Le carte sensoriali

Girando qua e là, ho trovato questa bella idea sul blog Julie K. in Taiwan: le carte sensoriali.

Ne ho costruite una trentina, appiccicando su dei cartoncini colorati alcuni materiali comuni: cartone, nastro per pacchi, lana, cotone, nastro isolante, pipette, carta crespa, foam…

L’attività originale (Montessori) consiste in una sorta di memory-sensoriale: con gli occhi coperti il bambino deve riconoscere le carte identiche.

Piccolo Furfante (2 anni e mezzo), però, non apprezza molto questo loro utilizzo: si stanca subito e non ama  essere bendato o tenere gli occhi chiusi. Si diverte, però, a passarsi le carte sul viso e descrivere le varie sensazioni che prova: “‘Esta è buttta”, “‘Esta è mobbbida!”, “‘Esta fa solleico”…

E’ talmente entusiasta di questa attività che l’ha proposta più volte  ai nonni e agli amichetti.

Per il memory sensoriale ci sarà tempo più avanti.

SCOPRI ANCHE…

Post di Paola Misesti

Ti potrebbero anche interessare...

1 commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Subscribe without commenting