Venerdi’ del libro: Il bar delle grandi speranze

Qualche settimana fa vi avevo proposto Open il libro che racconta la vita di Andre Agassi. In quell’occasione vi avevo raccontato di come ero rimasta colpita dallo stile di J.R. Moehringer che aveva partecipato alla stesura della biografia.

Spinta dalla voglia di scoprire questo autore, mi sono buttata a capo fitto nella lettura di “Il bar delle grandi speranze”: la sua autobiografia, o meglio, il racconto di parte della sua vita e del suo legame con un bar per lui molto speciale.

La lettura è scorrevole, le parole scivolano via una dopo l’altra a volte troppo in fretta e si sente il bisogno di ritornare a rileggere, di soffermarsi su un pensiero, una frase, una riflessione.

Un libro davvero bello. Penso che gli uomini possano apprezzarlo maggiormente perchè parla di amicizia ed amore proprio partendo dal loro punto di vista.

Il libro in questione è…

il bar delle grandi speranzeIl bar delle grandi speranze – J.R. Moehringer

“Ogni libro è un miracolo” diceva Bill. “Ogni libro rappresenta un momento in cui una persona in silenzio è parte del miracolo, ricorda – cerca di raccontare a tutti noi una storia.” Bud poteva parlare senza sosta della speranza dei libri, della promessa dei libri. Diceva che non era un caso se un libro si apriva proprio come una porta. Inoltre, diceva, intuendo una delle mie nevrosi, potevo usare i libri per mettere ordine al caos.

Ora attendo i vostri preziosi suggerimenti. Eccoli:

Vi ricordo la nostra biblioteca “quelli del Venerdi’ del libro” su PINTEREST dove potrete archiviare e consultare i libri delle scorse settimane. Qui trovate le istruzioni per accedervi.

Chi vuole fare un tuffo nel passato, qui puo’ rileggere invece tutti gli scorsi Venerdi’ del libro.

Buon fine settimana a tztti voi! Il nostro sarà moooooolto piovoso!

 

Vuoi partecipare al Venerdi’ del libro?

Ecco come fare:

Basta postare di venerdì – sul proprio blog o lasciare un commento su HomeMadeMamma – i libri che si vogliono suggerire ai lettori per il weekend. Possono essere uno o più, su qualsiasi argomento e per qualsiasi target.

Anche il modo in cui proporli è a discrezione dei partecipanti: mettere citazioni, raccontare aneddoti, fare semplicemente una lista, inserire foto…

Invito chi partecipa a lasciarmi un commento nell’articolo del giorno, in modo da poter inserire tutti i link dei partecipanti della settimana nel mio post. Non sono sempre collegata (e sono imbranata di mio ) e ora che nei fine settimana vado avanti indietro dalla Svizzera all’Italia ho sempre paura di dimenticarmi qualcuno.

Chi partecipa puo’ scegliere o meno di inserire i partecipanti della settimana nel proprio post.

Qui volesse puo’ archiviare i propri post anche sulla pagina Pinterest dedicata a questa iniziativa. Tutte le istruzioni per accedervi sono contenute qui.

Non ci sono banner da inserire, obblighi di sorta o email a cui rispondere . Si partecipa quando e come si vuole.

Lo scopo dell’iniziativa, infatti, rispecchia lo spirito con cui nasce HomeMadeMamma: far circolare informazioni utili e voglia di fare (in questo caso di leggere) in tutta libertà.

Vuoi essere dei nostri? Benvenuto! Come vedi partecipare è semplice!

 

Ti potrebbero anche interessare...

46 commenti

    1. Dalla copertina il libro sembra bellissimo. Purtroppo non lo abbiamo letto , cosi’ non ti posso venire in aiuto! Me lo segno… magari riesco a trovarlo in biblioteca!

    1. L’ho letto molto tempo fa e confesso che mi era piaciuto, senza pero’ avermi entusiasmato tantissimo come molti miei amici. Magari me lo riprendo in mano: una rilettura non sarebbe male!

    1. Adorto Isabel Allende e ho avuto modo di incontrarla in occasione di una conferenza: é stata un’emozione fortissima. Di quell’occasioen mi ricordo solo una cosa pero’: sono andata, come tutti, a farmi autografare il libro e quando mi ha chiesto il mio nome, io gliel’ho detto e lei ha fatto un salto sulla sedia, mi ha guardato negli occhi e mi ha detto “Paula, proprio come mia figlia!”. Vi confesso: mi é venuta la pelle d’oca e una gran tristezza!

  1. ciao! E’ la prima volta che partecipo al Venerdì del Libro. Ero così entusiasta di partecipare che avevo preparato il post già Lunedì e non vedevo l’ora che arrivasse venerdì 🙂
    Detto questo, vi segnalo In una notte di temporale di Yuchi Kimura. Un libro che sembra solo per bambini ma che può insegnare molto anche a noi grandi.
    http://mammaorsacuriosona.blogspot.it/2013/11/venerdi-del-libro-in-una-notte-di.html

    1. Benvenuta tra noi! Bellissimo il tuo libro. Sono sempre in cerca di libri sulla diversità e il tuo mi sempbra davvero splendido!

    1. Mi ritrovo nelle tue critiche su “Platone é meglio del Prozac”. A me non é dispiaciuto e mi piacerebbe apprfondire questo tipo di metodo!
      Siamo completamente in sintonia: anch’io adoro la Bertola! Non conoscevo il libro che proponi. Vedro’ di recuperarlo!

  2. Interessante, me lo segno, ho indietro anche Agassi, sempre più curiosa…
    Oggi vi parlo di un libro già presentato – e forse più volte – qui sul VdL, ma a mio parere imperdibile! Un libro sulle paure destinato ai più piccoli …indovinate qual è? http://ilmondodici.blogspot.it/2013/11/libri-papa.html
    Se nei commenti mi linkerete la vostra recensione di un titolo diverso che ritenete il non plus ultra sul tema farò una piccola raccolta di link, come sto facendo per i libri che parlano di differenze.

    In coda al post vi invito anche a partecipare ad un’iniziativa cui tengo molto e di cui da oggi sono madrina per un mese: vi aspetto!!! 🙂 E’ un gioco, per un’ottima causa.

  3. Ciao carissima!
    Non conosco il libro che proponi oggi, ma ormai la mia lista di “to-read books” è ormai the neverending list. Considerato che la pensione è lontanissima ho bisogno di almeno altre due vite per leggerli tutti. Sono una strega, ok, ma non posso farcela!
    Io oggi propongo un po’ di magia e natura.
    http://thebookthecatandthetable.wordpress.com/2013/11/01/nature-is-a-language-cant-you-read-gli-alberi-e-i-fiori-dei-miei-viaggi/
    Monica

    1. Che bello il tuo post! Bello, bello, bello!
      Da expat, mi sono ritrovata molto in questa frase
      “La globalizzazione ha portato tutti a usare una lingua franca, l’inglese, dimenticando che un cinese, un indiano, un arabo, un italiano, un americano conservano i loro occhiali culturali”

    1. Molto utile. Quando PF era piccolo avevo fatto una bella scorta di libri sull’alimentazione. Li ho trovati sempre molto interessanti e li ho utilizzati tanto. Mi segno il tuo libro che non conoscevo!

    1. Me l’ero già segnato il lista. Mi aveva incuriosito il formato e il fatto che fosse un racconto di Tolstoj. Dopo averti letto, non ho piu’ dubbi: sarà mio!

    1. Noi adoriamo i libri di Tony Wolf e ci capita di rileggerli anche ora. PF adora proprio le illustrazioni cosi’ curate e particolareggiate!

    1. Buon weekend! Mi piacerebbe avere un tuo parere in merito a questo autore e a questo libro! Non mi resta che aspettare un tuo post!

    1. Secondo me é WordPress che complotta contro il VdL: a volte fa sparire i commenti senza un perché.
      Il libro che proponi é di un genere che non mi prende molto, ma sono sicura che molti del gruppo apprezzeranno!

  4. Io non sono riuscita a proporvi nulla per questo VdL, troppe cose in questo we lungo e intenso.
    Però colgo l’occasione per un saluto a tutte e per segnarmi un paio di titoli.

    Baci!

    Grazia

  5. A proposito: sto finalmente facendo il mio dovere di pinnatrice, ma mi accorgo che manca una bacheca per i fumetti. Non vorremo mica confonderli con i libri per ragazzi, visto che tra l’altro oggi i ragazzi li leggono pochissimo, VERO?!?

    1. In effetti non l’ho creata :-C Se mio fratello scoprisse che catalogo i suoi fumetti come libri per ragazzi, mi appende a testa per aria!! 😛
      Vedo di rimediare… appena trovo 2 minuti! Sii fiducioso!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Subscribe without commenting