10 libri per… affrontare la paura

Tutti abbiamo paura di qualcosa: dei ragni, di iniziare la scuola, affrontare un esame, di parlare in pubblico, del buio, di essere interrogati, dei mostri…

Per affrontarle è importante parlarne e i libri sono un ottimo strumento per farlo, per dare loro un nome, per vedere come altri le hanno superate e per scoprire che forse queste paure non erano così spaventose come sembravano.

Oggi vi presento 10 splendidi libri per bambini da 2 a 9 anni proprio parlare di paura.

IL LIBRO CHE HA PAURA di Cédric Ramadier e Vincent Bourgeau, L’ippocampo ragazzi, 2018

Età consigliata: da 2 anni

«Il libro che ha paura» capovolge i ruoli: sta al bambino rassicurare il libro e spiegarli di non aver paura. Ad ogni doppia pagina un topolino spiega al bambino come interagire con il libro come farebbe l’adulto per calmare il suo piccolo… Quest’astuzia narrativa e ludica permette al bambino di dissociarsi per diventare un semplice spettatore e aggirare così i suoi blocchi temperando l’intensità emotiva.

********************************

IO E LA MIA PAURA di Francesca Sanna, Emme edizioni, 2019

Età consigliata: da 3 anni

Una bambina si trasferisce in un paese nuovo, ma quando inizia a frequentare la scuola, Paura la fa sentire sola e insicura. Se non capisce quello che i compagni dicono, come farà a farsi nuovi amici? Forse però non è l’unica a sentirsi così… Dalla pluripremiata autrice de Il viaggio, questa storia dimostra che ciascuno di noi può trovare un aiuto inaspettato se condivide le proprie paure.

********************************

PAURA DI NIENTE di Maria Gianola , Fatatrac, 2018

Età consigliata: da 3 anni

In questo volume cartonato e rivolto ai più piccoli, viene affrontato in maniera semplice e divertente il tema della “paura”, per arrivare a scoprire che questa emozione è comune a tutti, anche a chi, all’apparenza, sembra invincibile.

********************************

IO NON HO PAURA di Dan Crisp  e Lee Wildish, De Agostini 2015

Età consigliata: da 3 anni

Una cosa è più che sicura. Dei mostri io non ho paura. Anche se hanno una faccia orrenda li invito da me a fare merenda! Vieni a conoscere il gatto più coraggioso del mondo. Mostri, bestie feroci e insetti striscianti gli fanno un baffo! Spaventarlo è impossibile… Ehi, un attimo, chi è che bussa alla sua porta?

********************************

LA MAGIA DEL BUIO di Marica Bersan e Andrea Alemanno, Paoline Editoriale libri, 2013

Età consigliata: da 3 anni

Quando arriva la notte e il buio avvolge tutto, si possono fare tante cose: osservare gli occhi del gatto, rincorrere le lucciole, giocare con le ombre, riconoscere gli oggetti al tatto? Questo libro insegna ai bambini della prima infanzia ad affrontare le proprie paure con un briciolo di fantasia, trovando dentro di sé le risorse per combattere le paure. 

********************************

MI PIACCIONO GLI INCUBI di Séverine Vidal e Amélie Graux, Settenove, 2016

Età consigliata: da 4 anni

Chi ha detto che i protagonisti dei nostri incubi notturni debbano essere cacciati? Possiamo anche affrontarli con coraggio, chiacchierare un po’ con loro e… tenerli al caldo, imboccarli, coccolarli e persino giocare con loro ai travestimenti! È quello che decide di fare la protagonista di questo albo con i suoi, perché lei di incubi ne fa a tonnellate! Per “aiutarla” la mamma le legge ogni sera storie divertenti e romantiche, le regala un peluche a forma di unicorno e una torcia a forma di ranocchio. Da quel momento le sue notti si popolano di fate, zucchero, miele, animaletti pelosi, fatine, principi galanti e… figuriamoci! Persino delfini canterini e arcobaleni! Basta! Tutto questo la irrrrrita! Perché gli incubi a lei piacciono un sacco! E incontrarli ogni notte è un vero piacere. Allora, appena la mamma se ne va, spegne il ranocchio, resta al buio in fremente attesa e si addormenta emozionata aspettando le belve feroci, i rumori spaventosi e le bestie pericolose che animeranno le sue notti! Un album divertente e colorato sul tema dei sogni e degli incubi, utile a gestire le emozioni, le paure e le apprensioni di bambini e bambine prima di dormire.

********************************

ELEFANTE, CHE PAURA! di Maria Loretta Giraldo e Nicoletta Bertelle, San Paolo Edizioni, 2017

Età consigliata: da 4 anni

Tutti hanno paura di qualcosa. Ma un amico saggio può aiutarci a superare le nostre paure, oppure a riderci sopra! Un albo divertente e coloratissimo. Una storia allegra e scanzonata che aiuta i bambini a vivere le emozioni in maniera semplice e naturale.

********************************

ANCHE GLI ORCHI HANNO PAURA di Carlo Scataglini, Erickson, 2008

Età consigliata: da 6 anni

Raccontata direttamente da due fratelli, un orchetto e un’orchetta, questa fiaba presenta le divertenti avventure di una famiglia di orchi che mostra al lettore le proprie paure, alquanto bizzarre per la verità, ma facilmente riconducibili a quelle più ricorrenti tra gli umani, sia bambini che adulti. La lettura della storia offre parecchi spunti di riflessione ai lettori, giovani o meno giovani, su come molte volte sia possibile superare le proprie paure con facilità, soprattutto se si decide di condividerle, perché molto spesso è dagli altri, talvolta proprio dai più “insospettabili”, che possiamo ricevere la chiave giusta per riconoscerle e superarle. Nella storia, infatti, ciascun componente della famiglia di orchi trova negli altri, e molto spesso proprio nei più piccoli, il modo giusto per smettere di essere degli “orchi fifoni”.

********************************

LE PAURE SEGRETE DEI SUPEREROI di Arianna Giorgia Bonazzi, Francesca Cavallo e Elena Favilli , De Agostini, 2017

Età consigliata: da 8 anni

Timbuktu e una scuola per supereroi che si trova nello spazio, in un piccolo pianeta lontanissimo dalla Terra. Per essere ammessi bisogna essere molto, molto coraggiosi. In questo libro troverete tutte, ma proprio tutte, le paure dei supereroi di Timbuktu e i semplici trucchetti che Oscar e i suoi amici usano per superarle. Un ulteriore valore aggiunto è dato dall’app inclusa nel prezzo di ciascun libro: tanti contenuti interattivi per divertirsi con gli scanzonati personaggi di Timbuktu! 

********************************

CHE PAURA! GUIDA PER FABBRICARE CORAGGIO E AFFRONTARE OGNI MOSTRO di Barbara Frandino, Fabbri Editore, 2017

Età consigliata: da 9 anni

È vero che quando i genitori si separano devono dividersi tutto, anche il gatto, e che quindi a mamma potrebbe andare il muso e a papà la coda? E che una volta un bambino ha messo la mano nel buio e non l’ha più ritrovata? I bambini possono avere tante paure: di perdersi, di diventare grandi, del divorzio, di essere giudicati, dei compiti. La paura è un’emozione normale, che va rispettata, perché serve a metterci in guardia contro i pericoli. Ma è anche un’arma a doppio taglio: la mente, a volte, non fa differenza tra una preoccupazione reale e una inutile. In questo libro, ogni paura è rappresentata da un mostro, con un vero e proprio identikit. Per affrontare il nemico bisogna prima riconoscerlo, e poi avere a portata di mano qualche piccolo trucco per difendersi… 

Questi e altri libri sulla paura li trovate nella mia bacheca di Amazon dedicata ai libri per affrontare la paura. Nelle altre bacheche troverete i miei consigli d’acquisto su libri, materiali e strumenti didattici.

Non mi resta che augurarvi buone letture!

Qui trovate tutti i libri della rubrica “10 libri “

Post di Paola Misesti

Continue Reading

Alla scoperta della frutta: un libretto sui 5 sensi

Una delle attività sensoriali che ho amato fare con PF è stata quella sulla frutta. Un piccolo progetto legato all’alimentazione che avevo fatto quando lui era piccino.

Si trattava di scoprire ogni giorno un frutto nuovo, osservandone la buccia, la forma, il profumo, il tatto e poi gustarlo, prendendo nota del sapore e della consistenza.

All’epoca ci eravamo limitati a disegnare i frutti senza annotare nulla.

Ripensando a quel progetto, ho creato in questi giorni un libretto con tante schede, perfette sia per i bimbi della scuola dell’infanzia che per quelli dei primi anni della scuola primaria.

Su ogni scheda una breve descrizione del frutto e tanti spazi dove annotare la propria esperienza, disegnare e colorare. Per alcuni frutti vi sono anche dei piccoli esperimenti da fare come vedere se galleggia o affonda, provare a spremerlo per scoprire se esce del succo o della crema…

Giorno dopo giorno, scheda dopo scheda, il libro prenderà forma e i bimbi avranno imparato tanto su ogni singolo frutto.

Un percorso sensoriale che offre l’occasione anche di parlare di alimentazione.

Qui sotto trovate le 9 pagine del libro, compresa la copertina:

SCOPRI ANCHE…

Post di Paola Misesti

Continue Reading

8 attività per i primi giorni di scuola

I primi giorni di scuola sono molto importanti sia per gli insegnanti che per i bambini: si impara a conoscersi, si rinsaldano relazioni, si instaurano routine, si riprende il ritmo, si introducono i nuovi argomenti…

In questo post ho raccolto 8 attività perfette per i primi giorni di scuola per rompere il ghiaccio, per presentarsi, parlare un po’ di sé e delle proprie vacanze.

Eccole per voi…

I DADI PER RACCONTARSI: un divertente gioco per parlare un po’ di sé: due dadi con tante domande . Si tirano a turno i dadi e si risponde alle domande che escono in sorte. Si può giocare in piccoli gruppi o in plenaria.

****************************

QUESTO SONO IO! : una simpatica scheda a forma di libro per parlare un po’ di sé. Alcuni post it invitano i bambini a descriversi e raccontare cosa piace e non piace. Perfetta per i bambini più piccoli che possono disegnare o incollare immagini.

****************************

UN LIBRO PER PARLARE DI SÉ: un libretto da stampare con 10 pagine per raccontarsi, per descriversi , per parlare dei propri amici, dei propri sogni e delle proprie emozioni.

****************************

TUTTO SU DI ME: una semplice scheda con tanti spazi dove poter segnare la musica e i libri preferiti, parlare di sè e dei propri amici, raccontare dei programmi che si ama guardare e delle proprie passioni…

Si può completare come meglio si crede: scrivendo, disegnando o incollando immagini.

****************************

LE MIE VACANZE: una simpatica scheda a forma di libro per raccontare le proprie vacanze. Essendo completamente in bianco risulta perfetta anche per i bambini più piccoli che possono disegnare le proprie avventure estive.

****************************

UN RAMO DEI RICORDI: una divertente attività per grandi e piccini. Mettete a disposizione dei bambini un rametto, a cui avrete tolto la corteccia. Chiedete ora ai bambini di disegnare sopra i loro ricordi estivi, usando un pennarello. Una volta che tutti i rametti sono terminati, potete raccoglierli in un vaso o lasciarli come ricordo.

****************************

LE CARTE DELLE VACANZE CHE SI TRASFORMANO IN UN GIOCO DELL’OCA: 54 carte con tante domande per stimolare i bambini a raccontare le proprie vacanze. Si possono usare come carte da estrarre o combinandole creare un vero e proprio gioco dell’oca che si trasforma ogni volta.

****************************

LE FOTO DELLE VACANZE: una semplice scheda formata da tante cornici per stimolare i bambini a disegnare o descrivere quello che hanno fatto durante le loro vacanze.

SCOPRI ANCHE…

Post di Paola Misesti

Continue Reading

10 libri per… il primo giorno di scuola

Dopo aver raccolto in questo post 10 libri per l’inizio della scuola per i bambini della scuola dell’infanzia, oggi vi propongo 10 splendidi testi per i bambini che inizieranno la scuola primaria.

PRIMO GIORNO DI SCUOLA NELLA FORESTA di Luigi Dal Cin, Tredieci edizioni, 2004

Perché i cuccioli degli animali della foresta sono così emozionati? L’elefante, la giraffa, il camaleonte, la tartaruga, nessuno riesce a dormire quella notte. Perfino al coccodrillo spuntano lacrime di emozione. Saranno vere? Certo, perché il giorno dopo, per tutti loro, è il primo giorno di scuola. E finalmente arriva il momento tanto sospirato, con la severa leonessa in cattedra. L’avreste immaginato? Ne succedono di tutti i colori, ma alla fine… Questo però dovrete scoprirlo da soli! Buona lettura

****************************

TUTTO CIÒ CHE LA MAESTRA NON TI DIRÀ MAI di Noè Carlain e Ronan Badel, la Margherita edizioni, 2017

Ecco una serie di improbabili frasi, molto divertenti, che non sentirete mai pronunciare dalla maestra…

****************************

COME FUNZIONA LA MAESTRA di Chiara Carrer  e Susanna Mattiangeli, Il Castoro, 2013

Ci sono maestre lunghe o maestre corte. Maestre larghe oppure sottili. Maestre scure, chiare, ricce, lisce, a pallini, a fiori, a spirali, a scacchi e in varie fantasie. Anche a righe e a quadretti, naturalmente. E dentro le maestre, invece, cosa c’è? Un ritratto gioioso e scanzonato di tutte le maestre. Guarda bene, e troverai anche la tua!

****************************

UN GRANDE GIORNO PER LA SCUOLA di Adam Rex, Giunti editore 2018

Il primo giorno di scuola e tutti sono un po’ agitati, ma c’è qualcuno che lo è più di tutti: la scuola stessa! Quanti bambini… Cosa faranno quando arriveranno? Gli piacerà la scuola? Saranno gentili con lei? Dopo un difficile inizio, i giorni passano e la scuola si rende conto di non essere l’unica a dover affrontare l’agitazione dei primi giorni. C’è chi è molto timido, chi odia la scuola, chi combina pasticci. Ognuno ha le proprie preoccupazioni, ma a tutto si trova una soluzione…

****************************

NOCEDICOCCO VA A SCUOLA di Ingo Siegner, Einaudi, 2013

Finalmente è arrivato il primo giorno di scuola e Nocedicocco, il draghetto sputafuoco più curioso e intraprendente che ci sia, non sta più nella pelle! La mattina del grande giorno, davanti alla caverna-scuola, c’è una folla di draghi grandi e piccini, perché ogni piccolo drago è accompagnato da tutta la famiglia. Il maestro Cornelio Cactus, un drago spinoso molto saggio, è sulla porta della caverna per accogliere i piccoli scolari. Nocedicocco è così emozionato che gli scappa continuamente la pipì! Quante cose nuove e interessanti lo aspettano! E quanti nuovi amici incontrerà! Dino, Dagoberto, Pateticus e soprattutto Oscar, il piccolo drago mangione..

****************************

IL PRIMO GIORNO DI SCUOLA. DISEGNO E COLORO di S. Sajnani, Crealibri, 2017

Scarabocchi, cerca-e-trova, disegni da colorare… Un divertente libro progettato per coinvolgere e stimolare l’apprendimento del bambino: tante cose da imparare e mille attività in compagnia di Cecilia e i suoi amici!

****************************

L’ALFABETO DELLA SCUOLA di Nicoletta Costa, Emme Edizioni, 2004

Un abbecedario destinato ai bambini più grandi con una serie di racconti corrispondenti a ciascuna lettera dell’alfabeto.

****************************

VIVA LA SCUOLA di Zoë Ross e Tony Ross, Piemme , 2015

Il primo giorno di scuola nessuno ha voglia di lasciare la mamma, mangiare alla mensa scolastica, incontrare quel mostro della maestra e conoscere i nuovi compagni. Ma all’uscita, che bello scoprire che Nicky, una bambina della scuola, è già diventata un’amica meravigliosa e inseparabile! 

****************************

LA MIA MAESTRA È UNA MARZIANA di Michaël Escoffier e Clément Lefévre, la Margherita edizioni, 2015

La scuola sta per ricominciare. Lungo la strada alcuni bambini si incontrano e uno di loro informa gli altri di ciò che ha sentito in giro a proposito della nuova maestra. Le voci passano di bocca in bocca e la maestra diventa man mano una strega, la figlia di un orco e persino una marziana! Alla fine, i bambini arrivano a scuola e sono in panico!

****************************

IL CATALOGO DELLE MAESTRE di Giuseppe Caliceti, San Paolo Edizioni, 2018

Sul pianeta Arret sono in produzione nuovi favolosi giocattoli: le maestre robot, giocattoli così sofisticati che non presentano alcuna differenza rispetto a una normale maestra in carne e ossa. Presto saranno in commercio anche qui sulla Terra. «Basta con le solite maestre che ti capitano a caso!» dicono già molti genitori. «Vogliamo scegliere quella più adatta a nostro figlio!» Ma qual è la maestra migliore per un bambino? E voi, bambini e bambine, cosa ne pensate? Con le maestre robot avremmo una scuola e un mondo migliori?

Questi e altri libri li trovate nella mia bacheca di Amazon dedicata ai libri sul primo giorno di scuola. Nelle altre bacheche troverete i miei consigli d’acquisto su libri, materiali e strumenti didattici.

Non mi resta che augurarvi buone letture!

Qui trovate tutti i libri della rubrica “10 libri “

Post di Paola Misesti

Continue Reading

Il gioco dell’ABC per imparare l’alfabeto

Oggi vi presento un gioco didattico per i più piccoli, utile per imparare l’alfabeto, per associare la lettera al suo suono e per accrescere il vocabolario.

giochi didattici hanno il vantaggio rispetto ad altri tipi di attività di accrescere e mantenere alta la motivazione, perché sono in grado di generare facilmente emozioni positive e quindi stimolano il desiderio di ripetere tali azioni.

Il gioco è composto da un cartellone con le lettere dell’alfabeto, scritte tutte in stampatello maiuscolo, ma con diversi font e colori, e da 40 carte con immagini.

L’attività è semplice e divertente e può essere svolta a vari livelli di difficoltà:

Proponete ai bambini il tabellone con le lettere dell’alfabeto e chiedete loro di riconoscere le lettere. Se non vi riuscissero, aiutateli voi.

A questo punto presentate alcune delle carte con le immagini. Prendete una carta e fate dire ai bambini il nome dell’oggetto raffigurato. Il passo successivo è aiutare i bambini ad associare l’iniziale della parola pronunciata con la lettera contenuta nel tabellone.

Inizialmente proponete solo poche carte alla volta e ripetete le stesse finché l’abbinamento lettera-parola è consolidato. Ora potete aggiungere altre carte.

Ecco una variante da proporre un a volta che i bambini sono sono in grado di abbinare tutte le carte alle lettere del tabellone.

Dividete i bimbi a coppie o in piccoli gruppi, mischiate le carte e mettete il mazzo sul tavolo in modo che l’immagini non siano visibili. A turno i bambini voltano una carta e il primo che indica la lettera corretta conquista la carta. Vince chi ha più carte.

Qui sotto trovate il tabellone e le 40 carte:

Non mi resta che augurarvi buon divertimento!

SCOPRI ANCHE…

Post di Paola Misesti

Continue Reading

6 idee prese in rete per… il primo giorno di scuola

Da noi la scuola è iniziata lunedì. Mi piace regalare a PF e ai miei alunni un piccolo ricordo di questo giorno a prescindere dalla classe di appartenenza.

Ho raccolto in questo post 6 belle idee per simpatici regali facili da realizzare…

  1. Un libretto di ricordi
  2. Un allegro lapbook ricordo sia per la scuola primaria che per la scuola dell’infanzia
  3. Zainetti di carta
  4. Un simpatico elicottero
  5. I diplomi (a colori e da colorare)
  6. La coccarda del primo giorno di scuola

Tante altre idee le trovate sulla mia pagina Pinterest dedicata a regali fai da te


Buon divertimento con questa e con tutte le altre idee prese in rete !

Post di Paola Misesti

Continue Reading

Lo zainetto delle attività per i bimbi che iniziano la scuola primaria

E’ già da qualche settimana che ricevo richieste per preparare delle attività rivolte ai bambini che inizieranno la scuola primaria.

Sto lavorando a un vero e proprio quaderno operativo che uscirà tra qualche giorno. Intanto ho realizzato per voi anche un libretto con 10 attività: “Il mio zainetto delle attività”.

Si tratta di un libricino di 10 pagine per allenare la concentrazione e l’attenzione, dove troverete anche attività di prescrittura, di logica, sulle grandezze…

Uno strumento perfetto anche per insegnanti ed educatori, che possono proporlo sotto forma di schede.

Realizzare il libretto è semplicissimo: stampate il file che trovate sotto, ritagliate il libro seguendo i contorni e incollate i fogli lungo la parte tratteggiate in alto.

Ecco il libretto da stampare:

Non mi resta che augurarvi buon divertimento!

SCOPRI ANCHE…

Post di Paola Misesti

Continue Reading

Le carte che si trasformano in gioco dell’oca per raccontare le vacanze

Da noi la scuola è iniziata oggi. Le vacanze sono volate e negli ultimi giorni non abbiamo fatto altro che parlare di quanto ci siano piaciute, di quello che abbiamo fatto, dei contrattempi e dei momenti divertenti…

Tema ricorrente dei primi giorni di scuola sono appunto le vacanze: mi piace far raccontare agli alunni che cosa hanno fatto.

Una bella attività che aiuta a rompere il ghiaccio, allena l’attenzione e la fluidità nel raccontare.

Molti bambini sono più sciolti e disinvolti nel parlare, altri più timidi e non trovano uno spunto da cui partire.

Per quest’anno scolastico ho creato delle carte speciali proprio per stimolare i bambini più in difficoltà. Le carte si possono usare in molti modi, trasformandosi anche in un gioco dell’oca.

Ho realizzato 54 carte con vari suggerimenti.

Come si crea il gioco :

È sufficiente stampare il file che trovate sotto e ritagliare le carte seguendo il bordo. Vi ritroverete con 54 carte, comprese alcune utili solo per il gioco dell’oca: come le carte di partenza e di arrivo, tira il dado, torna indietro…

Per rendere piu’ resistente il gioco, potete plastificare la carte.

Nel file troverete anche un dado da assemblare, nel caso non l’aveste.

Come si gioca:

Vi sono varie possibilità:

  • Il gioco a carte scoperte: Scegliete la carte che volete utilizzare per il gioco, ad esclusione di quelle specifiche del gioco dell’oca. Mischiatele e disponetele in modo che i bambini le possano vedere. Ogni bambino a turno sceglierà una carta per raccontare la sua storia. Le carte usate vengono escluse dal gioco.
  • Il gioco “scegli per un compagno”: Scegliete la carte che volete utilizzare per il gioco, escludendo quelle specifiche del gioco dell’oca. Mischiatele e disponetele in modo che i bambini le possano vedere. Ogni bambino a turno sceglierà una carta offrendola ad un compagno che dovrà iniziare il suo racconto. Le carte usate non vengono tolte dal gioco.
  • Il gioco a carte coperte: Scegliete la carte che volete utilizzare per il gioco, ad esclusione di quelle specifiche del gioco dell’oca. Mischiatele e disponetele a faccia in giù in modo che i bambini non le possano vedere. Ogni bambino a turno sceglierà una carta e inizierà a raccontare la sua storia. Le carte usate vengono escluse dal gioco.
  • Il gioco dell’oca: Scegliete la carte che volete utilizzare per il gioco, comprese quelle specifiche del gioco dell’oca. Disponetele su di un tavolo o una superficie piana, seguendo l’ordine che più vi piace. Potete far costruire il tabellone anche ai bambini. Naturalmente la carta di partenza sarà la prima e quella d’arrivo l’ultima. Una volta che avrete creato il tabellone, potete iniziare a giocare. Ogni volta che si trova su di una carta, il bambino deve raccontare qualcosa della sua vacanza in base al suggerimento. Vince chi per primo arriva al traguardo.

Naturalmente si tratta di giochi, quindi i bambini che non se la sentono di raccontare, possono passare il turno.

Qui sotto trovate il file con le carte e il dado da stampare:

SCOPRI ANCHE…

Post di Paola Misesti

Continue Reading

I puzzle dell’alfabeto da colorare

Riconoscere le lettere in stampatello e in corsivo,  sia in minuscolo che in  maiuscolo, non è semplicissimo. Serve allenamento, memoria e molta attenzione.

Per esercitarsi in maniera divertente ho creato dei puzzle da colorare in cui il bambino deve riconoscere una lettera indicata, scritta sia  in stampatello che  in corsivo, sia in minuscolo che in  maiuscolo, e colorare gli spazi occupati da questa lettera. Colorando tutti gli spazi correttamente, emergerà dal groviglio di forme la lettera gigante scritta in stampatello.

Avevo un po’ di tempo fa condiviso i puzzle delle VOCALI, oggi trovate in questo post i puzzle delle CONSONANTI.

Su ogni foglio trovate una lettera da individuare. In basso a sinistra un cerchio di colore azzurro dove è riportata la lettera da cercare nelle sue 4 forme: stampatello, corsivo, minuscolo e maiuscolo.

Proponete i puzzle ai bambini come un gioco, una volta completati potete utilizzarli anche come poster da appendere alle pareti.

Qui sotto trovate i puzzle delle consonanti da stampare:

Non mi resta che augurarvi buon divertimento.

SCOPRI ANCHE…

Post di Paola Misesti

Continue Reading

Il memory dei numeri e delle quantità tutto da colorare

Comprendere il  concetto di quantità avviene automaticamente nel bambino, che lo impara facendone esperienza tutti i giorni:  una tazza di latte, 2 biscotti, 3 macchinine…

L’associazione quantità e numero è quindi naturale.

Quando si passa però dalla forma orale a quella scritta, il discorso può essere più complesso: il bambino deve infatti associare la quantità ad un simbolo che rappresenta il numero.  Allenare a fare questa associazione può avvenire in maniera giocosa.

Ho preparato tante attività per fare questo, come quella che vi presento oggi: il memory dei numeri e delle quantità.

Si tratta di un semplicissimo memory, in cui i bambini devono abbinare la carta indicante il numero con quella in cui sono riportate tante immagini quante la quantità indicata dal numero.

Le carte sono tutte in bianco e nero, così i bambini possono prima di usarle divertirsi a colorarle.

Come crearle:

Stampate il file che trovate più avanti e ritagliate le carte.

Come proporle:

Per prima cosa fate colorare ai bambini le carte, facendo riconoscere il numero e facendo loro contare le immagini riportate sulle carte.

Inizialmente , se i bambini sono piccoli e non conoscono bene i numeri, proponete poche carte alla volta, in modo da far diventare l’associazione automatica. Aumentate le carte man mano che i bambini prendono confidenza.

Variazioni:

  • Potete semplificare ulteriormente il memory, trasformandolo in un semplice gioco di abbinamenti. Ponete da una parte le carte con i numeri e quelle con le immagini dall’altro lato, naturalmente mischiate. I bambini dovranno abbinarle tra loro.
  • Potete proporre il memory solo utilizzando le carte con i numeri o solo le carte con le immagini. In questo caso dovrete stampare due volte il file per avere le coppie da abbinare.
  • Potete utilizzare le carte anche per giocare a una sorta di “ruba mazzetto semplificato”: mischiate le carte e distribuitele; a turno si scarta una carta e i bambini possono “rubarla” se hanno il numero o la quantità uguale. Vince chi raccoglie più carte.

Qui sotto trovate le carte da stampare:

Non mi resta che augurarvi buon divertimento!

SCOPRI ANCHE…

Post di Paola Misesti

Continue Reading