Venerdi’ del libro: Quattro etti d’amore, grazie

Dopo aver letto “Per dieci minuti” (che mi accorgo solo ora di non avere recensito qui sul Venerdi’ del libro! Dimenticanza imperdonabile!), mi ero ripromessa di leggere altri libri di Chiara Gamberale. Cosi’ quando a Roma ho trovato su di uno scaffale il libro che vi presento oggi, non ho potuto fare a meno di acquistarlo.

Come il precedente, anche questo l’ho praticamente divorato. Non fatevi ingannare dal titolo, non è un libro “rosa” e la storia non è nemmeno tanto leggerina. Si legge bene, lo stile è piacevole e, se anche qua e là  ruba qualche sorriso, non manca di lasciare tanti spunti su cui riflettere.

Un libro, quindi, che vi consiglio vivamente.

Chiara-Gamberale_Quattro-etti-amore-660x993Quattro etti d’amore, grazie – Chiara Gamberale

“Peter Pan sa solo volare, solo essere il meraviglioso perditempo che è. Un giorno esce di casa, comincia a fare capriole nell’aria, e quando torna sai che cosa trova? La finestra della sua camera inferiata, sua madre che si è dimenticata di lui e culla un altro bambino”

“Povero Peter”

“Puoi dirlo forte. Menre quella paracula di Wendy? Lei no! Non  puo’ fare pena a nessuno, lei: ha una famiglia che la aspetterà sempre con la finestra spalancata. Capisci Tea? Wendy sa che cosa vuo dire, avere una famiglia. E poi scopre di sapere anche volare. Facile, cosi’!”

“Cosa?”

“Andare sull’Isola Che Non C’è col biglietto di ritorno”

 

Ora aspetto di leggere i vostri preziosi suggerimenti! Eccoli:

Vi ricordo la nostra biblioteca “quelli del Venerdi’ del libro” su PINTEREST dove potrete archiviare e consultare i libri delle scorse settimane. Qui trovate le istruzioni per accedervi. Per semplificare l’accesso, ho creato una cartella qui a lato chiamata”Venerdi del libro” che rimanda direttamente alla nostra pagina. Piu’ facile di cosi’! Se qualcuno di voi, pur avendomi segnalato l’indirizzo, non fosse ancora stata invitata a Pinnare, me lo faccia sapere . A volte mi perdo in giro un po’ di pezzi. Scusate!

Chi vuole fare un tuffo nel passato invece, qui puo’ rileggere  tutti gli scorsi Venerdi’ del libro.

Buon  fine settimana… il nostro sarà finalmente tranquillo!

Vuoi partecipare al Venerdi’ del libro?

Ecco come fare:

Basta postare di venerdì – sul proprio blog o lasciare un commento su HomeMadeMamma – i libri che si vogliono suggerire ai lettori per il weekend. Possono essere uno o più, su qualsiasi argomento e per qualsiasi target.

Anche il modo in cui proporli è a discrezione dei partecipanti: mettere citazioni, raccontare aneddoti, fare semplicemente una lista, inserire foto…

Invito chi partecipa a lasciarmi un commento nell’articolo del giorno, in modo da poter inserire tutti i link dei partecipanti della settimana nel mio post. Non sono sempre collegata (e sono imbranata di mio ) e ora che nei fine settimana vado avanti indietro dalla Svizzera all’Italia ho sempre paura di dimenticarmi qualcuno.

Chi partecipa puo’ scegliere o meno di inserire i partecipanti della settimana nel proprio post.

Qui volesse puo’ archiviare i propri post anche sulla pagina Pinterest dedicata a questa iniziativa. Tutte le istruzioni per accedervi sono contenute qui.

Non ci sono banner da inserire, obblighi di sorta o email a cui rispondere . Si partecipa quando e come si vuole.

Lo scopo dell’iniziativa, infatti, rispecchia lo spirito con cui nasce HomeMadeMamma: far circolare informazioni utili e voglia di fare (in questo caso di leggere) in tutta libertà.

Vuoi essere dei nostri? Benvenuto! Come vedi partecipare è semplice!

Ti potrebbero anche interessare...

45 commenti

  1. E no Paola! A me, che non riesco a leggere PeterPan versione originale senza piangere, suggerisci di leggere questo libro?!?!? Non so che aspettarmi, ma è un’autrice che mi incuriosisce… e… con cosa dovrei cominciare secondo te?

    Io oggi invece… introduco due libri che presenterò mercoledì ad un evento organizzato dal Kikollelab di Milano, di cui uno avevo già parlato, ma l’altro… no ed è un tema, quello delle bizzarrie a tavola, molto sentito, direi a tutte le età dei figli… ma anche sul quale la società si scatena con istruzioni per l’uso che… no si interrogano sul perché… i bambini facciano così…

    Qui il link: http://mimangiolallergia.wordpress.com/2014/05/09/quattro-chiacchiere-sul-divano-del-kikollelab-con-associazione-pollicino-e-centro-crisi-genitori-onlus-di-milano/ e se qualcuno si trovasse nei paraggi, faccia capolino, avvisando prima perché stiamo esaurendo i posti liberi;)

    Ripasso a leggere gli altri suggerimenti:)

    1. ma sai che ti dico? che forse interesserebbe anche le bambine, perché in ogni individuo ci sono risorse nascoste… che possono essere coltivate, e non per ultimo, se non sbaglio, se ne parla anche in storia… ma credo in 5^ elementare, ma non ci sono ancora arrivata;)

  2. Buon Venerdì a tutti!
    Questa settimana la Denny segnala una collana di libri per i più piccolini con tanti animaletti protagonisti di tante avventure.
    “Il gufo che aveva paura del buio”-“Il pinguino che voleva diventare grande”-“L’oritteropo che non sapeva chi era”-“La gattina che voleva tornare a casa”-“La gallina che non mollava mai” e “Il piccolo gorilla che voleva crescere in fretta” scritti da Jill Tomlinson.
    http://tucc-per-tucc.blogspot.it/2014/05/libri-i-libri-per-i-piccoli-lettori-di.html

    e come sempre, per chi cerca short stories da leggere on-line invito a curiosare nell’angolino di Sonia: http://tucc-per-tucc.blogspot.it/search/label/sonia

    BUONA LETTURA E BUON FINE SETTIMANA A TUTTI!!!

    Kly

  3. Ciao oggi torno al venerdì del libro con un titolo che attira “le madri non sbagliano mai”, una clap clap nella spalla. Il libro spazia a molte riflessioni anche sul ruolo paterno, e dei componenti della famiglia.

  4. Un post dedicato a Tararì tararera e ai suoi fratelli, Badabùm e Rulba rulba! Ricordo che Tararì tararera ha ricevuto nel 2010 il premio Andersen per la categoria “Miglior libro 0-6 anni”. Se non lo conoscete ancora, non potete non leggerlo, vi contagerà con la sua lingua piripù.

    1. Avevo letto varie recensioni del libro che proponi ed erano tutte troppo eccezionali e dato che io sono del parere che “il troppo stroppia” l’ho lasciato bellamente sullo scaffale della libreria. Ora pero’ mi hai incuriosta proprio perchè ne metti in evidenza alcuni limiti. Lo so sono strana 😉

  5. Innanzitutto buon fine settimana a chi cura dei blog; della Gamberale mi ha incuriosito ciò che ho letto in rete:”Quando non siamo felici la vita degli altri sembra migliore della nostra. Una volta, in tempi più rurali, si guardava l’orto del vicino.”
    da GraphoMania
    …ed ora tu ce lo consigli: dovrò leggerlo.
    Questa settimana mi “butto” su come decidersi a mangiare ….vegetariano agreste !!!
    http://letturesenzatempo.blogspot.it/2014/05/le-erbe-salutari-da-mettere-nel-piatto.html
    simonetta

    1. Bellissimo! Quanti ricordi! Noi l’avevamo trovato in biblioteca: PF era piccolino, ma gli era piaciuto tantissimo!

      1. A far le cose di fretta si sbagliano anche i titoli…mannaggia! non è questo che ho nel lettore elettronico, ma l’amore quando c’era. Comunque Per dieci minuti l’ho letto anche io e mi è piaciuto molto e anche lo stile della scrittrice, quindi penso che prima o poi punterò anche su “quattro etti d’amore”.
        Sono contenta che il libro che propongo ti abbia incuriosito, lui è vegetariano, ma non parla solo di questo, ci sono anche altre considerazioni. Io, come lui lo sono, ma a parte questo, non mi è piaciuto solo per questo motivo eheh 🙂
        Buon fine settimana!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Subscribe without commenting