Sam: il pupazzo dai capelli d’erba di mamma Claudia

Sono moooolto emozionata nello scrivere questo post, per due motivi, emtrambi importanti:

  1. perchè parla di una mamma che stimo, che mi offre spunti e suggerimenti per nuove e divertenti attività da fare (per esempio l’uovo-porta semi) , consigli su libri da leggere e racconti di vita quotidiana insieme al suo bellissimo Topastro 🙂
  2. perchè è il mio primo post “recensione

Prima di Natale ho ricevuto una simpatica mail da parte di Claudia – del neonato blog  Pollon 72 – che mi inviava alcune foto dei suoi bellissimi pupazzetti dai capelli d’erba. Pupazzetti che lei crea utilizzando materiale riciclato e che fa per il suo piccolo Topastro o dona  a bambini di amici e parenti .

Appena viste le foto, mi sono subito innamorata di questi teneri e buffi pupazzi e, così, potete immaginare la mia gioia quando Claudia mi ha chiesto se mi avrebbe fatto piacere riceverne uno, da poi eventualmente recensire. 🙂

Ero strafelice all’idea: malgrado le spiegazioni dettagliate fornitemi da Claudia, non sarei MAI riuscita a farne uno bello come i suoi!! Ho accettato senza esitazione e Claudia alla velocità della luce lo ha fabbricato appositamente  per PF e ce lo ha fatto avere a tempo di record.

Piccolo Furfante ha scartato il pacco eccitatissimo ed è rimasto colpito dalla “sorpresona” (come l’ha chiamata lui). Abbiamo letto con attenzione la lettera scritta da Claudia (simpaticissima!) che ci spiegava come far crescere i capelli al nostro nuovo amico, ribattezzato Sam da PF. Abbiamo seguito le indicazioni  alla lettera e atteso con pazienza (a dire il vero PF…con POCA pazienza ;-)).

Dopo un primo bagnetto ed alcuni giorni di ” cura” si sono visti i primi filetti d’erba spuntare e dopo 3 giorni sono diventati una vera e propria capigliatura, folta e dritta (suscitando l’invidia di Papà Ema 🙂 ), che Piccolo Furfante si è divertito a tagliare, sfoltire e pettinare!! 🙂

Quello che mi ha più colpito di questa divertente esperienza è stata la dedizione di Piccolo Furfante nei confronti di SAM. Di solito l’annaffiatura dei nostri semini o delle pianticelle è una cosa che devo ricordargli io o che fa-  un po’ per abitudine –  prima di andare a scuola. In questo caso, invece, Piccolo Furfante era davvero preso dal suo compito di accudimento. Al mattino, è sempre corso a controllare la crescita dei “capelli”  di Sam e così al suo ritorno pomeridiano da scuola. Nella foto qui a lato potete vedere Sam che fa colazione insieme noi con la sua bella tazza di latte ! 🙂

L‘annaffiatura di SAM è diventata una specie di rito e SAM è diventato un membro della famiglia che pranza e cena con noi. PF aggiorna delle “condizioni pilifere” del suo pupazzo Papà Ema appena torna dal lavoro, i nonni quando vengono a trovarci e lo mostra tutto fiero ai suoi amichetti… E’ orgoglioso del buono stato di “salute” di SAM e se ne fa un vanto! 🙂

A dire il vero PF ha qualche riserva sul colore dei capelli di SAM (naturalmente verde!): lui li preferiva neri… ma su questo c’è poco da fare!! 😉

Claudia, sempre molto disponibile,  vi offre le indicazioni per costruire il vostro pupazzetto, eccole a voi:

Servono  pochi materiali: segatura, semi di erba e collant o gambaletti di nylon.

Si taglia un pezzo di collant, da una parte deve essere chiuso (la parte del piede) e dall’altra aperto. Si mette sul fondo chiuso del collant una manciata di semi di erba e poi si prosegue riempiendo con segatura, comprimendola un pochino: la palla che formerà la testa deve essere compatta. Man mano che si riempie il collant si spinge la segatura verso il basso e si da una forma arrotondata od ovale alla faccina.
Una volta raggiunte le dimensioni giuste, (si può fare un pupazzetto piccolo oppure più grande) si chiude con un nodo o con del filo e si procede a decorare la faccina. Si possono incollare o cucire materiali vari per creare occhi e bocca e formare delle escrescenze che saranno il naso o le orecchie. Basta un po’ di fantasia e si può realizzare un cagnolino, un mostro per Halloween….

Una volta terminato il lavoro si immerge in una scodella piena di acqua e si attende che il pupazzo abbia assorbito acqua in ogni parte poi si posiziona in un sottovaso e si aggiunge un po’ di acqua ogni giorno. Deve rimanere sempre umido e dopo pochi giorni spunteranno i capelli 🙂


Ringrazio davvero di cuore Claudia, non solo per questo magnifico regalo, ma anche per le tante idee e spunti che mi offre, per la sua simpatia, la sua creatività e i tanti suggerimenti libreschi che hanno già arricchito la mia libreria e quella di Piccolo Furfante. Potete trovarla sul suo blog ed anche  su anobii… Non perdetela di vista!! 🙂

Avvertenza:

Claudia non vende le sue produzioni (che peccato però!! 🙁 ), ma è disponibilissima a fornirvi chiarimenti e  a rispondere ai vostri dubbi sulla creazione dei pupazzetti d’erba. Contattatela sul suo blog!!

Related posts:

Ti potrebbero anche interessare...

11 commenti

  1. brava pollon!!! quando io ero piccola li vendevano i pupazzetti…perchè non ci fai un pensierino???!!
    Che bello questo post, è la prima recensione di una lunga, lunghissima serie…e quanto da fare avrà il piccolo furfante in questi mesi!!!
    bacio
    yummymummy

  2. M E R A V I G L I A !!! complimentissimi a Claudia e al piccolo Furfante! non ho tempo di scrivere di più ma ho aggiunto un nuovo blog da consultare!
    a presto e buoni giorni delle merla e della marmotta, brrr fa un freddo freddissimo 🙂

  3. Sono contentissima che il nostro piccolo Sam sia piaciuto anche a voi. Claudia è bravissima! 🙂
    Un bacione
    P.S.
    Qui fa un freddo sbisciolo 🙁

  4. Penso che questo post diventerà il mio preferito, eh eh. Scherzi a parte, sono proprio contenta che a PF sia piaciuto il mio pupazzo!
    Qua a Rimini nevica da questa mattina e la spiaggia è tutta bianca! Domani si va al lavoro con la slitta!

  5. Ciao Claudia 🙂
    Hai visto come si è divertito PF con Sam? E adesso sta aspettando che i capelli ricrescano di nuovo 🙂
    Sam è un vero spasso!!
    Qui davano neve neve neve ed ancora neve… ma finora nemmeno un fiocco è sceso dal cielo… Chissà!!!
    Bacioni anche al Topastro

  6. ciao .. volevo sapere se mettendo della terra l erba cresce uguale oppure bisogna mettere solo la segaatura. la “testa” deve sempre stare nell acqua oppure si deve bagnare solo una volta al giorno?
    grazie

  7. Ciao Maria Grazia
    che io sappia con la terra cresce uguale, ma assorbendo l’acqua mi sa che il pupazzo si sporca.
    Noi rabboccavamo il vasetto d’acqua ogni giorno, il pupazzo la assobiva e rimaneva umido. La quantità d’acqua dipende dalla grandezza del pupazzo: deve essere sufficiente a far rimanere umida la segatura e quindi i semini.

    Baci baci

  8. Bellissimo Sam! Anche noi oggi ci abbiamo provato, rispolverando i ricordi d’infanzia … ma lega qua, lega là, è venuto fuori un dinosauro!!! Speriamo che gli cresca in fretta la crestina 🙂

  9. Ciao,
    che bella idea! Mi ricordo che quando ero piccola li vendevano dei pupazzi così! Vorrei farli insieme ai mie bambini da regalare come pensierino della festa, sarebbe difficoltoso consegnarlo col vasetto pieno d’acqua, quanto potrebbero resistere una volta assemblate le teste senza essere innaffiate?
    Ciao e grazie

    1. Ciao Erica, non saprei risponderti con sicurezza. Noi lo abbiamo ricevuto per posta, quindi qualche giorno resiste, magari anche una settimana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Subscribe without commenting