Venerdi’ del libro: “La custode di libri”

I libri si dividono in due categorie: i libri per adesso e i libri per sempre.
John Ruskin

L’altro pomeriggio a me e Piccolo Furfante è capitata una cosa strana: sul marciapiede di fronte a casa abbiamo trovato alcune pagine di  un libro, bruciate.  All’inizio PF ha pensato che fossero delle mappe del tesoro, dato che erano ingialliti e i bordi erano irregolari. Era tutto entusiasta della scoperta, poi guardandoli si è accorto che erano fogli di un libro e si è arrabbiato.

La sua reazione mi è piaciuta. Era davvero indignato perchè qualcuno aveva bruciato dei libri.

Nel nostro quartiere fanno spesso barbecue in giardino, quindi immagino che qualcuno abbia usato un vecchio libro per accendere il fuoco…

La nostra scoperta  “insolita”  ha innescato pero’ un’interessante discussione:

“Mamma, vero che non si possono bruciare i libri?”

“No, tesoro. Mai! I libri non si bruciano!”

“Nemmeno se sono brutti. Magari a questo signore non piaceva! Guarda è tutto scritto, non c’è nemmeno una figura!”

“No, amore. Non  si bruciano i libri… sono troppo importanti… anche se sono brutti… anche se dicono cose brutte!”

“Ci sono libri che dicono cose brutte?”

“Si, ci sono libri che dicono cose brutte o che dicono cose che non vogliamo sentire, ma non si bruciano!”

“E perchè no?”

“Perchè non è il modo giusto di affrontare il problema. Se una cosa non mi piace, non è che sono autorizzato a distruggerla solo perchè a me non piace. Ci sono altri modi… ci sono sempre altri modi…”

PF non ha detto niente. Pensava… pensava a libri brutti, che dicono cose brutte… ma anche ai suoi libri preferiti pieni di figure, di storie fantastiche… libri che non si POSSONO bruciare. Mai!

Un discorso un po’ complesso. Un po’ troppo per un bimbo di 5 anni…

Tutta questa storia pero’ mi ha fatto venire in mente un libro, che ho deciso di presentarvi oggi. Vi avverto: è un libro strano, breve ma da leggere con calma.

Il libro in questione é…

La custode di libri – Sophy Divry

… I due insieme, il libro e il lettore, al momento giusto, possono fare scintille, produrre fuoco, un incendio, sono cose che cambiano l’esistenza davvero…

 

Ora non vedo l’ora di leggere i vostri suggerimenti. Eccoli:

Qui trovattutti i libri degli scorsi Venerdi’ del libro

Buon fine settimana a tutti! Il nostro spero sia italiano… malanni a parte! 😀

Vuoi partecipare anche tu ai Venerdì del libro?

Ecco come fare:

Basta postare di venerdì – sul proprio blog o lasciare un commento su HomeMadeMamma – i libri che si vogliono suggerire ai lettori per il weekend. Possono essere uno o più, su qualsiasi argomento e per qualsiasi target.

Anche il modo in cui proporli è a discrezione dei partecipanti: mettere citazioni, raccontare aneddoti, fare semplicemente una lista, inserire foto…

Invito chi partecipa a lasciarmi un commento nell’articolo del giorno, in modo da poter inserire tutti i link dei partecipanti della settimana nel mio post. Non sono sempre collegata (e sono imbranata di mio ) e ora che nei fine settimana vado avanti indietro dalla Svizzera all’Italia ho sempre paura di dimenticarmi qualcuno.

Chi partecipa puo’ scegliere o meno di inserire i partecipanti della settimana nel proprio post.

Non ci sono banner da inserire, obblighi di sorta o email a cui rispondere . Si partecipa quando e come si vuole.

Lo scopo dell’iniziativa, infatti, rispecchia lo spirito con cui nasce HomeMadeMamma: far circolare informazioni utili e voglia di fare (in questo caso di leggere) in tutta libertà.

Vuoi essere dei nostri? Benvenuto! Come vedi partecipare è semplice

Related posts:

Ti potrebbero anche interessare...

40 commenti

  1. Ciao Paola, riflessione bellissima con PF… mi viene in mente un libro in cui si racconta di un papà ebreo che insegnava che i libri non devono mai essere messi a terra, che sono sacri… cercherò di leggere presto il libro che ci consigli!
    Oggi propongo un piccolo saggio per riflettere su concentto di democrazia: è un libro per grandi ma utile per affronatre in modo critico la storia e l’attualità anche con i più piccoli!
    Un caro saluto a tutti!

    Parlare con i bambini della democrazia che (non) è uguale per tutti
    http://www.babytalk.it/wordpress/parlare-con-i-bambini-della-democrazia-che-non-e-uguale-per-tutti/

  2. Portai una tesina su Fahreheit 451 alla maturità.
    Discorsi importanti tra te e PF in questi giorni!
    Oggi propongo un albo di una autrice/illustratrice molto giovane presentato all’ultima fiera del libro di Bologna. Sabato ho potuto assistere al laboratorio da lei gestito sulla stampa con la gomma e ci siamo molto divertiti.

  3. Che bella riflessione…….ci spiazzano i bambini con i loro pensieri e le loro domande. Adoro quando si fermano a pensare così!Noi oggi partecipiamo con un libro speciale sulla comunicazione non violenta, scoperta da poco proprio grazie ad una mamma blogger conosciuta tramite questa tua iniziativa: il libro si chiama Jolanda, Stefano e il trenino e tratta di come risolvere un litigio tra bambini: http://lamiadolcebambina.blogspot.it/2012/05/il-venerdi-del-libro-jolanda-stefano-e.html

  4. Ciao Paola!
    Il vostro è un stato un dialogo importante, in cui tu hai dimostrato di essere la madre sensibile e intelligente che ho subito percepito quando ti ho conosciuta per una manciata di minuti anni fa. Tu hai saputo trovare le parole giuste, per tuo figlio a questa età, in quel momento. Hai risposto, in modo sintetico e opportuno. Brava. Io mi rendo conto di fornire talvolta troppo dettagli generando più confusione, che comprensione. Leggerò quel libro che consigli.
    Per oggi io ho una rivista e qualche riflessione a ruota libera…
    http://mimangiolallergia.wordpress.com/2012/05/25/libri-riviste-allergie-alimentari-e-cibo-quando-la-macrobiotica-puo-venirci-in-aiuto/

  5. Non sono mai, dico mai riuscita a buttare un solo libro.Nemmeno quelli brutti, rovinati, usurati, che non mi sono piaciuti. Ho un rispetto quasi religioso per il libro, e spero di aver trasmesso questo stesso modo di porsi ai miei figli, mi pare di si, a giudicare da quanto ne sono gelosi. Passo solo per augurare a tutti voi compagni del Venerdì del Libro un bel fine settimana, passerò a leggervi tutti!
    Michela

  6. Tardi stavolta, ma arrio anche io 🙂
    Ecco il link, parlo di un libro intenso, di una giovane donna algerina che sceglie di espatriare per sfuggire alle vessazioni e all’ignoranza imperante e per cercare la verità su sua madre…
    http://caralilli.myblog.it/archive/2012/05/25/i-venerdi-del-libro-86a-storie-di-sogni-e-di-assassini.html

    Paola, complimenti: Piccolo Furfante è proprio un ometto oramai! Ci ha dato una lezione di amore per i libri!

  7. Nella fretta di postare il mio suggerimento non avevo ancora letto il tuo… sono senza parole! Gran bel post… e sorprendente riflessione… sorprendente solo per l’età di PF! Sono ammirata…

  8. Sono ancora fuori Italia e di fretta. Quindi ripasso per i commenti da tutte nella prossima settimannon riesco a lasciarvi il link del libro per bambini che presento per il VdL, Nella pancia della mamma. Lo trovate pubblicatonella giornata di venerdì 25. Buona domenica a tutte!

  9. Quando ho inziaito a scrivere il mio blog pensavo a come presentare i “miei” libri: e pur non conoscendo la frase qui attribuita a Ruskir, d’istinto avevo propri opensato di suddividerli in due categorie virtuali, quelli per il presente e quelli per sempre.

    Poi ho preferito fare altrimenti, ma quando penso alle tante storie lette la mia mente le classifica proprio in questo modo: ci sono storie azzeccatissime per il momento, e quelle che ogni moneto è quello buono.

    Grazie per averci regalato l’eposiodio che hai vissuto con tuo figlio: nei tuoi panni credo che avrei agito nello stesso modo, molo probabilmente con le stesse parole.

    Il libro che ci proponi non lo conosco, ma da come lo hai presentato potrebbe davvero piacermi: segnato 🙂

    Finalmente lascio il link, attendendo ora il prossimo venerdì:

    http://towritedown.wordpress.com/2012/05/25/nella-pancia-della-mamma/

    Un caro saluto

    Grazia

  10. Bello il libro che consigli, mi è piaciuto molto e mi ha fatto riflettere. La catalogazione, e quindi l’importanza che viene data ai libri in biblioteca come la descrive è proprio vera, come se ci fossero dei libri che meritano più di altri.
    Ho visto che nei suggerimenti appare anche un libro dedicato a Falcone, che ho messo nella mia lista dei desideri.
    Il bruciare i libri mi fa tornare in mente i tempi in cui i libri venivano bruciati in piazza perchè non piaceva quello che dicevano o semplicemente andava contro quello che si pensava.
    Chissà se riesco a mettere il libro del venerdì per domani, riesco sempre ad arrivare giorni dopo. a presto

Rispondi a mami Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Subscribe without commenting