Il venerdì del Cappuccetto: Cappuccetto bianco di Bruno Munari

Ho ribattezzato questo appuntamento del venerdì “venerdì di Cappuccetto”, perché dopo avervi presentato settimana scorsa “Cappuccetto verde”  e “Cappuccetto giallo”di Bruno Munari, oggi Laura vi parlerà di “Cappuccetto bianco”.

Più tardi rispetto agli altri, nel 1981, viene pubblicato Cappuccetto Bianco.

A differenza degli altri non inizia con il testo in copertina, ma vi sorprenderà e quasi accecherà! 

Vi sembrerà di essere immersi in un’altra dimensione e di vedere tutto ciò che vi circonda in modo diverso “Anche aprendo bene gli occhi non si riuscirà a vedere niente”.

Cosa avrà inventato il nostro Munari questa volta?

Di Cappuccetto Bianco viene descritta una sola caratteristica, mentre il cestino per la nonna “Candida” contiene pochi ingredienti.

Le novità sono sia in innovativi personaggi che spuntano fuori, come il pittore Bianconi, sia nel nuovo ruolo assunto in primis dal lupo definito addirittura “povero” e poi dalla nonna, che non apre la porta….chissà perché…

Altro particolare: questa Cappuccetto assume altri colori!!

Solo per “Cappuccetto Bianco” Munari mette una dedica all’inizio del libro a:

  • a Abraham Remy Charlip, un artista americano, scrittore, coreografo, regista e progettista teatrale nonché insegnante, che ha scritto o illustrato più di 40 libri per bambini
  • a John Milton Cage Jr. un  compositore americano,  artista e filosofo .

Se siete un po’ curiosi e volete scoprire di più ecco qui il video:

Io e Laura vi auguriamo uno splendido weekend, ricco di meravigliose letture.

Chi vuole fare un tuffo nel passato qui puo’ rileggere tutti gli scorsi Venerdi’ del libro.

Se siete in cerca di altri libri su Munari, li potete trovare nella mia bacheca di Amazon dedicata a questo tema. Nelle altre bacheche inoltre troverete i miei consigli d’acquisto su libri, materiali e strumenti didattici.

Un post di Laura Pizzano

Ti potrebbero anche interessare...

7 commenti

  1. Devo assolutamente leggere questi Cappuccetti di Munari!
    Per fortuna la biblioteca di Lungacque ha una ricchissima sezione di libri per ragazzi.
    Bene, questa volta anch’io presento un libro per bambini – non giovani adulti, o adolescenti, questo è proprio per bambini, e infatti me l’hanno regalato che sapevo appena legger: nientemeno che le Storielle di Mamma Oca illustrato dal grande Richard Scarry

    https://ildiariodimurasaki.blogspot.com/2021/05/le-storielle-di-mamma-oca-richard-scarry.html

Rispondi a Murasaki Shikibu Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Subscribe without commenting