Le tabelle delle stagioni e i 5 sensi

Qualche tempo fa una mamma mi ha chiesto se avevo del materiale sulle stagioni e i 5 sensi, in modo da poter riflettere sulle loro caratteristiche usando i sensi. La sua idea era quella di creare una tabella che potesse facilitarne la riflessione.

L’idea mi è piaciuta subito e ho così deciso di creare uno strumento che potesse essere utile anche ad altri.

Nascono così le tabelle delle stagioni.

Nella prima i bimbi dovranno indicare per ogni senso le caratteristiche di quella stagione. Potranno usare il disegno, la scrittura, incollando immagini o oggetti o come più piace a loro.

Per esempio per l’autunno potranno appiccicare delle foglie secche di vari colori per quanto riguarda la vista, incollare il guscio di una castagna per il gusto, scrivere “Scrrsc scrsccc” per indicare – nella colonna udito – il suono che fanno le foglie quando vengono schiacciate, disegnare la pioggia nella colonna dell’olfatto e incollare del muschio per il tatto.

Oltre alla tabella che riassume tutte le stagioni, ho creato anche delle tabelle singole per ogni stagione, in modo da avere più spazio per ogni senso.

Appendendo tutte le tabelle sul muro, i bimbi potranno creare un cartellone da completare o a man mano che le stagioni si susseguono o tutte insieme come attività generale sui 5 sensi.

Trovate le tabelle da stampare qui sotto...

Colgo l’occasione per ringraziare i genitori, i maestri e gli educatori che mi scrivono chiedendomi materiali, perché grazie a loro riesco a realizzarne sempre di nuovi e utili.

SCOPRI ANCHE…

Se siete in cerca di altri libri giochi sui 5 sensi, li potete trovare nelle mie bacheche di Amazon dedicate proprio a questi temi. Nelle altre bacheche troverete i miei consigli d’acquisto su libri, materiali e strumenti didattici.

Post di Paola Misesti

Continue Reading

Il magico libro di Natale per i bambini della scuola dell’infanzia

Il mese di dicembre si avvicina e con lui il Natale.

Ho creato un libro a tema Natale con tante attività per i bimbi della scuola dell’infanzia. 15 pagine di giochi, di disegni da colorare, attività di pregrafismo, biglietti d’auguri da creare, attività sulle emozioni e sulle sequenze, per allenarsi ad usare le forbici e molto altro.

Non poteva mancare un calendario dell’avvento da colorare.

Ecco un video che vi mostra (in versione mini) tutte le pagine del libro:

Sto preparando anche degli altri libri per i bimbi della scuola primaria. Arriveranno presto.

Trovate il libro da stampare il libro qui sotto…

Non mi resta che augurarvi buon diverteimento!

SCOPRI ANCHE…

Post di Paola Misesti

Continue Reading

Le carte delle sillabe per imparare a scrivere

Per allenare i miei alunni a scrivere partendo dalle sillabe ho creato delle simpatiche carte che si aprono e chiudono, permettendo così ai bambini di esercitarsi e controllare se hanno scritto correttamente la parola.

Ogni carta si ripiega su se stessa, nascondendo parte della parola. Solo la sillaba iniziale e l’immagine che rappresenta la parola rimangono visibili.

Le carte si possono usare in vari modi:

  • scegliete un gruppo sillabico su cui concentrarvi, per esempio BA, BE, BI, BO e BU e disponete sul banco le carte in modo che le parole rimangano celate, ad eccezione della loro iniziale. Chiedete ad ogni bambino di scrivere le parole intere e poi fate aprire le carte per controllare le risposte date.
  • mischiate tutte le carte. Ogni bambino ne sceglierà 4 di cui dovrà scrivere le parole corrispondenti, controllando poi l’ortografia.
  • dividete la classe in gruppi. Scegliete 4 carte e chiedete ai gruppi di scrivere le parole delle carte. Ogni volta che un gruppo scrive correttamente le parole guadagna un punto. Vince chi alla fine ha più punti.

Le carte possono essere utilizzate anche da bimbi più piccoli per giocare con loro ad apprendere nuove parole ed arricchire il vocabolario.

Creare le carte è semplicissimo: stampate il file che trovate qui sotto. Ritagliate le carte e piegatele per chiuderle seguendo le linee.

Ecco il file con tutte le carte:

SCOPRI ANCHE…

Buon divertimento con questa e con tutte le altre idee prese in rete !

Se siete in cerca di altre attività, potete trovare tante idee nella mia bacheca di Amazon dedicata ai giochi su lettere, sillabe e parole.

 Nelle altre bacheche troverete i miei consigli d’acquisto su libri, materiali e strumenti didattici.

Post di Paola Misesti

Continue Reading

6 idee creative per… lavoretti con le ghiande

Nelle nostre passeggiate nei boschi raccolgo sempre un sacco di ghiande che poi utilizzo per decorare casa.

Ho raccolto in rete un po’ di idee ed attività speciali.

Oggi condivido con voi quelli che mi sono piaciuti di più…

  1. Simpatici gufetti
  2. Una splendida ghirlanda autunnale
  3. Il memory dei colori
  4. Un set per il tè in miniatura
  5. Un’allegra famiglia di ghiande
  6. Una cornice autunnale

Tante altre idee le trovate sulla mia pagina Pinterest dedicata  all’autunno


Buon divertimento con questa e con tutte le altre idee prese in rete !

Post di Paola Misesti

Continue Reading

Il venerdì del libro: 10 libri per scoprire i 5 sensi

Attraverso i cinque sensi i bambini scoprono il mondo che li circonda diventando pian piano sempre più indipendenti.

Questo Venerdì ho raccolto 10 splendidi libri per bambini per parlare dei 5 sensi.

Spero che vi piacciano e divertano i vostri piccoli.

VEDO, TOCCO SENTO, Giunti, 2019

Età consigliata: 1 anno

Già da piccolissimi, i bambini amano osservare fotografie di altri bambini e oggetti familiari. Questi libri, di formato maneggevole e cartone robusto, permettono di soddisfare tutta la loro curiosità e di accompagnarli nei loro primissimi “approfondimenti”. Per ogni immagine più generica, infatti, ce n’è un’altra più dettagliata sotto la finestrella che consente al bambino di focalizzare l’attenzione su un concetto alla volta. Gli argomenti trattati sono vicini alla quotidianità dei bambini: la routine giornaliera, gli ambienti domestici, i vestiti e i cinque sensi. 

*******************************

I 5 SENSI. IL GRANDE LIBRO DI MATTIA di Liesbet Slegers, Clavis, 2012

Età consigliata: da 2 anni

In questo grande libro dei sensi, Mattia usa gli occhi, le orecchie, il naso, la lingua e le dita per conoscere il mondo attorno a lui. Informazioni semplici unite a simpatiche rime e giochi e domande a cui rispondere rendono questo libro uno strumento per conoscere i 5 sensi in modo divertente

*******************************

I CINQUE SENSI. I MIEI PRIMI PERCHÈ di Mathilde Paris, Patrick Morize, AbraCadabra, 2018

Età consigliata: da 3 anni

Quali sono i cinque sensi? E a cosa servono? Come funziona la vista? A tutti noi piacciono gli stessi odori? Come sentiamo i sapori? Ecco un libro colorato e ricco di finestrelle per rispondere a tutte le domande dei più piccoli e spiegare loro in che modo entrano a contatto con il mondo che li circonda.

*******************************

I CINQUE SENSI GIOCANO A NASCONDINO di Agostino Traini, Piemme, 2013

Età consigliata: da 3 anni

Il signor Acqua sta giocando a nascondino con i suoi amici, ma ecco che di colpo arriva la Nebbia e lui non vede più niente… Dovrà aguzzare olfatto, gusto, tatto e udito per riuscire a vincere!

******************************

CONOSCI I 5 SENSI, Crealibri, 2009

Età consigliata: da 3 anni

Libri educativi per giocare… per divertirsi: 20 magneti per giocare, tante pagine per disegnare, scrivere e… cancellare e un bellissimo gioco alla fine del libro. Studiati per essere interattivi e per giocare con i magneti contenuti nella confezione. Libri sicuri… a prova di bambino! 

******************************

I CINQUE SENSI + 1 di Maria Gianola, San Paolo Edizioni, 2012

Età consigliata: da 4 anni

Vista, udito, olfatto, gusto, tatto. Storie facili per conoscere i cinque sensi del nostro corpo… più uno, quello più prezioso. Il cuore! Storie brevi con poco testo e tante illustrazioni colorate. Lo scopo di questi racconti è aiutare i bambini ad aumentare la fiducia in se stessi, prendere consapevolezza del mondo che li circonda e stimolare la loro curiosità.

*******************************

COSA SONO I SENSI?, di Katie Daynes , Christine Pym, Usborne, 2017

Età consigliata: da 4 anni

Come funzionano gli occhi? Perché alcune persone hanno bisogno degli occhiali? Come fanno le orecchie a farci stare in equilibrio? I più piccoli potranno scoprire le risposte a queste e a molte altre domande sollevando le alette di questa simpatica introduzione illustrata alla scienza dei nostri sensi. Ottimo per stimolare la conversazione e incoraggiare ad approfondire il tema. 

*******************************

I CINQUE SENSI in Comunicazione Aumentativa Alternativa di Martina Tarlazzi e Katia Savini, Homeless Book, 2019

Età consigliata: da 5 anni

Dopo aver imparato quanto possano essere intensi i sentimenti, una nuova avventura attende Sole: in questa seconda uscita la simpatica cagnolina andrà alla scoperta dei 5 sensi con cui percepiamo il mondo che ci circonda. Vista, olfatto, tatto, udito e gusto e diventeranno così metri di paragone per capire noi stessi e ciò che abbiamo intorno. Scritto in Comunicazione Aumentativa Alternativa per renderlo accessibile a tutti i bambini, questo libro è corredato di un’appendice per genitori ed educatori, il «Laboratorio dei 5 sensi», contenente attività da svolgere insieme ai più piccoli. Un libro che incoraggia a coltivare punti di vista diversi, imparando a riconoscere l’altro come una grande ricchezza. 

*******************************

I CINQUE SENSI di Viola Tortoli Bartoli, Giunti Kids, 2009

Età consigliata: da 5 anni

Baco Gigi, il baco curioso amico dei bambini, in questo nuovo volume descriverà ai più piccoli i cinque sensi del corpo umano. Tatto, udito, vista, olfatto e gusto, il libro farà scoprire ai lettori anche alcuni aspetti curiosi e quotidiani. Fra questi: perché viene la pelle d’oca, perché quando ci si morde la lingua si sente un gusto salato, perché fischiano le orecchie, perché si sentono meno i sapori quando si ha il raffreddore. Un modo per iniziare a conoscere il proprio corpo, se stessi e il mondo.

*******************************

LA STORIA DI MARILÙ E I 5 SENSI di Carlo Scataglini, Erickson, 2018

Età consigliata: da 6 anni

Una bambina curiosa di nome Marilù, un albero parlante, cinque tipi insoliti e un po’ presuntuosi sullo sfondo di un bosco incantevole… Cosa succederà? Una storia allegra e originale sui cinque sensi accompagnata da un audiolibro con bellissime canzoni. Per capire che siamo tutti grandi e importanti, soprattutto se impariamo a lavorare insieme!

*******************************

Aspettando i vostri suggerimenti, vi auguro un fine settimana sereno e ricco di buone letture.

Chi vuole fare un tuffo nel passato qui puo’ rileggere tutti gli scorsi Venerdi’ del libro.

Se siete in cerca di altri libri o giochi sui 5 sensi, li potete trovare nelle mie bacheche di Amazon dedicate proprio a questi temi. Nelle altre bacheche troverete i miei consigli d’acquisto su libri, materiali e strumenti didattici.

Post di Paola Misesti

Continue Reading

6 idee prese in rete per… lavoretti con le castagne

Tra poco sarà tempo di castagne. Da noi purtroppo non sono commestibili e così vengono usate per fare molti lavoretti creativi.

Ecco un po’ di idee originali che mi sono davvero piaciute…

  1. Il bruchino dell’alfabeto
  2. La famiglia di castagne
  3. Un’allegra ghirlanda
  4. Uno zoo di castagne
  5. Un memory autunnale
  6. Tris di castagne

Tante altre idee le trovate sulla mia pagina Pinterest dedicata  all’autunno


Buon divertimento con questa e con tutte le altre idee prese in rete !

Post di Paola Misesti

Continue Reading

6 idee prese in rete per… lavoretti sull’uva

L’autunno fa rima con uva e vendemmia.

Per introdurre le lezioni sull’uva o semplicemente per decorare la classe o la casa, ho raccolto un po’ di splendide idee creative da fare con i bambini…

  1. La vite di carta e foglie
  2. L’uva di sughero
  3. Il grappolo di palloncini
  4. Uva di cartone
  5. L’uva porta-uva
  6. Uva di carta

Tante altre idee le trovate sulla mia pagina Pinterest dedicata  all’autunno


Buon divertimento con questa e con tutte le altre idee prese in rete !

Post di Paola Misesti

Continue Reading

6 idee prese in rete per… lavoretti con le foglie

L’autunno è tempo di castagne ma anche di bellissime foglie dai mille colori.

Ho raccolto in questo post tanti lavoretti da fare proprio con le foglie:

  1. Disegnare sulle foglie
  2. Una corona d’autunno
  3. Lanterne autunnali
  4. Creare animali con le foglie
  5. Ricami autunnali
  6. Una ghirlanda di foglie

Tante altre idee le trovate sulla mia pagina Pinterest dedicata  all’autunno


Buon divertimento con questa e con tutte le altre idee prese in rete !

Post di Paola Misesti

Continue Reading

La ruota per segnare le fasi della giornata

Il concetto di tempo dei bambini piccoli è diverso dal nostro.

Non sapendo scandire il tempo in base alle ore dell’orologio, loro lo suddividono in base alla propria percezione e alle proprie esperienze. Un’attività viene dopo un’altra perché giorno dopo giorno essa avviene così. Dopo la notte ci sarà la colazione e poi si andrà a scuola e poi si pranzerà…

Già molti anni fa per PF avevo creato una bussola per segnare le fasi della giornata, proprio per fargli capire la successione degli eventi, comprendere come si articolava il tempo e l’alternanza giorno/notte.

Ho rivisto quella stessa bussola, rendendola ulteriormente più chiara: le varie fasi sono anche evidenziate da colori diversi, in cui il giorno ha colori vivaci e la sera e la notte sono indicati da due diverse tonalità di blu. Inoltre su ogni spicchio troverete non solo un’immagine esplicativa dell’attività tipica di quella fase, ma anche il simbolo del sole o della luna per rendere più comprensibile al bambino se si tratta di giorno o di notte.

Potete usare la bussola sia a casa che a scuola.

Costruirla è semplice: stampate il modello che trovate qui sotto, ritagliatelo e usando un fermaglio sovrapponete i due cerchi. La parte bucata a forma di triangolo del cerchio esterno sarà rotante e permetterà ai bambini di segnare e leggere la fase della giornata che stanno vivendo.

Qui trovate il modello da stampare:

Spero che l’idea vi piaccia e vi sia utile.

SCOPRI ANCHE…

Post di Paola Misesti

Continue Reading

I quaderni didattici personalizzati di Ilaria

Ho conosciuto Ilaria su Instagram grazie alla sua pagina, in cui condivide tantissimi spunti e materiali per la didattica.

Tra i tanti strumenti proposti sono rimasta affascinata dai suoi quaderni didattici, in cui raccoglie attività personalizzate in base alle esigenze e alle capacità di ogni bambino.

Ho chiesto a Ilaria di presentare i suoi quaderni qui su Homemademamma, perché ritengo che possano essere molto utili.

Scopriamo chi è Ilaria.

PARLACI UN PO’ DI TE E DEL TUO LAVORO.

Mi presento, sono Ilaria Rudari, educatrice professionale e pedagogista in ambito disabilità, laureata presso l’Università degli studi di Verona. Attualmente sto conseguendo un master di pedagogia clinica per potermi specializzare nel campo della relazione e dell’aiuto. Sto scrivendo la tesi finale riguardante la sfera dell’autismo e gli interventi di riabilitazione possibili.

Attualmente lavoro come educatrice scolastica e domiciliare con varie famiglie con bambini con bisogni educativi speciali. Il lavoro è ciò che mi dà più soddisfazione: poter portare a termine degli obiettivi prefissati con i bambini e poterli vedere felici dei loro passi compiuti verso l’autonomia.

Il lavoro di un’educatrice e di una pedagogista non è così semplice come quando lo si nomina, ma dietro vi è un impalcatura creata con rigore e metodologia, che permette di sostenere un lungo lavoro affiancando gli utenti e le famiglie in ogni passo della loro vita.

CHE COSA SONO I QUADERNI DIDATTICI PERSONALIZZATI?

In questi anni ho potuto sperimentare e provare diverse esperienze lavorative sul campo, affiancando bambini e ragazzi con disturbi specifici dell’apprendimento e bisogni educativi speciali a scuola, per questo mi sto specializzando sempre di più nel poter creare del materiale dedicato a loro e fatto su misura per ogni caso, per questo creo i miei quaderni didattici personalizzati.  

Essi rispondono ad un bisogno sempre più sentito all’interno della scuola: devono consentire un corretto sviluppo didattico ed educativo del soggetto, permettendogli di acquisire più conoscenze possibili relative alle diverse materie trattate, in modo compensativo ed esaustivo, creando così un percorso adatto all’interno della propria difficoltà, andando a valorizzare e portando in primo piano i propri punti di forza. 

L’obiettivo dei quaderni personalizzati è proprio quello di rendere il soggetto protagonista del proprio apprendimento, mediante uno strumento che gli permetta di raggiungere l’apice della conoscenza attraverso stimoli e aiuti che vengono forniti per implementare il proprio bagaglio culturale. All’interno del sistema si definisce tutto ciò con inclusione, un’inclusione che deve avvenire a 360° per ogni sfumatura del soggetto.

PER QUALI ETÀ SONO PENSATI?

I quaderni didattici personalizzati rispondono ad un’ampia fascia d’età: dalla scuola dell’infanzia fino alle superiori se non addirittura all’università.

Non vi è un modo corretto per strutturare il quaderno, è bene ricordare quale sia il suo scopo e per arrivarvi è necessario considerare le difficoltà singole di ogni soggetto per poter creare la strada idonea da percorrere insieme.

All’inizio della mia carriera i quaderni didattici personalizzati ricoprivano un ruolo d’aiuto  essenzialmente per bambini piccoli per la scuola primaria. Man mano però che costruivo e incrementavo le mie conoscenze sono arrivata ad utilizzarli fino a ragazzi/e della secondaria di secondo grado; essi sono dei quaderni che li accompagnano durante i loro anni di studi e che permettono loro una facilitazione nel campo scolastico e anche nel campo sociale.

Una grande esperienza l’ho potuta vivere quest’anno con gli esami di terza media di una ragazza che ormai da anni affianco nel lavoro personalizzato e nel sostegno. Vederla quindi conseguire un titolo di Stato con l’ausilio di mezzi idonei è stato un enorme orgoglio personale oltre che professionale. Tutto ciò si rispecchia nel soggetto che acquisisce la consapevolezza del dire “ Io ce l’ho fatta, ho fatto un ottimo lavoro”.  

COME SI COSTRUISCONO? 

 Pazienza , obiettivo, e costanza sono alcuni degli elementi fondamentali per poter intraprendere la strada. Ogni quaderno che andiamo a costruire richiede un elevato dispendio di tempo che però al completamento di questo si trasforma in un enorme soddisfazione: nel poter vedere nel concreto uno strumento di aiuto per il soggetto. 

Vi mostro alcuni esempi differenti che ho realizzato.

ESEMPIO 1

Ecco dei quaderni didattici personalizzati individuali per una scuola primaria, che attualmente sto utilizzando solamente per una bambina che sto seguendo.  

Nella foto sotto è possibile vedere due tipologie diverse di quaderni didattici personalizzati.

Uno è il quaderno didattico di italiano e l’altro di matematica. All’interno dei quaderni sono presenti anche delle schede che ho potuto scaricare dal sito di homemademamma. 

  • All’interno del quaderno di italiano sono stati inseriti i temi dell’alfabeto, del pre-grafismo, delle line aperte e chiuse, le sillabe, e la scrittura
  • nel quaderno di matematica sono stati inseriti argomenti come il pre-grafismo, la scrittura dei numeri, l’associazione di quantità con le immagini, …

ESEMPIO 2

In questo caso vi sono due tipologie diverse di quaderni didattici personalizzati adatti a soggetti della scuola primaria e non solo, in quanto possono essere utilizzati anche alla scuola dell’infanzia.

Questa seconda tipologia di quaderno è completamente riutilizzabile in ogni momento a differenza dell’esempio precedente nella quale vi è solamente il supporto cartaceo. In questo caso le schede sono inserite in un quaderno ad anelli usando delle delle cartellette di plastica. Questo permette all’operatore di poterle nuovamente riutilizzare.   

Ringrazio Ilaria per aver condiviso la sua esperienza e il suo materiale. Potete seguirla sul suo profilo Instagram e scoprire ogni giorno i suoi preziosi suggerimenti.

Qui sotto potete trovate tante schede da poter utilizzare per creare il vostro primo quaderno didattico personalizzato.

Post di Paola Misesti

Continue Reading