Alla scoperta di Zurigo: Kindercity per imparare giocando

kindercity zurigo attività

Creatività è inventare, sperimentare, crescere, assumersi dei rischi, rompere regole, fare errori e divertirsi.

Mary Lou Cook

 

Ormai è un vizio e come sempre non abbiamo saputo resistere: un altro museo per bambini ci aspettava poco prima di Natale e noi siamo corsi a visitarlo!

Kindercity non è un museo gigantesco, ma è ben pensato e divertente. Ci si puo’ trascorrere un bel pomeriggio tutti insieme giocando e imparando un sacco di cose.

Il museo è composto da due piani.

Al primo piano c’è la zona riservata all’ecologia con attività e giochi per scoprire come funziona una pila o da dove partono i fili elettrici, come vengono utilizzate le bottiglie di plastica oppure scoprire come far funzionare una macchinina ad energia solare o come attivare un circuito elettrico…

kinder city zurigo

Sempre al primo piano c’è la sezione dedicata alla comunicazione e al cinema e li’ PF si è sbizzarrito. Con una vera telecamera e tutta la strumentazione di una vera regia abbiamo girato un telegiornale e le previsioni meteo. Papà Ema si è offerto spontaneamente :mrgreen: come annunciatore, mentre dietro alla telecamera non poteva non esserci il nostro Piccolo Furfante.

kindercity museo bambini di zurigo

La visita è proseguita al secondo piano con tutta le sezione dedicata al corpo umano dove PF ha giocato a lavarsi i denti, a provare i suoi riflessi, a comporre puzzle giganti, ad ascoltare il suo cuore…

L’attività che ha piu’ colpito di piu’ Pf è stata la gara di corsa da fare a piedi, da ripetere poi saltando dentro dei sacchi, poi usando delle stampelle ed infine una sedia a rotelle. Abbiamo cosi’ potuto riflettere su come certe attività che facciamo senza pensarci non sono cosi’ scontate come pensiamo.

Abbandonato il corpo umano ci siamo dedicati ai giochi dell’area successiva dove PF si è dato con Papà Ema alla corsa e all’arrampicata per poi passare alla costruzione di torri e alla scoperta dei 5 sensi con una bella suonatina di pianoforte per finire.

kindercity zurigo al museo con i bambini

Ritornando al pian terreno abbiamo poi potuto giocare con la splendida e fantastica pianta gigante che occupa l’intero museo e che offre tanti piccoli meccanismi da attivare  manualmente.

kindercity di zurigo giochi

Insomma un bel museo, non troppo grande ma ben organizzato e piacevolissimo per passare un bel pomeriggio giocando.

Alcune informazioni utili:

  • Alla cassa è possibile scegliere vari percorsi possibili tra cui anche diversi laboratori. Noi abbiamo optato per il percorso base e devo dire che è stato già molto intenso
  • I biglietti del museo sono molto particolari: ai bimbi viene lasciato un braccialetto elettronico simile ad un orologio, mentre agli adulti delle tessere magnetiche. Con questi è possibile uscire ed entrare dalle sale del museo indisturbati nell’arco della stessa giornata.
  • Al secondo piano fuori dalle sezioni troverete un bar/ristorante davvero simpatico con giochi per intrattenere i bimbi. I prezzi sono quelli svizzeri quindi preparatevi!
  • Sempre al secondo piano nella sezione sui 5 sensi, si trova un un’area gioco pensata per i bimbi piccoli, comoda per far divertire i bimbi e far rilassare i genitori
  • All’ingresso del museo troverete un guardaroba dotato anche di armadietti che funzionano a 2 franchi (la moneta poi vi viene restituita!)
  • Sempre all’ingresso si trova il magnifico negozio del museo: i giochi sono fantastici purtroppo un pochino cari!

LEGGI ANCHE…

Ti potrebbero anche interessare...

6 commenti

  1. Ragazzi ma ne sai sempre una più del diavolo!! Non ho ancora capito dove si trovi questo museo, ma la telecamera per girare in uno studio televisivo mi ha subito fatto drizzare le antenne (abbiamo visto un’istallazione simile ultimamente al Landesmuseum a Zurigo e ho dovuto portare via i più grandi con la forza!), lo cerchero’.
    Complimenti per la nuova struttura, veramente super organizzata.
    Anno nuovo, struttura nuova. Per me l’organizzazione resta sempre la parte più difficile….se quest’anno riusciro’ a organizzarmi meglio ti rinnovo un invito di incontro, magari in un museo…. Buona continuazione

    1. Tu che ne sai di blog e commenti: perchè appare vicino al mio nome quella faccia azzurra con gli incisivi da vampiro?

  2. Sai che non siamo ancora andati al Landesmuseum? mi mette soggezione in castello :-S Com’è dentro? E’ adatto ai bimbi?
    L’organizzazione è il mio punto debole, anzi debolissimo. Ultimamente mi perdo in tante piccole cose e non riesco a stare dietro a nulla. Mannaggia!
    Dai che riusciamo pero’ ad organizzare un incontro, magari un pomeriggio con i bimbi da qualche parte: loro giocano e noi chiacchieriamo.

    Tranqui per la faccetta: wordpress la mette in automatico a tutti. La sceglie a caso tra tutte le possibili icone. In effetti pero’ i dentini da vampiro non ti donano molto 😉

    1. …ma ero convinta di aver visto un tuo post con PF vicino a un’armatura nel Museo della Storia della Svizzera, non è cosi’? sono totalmente appannata e confusa? si tratta di un altro museo?
      Io ci sono stata con M. ed E. che sono i più grandi, mi attirava da sempre il castello, temevo un po’ per il museo. C’era una mostra di presepi e le solite attività di basteln per i bambini, anche un incontro sulle origini della corona dei tre Re, ma ovviamente era prenotato dagli organizzatissimi autoctoni forse da Pasqua (io ho deciso la sera prima di andarci….). Comunque ho convinto i figli a vederlo tutto (o quasi, è un po’ grande per noi) e abbiamo deciso di tornare, ci manca di sicuro la Sala d’armi. A noi è piaciuto, ci sono un po’ di variazioni qua e la’ tipo video, touchscreen, un bello scivolo a tubo, istallazioni come la telecamera. Noi siamo degli amanti dei musei quindi forse facciamo poco testo, ma M. che ha 10 anni si è ascoltato con piacere anche le storie dei soldati svizzeri che hanno combattuto durante la seconda guerra mondiale mentre E. che ha 7 anni ha preferito farsi le scivolate, basteln e i touchscreen. Faranno una mostra sugli animali fantastici e credo che ci andremo (mi rendo conto che sono un po’ di moda, come hai scritto oggi, ma a me e M. i libri di Harry Potter sono piaciuti molto).
      Ciao, lunga come sempre, lunedi’ inizio un corso quotidiano di tedesco per due mesi, se non mi faccio viva presa dagli Hausaufgabe e dai drei Kinder sarà per questo, vediamo come sarò messa…a presto

      1. No, no ricordi bene: la foto c’è, ma siamo stati sempre fuori. Siamo andati a pattinare nella pista allestita tra le mure, ma non abbiamo mai messo piede dentro al museo.
        Dobbiamo provarlo pero’, vista la tua recensione. Lo scivolo a tubo poi mi “sconfinfera” tantissimo 😀

        Grande! Un corso quotidiano! Ti ammiro molto. Per ora io faccio solo 3 giorni a settimana e mi sembra già di non riuscire a stare dietro i compiti. Certo che un intesivo è l’ideale: si impara prima e meglio 🙂

        Speriamo di riuscire ad organizzare. Mi piacerebbe davvero riuscre ad incontrarti

        Un bacio
        P

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Subscribe without commenting