perplessa di questo libro. 😀

      Devo assolutamente cimentarmi con i libri di Grishman!

      1. be’ certo! Mi sono letta il tuo post, ti ho risposto e non ti ho inserito! Niente di piu’ semplice. Ora rimedio!! 😀

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Subscribe without commenting