Venerdi’ del libro: I figli dell’ultimo banco

Ultimamente sto leggendo un sacco di libri sulla scuola sia perchè è il mio lavoro, essendo pedagigosta, sia perchè sto riflettendo parecchio sulle metodologie di insegnamento.

Nella scuola svizzera di PF  il metodo didattico è completamente diverso da tutti quelli che conosco e che ho messo in pratica. Questa cosa mi ha inizialmente destabilizzato, ma poi mi ha creato una certa frenesia di conoscere, capire e confrontare il mio sapere con altri. Ecco allora che hanno fatto la loro comparsa libri sul bilinguismo, sulla multiculturarlità e piu’ in generale sulle diverse metodologie di apprendimento.

Il libro che vi presento oggi è uno di quelli che mi hanno colpito di piu’ tra quelli “scolastici”. E’ il racconto (vero)  di un insegnante delle superiori nelle banlieue parigine. A dispetto di quello che si puo’ pensare, quello che traspare dal racconto è l’amore per l’insegnamento di questo professore, ma anche dei suoi alunni.

Il libro racconta delle difficoltà oggettive nell’insegnare materie particolari (come latino e greco) in un ambiente difficile sia per questoni economiche che culturali, ma anche dell’entusiasmo e della passione capaci trascinare le persone. Le riflessioni dell’autore sul perchè studiare queste lingue “morte” mi ha colto nel vivo (avendo io frequentato il liceo classico), cosi’ come quelle sul corpo insegnanti e sulla “pesantezza” (cosi’ viene chiamata nel libro) che si vive in luoghi dove la senzasione predominante è la mancanza di futuro.

Un libro che consiglio vivamente sia agli insegnanti sia ai genitori.

Se siete curiosi di sapere qualcosa di piu’ su Augustin d’Humières, qui trovate una sua intervista.

Il libro di questa settimana è dunque…

copertina-dHumieres i figli dell'ultimo bancoI figli dell’ultimo banco – Augustin d’ Humières

Il problema non sta nell’ottenere il diploma, ma nel saper parlare il francese al momento di lasciare la scuola e di entrare nel mondo del lavoro, nel sentirsi a proprio agio con se stessi, nel saper ragionare in modo sensato. Ci sono quelli che non sanno adattarsi alla scuola, e allora la scuola deve potersi adattare a loro. Ma questo la scuola non lo sa fare. E’ una parte della missione che mi ero assegnata.

 

Come ogni venerdi’ aspetto con ansia i vostri suggerimenti. Eccoli:

Buon weekend a tutti voi!Il nostro sarà probabilmente già autunnale!

 

Vi ricordo la nostra biblioteca “quelli del Venerdi’ del libro” su PINTEREST dove potrete archiviare e consultare i libri delle scorse settimane. Qui trovate le istruzioni per farne parte.

Per semplificare l’accesso, ho creato una cartella qui a lato chiamata”Venerdi del libro” che rimanda direttamente alla nostra pagina. Piu’ facile di cosi’! Se qualcuno di voi, pur avendomi segnalato l’indirizzo, non fosse ancora stata invitata a Pinnare, me lo faccia sapere . A volte mi perdo in giro un po’ di pezzi. Scusate!

Chi vuole fare un tuffo nel passato invece, qui puo’ rileggere  tutti gli scorsi Venerdi’ del libro.

Vuoi partecipare al Venerdi’ del libro?

Ecco come fare:

Basta postare di venerdì – sul proprio blog o lasciare un commento su HomeMadeMamma – i libri che si vogliono suggerire ai lettori per il weekend. Possono essere uno o più, su qualsiasi argomento e per qualsiasi target.

Anche il modo in cui proporli è a discrezione dei partecipanti: mettere citazioni, raccontare aneddoti, fare semplicemente una lista, inserire foto…

Invito chi partecipa a lasciarmi un commento nell’articolo del giorno, in modo da poter inserire tutti i link dei partecipanti della settimana nel mio post. Non sono sempre collegata (e sono imbranata di mio ) e ora che nei fine settimana vado avanti indietro dalla Svizzera all’Italia ho sempre paura di dimenticarmi qualcuno.

Chi partecipa puo’ scegliere o meno di inserire i partecipanti della settimana nel proprio post.

Qui volesse puo’ archiviare i propri post anche sulla pagina Pinterest dedicata a questa iniziativa. Tutte le istruzioni per accedervi sono contenute qui.

Non ci sono banner da inserire, obblighi di sorta o email a cui rispondere . Si partecipa quando e come si vuole.

Lo scopo dell’iniziativa, infatti, rispecchia lo spirito con cui nasce HomeMadeMamma: far circolare informazioni utili e voglia di fare (in questo caso di leggere) in tutta libertà.

Vuoi essere dei nostri? Benvenuto! Come vedi partecipare è semplice!

Post di Paola Misesti

Ti potrebbero anche interessare...

26 commenti

  1. Davvero un bel consiglio! Lo cercherò sicuramente! Oggi propongo un amarcord della mia infanziahttp://mammaorsacuriosona.blogspot.it/2014/09/a-mille-ce-ne.html

  2. molto interessante, l’intervista lo è indubbiamente (pensando alle difficoltà che incontro nel quotidiano a proporre semplici corsi di due-quattro ore, mi sorprende la bellezza con la quale d’H. utilizza lo strumenti teatrale per raggiungere l’obiettivo: mi chiedo quanto questo sia possibile in un sistema scolastico come il nostro, su cui si potrebbe aprire un capitolo infinito)

    dalle mie parti, invece, oggi racconto saramago.
    http://ammennicolidipensiero.wordpress.com/2014/09/05/ci-sono-troppe-buche-chi-le-riempira/
    grazie ancora per l’ospitalità (e a iomemestessa che, senza saperlo, mi ha ricordato che oggi è venerdì…)

  3. Questo libro che proponi l’ho letto e propagandato tra i “vecchi” colleghi per riflettere e far riflettere anche i genitori degli studenti sull’importanza delle lettere classiche oggi.Infatti se vogliamo salvare i giovani dall’uso ossessivo della PlayStation, dallo zapping, gli insegnanti devono essere in grado di offrire progetti culturali ambiziosi e coinvolgenti.
    Per questo venerdì la mia proposta è MAROSIA CASTALDI
    LA FAME DELLE DONNE, intrecci di vite e di sapori,

    http://letturesenzatempo.blogspot.it/2014/09/venerdi-del-libro-5-settembremarosia.html

    a tutte un inizio di settembre secondo le proprie aspettative !!!
    simonetta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Subscribe without commenting