Venerdi’ del libro: “Come siamo fatti…”

Dai libri che leggi, posso giudicare la tua professione, cultura, curiosità. Dai libri che rileggi conosco la tua età, la tua indole, quello che hai sofferto, quello che speri.

Ugo Ojetti

Piccolo Furfante come tutti i bambini è curioso, molto curioso e ultimamente mi sta bombardando di domande che riguardano il proprio corpo: “cosa c’è in pancia?”, “se mangio un panino poi diventa pipi’?”, “perchè le bambine non hanno il pisellino?”, “se mi riempio tanto di aria poi scoppio?”

Abbiamo cosi’ incominciato a “informarci”  su come funziona il corpo umano. Abbiamo anche realizzato un bambino gigante con tanto di scheletro e organi interni (ci mancano ancora le gambe pero’ :-D) e naturalmente abbiamo comprato libri.  Quello che piace di piu’ a Piccolo Furfante è questo:

“Come siamo fatti…” Edizioni la Coccinella”

Piace a PF perchè:

  • le illustrazioni sono simpatiche e divertenti
  • le brevi filastrocche lo fanno ridere
  • le immagini e i testi sono chiari e semplici
  • è un libro con i buchi ed è possibile vedere in sovrapposizione le varie parti del corpo umano

Ora attendo con ansia i vostri post… WOW! Siete tantissime oggi!  😀

Continue Reading

Venerdi’ del libro: ” I cento linguaggi dei bambini”

Questo Venerdi’ voglio proporvi un libro non facile da leggere per varie ragioni: a volte perchè troppo tecnico, a volte perchè va contro corrente, a volte perchè un po’ ripetitivo… ma sicuramente è un libro da leggere e rileggere.

E’ stato per me molto stimolante e lo considero uno dei miei libri ispiratori: mi ha portato ad un sacco di riflessioni sul mio ruolo sia di pedagogista sia di mamma. Un libro che consiglio di leggere con una buona dose di senso critico, di pazienza e di apertura mentale. Io l’ho dovuto digerire lentamente, lasciare e riprendere. Solo cosi’ ho saputo apprezzarne gli stimoli e darne una mia interpretazione.

Il libro in questione è…

I cento linguaggi dei bambini – C. Edwards, L. Gandini, G. Forman

Diceva Ferrière “Il bambino ama la natura e fu messo in stanze chiuse; gli piace dare scopo alle sue attività e gli fu sottratto lo scopo; gli piace muoversi e fu reso immobile; gli piace parlare e fu costretto al silenzio; vorrebbe ragionare e ci si rivolse solo alla sua memoria; vorrebbe seguire la sua fantasia e venne indotto a fuggirla; vorrebbe essere libero e gli fu insegnato a ubbidire passivamente”

 

Come ogni venerdi’ non vedo l’ora di leggere i vostri suggerimenti! Eccoli… e sono tantissimi:

Nell’attesa vi auguro un buon fine settimana! Noi aspettiamo la neve. Chissà… vi sapro’ dire 😀

Vuoi partecipare anche tu ai Venerdì del libro?

Ecco come fare:

Basta postare di venerdì – sul proprio blog o lasciare un commento su HomeMadeMamma – i libri che si vogliono suggerire ai lettori per il weekend. Possono essere uno o più, su qualsiasi argomento e per qualsiasi target.

Anche il modo in cui proporli è a discrezione dei partecipanti: mettere citazioni, raccontare aneddoti, fare semplicemente una lista, inserire foto…

Invito chi partecipa a lasciarmi un commento nell’articolo del giorno, in modo da poter inserire tutti i link dei partecipanti della settimana nel mio post. Non sono sempre collegata (e sono imbranata di mio ) e ora che nei fine settimana vado avanti indietro dalla Svizzera all’Italia ho sempre paura di dimenticarmi qualcuno.

Chi partecipa puo’ scegliere o meno di inserire i partecipanti della settimana nel proprio post.

Non ci sono banner da inserire, obblighi di sorta o email a cui rispondere . Si partecipa quando e come si vuole.

Lo scopo dell’iniziativa, infatti, rispecchia lo spirito con cui nasce HomeMadeMamma: far circolare informazioni utili e voglia di fare (in questo caso di leggere) in tutta libertà.

Vuoi essere dei nostri? Benvenuto! Come vedi partecipare è semplice

 

 

 

Continue Reading

Venerdi’ del libro: un libro per giocare con l’inglese

Meravigliarsi di tutto è il primo passo della ragione verso la scoperta.

Louis Pasteur

Eccomi di ritorno con i Venerdi’ del libro dopo le vacanze di Natale. L’anno nuovo è arrivato portando con sè anche libri nuovi e voglia di leggere.

Oggi voglio presentarvi pero’ un libro non affatto nuovo per noi, ma che a Piccolo Furfante piace tanto, cosi’ tanto che per tutto un anno scolastico l’ha portato a scuola per la lezione di inglese (in Italia).

Il libro in questione è…

My little Animal Book – Preddybooks

Un libro con tante meravigliose foto di animali e divertenti giochi per imparare non solo l’inglese.

Il gioco preferito di PF è quello in cui deve associare la pelliccia all’animale corrispondente. Non crediate che sia  un gioco da ragazzi…

Ora non mi resta che aspettare i vostri suggerimenti… Eccoli:

Buon weekend a tutti! Da noi sarà molto freddo… mi sa che faremo una scappata al calduccio :-S

Vuoi partecipare anche tu ai Venerdì del libro?

Ecco come fare:

Basta postare di venerdì – sul proprio blog o lasciare un commento su HomeMadeMamma – i libri che si vogliono suggerire ai lettori per il weekend. Possono essere uno o più, su qualsiasi argomento e per qualsiasi target.

Anche il modo in cui proporli è a discrezione dei partecipanti: mettere citazioni, raccontare aneddoti, fare semplicemente una lista, inserire foto…

Invito chi partecipa a lasciarmi un commento nell’articolo del giorno, in modo da poter inserire tutti i link dei partecipanti della settimana nel mio post. Non sono sempre collegata (e sono imbranata di mio ) e ora che vado avanti indietro dalla Svizzera all’Italia ho sempre paura di dimenticarmi qualcuno.

Chi partecipa puo’ scegliere o meno di inserire i partecipanti della settimana nel proprio post.

Non ci sono banner da inserire, obblighi di sorta o email a cui rispondere . Si partecipa quando e come si vuole.

Lo scopo dell’iniziativa, infatti, rispecchia lo spirito con cui nasce HomeMadeMamma: far circolare informazioni utili e voglia di fare (in questo caso di leggere) in tutta libertà.

Vuoi essere dei nostri? Benvenuto! Come vedi partecipare è semplice

 

 

Continue Reading

Venerdi’ del libro: “La ragazza delle arance”

 Guardare gli eventi e le situazioni in una luce positiva è importante. La forza, la saggezza e la gioia che accompagnano un simile atteggiamento portano alla felicità. Guardare le cose con ottimismo o benevolenza non significa essere stupidamente ingenui e permettere agli altri di approfittare della nostra buona disposizione d’animo. Significa avere la saggezza e l’intuizione di muovere le cose in direzione positiva, considerandone l’aspetto migliore pur rimanendo concentrati sulla realtà.

Daisaku Ikeda

Mi piace Gaarder e ho letto molti suoi libri. Cosi’ questo libro l’ho preso di slancio, sulla fiducia. Arrivata a metà del libro ero decisa a dargli fuoco : una storia triste e sconclusionata, senza capo ne coda con vaneggiamenti vari. Il libro è rimasto sul mio comodino con un bel segnalibro a metà circa 2 settimane. Lo guardavo e mi passava la voglia di prenderlo in mano: un vero e  proprio rigetto.

Una notte, pero’, non riuscivo a dormire e cosi’ mio malgrado (non avevo altro a portata di mano) l’ho ripreso in mano, cosi’ tanto per farmi venir sonno…

Incredibile! 2 pagine dopo a dove ero rimasta il libro prende vita, ti spiazza, ti riempe di emozioni e non vedi l’ora di finirlo. :-0

In quelle pagine che credevo inutili e pesanti, ho trovato tanti stimoli di riflessioni, tante emozioni, tanto coinvolgimento…

Oggi ve lo voglio proprio consigliare e , se come me arrivate al punto di volerlo abbandonare, tenete duro ancora un po’: il meglio arriva alla fine.

Il libro in questione è:

La ragazza delle arance – Jostein Gaarder

Solo ora capisco con anima e corpo cosa significhi non esistere. Sento un crampo fastidioso nello stomaco. Mi sento la nausea. Ma mi arrabbio anche. Divento furioso al pensiero che un giorno scompariro’, e poi non ci saro’ piu’, non per una settimana o due, non per quattro o quattrocento anni, ma per l’eternità.  (…) Mi sento tradito da tutto. Non c’è niente a cui aggrapparsi. Non c’è niente che mi puo’ salvare. Non perdo solo il mondo, e non perdo solo tutte le cose e tutte le persone alle quali voglio bene. Perdo me stesso.  Oplà… non ci sono piu’!

Sono arrabbiato. Sono tanto arrabbiato che potrei vomitare da un momento all’altro. Perchè ho visto il diavolo dritto in volto. Ma non lascio che il diavolo abbia l’ultima parola. Mi allontano dal Male prima che riesca ad avere potere su di me. Scelgo la vita. Scelgo quel piccolo ritaglio di Bene che mi viene concesso, e forse esiste anche qualcuno che si puo’ chiamare il Bene. Chi lo sa se spra a tutto non esiste un Dio.

 

Ora aspetto,come sempre, con ansia le vostre recensioni.

Vi ricordo la nostra biblioteca su Anobii  (che prometto aggiornero’ al piu’ presto) e i post degli scorsi Venerdi’ del libro.

Comunico a tutti che Il Venerdi’ del libro si prende due settimane di pausa… per godersi le vacanze e ricaricare le pile. 😀

Auguro un buon weekend natalizio a tutti voi!

Vuoi partecipare anche tu ai Venerdì del libro?

Ecco come fare:

Basta postare di venerdì – sul proprio blog o lasciare un commento su HomeMadeMamma – i libri che si vogliono suggerire ai lettori per il weekend. Possono essere uno o più, su qualsiasi argomento e per qualsiasi target.

Anche il modo in cui proporli è a discrezione dei partecipanti: mettere citazioni, raccontare aneddoti, fare semplicemente una lista, inserire foto…

Invito chi partecipa a lasciarmi un commento nell’articolo del giorno, in modo da poter inserire tutti i link dei partecipanti della settimana nel mio post. Non sono sempre collegata (e sono imbranata di mio ) e ora che vado avanti indietro dalla Svizzera all’Italia ho sempre paura di dimenticarmi qualcuno.

Chi partecipa puo’ scegliere o meno di inserire i partecipanti della settimana nel proprio post.

Non ci sono banner da inserire, obblighi di sorta o email a cui rispondere . Si partecipa quando e come si vuole.

Lo scopo dell’iniziativa, infatti, rispecchia lo spirito con cui nasce HomeMadeMamma: far circolare informazioni utili e voglia di fare (in questo caso di leggere) in tutta libertà.

Vuoi essere dei nostri? Benvenuto! Come vedi partecipare è semplice

Continue Reading

Venerdi’ del libro: “Il grande libro delle 1.000 risposte”

La cosa importante è non smettere mai di porsi domande. La curiosità ha le sue buone ragioni di esistere.

Albert Einstein

Piccolo Furfante ultimamente è intrippato con le scienze: che siano provette, piante o insetti poco importa. Cosi’ qualche giorno fa, Samichlaus (il San Nicola di queste parte) gli ha portato in dono oltre a spagnolette e mandarini anche un libro che naturalmente è stato moooooolto apprezzato. Piu’ delle spagnolette direi 😉

Il libro in questione è:

Il grande libro delle 1.000 risposte – Touring Junior

…per approfondire 10 grandi temi legati al pianeta in cui viviamo, ai suoi ambienti naturali e ai suoi paesaggi, alle popolazioni del mondo e alle loro tradizioni, ai viaggi, ai luoghi, alle esplorazioni e alle piu’ grandi opere di tutti i tempi.

Ora aspetto con ansia le vostre idee e i vostri suggerimenti. Eccoli:

Continue Reading

Venerdi’ del libro: “La moglie dell’uomo che viaggiava nel tempo”

Oggi non è che un giorno qualunque di tutti i giorni che verranno, ma ciò che farai in tutti i giorni che verranno dipende da quello che farai oggi.

Ernest Hemingway

Oggi vi voglio parlare di un libro splendido, l’ho letto di un fiato facendo notte fonda… Non vi dico il mattino dopo come ero messa 😉

Un libro dolce ed amaro, che parla di amore e di vita, di attesa e separazione, di speranza e tenacia. Un libro sull’amore… che mi ha fatto piangere a dirotto! 🙂

La moglie dell’uomo che viaggiava nel tempo – Audry Niffenegger

Odio pensare a te che aspetti, so che mi hai aspettato per tutta la vita, sempre incerta su qaunto lunga sarebbe stata l’attesa. Dieci minuti, dieci giorni. Un mese. Che marito inaffodabile sono stato, Clare, come un marinaio, un Ulisse solo e schiaffeggiato dalle onde,a volte astuto e a volte soltanto un giocattolo nella mani degli dei.

 

Ho scoperto che dal libro è stato tratto anche un film intitolato “Un amore all’improvviso“. Ecco il trailer. Sono tentata di verderlo, ma non vorrei rimanere troppo delusa…

Ora attendo con ansia i vostri suggerimenti! 😀 Eccoli:

Continue Reading

Venerdi’ del libro: “Fiabe per star bene”

La vita è quello che ti capita mentre stai facendo altri progetti.

John Lennon

Da quando sono a Zurigo ho conosciuto persone davvero speciali. Persone che hanno aperto la loro casa e hanno offerto la loro amicizia senza problemi, senza domande, senza esitazione. Hanno voluto condividere con noi momenti ed esperienze. Sono gesti che fanno bene al cuore e che mettono voglia di fare altrettanto.

Se penso ad un anno fa, mi rendo conto che queste persone neppure le conoscevo…

Ora ho la certezza di come questa esperienza “all’estero” ci stia arricchendo ogni giorno di piu’!

Con questo Venerdi’ del libro voglio ringraziare una persona  che al nostro arrivo a Zurigo ci ha fatto sentire un po’ a casa e un po’ meno spaesati, che ci ha fatto scoprire posti nuovi e usanze sconsciute. L’altra settimana è passata da noi per salutarci (perchè si è trasferita in un’altra città), portandoci un dono speciale: un bellissimo libro che ogni sera io e Piccolo Furfante leggiamo.

Un libro splendido che contiene fiabe tenere tenere. Di quelle che stringono il cuore e fanno emozionare. Un libro con illustrazioni delicate e magiche. Un libro che parla di gioia e di dolore,  di cose belle e cose brutte, ma sempre in tono delicato e comprensibile anche ai bimbi. Un libro che ci ricorda quanto un’incontro possa diventare speciale. Già il titolo la dice lunga:

Fiabe per star bene – Carmen Valentinotti

Il principe non diceva nulla, si guardava intorno stupito e quando incontro’ lo sguardo tranquillo del vecchio pellegrino sorrise. Abbraccio’ il padre e la madre e ascolto’ il racconto della sua malattia.

“Il vento, la terra, il lago e il fuoco ti hanno restituito la vita: ti hanno ridato molte parole e ora sei guarito” disse il re “ma non potrai piu’ sprecarle, poichè sono per te ben piu’ preziose dell’oro”

“Non le sprechero’, padre” disse il giovane “non lo faro’ mai piu'”

Un abbraccio speciale  a Lorena, Danilo, Nicolas e Fulvio con l’augurio che la vostra “nuova” avventura si riveli fantastica e ricca come la precedente. 😀

Ora aspetto con ansia i vostri suggerimenti. Eccoli:

Continue Reading

Venerdi’ del libro a scatola chiusa: “Oltre il naufragio”

Per far crescere un bambino ci vuole un intero villaggio.
Proverbio Africano

Qualche giorno fa ho ricevuto una mail da Maria Pia, alias Mamma di Fretta, che mi presentava alcune iniziative per promuovere le attività delle Famiglie SMA che ho conosciuto anche grazie a  Mamma Claudia e le avventure del Topastro che ha da poco organizzato un favoloso giveway a cui vi invito a partecipare.

Nella mail Maria Pia mi presentava anche un libro che non avevo avuto ancora la fortuna di leggere (nemmeno di comprare ahimè, ma per quello  rimedio subito!).

Il mio dilemma è stato: che faccio? Pubblico il post che avevo già preparato che parla di un libro che conosco  o propongo il libro di Maria Pia che non conosco per nulla, ma mi offre l’occasione di pesentare una bellissima iniziativa? Il dubbio è durato 2 nanosecondi!! 😀

Quindi ecco il libro suggeritomi da Maria Pia 😀

Oltre il naufragio di Renato Pocaterra

Qui trovate la recensione fatta niente di meno che  da Zebuk! 😀

Un libro, un’occasione, un modo come un altro per ricordarvi che le Famiglie SMA stanno raccogliendo fondi per aiutare la ricerca e tanti bambini malati. Se volete aiutarle, visitate la loro pagina dove potrete trovare anche tante belle idee regalo.

Quindi sapete che faccio? Ora aspettodi avere il libro in mano, lo leggo e poi ve lo recensisco di nuovo 😉 Per ora prendetelo a scatola chiusa! 😀

Continue Reading

Venerdi’ del libro natalizio: “Meine ersten Weihnachtslieder”

L’immaginazione è la prima fonte della felicità umana.
Giacomo Leopardi

Oltre a festeggiare il Natale, qui a Zurigo il 6 dicembre  si festeggia anche Samichlaus ovvero Santa Claus. I bimbi sono già in trepida attesa perchè farà loro visita  a scuola portando regalini e dolcetti.

Naturalmente Piccolo Furfante ha dato una sua interpretazione specialissima dell’evento per giustificare il fatto che esitano 2 Babbi Natale: il primo, Samichlaus non è alto che l’aiutante del vero Babbo Natale che, essendo troppo impegnato con le consegne il giorno di Natale, per i bimbi di Zurigo affida al collega d’oltralpe il suo “giro”. Essendo svizzero e quindi molto preciso, Samichlaus inizia le consegne un po’ prima del tempo! In questo modo i bambini zurighesi sono avvantaggiati perchè parte dei regali li ricevono un bel po’ prima di Natale. “Certo” aggiunge pure PF “i bimbi italiani poi sono i piu’ fortunati di tutti, perchè da loro viene pure la Befana” :mrgreen:

Invasi da tutti questi Babbi Natale, non potevano certo mancare libri e racconti che ne parlano. In vista delle feste ne ho appena comprato  uno che contiene le classiche canzoncine natalizie ma in tedesco. In questo modo facciamo un po’ di pratica e di orecchio!

Le illustrazioni del libto sono belle e ogni canzone oltre al testo ha anche lo spartito, cosi’ Papà Ema si puo’ pure esercitare. Il libro in questione è…

Meine ersten Weihnachtlieder – edizioni Ravensburger

Se siete curiosi, qui trovate una delle canzoni che piace particolarmente a Piccolo Furfante: “Oh Tannenbaum”

Ora attendo con ansia i vostri suggerimenti per questo fine settimana! Eccoli:

Continue Reading

Venerdì del libro: “Una barca nel bosco”

Che si tratti di imparare a danzare facendo esperienza di ballo oppure imparare a vivere facendo esperienze di vita,
il principio non cambia.
Martha  Graham

Il libro che vi propongo oggi è un libro che mi è piaciuto molto anche se mi ha lasciato un po’ di amaro in bocca perchè mi ha ributtato indietro alla mia adolescenza, alla mia esprienza alle superiori che definirei non certo idilliaca. A distanza di anni (molti ahimè!) la giudico utile , ma non facile… D’altra parte quell’esperienza mi è servita molto per diventare la persona, la mamma e l’insegnante che sono oggi. Senza sicuramente sarei stata una donna diversa. Chissà! 🙂

Una barca nel bosco – Paola Mastrocola

Mia madre da qualche tempo  non ha piu’ l’aria contenta, e anche il suo biondo cenere mi sembra un po’ spento, non so, le fa meno luce sul suo viso. Le chiedo cos’ha e lei mi risponde: “Niente, ho il cattiv’uomore”

Quando mia madre ha qualcosa che non va, dice che ha il catti’uomore. da bambino pensavo che il cattiv’umore fosse una cosa piccola e nera che le entrava dentro e lei non rsiuciva piu’ a togliersela; allora me ne stavo da un aparte senza parlarle e aspettavo che quella cosa le andasse via. Infatti a un certo punto le andava via e, quando poi le tornava il sorriso, basa, era finita.

 

Ora aspetto con ansia le vostre proposte di oggi! 😀 Eccole:

Vi ricordo la nostra biblioteca su Anobii e i post degli scorsi Venerdi’ del libro

Vuoi partecipare anche tu ai Venerdì del libro?

Ecco come fare:

Basta postare di venerdì – sul proprio blog o lasciare un commento su HomeMadeMamma – i libri che si vogliono suggerire ai lettori per il weekend. Possono essere uno o più, su qualsiasi argomento e per qualsiasi target.

Anche il modo in cui proporli è a discrezione dei partecipanti: mettere citazioni, raccontare aneddoti, fare semplicemente una lista, inserire foto…

Invito chi partecipa a lasciarmi un commento nell’articolo del giorno, in modo da poter inserire tutti i link dei partecipanti della settimana nel mio post. Non sono sempre collegata (e sono imbranata di mio ) e ora che vado avanti indietro dalla Svizzera all’Italia ho sempre paura di dimenticarmi qualcuno.

Chi partecipa puo’ scegliere o meno di inserire i partecipanti della settimana nel proprio post.

Non ci sono banner da inserire, obblighi di sorta o email a cui rispondere . Si partecipa quando e come si vuole.

Lo scopo dell’iniziativa, infatti, rispecchia lo spirito con cui nasce HomeMadeMamma: far circolare informazioni utili e voglia di fare (in questo caso di leggere) in tutta libertà.

Vuoi essere dei nostri? Benvenuto! Come vedi partecipare è semplice

Continue Reading