Esperimenti scientifici con in bambini: l’uovo che rimbalza

L’altro pomeriggio Piccolo Furfante è tornato da scuola tutto agitato. Un suo compagno gli aveva raccontato un’esperimento che aveva fatto con un suo cuginetto: l’uovo che rimbalza. “Lo facciamo, lo facciamo, lo facciamo… mammaaaaa!”

E adesso? Non sapevo nulla di uova che rimbalzano, così sono corsa su internet in cerca di aiuto e ho scoperto, con mia meraviglia, che era tutto vero: esistono uova che rimbalzano!  😯 E allora mi sono detta . “Che esperimento “escientifico” sia!” 😀

Cosa serve:

  • un uovo (noi ne abbiamo usato uno scaduto che mi era rimasto per errore in frigorifero – no comment 😳 . Unico problema: galeggiava! :-S)
  • un recipiente di vetro con coperchio
  • aceto di vino
  • pazienza e due dita per tapparsi il naso

Come si crea l’uovo che rimbalza:

Si mette l’uovo nel recipiente di vetro , avendo cura di non rompere il guscio. Si riempe il recipiente di aceto fino a coprire completamente l’uovo. Dato che il nostro uovo galleggiava ci sono stati dei problemi tecnici al riguardo 😉

Una volta riempito il garattolo di aceto, bisogna chiuderlo con il coperchio e lasciare riposare il tutto per 24 ore. Ben presto vedrete galleggiare una schiumetta bianca e dei filamenti marroncini. 😯

Dopo 24 ore, tappandovi bene il naso (l’odore di aceto è fortissimo!), potete togliere l’uovo dal contenitore, risciacquarlo sotto acqua corrente e cominciare a giocarci 😀

L’uovo rimbalza, rotola e saltella allegramente senza rompersi, a meno che – come ha fatto Papà Ema 👿 – non lo lanciate con forza, con molta forza!

Perchè l’uovo rimbalza? Perchè l’aceto scioglie il guscio, fatto di calcare, lasciando però intatta la pellicina che lo riveste che, pur sottile, resiste alle sollecitazioni e fa in modo che l’uovo rimbalzi senza rompersi! 😀

E’ stato davvero un esperimento molto divertente da fare, che per Piccolo Furfante (ancora piccolo) ha un che di magico, ma per bimbi più grandicelli può diventare davvero interessante.

LEGGI ANCHE…

Ti potrebbero anche interessare...

16 commenti

  1. UH nooo non ci credo! Devo assolutamente provare! Mi è venuta anche in mente un’idea cattiva. Ti ricordi i Cascarones che avevo fatto per Pasqua l’anno scorso. MMMh magari per i parenti più “cattivi” potrei fare giusto una passtina di aceto!;-)

  2. @Stella
    L’odore è davvero forte e a me l’aceto piace parecchio :-S

    @Claudia
    Che dire: boing!Boing! Boing!

    @Mammagiramondo
    No cattivissima 😀
    Però l’idea di stuzzica: ho già in mente qualcuno 😉 Eh!Eh!Eh!

    Baci baci uovosi

  3. Bella idea. E’ bello che i bambini anche se piccoli abbiano la possibilità di farsi incantare dalle meraviglie della scienza. PS: facendo su e giù anche a me capita di trovare uova (e non solo) che hanno soggiornato troppo nel frigo!

  4. ma pensa!!! questa la terrò x più avanti… al momento ci siam dedicate al teatrino, e a fare mollettine x i capelli con il velcro! basta usare solo la parte che attacca, non quella morbida, e far aderire al lato adesivo una carta da regalo di quelle metalizzate, ovviamente rosa x noi, poi dalla striscia ricavare cuoricini, fiocchetti e forme geometriche
    ha agghindato me, lei, il cavallo delle bambole, biancaneve….
    avanza davvero poco tempo per lei, la gestione di entrambe a casa, da sola, è davvero difficoltosa
    la prossima settimana vedo di farla rientrare all’asilo anche solo mezza giornata, evitiamo il pernottamento tra i batteri pomeridiani, i medici in realtà dicono di tenerla a casa anche un altro mese, ma come si fa? per lei e per me anche… son distrutta, sperem!

  5. Ma è troppo forte quest’esperimento! Proverei a farlo per il mio bimbo di 17 mesi solo per la magia di vedere l’uovo rimbalzare , ma ho paura di avere residui di uova ovunque 🙂

  6. Tu una ne pensi e cento ne fai…. appena fa un po’ di caldo faremo l’esperimento in giardino…. mi spaventa l’odore e la forza del superboss che immagino farà come papà Ema!

  7. @mammozza
    Nel mio frigo si trovano, a volte cose, inimmaginabili :-S E’ una sorta di pozzo di San Patrizio 😉

    @Supermamma
    Come sono andate le superuova rimbalzose?
    Anch’io adoro quella faccina ed in questo caso è azzeccatissima! 🙂

    @UnIdeaNelleMani
    Eh,eh,eh… siamo diabolici 😉

    @MadreCreativa e Katia
    Quando ci si è rotto l’uovo, PF si è messo a piangere. Ho dovuto mettere in castigo Papà Ema per farlo calmare e abbiamo ripetuto l’esperimento. Ripulire l’uovo non è stato simpatico e l’odore di aceto è davvero forte. Insomma la conclusione del nostro esperiemnto è stata un po’ “tragica”, ma per amore della scienza questo e altro 😉

    @Monica
    Diabolica. Me li vedo già 20 bambini a lanciarsi uova rimbalzose. Eh,eh,eh 😀

  8. @Francy
    Ciao cara,
    il mio sogno: fare mollettine! 😀 va bè… mi devo trovare una bambina con cui fare le mie attività da femminuccia! PF non mi da’ soddisfazione! 😉
    Secondo me fai bene a riportarla all’asilo ad orario ridotto, un po’ perchè riprendi fiato tu (e non mi sembra poco) un po’ perchè così anche lei non perde il ritmo e può giocare con i suoi amichetti.
    Dai che l’inverno alle porte e la primavera sarà di certo migliore! Intanto però io ho preso il raffreddore :-S

    Bacioniiiiii e un abbraccione forte forte

  9. il nostro uovo si è “spappolato” tra le dita…..oggi riproviamo….se non dovesse riuscire di nuovo ne lasceremo scadere uno per vedere se funziona meglio!!! 🙂

    1. O no! Mi spiace! Mi sa che avete usato aceto potentissimo. Il nostro era di scarsa qualità come l’uovo 😉
      Spero che il secondo tentativo sia andato a buon fine
      Un bacione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Subscribe without commenting