Venerdi’ del libro: Educazione siberiana

Il libro che vi presento oggi non ho ancora finito di leggerlo. E’ per me, stranamente, una lettura lenta. Io sono una lettrice “famelica”: leggo molto velocemente e se una storia mi prende di solito la divoro in pochissimo tempo a discapito anche del sonno! Le mie nottate insonni sono proverbiali in casa P.

Quando un libro va via lento ci sono di solito solo due ragioni: o non mi piace, ma incuriosita continuo a leggerlo per vedere dove vuole andare a parare, o al contrario mi piace, ma ho bisogno di digerirlo lentamente… solo alcune pagine al giorno! “Educazionee siberiana” rientra in questa seconda categoria.

Era da un po’ che Papà Ema voleva acquistarlo, ma solo dopo aver letto alcune delle vostre recensioni (Ma la notte no e Mamma Avvocato) mi sono decisa a prenderlo in mano. Ammetto: soldi spesi bene!

E’ un libro forte, anche troppo per i miei gusti, ma  leggerlo ne vale davvero la pena. Lo sto assaporando pezzettino per pezzettino perchè di piu’ non riesco a fare e mi accorgo che questo è anche il bello dei libri: ti cambiano e riescono anche a cambiare il tuo modo di leggere.

Mi sono già segnata in lista il seguito “Caduta libera” che Mamma Avvocato ha consigliato. Intanto pero’ devo finire questo.

Il libro di oggi quindi è:

Educazione siberiana – Lilin Nicolai

educazione siberiana Lilin

Ora aspetto i vostri suggerimenti. Eccoli:

Vi ricordo la nostra biblioteca “quelli del Venerdi’ del libro” su PINTEREST dove potrete archiviare e consultare i libri delle scorse settimane. Qui trovate le istruzioni per accedervi. Per semplificare l’accesso, ho creato una cartella qui a lato chiamata”Venerdi del libro” che rimanda direttamente alla nostra pagina. Piu’ facile di cosi’! Se qualcuno di voi, pur avendomi segnalato l’indirizzo, non fosse ancora stata invitata a Pinnare, me lo faccia sapere . A volte mi perdo in giro un po’ di pezzi. Scusate!

Chi vuole fare un tuffo nel passato invece, qui puo’ rileggere  tutti gli scorsi Venerdi’ del libro.

Buon fine settimana a tutti voi! Questa volta il nostro sarà tutto francese!

Vuoi partecipare al Venerdi’ del libro?

Ecco come fare:

Basta postare di venerdì – sul proprio blog o lasciare un commento su HomeMadeMamma – i libri che si vogliono suggerire ai lettori per il weekend. Possono essere uno o più, su qualsiasi argomento e per qualsiasi target.

Anche il modo in cui proporli è a discrezione dei partecipanti: mettere citazioni, raccontare aneddoti, fare semplicemente una lista, inserire foto…

Invito chi partecipa a lasciarmi un commento nell’articolo del giorno, in modo da poter inserire tutti i link dei partecipanti della settimana nel mio post. Non sono sempre collegata (e sono imbranata di mio ) e ora che nei fine settimana vado avanti indietro dalla Svizzera all’Italia ho sempre paura di dimenticarmi qualcuno.

Chi partecipa puo’ scegliere o meno di inserire i partecipanti della settimana nel proprio post.

Qui volesse puo’ archiviare i propri post anche sulla pagina Pinterest dedicata a questa iniziativa. Tutte le istruzioni per accedervi sono contenute qui.

Non ci sono banner da inserire, obblighi di sorta o email a cui rispondere . Si partecipa quando e come si vuole.

Lo scopo dell’iniziativa, infatti, rispecchia lo spirito con cui nasce HomeMadeMamma: far circolare informazioni utili e voglia di fare (in questo caso di leggere) in tutta libertà.

Vuoi essere dei nostri? Benvenuto! Come vedi partecipare è semplice!

 

Related posts:

Ti potrebbero anche interessare...

63 commenti

    1. Eh! Eh! Eh! Leggendo il tuo consiglio mi sono ricordata di un libretto (e book) che non ho finito di leggere e che è stato scritto da un “italians” che ha passato due o tre anni nell’impero del sol levante e che non si è trovato granché bene, così ho pensato che potevi integrare . . . 🙂
      Costa pochi euro e una parte è destinata alla zona del terremoto e marremoto di qualche anno fa! 🙂
      http://www.butta.org/?p=11984

      Ciao, Fior

    2. Ho un’amica giapponese che vive qui a Zurigo e il Giappone mi ha sempre incuriosito! Mi sa che mi segno il tuo libro e poi ne parlo con lei… mi piacerebbe sentire cosa ne pensa

  1. Non lo conosco, mi sono persa qualche venerdi’ con tutti i vostri preziosi suggerimenti, mi dovro’ rimettere in pari andando a ritroso!E’ bellissimo quando un libro ci cambia, è proprio quello che cerco, se mi lascia uguale a prima non ha funzionato!Io ho letto una storia tenera sull’amore tra padre e figlia che si cercano da una vita, legati dalla bellezza delle piccole cose quotidiane, “L’amore in un giorno di pioggia”:http://www.lenuovemamme.it/lamore-un-giorno-di-pioggia-di-sarah-butler/

    1. E’ un libro che non conoscevo. Leggendo la tua recensione e quella di Ci’ non mi verrebbe affatto voglia di prenderlo in mano, ma amo il confronto e sono incuriosita visto che le mie ore di tirocinio per pedagogia sono state di affiancamento ad insegnanti di sostegno. Vedro’ di recuperarlo in qualche modo e poi ci risentiamo!
      Non vedo l’ora inoltre di leggere la tua recensione su Educazione Siberiana…

    1. Adoro questa casa editrice. I suoi libri non mi hanno mai tradito! Magnifico il libro che proponi cosi’ come le sue illustrazioni.

    1. Un libro e un’autrice che non conoscevo! Mi piacciono un sacco i libri che parlano di “cucina” e se sono biografie ancora di piu’. Segnato in lista!

    1. E’ da un po’ che non affronto libri “mammeschi”, sarà che ne ho fatta indigestione quando PF era piccolo. Mi segno il tuo titolo… chissà magari ritorno al genere!

    1. Mi ritrovo tanto nella tua recensione, senza probabilmente non l’avrei mai iniziato a leggere! Il potere di quelli del venerdi’ del libro 😉

  2. Ciao a tutte!
    Oggi non ho un libro da proporvi (sigh!) ma voglio segnalare a chi abita a Milano e dintorni, una bella mostra dedicata ai libri per bambini e in particolare allo storico catalogo di EMME Edizioni.
    Nei week-end da qui al 1° dicembre è possibile partecipare a visite guidate con laboratorio di creazione di un libretto per bambini dai 4 ai 7 anni.

    http://murasakinonikki.blogspot.it/2013/11/un-sabato-tra-ragazze-inventario-la.html

  3. Sai, Paola, io sono ancora combattuta riguardo a “Educazione siberiana”, non mi sento di approcciare questo libro così “tosto”. Ma prima o poi lo farò.

    Oggi scusami se salto l’appuntamento del venerdì sul mio blog per lasciare spazio al ricordo del mio papà, che è mancato giusto 4 anni fa.
    Leggerò di certo però tutti i preziosi suggerimenti delle altre partecipanti al Vdl 🙂

    Buon weekend!

  4. Eccomi qui.

    Bello questo romanzo, l’unico che mi è piaciuto veramente di Lilin. Capisco la lettura rallentata, anche a me capita con certi romanzi di comportamri così.

    Io parlo dell’ultimo romanzo di Elizabeth Strout, una storia che parla di famiglia, di relazione tra fratelli, di ricordi con cui è difficile convivere e di un presente molto attuale: il link è questo http://towritedown.com/2013/11/15/i-ragazzi-burgess-di-elizabeth-strout/ .

    Buona lettura!

    Grazia

    1. Libro segnato! Dopo Educazione siberiana pensavo di buttarmi in letture piu’ soft… e il tuo libro mi sembra un po’ “peso”. lo terro’ per tempi migliori.

    1. Benvenuta tra noi! 😀
      Il tuo libro mi ispira molto. Temo solo uno dei due aggettivi con cui l’hai identificato: ipnotico! Me lo sento che sarà uno di quei libri che poi mi tengono sveglia di notte! Me lo segno in lista!

  5. Educazione siberiana è uno di quei libri che anch’io vorrei leggere da un po’ ma sto aspettando il momento giusto.
    Comunque ne hanno da poco tratto anche un film, vero? In questo caso dovrò proprio leggerlo, prima di vederlo sul grande (o piccolo, dipende) schermo…

    Questa settimana, invece,io racconto di come alcuni libri per i più piccoli siano utili persino per fare attività fisica:

    http://italianoamanoamano.blogspot.de/2013/11/signora-sua-figlia-gattona.html#more

    1. Oggi mi hai fatto imparare vocaboli nuovi: non sapevo che “gattonare” si dicesse cosi’ in tedesco! Mi dovresti fare un corso accellerato: imparerei un sacco di cose in un lampo!

  6. Ciao Paola, anche a me succede la stessa cosa. Divoro i libri che mi piacciono tanto in pochi giorni mentre rimangono sul comodino quelli che mi paiono noiosi o troppo duri. Mi segno la tua proposta! Sul mio blog oggi una storia molto bella che racconta di come “In una notte di temporale” una capretta e un lupo si ritrovano insieme al buio all’interno di una capanna abbandonata e scoprono di avere tante cose in comune 🙂
    http://pollon72.blogspot.it/2013/11/venerdi-del-libro-in-una-notte-di.html

    1. Bellissimo il vostro libro e la sua morale! Per quanto riguarda la tua esperienza su FB, non so che dirti. A volte é difficile avvicinarsi a che ha idee molto diverse dalle nostre, soprattutto su questioni delicate e molte volte le “brutte” esperienze pregresse ci condizionano!

      1. Infatti ho inserito in fondo al post la mia esperienza solo per far riflettere. E’ capitato a tutti di non dare una possibilità al prossimo solo perchè ne abbiamo sentito parlar male da qualcuno, perchè frequenta un gruppo di persone che non ci piacciono…
        E’ la vita 🙂

  7. Ciao Paola! Ciao a tutti!
    Chissà se riuscirò a perseverare. E’ un periodo… complesso ricco di cose belle e di altre decisamente meno belle, questa è la vita, l’importante è riuscire ad andare in pareggio almeno…
    Così oggi parlo di un libro che non ho letto e che avevo visto da ufomom, e che ho ricevuto in regalo… perché il diverso fa sempre parlare di sé: http://mimangiolallergia.wordpress.com/2013/11/15/wonder-un-bambino-normale-che-fa-cose-normali-ma-con-una-faccia-straordinaria/

    Mentre da come tu descrivi il libro di oggi… temo che non lo leggerò, per il momento… ne sto leggendo uno di cui mi pento e dopo ho bisogno di evadere, perché ho la testa come un’auto “ingolfata!”

    Segno e metto da parte;)

    1. Mi piacciono i libri che pur presentando realisticamente i problemi, mettono l’accento anche su “cosa c’é di buono in giro”. Me lo sono segnato subito inb lista… ormai chilometrica!

    1. “Il libro è indirizzato alle persone che desiderano sprofondare negli abissi della disperazione più cupa” Mi fai morire! Il libro adatto a me che so sempre come rendermi infelice! Segnato in lista!

    1. La pimpa é stato il grande amore di PF, ora la snobba alla grande malgrado abbiamo la casa piena di suoi libretti. Peccato, io l’adoro!

    1. Qui da noi vi é la rappresnetazione teatrale (in musical), ma PF non vuole andarci: trova la storia troppo sdolcinata! Mannaggia, io ci andrei di corsa!

    1. Mamma di figlio testone, presente! PF é uguale uguale al tuo!
      Per lui é ancora troppo presto x questi libri, ma me li segno che un giorno verranno buoni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Subscribe without commenting