Torta di San Valentino: Valentine’s Rosca

rosca3Qualche Post fa, vi ho parlato della torta speciale che faremo per la festa di San Valentino. E’ un dolce con sorpresa per divertire grandi e bambini. All’interno dell’impasto verrà nascosto un confetto di cioccolato (a forma di cuore). Chi avrà la fortuna di trovarlo nella sua fetta sarà incoronato (con tanto di corona) re o regina della festa.

Questa torta non nasce come dolce di San Valentino, ma è un dolce tipico Messicano chiamato Rosca dei Reyes e viene servito il giorno dei Magi (la nostra Befana) insieme a tazze di fumante cioccolata calda. La tradizione vuole che all’interno del dolce venga nascosta una  statuina a forma di bambino (muneco) e chi la trova è obbligato (in cambio della  fortuna che riceverà) ad offrire un dolce alla prossima festa.  Io e Papà Ema (con Piccolo Furfante nel pancione) abbiamo assaggiato questo dolce proprio in Messico (trovando per due volte di fila la statuetta, per la gioia degli amici che l’hanno servito!) e c’è piaciuto da impazzire. Così abbiamo pensato  di riproporlo in una nuova versione: La Rosca di San Valentino! Normalmente ha la forma di una grossa ciambella, per l’occasione abbiamo pensato di dargli la forma di un cuore!

Preparare questa torta è semplice ( ci ha aiutato anche Piccolo Furfante), ma richiede l’uso del lievito madre e lunghi tempi di lievitazione di cui bisogna tenere conto.

Cosa serve (per la pasta):

  • 240 grammi di farina
  • 100 gr di lievito madre
  • 5 grammi di lievito
  • 110 grammi di burro
  • 65 gr di zucchero
  • 3 tuorli
  • 1 uovo
  • un pizzico di sale
  • scorza di limone
  • scorza di arancia
  • uva passa (se piace)

Per la decorazione:

  • 1 tuorlo
  • zucchero a velo
  • frutta (ananas, pere, ciliege…)

Come si prepara:

Lasciare il burro ad ammorbidire fuori dal frigorifero. In un recipiente capiente versare  farina, zucchero, il pizzico di sale, le scorze di limone ed arancia e le uvette. Amalgamare bene il tutto e poi aggiungere il lievito.

Unire al composto iniziale  il burro, l’uovo ed i tuorli (uno alla volta) avendo cura di mescolare bene . Unire, quindi, il lievito madre.rosca-1

Lavorare l’impasto per almeno 10 minuti (o più), finchè tutti gli ingredienti  risultino ben amalgamati tra loro. La pasta deve risultare morbida e molto profumata. A questo punto il composto deve riposare 4/6 ore dentro  un contenitore coperto da della pellicola o da un panno umido. E’ molto importante che  l’impasto rimanga umido per lievitare al meglio!

Trascorso questo periodo, impastare delicatamente il composto e dargli la forma di un grosso cilindro. Unire insieme le estremità per creare il cuore. Lasciar riposare nuovamente il tutto per almeno 2 ore dentro un contenitore sigillato. In questo modo la lievitazione riprenderà: al termine delle 2 ore  il cuore dovrebbe raddoppiare la sue dimensioni!

rosca2A questo punto, il più è fatto. Prima della cottura bisogna però decorarlo: spennellare l’impasto con il tuorlo sbattuto, inserire la frutta facendo dei piccoli taglietti sulla superficie e spolverare di zucchero a velo. Inserire nella pasta, prima di infornarlo, il confetto facendo attenzione che sia ben al centro dell’impasto e che non sia visibile.

Cuocere in forno (già caldo) per circa 45 minuti ad una temperatura di 180 gradi. Prima di servire lasciare raffreddare!

Che dire: Buon Appetito!

LEGGI ANCHE…

English Version:

Rosca de Reyes is the typical Mexican sweet bread for King’s day celebration. It tastes great when accompanied by a cup of hot sweet chocolate. Here’s our heart shaped version for Valentine’s day. Enjoy!

Ingredients

2 cups all-purpose flour (240g)

1 cup sourdough starter diluted in 2 tablespoons of warm water

5g (a teaspoon) of dry yeast

1/4 lb (110 g) unsalted butter

1/2 cup (65g) sugar

3 yolks

1 egg

a bit of salt

lemon rind

orange rind

raisins – as you like

For decoration: 1 egg yolk, icing sugar, fruit (pears, pinapple, cherries… whatever you like!)

Directions

1. Leave the butter to soften outside the fridge;

2. In a large bowl mix flour, sugar, salt, lemon rind, orange rind and raisins. Mix well. Add yeast;

3. Add the butter, the egg and then the yolks, one at a time. Keep mixing.

4. Add the starter, mix then knead well for 10 minutes or more until all the ingredients are completely blended;

The dough will smell deliciously sweet and sour.

Important: Let the dough to rest and rise for 4 to 6 hours in the bowl covered with a ‘press and seal’ foil or a wet towel. The air inside the bowl must remain moist.

5. Gently knead the dough and roll it to a long cylinder. Make ends meet and give it a heart shape.

6. Let it rest and rise in a box perfectly sealed for 2 more hours.

7. After two hours the heart should have doubled in size.

8. Paint with beaten egg yolk. Decorate with fruit (pears, pineapple, cheeries). Spread icing sugar on it.

9. Bake in oven at 180C (350F) for 45 minutes.

It’s tradition to place a small plastic doll in the dough. The person who gets the slice with the doll will have to bring the cake at the next party (or – in a different tradition – will be the king or the queen of the party).

Related posts:

Ti potrebbero anche interessare...

2 commenti

  1. Ciao, complimenti per il tuo blog richissimo! la torta dei re è una tradizione provenzale, infatti i canditi rappresentano le gemme, e la mangiamo per l’epifania ( arrivo dei re da gesù bambino). La tradizione vuole che, dopo aver tagliato la torta, il piu piccolo della famiglia vada sotto il tavolo, e la mamma punta il coltello su ongi porzione dicendo ad alta voce “per chi è questo?”, e il bambino da sotto il tavolo sceglie uno dei presenti, cosi man mano che si esauriscono le porzioni di otrta, e in modo da essere sicuri che sia stata distribuita ” a caso”. Il personnagio che si trova dentro è di ceramica smaltata, e per anni rappresentava i vari personaggi della natività , e dopo anni di raccolte si poteva anche costituire un mini presepe con queste. Ora si sono diversificati, e ogni anno le pasticcerie ofrono soggetti vari nelle loro “corone”, tutte da collezionare. Poi quello che trova la “fève” nella sua porzione riceve la corona di cartoncino dorato, e alcuni pasticcerie danno 2 corone con ogni torta, cosi che il re possa scegliere la sua regina. in effetti l’usanza vorebbe che il re offrisse la prossima torta.Ho sempre adorato questa tradizxione, anche alla mensa scolastica avevamo la torta dei re, con tanto di corona ( e anche fino al liceo o quasi…). Mi piacerebbe ripeterla nella scuola del mio bambino per fare conoscere questa divertente tradizione! complimenti di nuovo per il tuo articolo!

  2. Grazie Isabelle per queste informazioni sulla tradizione Provenzale:-D
    Noi l’abbiamo assaggiata in Messico per l’Epifania servita con cioccolata calda. Lì non si viene incoronati, ma chi trova la statuetta deve portare un dolce alla prossima festa o offrire qualcosa agli altri ospiti

    Un bacione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Subscribe without commenting